Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

09/07/20
NUCLEAR WINTER
StormScapes

10/07/20
VISION DIVINE
The Perfect Machine (ristampa)

10/07/20
DAWN OF ASHES
The Antinomian

10/07/20
ENUFF Z`NUFF
Brainwashed Generation

10/07/20
ENSIFERUM
Thalassic

10/07/20
SHINING BLACK
Shining Black

10/07/20
MARK SPIRO
2 + 2 = 5 - Best of & Rarities

10/07/20
KIKO LOUREIRO
Open Source

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
EXECUTIONERS MASK
Despair Anthems

CONCERTI

06/07/20
DEEP PURPLE + GUESTS (SOSPESO)
BOLOGNA SONIC PARK - ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

06/07/20
FAITH NO MORE (SOSPESO)
IPPODROMO SNAI SAN SIRO - MILANO

06/07/20
MARKY RAMONE + WAHNSINN + RUNN + THE VORTICOUS (SOSPESO)
DRUSO - RANICA (BG)

08/07/20
THE DEAD DAISIES (SOSPESO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

08/07/20
GUANO APES + LACUNA COIL (SOSPESO)
PARCO DELLA CERTOSA - COLLEGNO (TO)

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

Trivium - What the Dead Men Say
31/05/2020
( 1712 letture )
Laddove il monocromatico Silence in the Snow ci lasciava perplessi, il potente ed enigmatico The Sin and the Sentence plasmava la materia metallica in modo eccellente, garantendo ai Trivium un ritorno alla forma smagliante e smerigliata mostrata in album di spessore come Ascendancy, Shogun e In Waves, tutti diversi ma ugualmente carismatici e fondamentali.

Il nuovo parto discografico, sempre sotto l’egida della storica Roadrunner e con la facile guida di Josh Wilbur in cabina di regia, crea un favoloso ponte di Einstein-Rosen con il precedente TSATS, andando ad arricchire e -laddove possibile- completare il sound con favolose scariche adrenaliniche, riff spacca-ossa e melodie memorabili. Gli aspetti che più ci gasano e colpiscono sono la prova maiuscola del frontman Matt K. Heafy, che mostra una forma vocale splendida e un gusto melodico alquanto variopinto, e il drumming martellante e iper-tecnico di Alex Bent, il miglior batterista mai avuto in seno alla band e uno degli attuali campioni nel mestiere. Negli ultimi anni (sia live che in studio) abbiamo potuto notare la sua tecnica micidiale e la strabordante potenza. Piatti, crash, doppio pedale e una serie di fill impressionanti, spesso mescolati a influenze progressive ed estreme, per una combine di sicura presa distruttiva. La forza sprigionata dal motore ritmico (grazie anche a un sempreverde Paolo Gregoletto) gioca a favore di brani lunghi e complessi (Sickness unto You; Catastrophist), così come delle composizioni più semplici e dirette (Bleed into Me; Scattering the Ashes). L’intro preparatorio e tipicamente metal di IX sfocia nell’inevitabile fade-in di What the Dead Men Say, title-track non immediata, che riprende il concetto e l’idea compositiva di The Sin and The Sentence, mettendo subito in chiaro la voglia che la band ha di slegarsi da un certo tipo di sound e giocare a campo aperto, con fantasia.
La mancanza di briglie porta i Trivium a comporre con qualità e gusto, come mostrato dalla scintillante, violenta ed epica Amongst the Shadows & the Stones, che si posiziona immediatamente come punta di diamante dell’intero lavoro: groove a iosa, accelerazioni thrashy, voci abrasive e ottime melodie si alternano in una struttura circolare che divaga, si incupisce, aumenta di intensità per poi ritornare sui propri passi. Assoli incrociati e prestazioni dei singoli sopra le righe ci regalano un brano più bello dell’altro, e dove il singolo/anteprima Catastrophist non brillava per originalità melodica, di certo ci appagava con la sua sequela di riff atomici, soli da brivido e un grandioso bridge profumato di prog. Insomma, la creatura-T si cimenta in tre quarti d’ora di sano heavy metal contemporaneo, senza disdegnare nulla, senza rimaneggiare troppo il suono, ma andando a omaggiare il passato con gusto e forza dirompente. La veloce The Defiant è un piacevole omaggio a Ember to Inferno, contestualizzata nel 2020 e con una tecnica sopraffina, mentre la breve ed esemplificata Bleed into Me mette in mostra il basso di Paolo Gregoletto e ci regala un ritornello da sing-a-long davvero azzeccato.

Il bilanciamento è la chiave di WTDMS, che smantella muri di cemento con la splendida e cromatica Sickness Unto You, che si muove sinuosa nel suo breve incipit melodico. Un mini-intro sobillante, che precede un ruvido e complesso sali-scendi di riff e accelerazioni fulminee, che non disdegnano blast-beat e ripartenze basso/batteria da headbanging forsennato. La melodia, qui ben costruita, sfocia in un ritornello greve e drammatico e in una porzione ritmico-solista da centodieci e lode. Così come la lunga composizione snocciola molte delle sfaccettature del Trivium -sound, la successiva Scattering the Ashes palesa con convinzione il lato più facile e melodioso della band floridiana, senza sminuire doti qualitative e -anzi- giocando su un bellissimo alternarsi di riff diretti, basso pulsante e un pre-chorus molto sentito, che consegna al brano una carica da singolo radiofonico alla pari di The Heart From Your Hate dal precedente The Sin and The Sentence. Il finale è giocato sulla dicotomia tecnico/melodica, con una sana doppietta über heavy che ci convince devastando tutto quello che trova sulla propria strada. Si inizia con la veloce e nervosa Bending the Arc to Fear e si finisce con la bellissima The Ones We Leave Behind, complementari ma come sempre differenti. Growl, stacchi groove, tecnica moderna e melodie sbilenche caratterizzano la prima composizione, mentre la chiusura effettiva è affidata a una canzone forse più semplice ma di pregevole fattura. The Ones We Leave Behind chiude il discorso 2020 con eleganza e veemenza, senza nulla aggiungere, ma con una qualità esuberante. Rullante, voce melodica e una vena battagliera che percepiamo grazie ancora una volta alla prestazione di Matt K. Heafy, davvero notevole. Il bravo Corey Beaulieu, aggiunge qualche backing vocals di gusto, donando al brano una dinamicità non comune, una serie di riff e una folta schiera di corna al cielo. Il codino melodico, che subentra dopo uno scambio di assoli melodici e cantabili, sancisce la fine di questo favoloso viaggio all’insegna della qualità.

Un altro centro per la band americana che -ancora una volta- accontenta un po’ tutti giocando con il proprio trademark e pescando a piene mani dalla ormai nutrita discografia, aggiungendo sempre qualcosa di nuovo e allettante. Uno dei dischi che si candidano nella top-list di questo pandemico nuovo giro di boa.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
86.93 su 16 voti [ VOTA]
Shock
Venerdì 5 Giugno 2020, 21.00.44
13
Tra i loro migliori dischi, anzi da Shogun il loro migliore; Matt è migliorato tanto come voce, oggi si avvicina di più a Corey Taylor nel pulito, e generalmente il sound è non solo al massimo della loro espressione ma si sente subito che sono loro. L'unica cosa che manca, è che, con due ottimi chitarristi, gli assoli sono proprio pochi; tolto questo per me la seconda parte del disco è la migliore e complessivamente si tratta di un disco da 80/85 di valutazione.
Davide
Giovedì 4 Giugno 2020, 11.11.10
12
Veramente una bella sorpresa, un disco migliore del discreto precedente. Heavy, thrash e metalcore mescolati sapientemente. Disco che sa tenere alta l'attenzione e per il genere proposto è già tantissimo.
Salvo
Mercoledì 3 Giugno 2020, 9.33.48
11
Sempre il solito retrogusto nu metal e quei ritornelli ruffiani che alla dine dell'ascolto mi fanno concludere come per ognu album precedente: non fa per me.
VICTORY
Martedì 2 Giugno 2020, 20.40.27
10
Si avvicina a essereil capolavoro della band. 85
Matte
Lunedì 1 Giugno 2020, 17.50.22
9
Ma io l'ho sentito e sinceramente non mi piace x nulla,poche idee e confuse
duke
Lunedì 1 Giugno 2020, 15.38.32
8
...lo devo ascoltare....mi sono sempre piaciuti i loro album....
Vitadathrasher
Lunedì 1 Giugno 2020, 15.11.17
7
A prescindere dai paragoni con i precedenti. È un ottimo lavoro, dove c'è tanta ciccia e potenza. In linea di massima hanno portato in fondo il lavoro senza picchi estremi ma nel complesso tutto quadra e si sente che la sostanza c'è.La batteria pennella un po troppo in ogni stacco, ma si incastra bene senza creare confusione. Album ben confezionato, più che promosso.
EADGBE
Lunedì 1 Giugno 2020, 13.35.07
6
Stessa osservazione di Jansen. The Sin.. era piu' completo, dove quasi ogni canzone aveva il suo carattere individuale e il suo scopo sull'album. Qui invece abbiamo un'album che e' ben prodotto ma costruito con meno "intelligenza", forse troppo in fretta o con minore enfasi per la struttura a se di ogni brano. Se dovessi scegliere, invertirei i voti, 75 a questo e 80 a The Sin..
Halo
Lunedì 1 Giugno 2020, 13.14.22
5
Forse il miglior disco dei Trivium. C’é tutto: brani tecnici e complessi (titletrack) ma anche pezzi molto semplici ed altrettanto convincenti (scattering the ashes). Per me 85
Altered
Lunedì 1 Giugno 2020, 12.33.38
4
Da non fan dei Trivium, ho ascoltato questo lavoro qualche mese fa e l'ho trovato incredibilmente tosto, dal drumming pazzesco, un mixaggio esemplare capace di farti cogliere bene tutte le sfumature, una prestazione sontuosa di Heafy tanto sul clean quanto sul growl. Al momento è una delle uscite 2020 più convincenti. Per me da 90/100
Enrico Bustaffa
Lunedì 1 Giugno 2020, 12.27.27
3
band in evidente stato di grazia
Jansen
Lunedì 1 Giugno 2020, 9.11.03
2
Mi era piaciuto tantissimo The Sin and The Sentence, album che bilanciava alla perfezione parti melodiche ed aggressive con riff di chitarra ricercati e mai banali. Questo, giustamente, prosegue sulla stessa riga dal precedente ma personalmente mi è piaciuto meno, ho trovato meno hit e le canzoni più easy listening non mi hanno colpito molto. Amongst the Shadows & The Stones magnifica.
Salvo
Lunedì 1 Giugno 2020, 8.10.33
1
Devo essere sinceri: idolatrati dalle maggior parte delle riviste recensori, a me non hanno mai particolamente colpito. Proverò ad ascoltare questo nuovo lavoro, vediamo.
INFORMAZIONI
2020
Roadrunner Records
Heavy/Thrash
Tracklist
1. IX
2. What The Dead Men Say
3. Catastrophist
4. Amongst the Shadows & the Stones
5. Bleed into Me
6. The Defiant
7. Sickness Unto You
8. Scattering the Ashes
09. Bending the Arc to Fear
10. The Ones We Leave Behind
Line Up
Matthew Kiichi Heafy (Voce, Chitarra)
Corey Beaulieu (Chitarra)
Paolo Gregoletto (Basso, Voce)
Alex Bent (Batteria)
 
RECENSIONI
75
69
69
68
78
64
80
77
ARTICOLI
14/06/2019
Live Report
TRIVIUM + While She Sleeps + Hell’s Guardian
Live Club, Trezzo sull`Adda (MI), 10/06/2019
25/01/2008
Intervista
TRIVIUM
Parla Travis Smith
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]