Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Falconer
From a Dying Ember
Demo

Chaosaint
In the Name of
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

09/07/20
NUCLEAR WINTER
StormScapes

10/07/20
MICHAEL GRANT & THE ASSASSINS
Always the Villain

10/07/20
DAWN OF A DARK AGE
La Tavola Osca

10/07/20
TOKYO MOTOR FIST
Lions

10/07/20
REBEL WIZARD
Magickal Mystical Indifference

10/07/20
BLOODY HEELS
Ignite the Sky

10/07/20
SHINING BLACK
Shining Black

10/07/20
VISION DIVINE
The 25th Hour (ristampa)

10/07/20
ENSIFERUM
Thalassic

10/07/20
ENUFF Z`NUFF
Brainwashed Generation

CONCERTI

08/07/20
THE DEAD DAISIES (SOSPESO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

08/07/20
GUANO APES + LACUNA COIL (SOSPESO)
PARCO DELLA CERTOSA - COLLEGNO (TO)

13/07/20
KISS (SOSPESO)
ARENA - VERONA

23/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

24/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

25/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

26/07/20
INSUBRIA FESTIVAL
PARCO GHIOTTI - MARCALLO CON CASONE (MI)

29/07/20
DROPKICK MURPHYS
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

Methods of Mayhem - Methods of Mayhem
27/06/2020
( 1292 letture )
Ah, gli anni ’90, tempi duri per Tommy Lee: l’implosione dell’hair metal, la svolta stilistica dei Mötley Crüe e le pesanti critiche dei fan di vecchia data, i litigi con Vince Neal, la conseguente sofferta uscita dal gruppo, il turbolento matrimonio con la sex bomb Pamela Anderson, il divorzio e infine il carcere. Provato da simili eventi, una volta uscito, il batterista decide di voltare pagina e buttarsi a capofitto in un nuovo progetto: nascono così i Methods of Mayhem, side-project in cui può dare libero sfogo alla sua passione di incrociare, senza freni inibitori, rock, metal, hip-hop ed elettronica; premonitrice in questo senso era stata Welcome to Planet Boom, traccia presente nell’EP Quaternary dei Crüe, in cui si era già cimentato nel mescolare generi differenti. Il self-titled, uscito nel dicembre 1999, prodotto da Scott Humphrey, vede Tommy- alle prese con voce, batteria e chitarra- affiancato da una pletora di musicisti, tra cui spiccano Danny Lohner (NIN), Phil X (Bon Jovi), Chris Chaney (Jane’s Addiction) e Mix Master Mike (Beastie Boys), e da un nutrito numero di ospiti di matrice rap/nu metal come Snoop Dogg, Lil’Kim, U-God, Kid Rock e Fred Durst.

L’iniziale Who the Hell Cares si apre con un riff standard nu metal e una serie di beats sui quali rappa, senza pungere, TiLo, mentre la voce pulita di Tommy entra nel ben più vivace ritornello; poco aggiunge il primo ospite, Snoop Dogg, con una strofa piuttosto piatta infarcita di banali liriche autoreferenziali. In Hypocritical assistiamo alla prima prova da MC di Tommy, il cui flow risulta grossolano e poco elastico così come ancora una volta appare opaca la prestazione di TiLo. Le cose migliorano decisamente con Anger Management dove, su un tappeto di beats più corposi, Lee sciorina un ottimo rap al veleno contro paparazzi, reporters e giudici e mostra una rabbia davvero genuina che esplode nel chorus, arricchito da un potente riff nu metal. Divertente il singolo Get Naked, “impreziosito” da uno dei testi più volgari di sempre: Tommy, Fred Durst, Lil’Kim e George Clinton, accompagnati dalla base e dagli scratch di Mix Master Mike, si danno la staffetta cantando con nonchalance di sex tape, eiaculazioni e dimensioni dell’organo maschile. Nella successiva New Skin, Tommy vanifica una buona prima strofa rappata andando a impelagarsi in un melenso refrain pseudo alt. rock e non fanno che peggiorare la situazione i blandi ritmi della strumentale e l’evanescente prova di Kid Rock (vanaglorioso nello sbandierare i 5 platini del suo ultimo album). L’hip-hop domina in Proposition Fuck You, dove funziona alla grande l’amalgama tra Lee-TiLo e i Filthee Immigrants in un testo che riprende i classici temi del gangsta rap. I BPM schizzano alle stelle in Crash, la quale inizia con un vago e slavato sapore industrial che ricorda Hellbilly Deluxe di Rob Zombie (prodotto sempre da Humphrey) e prosegue con ritmi quasi da dancefloor giusto per aggiungere un pizzico di tamarraggine in più. In Metamorphosis Tommy lascia da parte il rap per concentrarsi su uno dei testi più profondi dell’intero platter (non che fosse difficile…) avente come argomento il cambiamento insito nelle cose della natura e l’avvicendarsi delle generazioni umane; l’interpretazione è particolarmente sentita e il vocalist si lascia trasportare addirittura provando ad azzeccare qualche nota più alta e prolungata. Sulla falsariga di Crash si pone Narcotic, ancora più “dopata” dall’ospite Scott Kirkland del duo electro The Crystal Method, decisamente a suo agio nel creare un’orgia selvaggia di samples, loops, scratch che accompagnano un breve inno alle sostanze stupefacenti. Inutile soffermarsi sulle ultime due tracce: Mr. onsomeothershits è solo un interludio hardcore hip hop con alla voce U-God del collettivo Wu-Tang Clan e l’outro Spun ricalca gli stilemi strumentali di Narcotic.

In definitiva, che dire di questo album? Non si può negare che Tommy Lee, pur scegliendo delle sonorità all’epoca mainstream, abbia avuto coraggio nel cimentarsi in un ruolo e in un sound totalmente distanti dal suo gruppo d’origine, ma proprio questa “inesperienza” si rivela il vero tallone d’Achille: nel complesso questa miscela di rap (non sempre convincente), nu metal (in realtà qualche riff e nulla più) ed un’elettronica a tratti invasiva e testi fin troppo triviali non consentono un giudizio positivo, tanto che sembra profetica una frase presa da Crash: “I’m just a wreck, so what the hell did you expect?”



VOTO RECENSORE
57
VOTO LETTORI
42 su 5 voti [ VOTA]
Mulo
Venerdì 3 Luglio 2020, 17.38.49
35
Tommy Lee è sempre stato un grande "modaiolo". Da adolescente andava di Kiss, Van Halen e Aerosmith, guardacaso, le band americane più in voga ne '77-78. Poi è passato a Sisters of mercy -lo scrive in The Dirt-, poi al grunge, ai Pantera e ai Prog, poi al nu metal e ora sembra alla trap -con tanto di tatuaggi in viso-. Visto il contesto in cui vive -e lo stile di vita che ha- ha sempre bisogno di dollaroni. Considerate che il 70% degli americani ha meno di mille dollari in banca. Vivono tutti facendo debiti. Ecco il motivo di tutte queste reunion... Che dire dei MoM? Carino il video di "Get Naked" con Pamela Anderson. Il resto non mi piace.
Legalisedrugsandmurder
Venerdì 3 Luglio 2020, 16.20.19
34
Poi se parliamo di esibizione.... avrebbero meritato molte più bottiglie i Demons & Wizards il giorno prima. Esibizione orrenda con Hansi inascoltabile. Con l'aggravante di essere messi appena prima degli Iron Maiden pur avendo solo un CD fuori... solo per i nomi coinvolti...
Legalisedrugsandmurder
Venerdì 3 Luglio 2020, 16.01.28
33
Che i MOM siano un gruppo di basso livello, al di là del genere, credo che pochi lo mettano in dubbio. Però a quel festival ricordo gente venuta anche per loro, come alcune ragazze l'anno prima per gli Space Age Playboy. Ed erano giustamente incazzati per non aver potuto vederli per colpa di un branco di idioti. L'organizzazione avrà anche sbagliato ma in quel periodo MOM, Slipknot e SAP suonarono parecchi festival metal senza problemi, furono linciati solo da noi. Se tutti lasciassero bottiglie a chi non piace e/o ad ogni band un po' fuori dallo schema, ai festival non suonerebbe più nessuno. Inoltre ricordiamoci che l'indifferenza fa molto più male, se proprio si voleva far capire a Lee che la sua band faceva pena, bastava ignorarlo o al limite fischiarlo. Sarebbe stato molto più efficace.
Shock
Venerdì 3 Luglio 2020, 15.38.06
32
Ti consiglio di leggerti un minimo di biografia dei Crue perché non ne hai azzeccata una. Tra l'altro la rreunionè avvenuta dopo il successo del film...
Diego75
Venerdì 3 Luglio 2020, 5.51.18
31
Più che altro al tommy lee ...gli piacciono i soldi...altro che la musica...mantenere le ex e i figli costa...oltre allo stile di vita...sopratutto in un periodo in cui le band come la sua non se le filava nessuno!....in USA va il rap e i denaro gira attorno al rap...quindi detto fatto ...si e ' fatto piacere anche quello...per non parlare della riunione dei crue con film annesso...se non si faceva il film...vorrei vedere chi se la filava la riunione di una band che si scioglie ogni 3 anni e si riforma....ma dai!
R-x
Venerdì 3 Luglio 2020, 1.19.58
30
il fatto che la gente si ricordi di questo gruppo solo per un fatto avvenuto a un festival 20 anni fa la dice lunga sull'inutilità dei Merdhods of Mayhem. Ignobili.
Shock
Giovedì 2 Luglio 2020, 22.20.33
29
Mah, a parte che queste cose le fanno in tutto il mondo, non è un'esclusiva americana, ma ancor oggi Tommy fa pezzi come questo disco, non rinnega niente, è solo una musica che evidentemente gli piace. Che poi non sia capace di farlo in modo positivo è un altro discorso.
Diego75
Giovedì 2 Luglio 2020, 21.19.16
28
Mi viene da ridere quando leggo di queste uscite targate USA...nel senso che queste cavolate le possono proprio partorire solo gli americani...come al solito si vendono in tutto e per tutto rinnegando quello che che da musicisti hanno proposto fino al giorno prima!...pur di riempirsi le tasche!....classico degli americani! Riguardo al cd lo considero una cavolata al pari del cd della figlia di Ozzy Osborne oppure al cd solista di Gene Simmons di 10 anni fa credo...quando vuoi buttare i soldi nel water e tirare lo sciacquone si compera questa roba!...voto sotto 0!
Carnage
Giovedì 2 Luglio 2020, 10.30.02
27
Io sto con Painkiller. Facile dare tutte le colpe alla reazione del pubblico, i principali responsabili furono gli organizzatori e i manager che piazzarono i Methods in quel festival. Premesso che anche io sono contrario a ogni tipo di lancio di oggetti, un gruppo del genere avrebbe dovuto "suonare" al limite all'Heinkene jammin festival ad aprire il concerto dei Rage against the machine, non di certo a un evento come il Gods of metal. Il discorso che se non mi piace un gruppo posso sempre andarmi a fare una birra lo posso accettare fino a metà pomeriggio, quando arriva il momento degli headliner voglio restare davanti per avanzare e vedermi il concerto da vicino. Vedere un gruppo così schifoso che suona dopo In Flames e soprattutto Testament mi ha fatto cadere le palle a terra. Anche gli Slipknot avevano suonato da schifo dimostrando di non essere adatti al Gods of metal. E poi basta con gli stereotipi dei metallari violenti, il giorno prima i Dark Tranquillity avevano suonato frta gli applausi generali anche se avevano introdotto molta elettronica nella loro musica. Gli stessi Slayer avevano provato a modernizzarsi molto ma eravamo tutti gasati per loro.
Painkiller
Mercoledì 1 Luglio 2020, 22.06.00
26
Premesso che ho condannato quello che successo e bisognerebbe imparare a leggere, la ricchezza di generi all’interno di un festival è ciò che mi ha permesso di conoscere un sacco di band che altrimenti mi sarei perso. Detto ciò, se il festival è l’unica possibilità in Italia di vedere e ascoltare live certe bands, più o meno famose, continuo a pensare che sfruttare il nome di Lee per infilare i MOM in un festival metal sia sbagliato.
Galilee
Mercoledì 1 Luglio 2020, 15.12.27
25
Quoto sicktadone. E poi in ogni caso loro fanno il loro lavoro. Anche fischiare tutto il tempo, far baccano e dar le spalle è solo un segno di inciviltà ed arroganza. Perché non si tiene conto di chi invece è venuto lì per vedersi il concerto, e ovviamente di chi lavora.
Sicktadone
Mercoledì 1 Luglio 2020, 9.07.21
24
Ma che discorso è? Al massimo vai a protestare direttamente con quelli che li piazzano lì e non ti metti a lanciare bottiglie a dei professionisti che vengono chiamati lì per suonare. Ma poi cosa vuol dire che hai pagato il biglietto? Lo sai a priori che gruppi ci saranno e anzi, sei doppiamente coglione, se paghi e ti metti a lanciare oggetti alla band che, tra le altre cose, verrà anche pagata lo stesso.
Painkiller
Mercoledì 1 Luglio 2020, 8.25.28
23
Tornando ai MOM, é stato brutto quanto è successo al GOM, però secondo me è giusto protestare quando i promoter mettono lì artisti la cui proposta musicale non c’entra nulla, solo per piazzare il proprio “assistito” utilizzando, nel caso dei MOM, il nome famoso di Tommy per attirare gente. Alla fine è vero che possiamo berci una birra e via, ma è anche vero che i biglietti dei festival costano e magari, anche se non tutto ci piace, vorremmo andarci per ascoltare Metal, non quella M dei MOM. Io avrei visto bene un bombardamento di fischi e poi tutti a dare le spalle al palco. La presenza dei MOM al GOM fu una mancanza di rispetto per chi paga il biglietto.
Painkiller
Mercoledì 1 Luglio 2020, 8.19.49
22
Francamente, spesso mi trovo recensioni con voti alti, a me sconosciuti. Leggo la recensione, e magari vado ad ascoltare il gruppo per farmi un’idea. Ma difficilmente commento, se poi non do seguito con altri ascolti e comincio a seguire il gruppo. Mentre al contrario, se un personaggio/gruppo fa qualcosa di diverso dal suo solito, viene posto sotto i riflettori. Credo sia normale. A confutazione di quanto sopra ci sono i miei commenti ai primi dischi di band come Kamelot o Sabaton, quando se li filavano in pochi....cerchiamo tutti di essere più accomodanti, suvvia.
vattelapesca
Martedì 30 Giugno 2020, 19.24.43
21
Sig. Shock è inutile che si inalberi. Giustamente alla redazione questo fa comodo. Tutto ciò crea sconcerto e quindi interesse. Questo porta ad avere più commenti possibili. Ergo, più visualizzazioni possibili.
Indigo
Martedì 30 Giugno 2020, 16.48.52
20
Io sono entrato in redazione da appena una settimana ma penso di non essere in errore se dico che l'obiettivo della sezione rispolverati sia quello , settimana dopo settimana, di offrire a voi lettori la più ampia gamma possibile di letture, inserendo sia band ancora non presenti sia completando la discografia di gruppi già in database. Per esempio, dei Methods of Mayhem c'era già il loro secondo album, dunque mi sembra logico aver recensito anche il primo. Essendo i gusti musicali diversi da persona a persona, specialmente in generi "controversi" come il crossover/alternative/nu, è chiaro che alcuni gruppi vengano ritenuti inutili o non meritevoli di recensione, ma io ritengo che sia meglio avere più materiale a disposizione per confronti e discussioni che esserne in difetto.
Shock
Martedì 30 Giugno 2020, 16.19.29
19
@Blackmeout: non voglio di certo difendere Thrasher (che mi sembra tornato ai suoi livelli col gemello di tastiera Electric), ma è già la terza o quarta volta che dite di pubblicare recensioni, con ottimi voti, senza nessun commento. Ti dico il perché. Primo: recensite spesso gruppi sconosciuti anche a chi segue certi generi, come il sottoscritto, e con tutto quello che esce a volte si lasciano stare certi dischi che magari non suscitano approvazione e quindi neanche si commentano, mentre non recensite altri che magari riceverebbero più commenti. Secondo: poche persone ascoltano gruppi nuovi, quindi il bacino di utenti è per forza piccolo. Terzo: da anni ormai so che i commenti più numerosi sono nei gruppi strafamosi o in quelli, tipo questo, dove si creano discussioni spesso per commenti idioti. Quarto: alcuni vecchi utenti, molto ben preparati non commentano più, altri sono bannati. Ormai i commenti sono sempre meno. Il tutto te lo dico in buona fede sia chiaro. Buon proseguimento.
Black Me Out
Martedì 30 Giugno 2020, 15.43.59
18
Caro @thrasher, a parte che commenti come il tuo al #17 sono sempre all'ordine del giorno e le "motivazioni" per parlare di dischi come questo sono state più volte giustificate, ti rispondo con un paio di domande: perché in tutte le recensioni di dischi rispolverati e di quelli in homepage con ottime votazioni non vedo neanche un tuo commento? E perché invece sotto questa di recensione ce ne sono 17 (attualmente è l'articolo più commentato in homepage...) di persone che a prescindere dal pensiero personale sul disco stanno offrendo interessanti riflessioni/ricordi creando pure un bel dialogo? Non voglio combattere le polemiche, esse sono sempre legittime e tu ti sei espresso senza essere volgare e già per questo ti ringrazio, però la solfa è spesso la stessa: parliamo di album che prendono voti altissimi e alla fine ci troviamo con 3 commenti, ne recensiamo alcuni che valutiamo insufficienti e sotto troviamo i soliti commenti di chi si lamenta che ci sono tanti dischi belli di cui non parliamo; è un po' un paradosso a un certo punto non credi? Solo per farti un esempio, tra le mie ultime recensioni ci sono due dischi con valutazioni rispettivamente di 85 e 88: la prima ha zero commenti, la seconda due. Ed io qualche domanda me la faccio.
thrasher
Martedì 30 Giugno 2020, 14.32.09
17
Sinceramente non capisco con tutti i bellissimi dischi che ci sono, il voler rispolverare una trovata commerciale come questa... non credo se ne sentisse l esigenza, anzi penso che più di qualcuno era contento di esserseli dimenticati
thrasher
Martedì 30 Giugno 2020, 14.05.25
16
Presente a quel gods e se non ricordo male pure gli schifnot inizialmente furono presi a Bottigliate ma loro purtroppo riuscirono a finire il concerto. Ma parlando dei m o m era un gruppo destinato a sparire.... Una proposta musicale che non accontentava nessuno. Vedo che sono riusciti a far 2 dischi perfino... Contento che si siano sciolti voto zerooo
paju
Lunedì 29 Giugno 2020, 8.34.17
15
,,ah,, cmq veramente un comportamento da idioti che solo l italia riserva a certi artisti. a prescindere dal contesto, i l concerto è un concerto. Da musicista che suona da piu di 20 anni accetto le critiche e pure i fischi, fa parte del gioco, ma se un coglione mi tira qualcosa gli spacco la chitarra in faccia.
paju
Lunedì 29 Giugno 2020, 8.29.40
14
disco divertente. Certo si sente l inesperienza di Tommy Lee, ma ce la voglia di mettersi i n gioco in un momento in cui era tutto fermo. Tommy era appena uscito di prigione e forse aveva bisogno di staccare dal vecchio mondo. ascoltabile, non memorabile.
fruzzio
Domenica 28 Giugno 2020, 18.23.07
13
Quando il Metal era mainstreem anche i coatti andavano ai concerti..
Elluis
Sabato 27 Giugno 2020, 19.15.48
12
@Transcendence quello però fu tutto un altro contesto, lì scoppiò qualcosa di molto molto più grosso, mi sembra che a quel festival c'erano più di 200.000 persone, che iniziarono a spaccare e saccheggiare tutto e ad appiccare incendi, e in breve tempo la situazione non fu più gestibile in nessuna maniera. Quella è proprio tutta un'altra storia...
Elluis
Sabato 27 Giugno 2020, 19.08.21
11
@Indigo sinceramente mi sembra molto strano che un artista non venga informato preventivamente sulle date che andrà a fare, però tutto può essere: nell'estate di quell'anno comunque i MOM erano in tour in Europa e ci può stare che vengano inseriti in qualche slot di band rock/metal: quello che è stato vergognoso è che abbiano suonato nei maggiori festival europei (Glastonbury, Rock Am Ring, il Dynamo in Olanda ecc.) e non è mai successo niente, mentre in Italia furono bombardati... comunque è storia passata, secondo me adesso anche Tommy Lee ci ride sopra ripensandoci...
Galilee
Sabato 27 Giugno 2020, 18.59.22
10
Già, brutti ricordi. Mi sono sentito molto in imbarazzo in quel momento. Anche perché non erano tre bottiglie lanciate in aria, ma una valanga. Adoravo i Motley Crue e non li avevo mai visti dal vivo. Quindi vedere Tommy Lee, anche se in un contesto diverso, mi avrebbe comunque divertito. I MOM non proponevano nulla di che, ma Tommy Lee sa intrattenere, secondo me sarebbe stato lo stesso un concerto piacevole. Con gli Space Age Playboys accade la stessa cosa, ma loro continuarono imperterriti. Con i Monster Magnet, rimasi basito..nemmeno loro erano abbastanza degni.
Nu Metal Head
Sabato 27 Giugno 2020, 18.58.23
9
io stranamente me lo sono sempre perso questo disco/progetto, ma forse è meglio così... ovviamente so del gods of metal 2000, grazie proprio a questo sito, nel quale c'era qualcuno che si vantava e che rideva di quella giornata... contenti voi... non lo dico come difensore del mio genere preferito, ma in generale per qualsiasi gruppo di qualsiasi genere... se un gruppo non vi piace c'è modo e modo di esternare il vostro disappunto... qualche fischio, qualche insulto, ma non inondare il palco di raccolta differenziata.
Transcendence
Sabato 27 Giugno 2020, 18.57.55
8
@ Ellius Situazione imbarazzante di sicuro, ma l'anno prima al Woodstock Festival successe molto di peggio, sopratutto al pubblico.
Indigo
Sabato 27 Giugno 2020, 18.31.17
7
A proposito del gods of metal,: mi pare che nella sua autobiografia Tommy raccontava di come fosse stato il suo manager ad accettare la partecipazione al festival e lui lo aveva scoperto troppo tardi, ma ormai il danno era fatto. Sapeva benissimo che era una follia salire su quel palco e che il suo gruppo non c'entrava nulla con le altre band presenti, ma in ogni caso avete ragione, il comportamento dei fan italiani è stato imbarazzante.
Elluis
Sabato 27 Giugno 2020, 17.34.13
6
Concordo al 100% con @Black Me Out: quel giorno il popolo metallaro italiota più becero e ignorante si palesò in tutta la sua bruttezza. Sono d'accordissimo sul fatto che è quantomeno discutibile il fatto di mettere i MOM nella scaletta di un festival metal, ma per nessuna ragione si meritavano quel trattamento veregognoso: a quanto ne so da nessuna altra parte in Europa si verificarono episodi analoghi di bottigliate o lanci di oggetti, e questa la dice lunga sull'arretratezza mentale di certi soggetti... Per quanto riguarda l'album in questione, pur non essendo un estimatore di questo genere musicale, ci sono delle cose che mi piacciono, e altre che proprio non digerisco, mi piacciono Get Naked, Proposition Fuck You e Metamorphosis, mentre salto volentieri pezzi come Crash o Spun (pezzo quest'ultimo che mi ricorda tantissimo i Prodigy del periodo Fat Of The Land). Mi piace anche Hypocritical, ci sarebbe stata benissimo anche in un disco come Significant Other dei Limp Bizkit.
Shock
Sabato 27 Giugno 2020, 17.33.02
5
Effettivamente essere orgogliosi di aver preso a bottigliatte un gruppo solo per il genere proposto rende l'idea della bassezza culturale ed ideologica di un popolo. Tra l'altro lo avevano fatto anche coi Warrant, salvo poi acclamare il gruppo all'esecuzione di Ball to the wall. Se non piace un gruppo vai a bere una birra, o fai altro, fare quello che fece il pubblico fu un atto di vera idiozia.
Black Me Out
Sabato 27 Giugno 2020, 16.04.54
4
@David D. Memorabile per quanto fu vergognosa a mio parere... Comunque questo disco l'ho sempre ascoltato poco, non mi ha mai preso, chissà che non ci dia un nuovo ascolto oggi.
David D.
Sabato 27 Giugno 2020, 11.40.36
3
Gods Of Metal 2000.... Una delle giornate più memorabili nei concerti della musica Metal italiana!
Shock
Sabato 27 Giugno 2020, 10.24.42
2
Una porcheria di disco con Tommy che pensa pure di essere bravo a fare il genere (tra l'altro ha fatto recentemente altri due pezzi nello stesso stile, una merda...).
Painkiller
Sabato 27 Giugno 2020, 8.53.09
1
La questione sonorità/genere non c’entra col giudizio che si può dare all’album. Ci sono cose che uno può, e che non può fare, semplicemente perché non è in grado. Quest’album é come il mar morto, non ha vita. Che poi abbia avuto il coraggio di presentarlo in un festival metal, é altra storia. Come altra storia erano i Beastie Boys.
INFORMAZIONI
1999
MCA Records
Crossover
Tracklist
1. Who the Hell Cares
2. Hypocritical
3. Anger Management
4. Get Naked
5. New Skin
6. Proposition Fuck You
7. Crash
8. Metamorphosis
9. Narcotic
10. Mr. Onsomeothershits
11. Spun
Line Up
Tommy Lee (Voce, Chitarra, Batteria, Percussioni)
TiLo (Voce)
Kai Marcus (Chitarra)
Phil X (Chitarra)
Danny Lohner (Chitarra)
Ken Andrews (Chitarra)
Scott Phaff (Chiatrra)
Randy Jackson (Basso)
Chris Chaney (Basso)
Audrey Wiechman (Basso)

Musicisti ospiti
Snoop Dogg (Voce traccia 1)
Kid Rock (Voce traccia 5)
Fred Durst (Voce traccia 4)
Lil'Kim (Voce traccia 4)
George Clinton (Voce traccia 4)
Mix Master Mike (Turntablism traccia 4)
U-God (Voce traccia 10)
Scott Kirkland (Tastiere tracce 9 e 11)
F.I.L.T.H.E.E. Immigrants (Voce traccia 6)
 
RECENSIONI
57
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]