Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rikard Sjöblom`s Gungfly
Alone Together
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/01/21
WARDRUNA
Kvitravn

22/01/21
JASON BIELER AND THE BARON VON BIELSKI ORCHESTRA
Songs for the Apocalypse

22/01/21
ELLENDE
Triebe

22/01/21
PHANTOM ELITE
Titanium

22/01/21
GRIMA
Rotten Garden

22/01/21
EKTOMORF
Reborn

22/01/21
ASPHYX
Necroceros

22/01/21
WIG WAM
Never Say Die

22/01/21
CONVICTION
Conviction

22/01/21
STEVE HACKETT
Under A Mediterranean Sky

CONCERTI

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

The Unity - Pride
10/07/2020
( 566 letture )
Giungono alla pubblicazione del loro terzo album i The Unity, band tedesca (fatta eccezione per il cantante italiano Gianbattista Manenti), fondata nel 2016, da alcuni ex componenti di Gamma Ray (tra cui il chitarrista Henjo Richter) e dei Love.Might.Kill. Il disco in questione, intitolato Pride e pubblicato da Steamhammer, con le sue dodici canzoni si basa a grandi linee sul concetto di orgoglio, inteso dal punto di vista artistico e come sentimento, con una connotazione negativa, riferendosi all’orgoglio politico, alle idee nazionaliste che ad oggi trovano ampio consenso nella società. Musicalmente la band, reduce da un’intensa attività live che li ha visti a supporto di artisti quali Axel Rudi Pell, Edguy e Sinner, propone un power metal melodico, moderno e allegro (in linea con i tre artisti appena citati), senza presentare grossi cambiamenti rispetto ai dischi precedenti dal punto di vista stilistico, mentre forse un piccolo passo avanti è stato fatto sul piano delle canzoni, ancor più orecchiabili, accattivanti ai massimi livelli, complice anche una produzione ben curata e in grado di valorizzare questa caratteristica della band.

Il disco, dopo la solita introduzione, si apre con Hands of Time, brano a tema ambientalista che ricorda un qualcosa degli Avantasia. Seguono la più introspettiva Line and Sinker, sempre contraddistinta da un ritornello estremamente orecchiabile e We Don´t Need Them Here, scanzonato brano power dalle ritmiche allegre contro l’intolleranza e il razzismo. Destination Unknown, Angel of Dawn, Damn Nation e Wave Of Fear, proseguono senza colpi di scena, tra strofe e ritornelli ben cantati da un Gianbattista Manenti che per tutto il disco se la cava più che egregiamente, ritmiche allegre e veloci e assoli di chitarra dal gran gusto melodico (logicamente ricordando i Gamma Ray) ben suonati dal duo Henjo Richter e Stef E. Piccola svolta heavy con Guess How I Hate This e Scenary of Hate, in cui le ritmiche si fanno leggermente più pesanti e le chitarre un po’ più cattive, così come il cantato (che comunque sfocia in ritornelli super power). Si va un po’ fuori dagli schemi con lo shuffle di Rusty Cadillac per poi chiudere il tutto tornando al rock, al power sentito nei primi brani del disco con You Don´t Walk Alone.

Per concludere non resta tanto altro da dire: il disco è prodotto ottimamente e le melodie sono vincenti, estremamente facili da assimilare, rendendo l’ascolto scorrevole e piacevole. La proposta dei The Unity è molto compatta e non si stacca mai dai suoi binari, pertanto Pride potrebbe risultare a tratti monotono o prevedibile. Al di là di questo, si cerca una commistione di rock e power metal moderno ed accattivante, in linea con Egduy, Avantasia e mille altre band contemporanee, allora è il caso di dare un ascolto a Pride, che in questo campo sicuramente può dire la sua e farsi rispettare.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
Shock
Sabato 11 Luglio 2020, 14.40.35
2
Nel suo genere uno dei migliori dischi da un po' di tempo a questa parte, ed Henjo fa sicuramente meglio qua che con i Gamma Ray.
Sandro 70
Venerdì 10 Luglio 2020, 20.45.50
1
Veramente un ottimo disco , potente e melodico. Suonato alla grande e registrato come si deve. Voto 83.
INFORMAZIONI
2020
Steamhammer
Heavy/Power
Tracklist
1. The New Pandora
2. Hands of Time
3. Line and Sinker
4. We Don´t Need Them Here
5. Destination Unknown
6. Angel of Dawn
7. Damn Nation
8. Wave of Fear
9. Guess How I Hate This
10. Scenery of Hate
11. Rusty Cadillac
12. You Don´t Walk Alone
Line Up
Gianbattista Manenti (Voce)
Henjo Richter (Chitarra)
Stef E (Chitarra)
Jogi Sweers (Basso)
Michael Ehre (Batteria)
 
RECENSIONI
68
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]