Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/08/20
SEASON OF DREAMS
My Shelter

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
WARKINGS
Revenge

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
TERRA ATLANTICA
Age Of Steam

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
INGESTED
Where Only Gods May Tread

14/08/20
HALESTORM
Reimagined

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
NUG
Alter Ego

CONCERTI

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

11/08/20
BAD RELIGION
FESTIVAL DI RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

P.O.D. - Brown
18/07/2020
( 1237 letture )
I P.O.D., dopo l’acerbo esordio Snuff the Punk (1994), si ripresentano sul mercato discografico con Brown, seconda uscita targata Rescue Records, etichetta indipendente di San Diego fondata da Noah Bernardo, il padre del batterista.
La band, forte di due ulteriori anni di gavetta, torna a proporre con maggior decisione il suo personale crossover in cui rimangono invischiati rap, metal, funk e punk più qualche spruzzata di reggae, il tutto intriso fino al midollo di liriche inneggianti alla fede nel cristianesimo con sperticate lodi al Signore e vari inviti alla conversione.

Dopo una breve intro contenente un sample di I Shot Ya di LL Cool J, si entra subito nel vivo con Know me, aggressivo pezzo rapcore dove i potenti riff di Curiel offrono lo sfondo ideale per la voce di Sandoval, veemente nelle strofe e accorata nei ritornelli. Il mood si ripropone nella prima parte di Selah, con una chitarra corazzata e un velenoso rappato cadenzato alla Zach de la Rocha, la cui energia purtroppo si disperde in un refrain che vorrebbe risultare feroce ma fallisce nello scopo; da segnalare nel break il caldo riff a tinte latine, piccolo omaggio di Curiel al suo idolo Carlos Santana. Dopo un buon inizio, si prosegue con una tripletta di brani mediocri, tutti infarciti di seccanti chorus e spoken word aventi per oggetto visioni mistiche o testimonianze di una fede incrollabile unita ad un disperato bisogno di saggezza e amore dell’Onnipotente. By-passando l’imbarazzante interludio Punks Rock (canzonaccia punk con sguaiati strilli reclamanti patatine fritte e ketchup...), si vira sull’archeologia biblica in Breathe Babylon, dove si esulta per la caduta della corrotta e pagana Babilonia: in questo caso funziona alla grande l’alternanza tra le strofe di Sandoval e gli spoken word simil-rap dell’ospite Dirt, specie nel bridge finale con le vocals in climax ascendente accompagnate da un poderoso basso di matrice korniana. Se Preach -inframmezzata da due divertenti jam in salsa funk e reggae- non lascia traccia, con Full Color arriviamo al pezzo più pesante del platter, non tanto a livello strumentale quanto per il testo profondo e commovente, interamente dedicato alla madre del cantante morta per una brutta malattia; nelle liriche Sonny si sfoga sputando fuori tutta la sua frustrazione per la perdita (l’outro con reiterate grida colme di disperazione ricorda la foga di Jonathan Davis in Faget o Daddy), ma trova comunque la forza di reagire nella speranza di poterla riabbracciare nella vita ultraterrena promessa dal messaggio evangelico. È su queste premesse che si basa Seeking the wise, introdotta da una chitarra disegnante una dolce nenia sonora e con un basso pulsante che scandisce le urla della rinascita spirituale del vocalist ora divenuto un Born again christian. In Live and die invece si trovano le radici di quella che diventerà l’hit single Youth of the Nation per l’atmosfera carica di inquietudine tratteggiata dal riff iniziale e per la crudezza del testo, un vero e proprio racconto autobiografico senza censure sulle difficoltà della vita di periferia tra gang, droga e pistole impreziosito dal campionamento di Gangsta Gangsta dei leggendari N.W.A.. All’insegna dell’hip-hop è affidata anche la chiusura del disco con il sample di Eric B. is President/Make ‘em clap to this, pietra miliare dell’old school firmata Eric B. & Rakim.

Brown è un disco che testimonia la crescita in positivo della band, alle prese con un sound più a fuoco rispetto al primo lavoro seppur in parte ancora penalizzato da una produzione grezza che va a discapito soprattutto della voce di Sandoval. Il comparto strumentale risulta nel complesso maggiormente affiatato e una nota di merito va di sicuro attribuita a Marcos Curiel, abile nello spaziare da riff secchi e diretti di scuola punk ad altri più pesanti di stampo prettamente metal senza disdegnare parentesi “latineggianti” più morbide e delicate.
I P.O.D. si dimostrano dunque già in possesso di diverse carte vincenti ma servirà ancora un po’ di pazienza (un album live e l’EP Warriors nel 1998) per arrivare a firmare il fatidico contratto con una major ed entrare così nel circuito mainstream dove, grazie all’inserimento di elementi nu metal, la band stazionerà comodamente almeno per tutta la prima metà degli anni 2000.



VOTO RECENSORE
67
VOTO LETTORI
47 su 3 voti [ VOTA]
Shock
Venerdì 24 Luglio 2020, 2.53.08
46
Avranno fatto solo un disco decente, ma Infest penso di pappi da solo tutto quello fatto dai P.O.D.
Silvia
Venerdì 24 Luglio 2020, 2.08.12
45
Secondo me in generale il flow di Sonny non è molto tagliente (non sono esperta quindi la mia è solo un'impressione) e anche con le rime qualche ingenuità ogni tanto c'è. Lo dico pur apprezzandolo comunque molto, anzi forse questa costante influenza reggae (sarò fissata ma io la sento molto) lo rende particolare. Satellite rispetto a Infest a mio parere è più eterogeneo e meno aggressivo e l'aspetto melodico mi ha sempre ricordato alla lontana gli Incubus. @Indigo #43, ti ringrazio, lo farò sicuramente!
Indigo
Venerdì 24 Luglio 2020, 0.28.14
44
Vero, Jacoby Shaddix era (dico così perché le ultime cose dei papa roach sono incommentabili) un discreto rapper con un flow più "tradizionale " se mi passi il termine, mentre Sandoval ha uno stile più influenzato dal rapcore con un flow cadenzato/sincopato alla zach de la rocha per intenderci anche se quest'ultimo è infinitamente superiore. Se senti infest e proprio Brown la differenza la senti eccome
Nu Metal Head
Venerdì 24 Luglio 2020, 0.07.43
43
magari non c'entra nulla ora, ma facendo un paragone con un disco simile di una band simile ho sempre pensato che "infest" dei papa roach si faccia leggermente preferire a "satellite" dei P.O.D... è vero che hanno dei momenti metal e incazzosi (una su tutte "portrait"), ma il retrogusto melodico è sempre dietro l'angolo, mentre in quel disco dei papa roach c'è quel pizzico di aggressività in più... e poi il rapping di Coby Dick era una bellezza, mentre quello di Sonny Sandoval è meno ritmato... chiusa parentesi.
Indigo
Giovedì 23 Luglio 2020, 23.57.41
42
@Silvia al commento 38: per quanto mi riguarda, se sei interessata (ovviamente chiunque altro è ben accetto) a discutere di nu/alt/ crossover e hai richieste/suggerimenti su qualche band o recensione non esitare a scrivere sulla mia pagina redattore. In fin dei conti io mi sono candidato per scrivere dei miei generi preferiti e per discuterne con altri appassionati, quindi ne sarei solo contento
Shock
Giovedì 23 Luglio 2020, 20.41.58
41
@Lizard , Galilee, vi ho risposto sul forum, su BETTER THAN THE REST.
thrasher
Giovedì 23 Luglio 2020, 18.04.57
40
Ottimo disco, è spesso nel mio lettore CD... One day è la mia preferita... Una grande band sottovalutata voto 91
Lizard
Giovedì 23 Luglio 2020, 17.37.41
39
Guarda ennesimo fenomeno fake, se sai leggere ho detto che non ci frega niente di fare letture con flame e polemiche. E no, non ci guadagniamo niente. Se non la soddisfazione di scrivere di qualcosa che amiamo e di condividerlo con persone che hanno la nostra stessa passione, diffondendo al meglio delle nostre possibilita' l'idea che il metal sia anche una cultura.
Silvia
Giovedì 23 Luglio 2020, 17.26.16
38
Mi associo a Gals (anche se a me diverse cose dei POD piacciono ), a me il sito piace molto cosi' com'e', generi vari, recensioni molto sentite, grafica essenziale e commento libero. Ottimo poi il fatto che sia costruito come un guestbook (quando ho postato il mio primo commento pensavo che lo fosse!) perche' in questo modo e' facilissimo trovare le recensioni d'interesse, anche quelle vecchissime o meno conosciute. In altri siti (senza nulla togliere a questi) il ritmo e' molto piu' veloce e io non mi ci ritrovo molto. Comunque ha ragione Skull, ci sono altri spazi x queste discussioni, magari anche sotto i profili dei redattori, penso...
Razor's edge
Giovedì 23 Luglio 2020, 17.15.39
37
Se non ve ne frega nulla e non ci guadagnate nulla perché avete un contatore?
Lizard
Giovedì 23 Luglio 2020, 16.54.17
36
@Shock: hai letto quello che ho scritto? Allora non ho altro da aggiungere. Critiche e consigli ben vengano. Polemiche gratuite e strumentali, no. Specialmente se da certi pulpiti vengono le prediche. Detto tra noi, al contrario di quanto sostenuto da certi personaggi, fare letture con polemiche e flame è l'ultimo dei nostri interessi. Anche perche', non ci guadagnamo nulla e non ci abbiamo mai guadagnato nulla. Mi sarebbe piaciuto avere 30 commenti sotto gli Hexvessel, un disco bellissima, invece non se li è filati nessuno. In compenso, i polemisti ne fanno 40 qua e poi si lamentano e dicono che siamo noi. Ma per favore... @grazie Galilee, troppo buono.
Galilee
Giovedì 23 Luglio 2020, 16.12.32
35
La prima frase di Silvia dice tutto. A me non piacciono i POD, ma non vedo perché la recensione di un loro disco debba valere meno di altre. La polemica è inoltre secondo me inutile perché non ci sarà mai una volta in cui tutti saranno d'accordo sulla scelta delle recensioni. Senza contare che questo è il sito più completo e vario a livello di recensioni che io conosca. Almeno in italiano. Quindi, continuate così e seguite la vostra linea che tanto accontentare tutti non si può.
SkullBeneathTheSkin
Giovedì 23 Luglio 2020, 16.00.03
34
Andiamo a parlarne nella sezione a tu per tu con la redazione? Sarebbe più costruttivo. Personalmente ho notato un altro fenomeno che mi ha dato molto da pensare...
Shock
Giovedì 23 Luglio 2020, 15.48.44
33
@Lizard: solo una cosa: al di là del commento di MH, magari dovreste prendere le critiche che vi vengono fatte, prendere spunto e magari trarre spunto per dare alle persone che seguono il sito cosa vogliono, d'altronde sono le persone che fanno il successo o meno di un sito. Poi magari non vi interessa, ma hai notato il calo costante di commenti sia nelle notizie che nelle recensioni? Facci un pensierino...
Silvia
Giovedì 23 Luglio 2020, 15.12.53
32
Figurati Lizard
Lizard
Giovedì 23 Luglio 2020, 14.57.06
31
Grazie mille Silvia
Silvia
Giovedì 23 Luglio 2020, 14.55.17
30
Lizard abbiamo scritto in contemporanea, il mio commento era riferito ai precedenti
Silvia
Giovedì 23 Luglio 2020, 14.51.15
29
X me sono polemiche sterili, come sterile e pretestuoso è dire che un gruppo è inutile o non è fondamentale. Ma inutile e non fondamentale x chi? Non ha senso nel momento in cui c'è qualcuno che lo ascolta e commenta l'album (fossero pure un paio di persone, e oltretutto nel metal questi discorsi non dovrebbero esistere!). Fra l'altro ci sono migliaia di notizie e recensioni da commentare sul sito, alcune con pochissimi commenti! Quindi musica di cui parlare ce n'è parecchia senza bisogno di prendere di mira le recensioni (molto spesso nu metal) in cui i commenti di gente che ascolta i dischi sono solo un paio in un mare di polemiche che non c'entrano niente con la musica vera
Lizard
Giovedì 23 Luglio 2020, 14.50.37
28
Aggiungo che l'ultima recensione dei P.O.D. risaliva ad aprile 2017. Tre anni fa, neanche li trattassimo un giorno sì e l'altro pure... AH, giusto per completezza, invece, l'ultimo rispolverato dei Saxon è di aprile di quest'anno, ma col cavolo che c'è un tuo commento sotto. Proprio polemiche gratuite.
Lizard
Giovedì 23 Luglio 2020, 14.42.43
27
@Metalheart: non la meriti una risposta, perche' sei OT e perche' da anni intervieni solo ed esclusivamente per lamentarti dei rispolverati non di tuo gradimento. A memoria storica ricordo un solo caso nel quale hai fatto un commento positivo (Demon). Mai un commento, sempre e solo polemica gratuita, come in questo caso. Non c'entra niente parlare delle nuove uscite sotto i rispolverati, non c'entra niente parlare di Saxon (22 album in studio contro I 7 dei P.O.D., gruppo heavy uno, gruppo Nu l'altro), non c'entra nulla tirare nel mezzo commenti e letture, quando poi siete voi che vi lamentate a creare gli uni e le altre e, ripeto, mai che vi si veda commentare altro. Sei solo uno che ha tempo da perdere e decide di farlo polemizzando sul lavoro altrui (a gratis, per noi e per voi, come se avanzaste qualcosa, tra l'altro). Mancano degli album, cazzo si... Vuoi venire a darci una mano e far vedere a tutti quanto sei bravo? Il bando è aperto da mesi. Fatto avanti o datti pace.
MetalHeart realista
Giovedì 23 Luglio 2020, 14.10.57
26
Ma no,nessun complotto...solo che sono usciti (tra gli altri) i dischi nuovi di Rage,Firewind,Enuff z'nuff, Delain,Tokyo Blade e delle recensioni nemmeno l'ombra. D'altronde, è più importante recuperare e completare la discografia anni 90 dei fondamentali P.O.D. (i Saxon come sono messi da questo punto di vista? Degni di aver la discografia completa prima o poi?)
Deathland
Mercoledì 22 Luglio 2020, 15.24.07
25
Ma che cavolo di complotti andate a pensare? Sembra di leggere commenti fatti da ragazzi di tredici anni.
Beauty And The Beast
Martedì 21 Luglio 2020, 7.20.49
24
Hai voglia tu a dire gruppo inutile così fate il loro gioco! La recensione intanto ha totalizzato 26 commenti e 517 letture. meditate gente - meditate
SkullBeneathTheSkin
Martedì 21 Luglio 2020, 0.25.55
23
@NMH: si, uno a caso... però stavolta l'hanno anticipato ed il suo post è risultato più simpatico. Gli fregano il trademark...
Nu Metal Head
Martedì 21 Luglio 2020, 0.19.11
22
@skullbeneaththeskin: "Il resto, l'inutilità o altre cattiverie, è il solito intercalare di noi buzzurri" - sì, in particolare di uno (senza fare nomi... )
SkullBeneathTheSkin
Lunedì 20 Luglio 2020, 21.59.29
21
@silvia: non avevo il coraggio di dirlo che col metal ci azzeccano poco da sempre... magari esagero ma il tuo "altri generi che tra l'altro secondo me erano maggiormente nella loro anima gia' da allora" è sacrosanto! forse proprio per questo i puristi je menano
Silvia
Lunedì 20 Luglio 2020, 21.37.53
20
@Skull infatti come detto al principio non sono una superband e sono spariti dalla galassia metal, ma comunque stanno continuando a comporre album e a fare tour in locali come Trezzo e il Z7 (x darti le dimensioni), oggi in altri generi che tra l'altro secondo me erano maggiormente nella loro anima gia' da allora. C'e' anche da dire che x loro spesso il messaggio e' piu' importante della musica: x esempio l'ultimo album e' dichiaratamente basato sui testi piu' che sui pezzi in se'. (Lo so perche' nella - vana - attesa di un Satellite 2 un ascolto alle nuove uscite lo do sempre )
SkullBeneathTheSkin
Lunedì 20 Luglio 2020, 21.16.50
19
@NMH: ecco, vedi che avendo 2 album (1,5? a me Fundamental non dice nulla in onestà) validi all'attivo alla fin fine un po' emerge come siano stati si una buona band, agli inizi, ma anche come non abbiano mai fatto un reale salto di qualità per legittimarsi accanto ai big del filone per qualcosa di più della semplice etichetta.... insomma, bei tempi e c'ero anche io, ma quante band numetal hanno imbroccato una manciata di singoli per poi sparire nel nulla? Il resto, l'inutilità o altre cattiverie, è il solito intercalare di noi buzzurri... nothing new
Nu Metal Head
Lunedì 20 Luglio 2020, 20.26.54
18
secondo me anche i due singoli di "the fundamental elements of southtown" sono piuttosto famosi e vengono spesso citati, anche se meno dei singoli di "satellite", mi riferisco ovviamente a "southtown" e "rock the party (off the hook)"... in generale comunque sì, vengono ricordati più che altro per i primi 2 album ufficiali, nessuno nomina ciò che hanno fatto dal terzo album in poi (giustamente credo)...
SkullBeneathTheSkin
Lunedì 20 Luglio 2020, 14.47.36
17
Secondo me avete ragione più o meno tutti... la band qualcosa di buono lo ha in effetti combinato, non molto in verità, ma MTV ne ha incredibilmente "pompato" il valore. I video della band che ciclavano in tv erano appunto i brani di Satellite e comunque per riconoscersi in un qualche valore oggettivo tutti richiamano quell'album e nessuno gli altri lavori... quindi chi dice sopravvalutati non è un criminale anzi, al netto dei gusti ha abbastanza ragione. Anche chi dice che Youth non è un gran pezzo non è un criminale, personalmente mi ci ritrovo... ci sta che piaccia, ma oggettivamente non è un capolavoro. Bei tempi, più che altro...
LAMBRUSCORE
Lunedì 20 Luglio 2020, 13.22.48
16
d.r.i. Bastavano le prime 2 parole del tuo primo commento
Shock
Lunedì 20 Luglio 2020, 10.31.18
15
Ah, sul fatto di definire i Korn crossover mi riferisco ad oggi: quando uscì il loro primo disco erano definiti crossover perché ancora non esisteva il termine nu metal usato proprio per i Coal Chambers, quindi erano messi in quel calderone. Comunque di gruppi crossover al tempo che ne erano tante e veramente brave, purtroppo in pochissime (come al solito) hanno avuto fortuna, come invece è capitata a gruppi meno meritevoli come i P.O.D., mi vengono in mente pure i Puya, gruppo fantastico in sostanza passato completamente in sordina nonostante uscissero per una major. Incredibilmente hanno avuto un po' più fortuna, almeno per qualche anno, altri gruppi nu metal, probabilmente perché facevano parte di una scena di grande successo negli Usa.
Shock
Lunedì 20 Luglio 2020, 10.23.38
14
Scusate per il quadruplo post, ci deve essere stato un problema tecnico. @Indigo: tranquillo, per gli Sweet Lizard non c'è tanto da approfondire, hanno fatto fatto solo un disco, l'omonimo.....
Silvia
Domenica 19 Luglio 2020, 21.33.46
13
@Indigo/Nu Metal Head, si' Youth of the Nation era il pezzo piu' conosciuto, supportato da un video che fece presa su molti e dal testo molto intenso e originale. Pero' secondo me andando oltre quel singolo si trovavano altri ottimi pezzi, oltretutto con dei testi molto personali che non erano mai delle prediche nonostante la grande fede di Sonny. Insomma come dice @Nu Metal Head, magari non ci hanno fatto strappare i capelli pero' anche secondo me il segno in qualche modo lo hanno lasciato. Consideriamo anche che il loro periodo accostabile al metal e' stato relativamente breve e il loro sound era si' aggressivo in alcuni album ma strizzava spesso l'occhio a sonorita' molto morbide (fra cui il reggae) su cui poi hanno proseguito - con risultati che non hanno piu' incontrato i miei gusti a dire il vero. @Indigo, anch'io sono fra quelli che usano molto il termine "alternative metal". Comunque bello discutere con chi e' appassionato e conosce il gruppo
Indigo
Domenica 19 Luglio 2020, 20.51.37
12
Oddio i Korn all'epoca dei primi due album avevano messo in crisi i critici che, spiazzati dalla loro proposta musicale, li etichettavano principalmente come alternative metal (il termine nu nacque nel '97 grazie ad un giornalista di Spin nel recensire i Coal Chamber) ma non escludo che qualcuno possa averli definiti anche crossover. Comunque caro Shock non disperare, degli Sweet Lizard non sono esperto ma li approfondirò di sicuro (quanto è bella rat funk?) quindi magari in futuro arriveranno anche loro
Shock
Domenica 19 Luglio 2020, 19.54.08
11
Perché, c'è chi definisce crossover i Korn????
Nu Metal Head
Domenica 19 Luglio 2020, 18.23.03
10
@indigo: addirittura "leggendario"? non mi sembra il caso! e finalmente uno che, a quanto pare, capisce la differenza tra crossover e nu metal e non li considera sinonimi.
Shock
Domenica 19 Luglio 2020, 17.51.59
9
La penso come D.R.I.: gruppo che avrà venduto anche milioni di dischi ma musicalmente irrilevante per non dire inutile. Ho provato più volte ad ascoltare i loro dischi, compreso il "famoso" Satellite ma li trovo noiosi a dir poco: la "famosa" Youth of the nation ti fa addormentare....Al tempo uscivano dischi di gruppi crossover (finalmente uno che usa il termine al tempo usato per descrivere questa musica) di gran lunga migliori. Senza parlare dei nomi più conosciuti ci sono stati gruppi che avranno fatto solo uno o due dischi ma sono di gran lunga migliori dei P.O.D ; bastano due canzoni degli Sweet Lizard Illtet o degli Psychefunkapus per spazzare l'intera discografia dei P.o.d. Ovviamente non saranno mai recensiti, ma chi visse la scena al tempo e non si è fermato ai nomi più famosi li dovrebbe conoscere.
Vitadathrasher
Domenica 19 Luglio 2020, 17.17.59
8
Il video la gioventù della nazione, ricordo che girava anche sui vari canali italici, con quel coro di gente lobotomizzata sembrava la versione di the wall in salsa provincia Americana con un che di regime. Comunque musichette da mtv appunto.
Indigo
Domenica 19 Luglio 2020, 16.10.53
7
Il leggendario Nu Metal Head! Credo proprio che io e te potremmo parlare all'infinito di nu metal visto che è anche il mio genere preferito Per Brown ho preferito l'etichetta crossover perchè ritengo, come scritto nella recensione, che per loro di nu metal si possa parlare da The Fundamental Elements.. in poi. Concordo con te e con Silvia su Satellite, il loro miglio disco con le canzoni più note, Youth of the Nation su tutte.
Nu Metal Head
Domenica 19 Luglio 2020, 15.35.03
6
parere personale, all'interno del panorama nu metal secondo me non sono proprio un gruppone da strapparsi i capelli, ma è anche sbagliato dire che non abbiano lasciato molto al genere... un album come "satellite" era molto bello e anche aggressivo in diversi frangenti, anche se non in tutte le tracce presenti, e canzoni come "alive", "boom" e soprattutto "youth of the nation" rimarranno per sempre ricordate tra gli episodi migliori di questo sottogenere...
Silvia
Domenica 19 Luglio 2020, 12.13.56
5
Come gruppo inutile? Si può dire che non hanno scritto molti album di rilievo ma hanno ancora tanto seguito dal vivo e Satellite è un disco splendido nel suo mix di sonorità diverse . Questo lo devo riprendere, lo ascoltai tempo fa e non mi lasciò molto sinceramente ma ricordo che (come dice Indigo) fu un passo avanti nel focalizzare la direzione del gruppo, troppo confusa nel precedente secondo me.
d.r.i.
Domenica 19 Luglio 2020, 11.34.05
4
Scusa mancava un pezzo dopo di prima fascia...o sconosciute ma degne di nota.
d.r.i.
Domenica 19 Luglio 2020, 11.32.06
3
Sì lo capisco ma io avrei puntato almeno a band di prima fascia. Loro nel nu, a mio parere, non hanno lasciato molto. Cioè io manco avrei iniziato la loro discografia . Non voleva certo essere una critica alla recensione in se.
Indigo
Domenica 19 Luglio 2020, 0.23.05
2
Accetto la tua critica e la accetto serenamente ma permettimi di ribadire un concetto già espresso anche da altri redattori: il nostro obiettivo è quello di offrire a voi lettori il maggior numero di recensioni possibili da commentare e discutere ed è dunque meglio avere del materiale in in più piuttosto che essere in difetto. Col tempo arriveranno anche i nomi più altisonanti o, come dici tu, do qualità. Sui p.o.d ti dico che stiamo completando la loro discografia e mancando solo quest'album per gli anni'90 mi sembra logico averlo recensito e messo a disposizione
d.r.i.
Sabato 18 Luglio 2020, 22.39.13
1
Gruppo inutile nel panorama nu metal, crossover o come lo so voglia definire. Onestamente punterei a recensioni di gruppi meno conosciuti ma nettamente più validi (come se fosse difficile)
INFORMAZIONI
1996
Rescue Records
Crossover
Tracklist
1. Intro
2. Know me
3. Selah
4. Visions
5. Brown
6. One day
7. Punks Rock
8. Breathe Babylon
9. Funk jam
10. Preach
11. Reggae jam
12. Full color
13. Seeking the wise
14. Live and die
15. Outro
Line Up
Sonny Sandoval (Voce)
Marcos Curiel (Chitarra)
Traa Daniels (Basso)
Wuv Bernardo (Batteria)

Musicisti ospiti
Dirt (Voce nelle tracce 8, 13)
Mike$ki DeGracia (Turntablism, Samples nelle tracce 1, 5, 14, 15)
 
RECENSIONI
67
48
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]