Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKALMOLD
10 Year Anniversary - Live in Reykjavik

25/09/20
LONEWOLF
Division Hades

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

25/09/20
BLOODRED
The Raven/s Shadow

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
OBSIDIAN KINGDOM
Meat Machine

CONCERTI

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

Hate - Erebos
18/07/2020
( 262 letture )
Il settimo sigillo in casa Hate giunge a due anni di distanza dal precedente Morphosis (2008), punto cruciale per la band polacca in quanto crocevia stilistico del loro lungo percorso musicale, iniziato nel 1990. Il disco preso in esame è un omaggio all'antica divinità greca di cui porta il nome, ovvero Erebos, la personificazione dell'oscurità e del buio profondo.
In questo album gli Hate affinano ancor di più la loro proposta musicale, via via sempre più articolata e definita, abbandonando la mera brutalità degli inizi in favore di architetture e arrangiamenti più moderni e variegati. Una ricerca stilistica che punta a scrollarsi di dosso la fastidiosa etichetta di cloni di Behemoth e Vader che i ragazzi di Varsavia si sono portati dietro fin dagli esordi.

Lo stile rimane sempre a cavallo tra il death e il black metal, le influenze sopra citate dei connazionali sono ancora presenti, soprattutto nella voce di Sinner e in parecchie scelte stilistico-strumentali. Troviamo tuttavia segni marcati di una nuova personalità musicale grazie all'inserimento di molte parti epiche e marziali, all'utilizzo di riff di matrice thrash e a vere e proprie ritmiche hardcore, che risultano essere davvero di pregevole fattura. La produzione (come da manuale in questo ultimo decennio in ambito death) punta a un impatto sonoro di pura violenza, con voce e batteria a spiccare nel sound generale. Il drumming di Hexen è pressoché impeccabile, moderno e vario, cuore pulsante e motore della band. Il basso dal suono caldo e gonfio viene lasciato leggermente indietro nel mixaggio e in alcuni fraseggi va a perdersi a favore dell'erigersi delle chitarre, che si distinguono per nitidezza anche nei passaggi più veloci e articolati, creando un vero e proprio muro sonoro.
Dopo un'analisi dei suoni veniamo alle tracce. Erebos si apre con i cupi arpeggi della intro Genesis, acustico preludio alle prime due tracce, Lux Aeterna e l'omonima Erebos. In entrambe le composizioni la velocità e la brutalità dei riff black/death vengono alternate con parti marcatamente più ritmate e rallentate dove è il groove a emergere. A scandire il tutto è la batteria di Hexen che si impone per presenza e versatilità, in una riuscitissima combo iniziale in cui la band ci mostra la sua nuova strada stilistica. Nella successiva Quintessence Of Higher Suffering vengono esplorati i ritmi più epici e rallentati del death metal dove da sottolineare è la linea vocale del leader Sinner, davvero impressionante. A metà album eccoci arrivare alla splendida Trinity Moons, un pregevolissimo brano sviluppato in sei minuti dove le melodie delle chitarre si articolano su un ottimo lavoro della sezione ritmica, per poi sfociare sul finale in un assolo epico. La seconda parte del disco invece scorre con meno facilità, perché si ripresentano le solite somiglianze con i nomi pluridecorati del genere, e quello che emerge è il perpetuo sentore di copia-incolla verso i capolavori del passato. Qui Erebos risulta piuttosto nebuloso, se non per rare parti in cui il ritmo viene abbassato e ad emergere sono le ritmiche di stampo hardcore, in cui gli Hate si dimostrano essere molto ispirati. Inaspettatamente invece ecco giungere in coda all'album il vero singolo trascinatore, Wrists, brano basato su un riff molto cadenzato dal groove coinvolgente (e piuttosto differente dagli altri brani qui proposti), una bomba a orologeria in sede live per la band e per il pubblico. La conclusiva Luminous Horizon non perde un attimo di tensione, giocata su continui cambi ritmici dove batteria e chitarre mettono in mostra tutto il loro talento, a tratti marziale e senza perdere mai epicità. Il brano termina con un bellissimo assolo di chitarra.

La caratura degli Hate è indiscutibile e valutato a posteriori Erebos è senza dubbio un disco validissimo e inaspettato, un punto di rottura e quindi di svolta nella carriera dei polacchi. Le nuove scelte stilistiche hanno giocato un ruolo fondamentale nel giudizio positivo, ma è possibile sentire ancora punti in comune con altre band di spicco. A tratti, infatti, a dominare la scena è proprio la mancanza di varietà e di personalità, una summa di piccole imperfezioni che tuttavia non sono sufficienti ad offuscare il valore di questo album.



VOTO RECENSORE
74
VOTO LETTORI
46 su 1 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2010
Listenable Records
Death
Tracklist
1. Genesis
2. Lux Aeterna
3. Erebos
4. Quintessence of Higher Suffering
5.Trinity Moons
6. Hero Cults
7. Transsubstance
8. Hexagony
9. Wrists
10. Luminous Horizon
Line Up
Adam "The First Sinner" Buszko (Chitarra, Voce)
Destroyer (Chitarra)
Mortifier (Basso)
Hexen (Batteria)
 
RECENSIONI
70
67
74
ARTICOLI
27/09/2019
Live Report
NILE + HATE ETERNAL + VITRIOL + OMOPHAGIA
Revolver Club, San Donà di Piave (VE), 21/09/19
15/02/2019
Live Report
DIO DRONE NIGHT: HATE & MERDA + NUDIST + TIBIA
Wishlist Club - Roma - 09/02/2019
12/12/2018
Live Report
KREATOR + DIMMU BORGIR + HATEBREED + BLOODBATH - THE EUROPEAN APOCALYPSE
Alcatraz, Milano - 06/12/2018
15/05/2018
Live Report
EYEHATEGOD + GUESTS
10/05/2018, OZ, Bologna
05/03/2018
Live Report
NATIONAL SUICIDE + HATEWORLD
Ziggy Club, Torino (TO), 03/03/2018
22/10/2017
Live Report
BELPHEGOR + ENTHRONED + HATE + NERVOCHAOS
Circolo Colony, Brescia, 19/10/2017
26/09/2017
Live Report
CELESTE + HATE&MERDA + NAGA + GUESTS
Trecentosessanta Gradi, Roma, 22/09/2017
26/05/2017
Intervista
HATE
Eredità e ispirazioni
08/03/2017
Live Report
WAR ZONE III: NATIONAL SUICIDE + HATEWORLD + ASHMODAI
Padiglione 14, Collegno (TO), 4/3/2017
09/02/2017
Live Report
DESTRAGE + WHATTAFUCK!? + THE BIG SOUTH MARKET + LOTUS HATERS
Bari, Demodé Club, 04/02/2017
11/05/2016
Live Report
NOVEMBRE + ALBA DI MORRIGAN + PROLIFERHATE + AWAKE THE SUN + ALNEA + PLATEAU SIGMA
El Barrio, Torino, 07/05/2016
13/11/2015
Live Report
FIL DI FERRO + HATEWORLD
Border, Torino (TO) , 06/11/2015
12/01/2015
Intervista
DOMINHATE
A tu per tu con Alex
24/02/2014
Live Report
HATEBREED + NAPALM DEATH
Orion Live Club, Ciampino (RM), 19/02/2014
07/02/2014
Intervista
HANDFUL OF HATE
La musica è un'arma letale
06/01/2014
Intervista
HATESPHERE
Introspezione sull’atto delittuoso
19/11/2013
Live Report
VOMITORY + HATEFUL + GUEST
Traffic Live, Roma, 15/11/2013
19/05/2011
Live Report
HATE ETERNAL + OBSCURA + BENEATH THE MASSACRE + DEFILED
Rock N' Roll Arena, Romagnano sesia (NO), 13/05/2011
17/09/2010
Intervista
HANDFUL OF HATE
La voce del black metal nazionale
26/04/07
Intervista
HATESPHERE
Parla Jacob
09/02/2007
Live Report
SICK OF IT ALL + WALLS OF JERICHO + HATEBREEDERS + CRUSHING CASPARS
La data a Trezzo D'Adda
09/04/2006
Intervista
HANDFUL OF HATE
Parla la band
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]