Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Deep Purple
Infinite
Demo

The Brain Washing Machine
Connections
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/05/17
BLEED AGAIN
Momentum

05/05/17
ECHOTIME
Side

05/05/17
SEVEN KINGDOMS
Decennium

05/05/17
HATE
Tremendum

05/05/17
SIDEBURN
#Eight

05/05/17
FROM OCEANS TO AUTUMN
Ether/Return to Earth

05/05/17
GLASS MIND
Dodecaedro

05/05/17
DOYLE
Doyle II: As We Die

05/05/17
EISREGEN
Fleischfilm

12/05/17
SABBATH ASSEMBLY
Rites of Passage

CONCERTI

29/04/17
TEMPERANCE
TEATRO SOCIALE - ALBA (CN)

29/04/17
ONSLAUGHT + HOUR OF PENANCE + THE FORESHADOWING + altri
BARBARA DISCO LAB - CATANIA

29/04/17
NEID + MACARIA + VILEMASS
ISTANBUL CAFE' - SQUINZANO (LE)

29/04/17
METALZONE
ART ROCK CAFE' - IMOLA

29/04/17
MACHETE FEST
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

30/04/17
SUNDAY HARDCORE MASSACRE FEST
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

03/05/17
DREAM THEATER
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA - ROMA

04/05/17
HORNA + KURGAALL + VERATRUM + ETERNAL SAMHAIN
ORANGE TAVERNA ITALICA - PESCARA

05/05/17
DREAM THEATER
TEATRO VERDI - FIRENZE

05/05/17
HORNA + KURGAALL + VERATRUM + ETERNAL SAMHAIN
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

Obituary - Xecutioner’s Return
( 6724 letture )
Poco dopo gli Arch Enemy, ecco un'altra formazione attesa al varco dal sottoscritto: tornano difatti anche gli Obituary a due anni di distanza dal controverso e, sempre a detta di chi scrive, quanto mai non esaltante Frozen In Time.

Le novità che ne hanno anticipato l'uscita inevitabilmente hanno incrementato le aspettative, ma soprattutto la curiosità; difatti liquidato Allen West, causa i soliti problemi legali (legati a l'abuso di alcolici), pur di non rallentare ulteriormente i lavori, i fratelli Tardy hanno assoldato Ralph Santolla, anche lui fresco dalla separazione con i Deicide. Dulcis in fundo, gli statunitensi decidono di abbandonare la RoadRunner, che sin qui ha seguito tutte le loro precedenti uscite, a favore della meno pompata Candlelight. Almeno sulla carta quindi una vera e propria rivoluzione. Eppure a conti fatti le note positive del neonato Xecutioner's Return arrivano esclusivamente dal versante storico. Ottima, come sempre, la prova di John Tardy, forte di un inimitabile growl, profondo e marcio, immune ai segni del tempo; discorso analogo per la sezione ritmica, consegnata all'affidabile duo Donald Tardy e Frank Watkins, capaci di svolgere egregiamente il compito, perchè maestri nel ricreare un'atmosfera avvolgente e ossessiva. Degna di nota anche la produzione, volutamente retrò, in grado di riportare indietro le lancette del tempo. Ma già da quest'ultima iniziano le noti dolenti: infatti se da un lato la scelta catapulta idealmente i floridiani proprio negli anni gloriosi, nei quali scrissero i capitoli più importanti della loro storia (e del genere), d'altro canto un'opera di svecchiamento avrebbe sicuramente giovato all'ascolto. Infatti i temi musicali ricorrenti, coadiuvati da opzioni stilistiche oramai discutibili, non riescono a far decollare il platter, che sin dalle prime note assume gli inquietanti tratti dell'autocitazionismo. Purtroppo mancano gli auspicati guizzi e quelle intuizioni che quantomeno avrebbero elevato il songwriting, rendendo accattivante la proposta, e non sbiadita quindi dai grigi colori della noia, unico elemento malauguratamente dominante. Lo stesso Santolla, dal quale ci si aspettava quel "quid" in più, risulta impacciato, fortemente ingolfato dal vetusto contesto, evidentemente non suo, imbrigliato da semplici e ripetitivi schemi, di certo non adatti per esaltare le sue doti.

E' giusto comunque sottolineare come non manchino del tutto episodi felici: Face your god è la classica opener di livello, così come le gradevoli Lasting Presence e Drop Dead, brani che sicuramente dal vivo diranno la loro. Ma davvero troppo poco per una formazione che porta quel nome e dalla quale era lecito aspettarsi qualcosa in più. Il sipario si chiude su Xecutioner's Return, lasciando solo il vuoto della delusione e le minacciose ombre di un secondo tramonto per gli Obituary.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
54.67 su 67 voti [ VOTA]
Andrea "Cannibal" 78
Domenica 2 Aprile 2017, 21.34.27
31
Il peggior album degli Obituary, aimè, nessun brano di rilievo, noiosissimo.
Pink Christ
Giovedì 19 Gennaio 2017, 16.47.21
30
55 un pò poco, e non son molto d'accordo con la recensione, non lo trovo cosi piatto e grigio. Non un capolavoro ma un album che si fa ascoltare in tutta la sua durata con qualche pezzo un pò sottotono. 67
LAMBRUSCORE
Mercoledì 11 Gennaio 2017, 19.24.07
29
Per me alcuni pezzi validi, altri che mi farebbero cambiare il titolo in Xanaxioner's Return... alla fine però non è da bocciare, un 65 ci può stare.
Hermann 60
Giovedì 14 Luglio 2016, 16.59.57
28
Certo dagli Obituary ci si aspetta sempre qualcosa di eclatante, comunque a me piace. Pezzi come Drop dead, Evil ways e Bloodshot sono notevoli, e poi li amo troppo per criticarli
AL
Sabato 28 Febbraio 2015, 12.40.17
27
anche per me non è proprio così scarso. Santolla non mi piace però certe canzoni mi prendono. l'artwork invece fa pena. per me 75. Lasting presence è notevole
Masterburner
Giovedì 19 Febbraio 2015, 10.28.43
26
Non è così male, la produzione è azzeccata e anche i solo di Santolla ci stanno abbastanza. E c'è qualche pezzo che rimane, su tutti Evil Ways e Drop Dead. Dai non è male, un 70 glielo dò.
ivan1967
Domenica 16 Novembre 2014, 1.23.58
25
La recensione sotto riguarda l' album INKED IN BLOOD ........................
ivan1967
Sabato 15 Novembre 2014, 2.29.56
24
L' ho ascoltato gia' quattro volte................non lo ritengo un lavoro malvagio, anzi, mi piace. Non al livello dei mostri sacri (cause of death-slowly we rot-world demise) pero' molto godibile e di, a mio parere, impatto immediato. Un discreto lavoro..............
Io :)
Domenica 20 Aprile 2014, 4.29.55
23
Secondo me il disco è molto buono. Minimalista, "doomeggiante", marcio al punto giusto. Sottovalutato per me vale un 75+
Drugo
Giovedì 6 Settembre 2012, 1.32.50
22
Santolla è il death metal band killer, dove c'è lui scoppia la catastrofe...
antiborgir
Venerdì 24 Agosto 2012, 22.06.32
21
A me gli assoli melodici del Santolla piacciono,anche all'interno del sound marcio degli obituary . Amo tutti i loro lavori,anche questo per me è su buoni livelli. voto 75.
Undercover
Giovedì 16 Giugno 2011, 18.41.31
20
Un disco penoso all'inverosimile.
Darkside
Giovedì 16 Giugno 2011, 15.29.25
19
Orrido.
Enrico
Mercoledì 17 Novembre 2010, 8.06.37
18
Capolavoro.
Paul the boss
Mercoledì 4 Novembre 2009, 15.30.19
17
niente a che vedere con cause of death e the end complete
hm is the law
Sabato 31 Ottobre 2009, 0.38.57
16
Un bruttissimo disco rercensito magnificamente
L'amico di Mauro
Martedì 3 Marzo 2009, 1.39.39
15
Obituary + James Murphy = Cause Of Death..... 1 dei capolavori più IMMENSI del Death Metal.
Mauro
Martedì 3 Marzo 2009, 1.33.46
14
Per me il disco è molto valido. Qui viene proposto un death metal scarno che più scarno non si può ma..... mi piace molto.
AL
Giovedì 5 Febbraio 2009, 13.07.14
13
vedere gli Obituary tra le bocciature mi si stringe il cuore.... sigh sigh...
Uno qualsiasi
Sabato 17 Gennaio 2009, 10.49.55
12
Mah, sai che è Giasse (cavolo è passato un mese da che ti rispondo hehehe), io negli Obituary Ralph ce lo vedo proprio male, gli Obituary fanno un death scarno, semplice e neanche tanto difficile da suonare, metterci tutti quegli assoli, con il suo stile, in un contesto come quello degli Obituary secondo me porta a una dicotomia che non funziona. A dire la verità non ce lo vedevo neanche nei Deicide... del resto anche nella recensione si dice che comunque suona impacciato dal contesto vetustoil che confermerebbe quanto da me detto. Se poi piace, ok, ma a me no, e sono fan degli Obituary!
Giasse
Giovedì 4 Dicembre 2008, 23.14.08
11
Sicuro? l'ho visto suonare dal vivo con loro proprio con i mei occhi il 21/01/2008... e che fenomeno!
Uno qualsiasi
Giovedì 4 Dicembre 2008, 22.56.39
10
Tra l'altro Ralph Santolla con gli Obituary non c'entra proprio una ceppa
El Feroce
Lunedì 11 Febbraio 2008, 19.14.38
9
Death metal significa incutere paura e senso di malevolenza a chi ascolta. E' questo che provavo quando da adolescente ascoltavo gli OBITUARY, quelli di Cause of death e The end complete. Oggi quello che provo è compassione. Oggi quella paura si chiama ancora Suffocation...
maiden1976
Mercoledì 7 Novembre 2007, 10.46.49
8
ma ragazzi!!! mi volete dire cosa volevate aspettarvi da un album degli Obies? io quello che ho ascoltato!!! Loro sono questo e un vero fan non vuole e non chiede niente altro, solo quello che sanno fare e meglio di tutti, anche nel 2007....altro che tramonto.
FrancescoGallina
Sabato 3 Novembre 2007, 11.17.28
7
Bravo Peppe, prova a dare un'occhiata alla rece sugli Helloween, c'è di che riflettere, ed un commento di Persy è stato eliminato a causa del linguaggio "eccessivo".
Giasse
Giovedì 1 Novembre 2007, 22.20.03
6
Accozzaglia di vecchie idee e niente di più. Produzione anacronistica. Aggiunta nozionistica: sapete perchè Xecutioner's Return? Perchè prima di adottare Obituary come moniker (1988) il gruppo si faceva chiamare proprio Xecutioner. Bel ritorno...
Il Mentalista
Mercoledì 31 Ottobre 2007, 12.28.46
5
A me è piaciucchiato anche più del suo predecessore, certo niente di esaltante, ma trovo l'analisi di luca un pò troppo impietosa. De gustibus... quello che non riesco a capire invece, caro persy, è perchè giudicare una recensione in base al fatto che il voto si allinei o meno alla media...
Persy
Mercoledì 31 Ottobre 2007, 0.16.10
4
Disco senza troppi pregi. Alcune parti sono da cancellare! 55 è cmq un voto davvero fuori dalla realtà. La media di tutti i buoni recensori (compresi i cugini tedeski e così via) è circa 70-75/100. Il voto è quello. Recensione appena sufficiente. saluti
[...]
Martedì 30 Ottobre 2007, 17.37.14
3
si è vero, ho letto molte race su quest'album e c'è chi dice che ha riscosso motlo successo sia da critica che dal pubblico o paragonandolo al precedente, ma quest'album come è già stato detto, è un album con scarse idee.
The Death
Lunedì 29 Ottobre 2007, 19.05.06
2
Bravo!!! Quoto riga per rigadell'ottima rece! Finalemnte qualcuno che ha le palle per dire come stanno le cose! Ho letto diverse cose in rete e su carta, ma quasi tutti per non sbilanciarsi hanno preferito vedere il bicchiere mezzo vuoto. Invece come Arakness fa giustamente notare, questo disco è mediocre. Poce idee e pochi contenuti. Delusione Assoluta!
Yossarian
Lunedì 29 Ottobre 2007, 17.45.56
1
E' vero, disco deludente, piatto, lontanissimi sono i tempi d oro!!!
INFORMAZIONI
2007
Candlelight
Death
Tracklist

1. Face Your God
2. Lasting Presence
3. Evil Ways
4. Drop Dead
5. Bloodshot
6. Seal Your Fate
7. Feel The Pain
8. Contrast The Dead
9. Second Chance
10. Lies
11. In Your Head
Line Up

John Tardy - Voce
Ralph Santolla – Chitarra
Trevor Peres - Chitarra
Frank Watkins - Basso
Donald Tardy - Batteria

http://www.obituary.cc
http://www.myspace.com/obituary
 
RECENSIONI
60
79
82
89
95
93
ARTICOLI
23/11/2016
Live Report
BATTLE OF THE BAYS EUROPEAN TOUR: OBITUARY + EXODUS + PRONG + KING PARROT
Zona Roveri Music Factory, Bologna (BO), 19/11/2016
05/01/2016
Intervista
OBITUARY
Still (Death)Crushing - Intervista a Donald Tardy
18/02/2015
Intervista
OBITUARY
Tatuato Nel Sangue - Intervista a Trevor Peres
29/01/2015
Live Report
OBITUARY + M-PIRE OF EVIL + DUST BOLT + ROTTING REPUGNANCY
Rock'N'Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 24/01/2015
23/07/2014
Live Report
OBITUARY + EYECONOCLAST + SOUTHERN DRINKSTRUCTION + MUTANT SAFARI
Traffic Club, Roma, 17/07/2014
13/12/2012
Live Report
OBITUARY + MACABRE
Honky Tonky, Milano, 08/12/2012
04/06/2012
Live Report
OBITUARY + ADIMIRON + CORPSEFUCKING ART ed altri
Blackout Rock Club, Roma, 02/06/2012
21/01/2008
Live Report
OBITUARY
Il concerto di Milano
29/09/2005
Intervista
OBITUARY
Parla John Tardy
09/11/2004
Articolo
OBITUARY
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]