Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKALMOLD
10 Year Anniversary - Live in Reykjavik

25/09/20
NASTY
Menace

25/09/20
HATEFUL
Set Forever on Me

25/09/20
THE OCEAN
Phanerozoic II: Mesozoic | Cenozoic

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
BLOODRED
The Raven/s Shadow

25/09/20
SCORGED
Scorged

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

CONCERTI

20/09/20
HARDCORE THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

SVNTH - Spring in Blue
08/09/2020
( 403 letture )
I Seventh Genocide, oggi noti come SVNTH, sono un gruppo ormai storico nella scena post-black metal romana. Fondati nel 2006, hanno pubblicato due album con un riconoscibile mescolamento di melodie sospese e diatoniche reminiscenti di vari gruppi sullo stile di Alcest e Agalloch con sezioni in blast-beat e soluzioni prese in prestito da un black melodico vicino, per certi aspetti, ai Taake. Dopo un debutto un po' incerto e di neanche mezz’ora di durata, è con il secondo album, Toward Akina, che il gruppo mostra dell'ottimo potenziale. Oltre a durare il doppio mostrava anche un maggiore focus sulle melodie a corda aperta e qualche occasionale influenza dei Forgotten Tomb. Tuttavia, mancava ancora qualcosa che potesse elevarlo a ottimo.

Dopo aver pubblicato due album, il gruppo ha cambiato monicker in un abbreviato SVNTH, a cui è seguita la terza release in studio con la partecipazione di ospiti, anche di un certo peso. Dopo un'intro strumentale che introduce l’ascoltatore al tipo di sound proposto nel disco, Erasing Gods' Towers si prende più di tre minuti prima di includere chitarre distorte e progressivo uso di fraseggi in tremolo e batteria in doppia cassa. Parallel Layers prende un approccio ancora più subdolo e catartico, includendo riff più violenti e occasionali palm-muting e passaggi di chitarra slide. Dopo Wings of the Ark, un pezzo minore penalizzato dall’essere circondato da tracce lunghe più del doppio, l’assalto a base di accordi sostenuti da blast-beat continua con Chaos Spiral in Reverse, lungo brano di quattordici minuti che dopo un calo di dinamiche spara dei breakdown affrontando altre sezioni più veloci che si ripetono più volte. Da segnalare la presenza del funambolico Colin Marston (Gorguts, Krallice e tantissimi altri), che in questo brano partecipa suonando la sua ormai iconica warr guitar (una chitarra/basso stick a dodici corde). Sons of Melancholia, altro lungo brano di tredici minuti, segue ritmi up-tempo molto meno massicci ed arpeggi in clean in bilico tra qualcosa di vicino ai Rush ed Intronaut, a cui si aggiungono alcuni passaggi e assoli stile new wave anni ottanta ed una sezione finale d'ispirazione doom. A non colpire pienamente è la produzione (curata da Colin Marston), che a causa di una distorsione poco convincente ed entrate poco naturali ed improvvise, fa suonare il tutto un po' artefatto e freddo. E non solo, a perderci è anche lo scream di Rodolfo Ciuffo, debole e sepolto dagli arrangiamenti.

Se il cambio di monicker può essere visto come l'inizio di un nuovo percorso, bisogna ammettere che Spring in Blue risulta più completo, ed abbraccia vari stili eseguendo in maniera competente il lavoro psichedelico che ci si aspetta. Tuttavia, l’album appare più dispersivo di Toward Akina, e spesso si fa fatica a digerire i momenti in cui ci le progressioni si fanno più statiche o cariche esclusivamente di atmosfera. Con membri del gruppo attivi anche in altri progetti/gruppi attivi e con cui collaborare (Bedsore, Night Gaunt e Thecodontion tra i vari), resta da vedere se il progetto SVNTH avrà ancora modo di migliorarsi.



VOTO RECENSORE
74
VOTO LETTORI
61.66 su 9 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2020
Transcending Records
Black
Tracklist
1. Who is the Dreamer?
2. Erasing Gods' Towers
3. Parallel Layers
4. Wings of the Ark
5. Chaos Spiral in Reverse
6. Sons of Melancholia
Line Up
Rodolfo Ciuffo (Voce, Chitarra acustica, Basso)
Stefano Allegretti (Chitarra)
Jacopo Gianmaria Pepe (Chitarra)
Valerio Primo (Batteria)

Musicisti ospiti:

Marco Soellner (Voce sulla traccia 4)
Angela Radoccia (Voce sulle tracce 2 e 6)
Colin Marston (Warr Guitar sulla traccia 5, Tastiere)
Josiah Babcock (Batteria sulla traccia 5)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
14/09/2020
Intervista
SVNTH
Il settimo genocidio
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]