Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
SKALMOLD
10 Year Anniversary - Live in Reykjavik

25/09/20
NASTY
Menace

25/09/20
HATEFUL
Set Forever on Me

25/09/20
THE OCEAN
Phanerozoic II: Mesozoic | Cenozoic

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
BLOODRED
The Raven/s Shadow

25/09/20
SCORGED
Scorged

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

CONCERTI

20/09/20
HARDCORE THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

Blut Aus Nord - Thematic Emanation of Archetypal Multiplicity (Soundtracks for Scientists of Occ
12/09/2020
( 339 letture )
Ogni parola spesa per descrivere la musica dei francesi Blut Aus Nord è sempre assai rischiosa, poiché potenzialmente limitante per ciò che vorrebbe descrivere. La musica di questa misteriosa, oscura ed inquietante entità transalpina sfugge il verbo umano, poiché non appartiene alla realtà conoscibile. Giunto a due anni di distanza dal fondamentale The Work Which Transforms God (per il sottoscritto, uno dei dischi fondamentali per la storia del metal estremo), Thematic Emanation of Archteypal Multiplicity (Soundtracks for Scientists of Occult Synchretism), EP della durata di poco inferiore alla mezz’ora, prosegue sul cammino intrapreso dalla marcescente band privandolo, però, dell’elemento black metal.
L’opera è strutturata come un viaggio, una discesa verso le viscere della follia, il cui ingresso è sito nella cantina del Dio trasformato: voci eteree, distanti e riverberate, accolgono l’ascoltatore, coraggioso e desideroso di abbandonarsi alla deriva dell’inesistenza, all’inizio di Enter (The Transformed God Basemet). All’improvviso, l’estrema distorsione delle chitarre di Vindsval, per l’occasione unico musicista all’opera, si accompagnano ad una drum machine severa ed austera, mentre cori maschili tessono nenie quasi ieratiche. Superata la prima stanza, è il momento di scendere una rampa di scale e raggiungere il primo piano interrato: Level – 1 (Nothing Is) è, insieme con la precedente, la canzone più vicina al sound del summenzionato disco predecessore, sebbene sia dominata da una dilatazione che la avvicina ai lidi del doom. Vindsval. L’elettronica si fonde alle ipnotiche linee anti-melodiche tracciate dal polistrumentista, in un’orgia di disagio ed angoscia la cui voce non sono ansimi di piacere ma versi distorti, ora recitati con voce profonda ed imposta, ora con uno scream graffiante e pungente. Le mura di questo piano, umide e marcescenti, sono illuminate da un’oscurità profonda ed impenetrabile, fendibile solo abbandonandosi alla deriva verso l’assenza di essere e di coscienza; l’aria è resa pesante da un passato ignoto e fatto di dolore e disperazione; da lacrime, sudore, sangue.
Scendiamo ancora, già provati nel corpo e nello spirito. Level – 2 (Nothing Is Not) è, sin dal titolo, continuazione e contrapposizione del piano precedente. Le fondamenta industrial ora fungono da base per una struttura trip hop acida e logorante. Meno cupo ma non meno angosciante, questo terzo brano rappresenta forse il capitolo più interessante ed affascinante dell’intero EP, grazie alla sua atmosfera ambigua, minacciosa e rassicurante al tempo stesso, inquietante ed adrenalinica insieme, lisergica ed asfissiante. Il passaggio in questo secondo piano è sicuramente meno pesante e difficoltoso rispetto al precedente ma funge solo da preparazione per il prossimo. Level – 3 (Nothing Becomes) è la rappresentazione della stasi, dell’immobilità. Sonorità che paiono appartenere a rituali sacri orientali si ripetono per sette minuti, accompagnate da vocalizzi vuoti che evolvono in un colosso di pietra ammuffita. Nulla diviene, in questo terzo piano, tutto è ibernato in un’eternità senza tempo: è l’ultimo istante prima del definitivo dissolvimento nella follia. Exit (Towards the Asylum), capitolo finale di questa esperienza disturbante, è una breve outro priva di musica. Tutto ciò che si sente sono suoni, rumori, voci sinistre, distorsioni. È la fine: l’esistenza ha cessato di esistere.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
75 su 1 voti [ VOTA]
L'ImBONItore
Domenica 13 Settembre 2020, 10.54.07
1
Molto integhessante, mai sentiti nominaghe, sci dagho' una ascolto ! Chissa' se mi possano ghicoghdaghe gli Einsturzende Neubaten degli anni '80 .
INFORMAZIONI
2005
Candlelight Records
Industrial
Tracklist
1. Enter (The Transformed God Basement)
2. Level – 1 (Nothing Is)
3. Level – 2 (Nothing Is Not)
4. Level – 3 (Nothing Becomes)
5. Exit (Towards the Asylum)
Line Up
Vindsval (Tutto)
 
RECENSIONI
79
95
91
91
83
80
73
92
82
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]