Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Armored Saint
Punching the Sky
Demo

Lazy Legs
Moth Mother
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/10/20
ARKHERON THODOL
Rituals of the Sovereign Heart

30/10/20
CURIMUS
Garden of Eden

30/10/20
THEM
Return to Hemmersmoor

30/10/20
DEEP RIVER ACOLYTES
Alchemia Aeterna

30/10/20
OCCULT BURIAL
Burning Eerie Lore

30/10/20
STALKER
Black Majik Terror

30/10/20
VISIONS OF ATLANTIS
A Symphonic Journey To Remember

30/10/20
SVARTSYN
Requiem

30/10/20
STORMBRINGER
Stealer of Souls

30/10/20
URIAH HEEP
Fifty Years in Rock

CONCERTI

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

31/10/20
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN + VICOLO INFERNO
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

02/11/20
SCOTT STAPP
NEW AGE CLUB - RONCADE (TV)

03/11/20
FIT FOR A KING + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

04/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
HALL - PADOVA

05/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Metallica - S&M²
22/09/2020
( 3021 letture )
Nel 1999 i Metallica, ex alfieri del thrash metal lanciati nell'Olimpo del rock dal Black Album, registrarono uno dei live più celebri e discussi della loro carriera: stiamo ovviamente parlando di S&M, l'esperimento sinfonico (tentato già dei Deep Purple trent'anni prima) nel quale i Four Horsemen, accompagnati dall'orchestra sinfonica di San Francisco, rivisitavano una ventina fra classici intramontabili e pezzi più recenti, in un connubio a tratti esaltante, a tratti meno convincente; ciò nonostante, ed a dispetto di una folta schiera di detrattori -che per la verità accompagnano il gruppo, non senza buone ragioni, da un buon quarto di secolo-, il live fu un successo commerciale grandioso, forte di otto milioni di copie vendute.
Venti anni dopo, i nostri ci hanno riprovato e, accompagnati nuovamente dalla stessa orchestra (diretta stavolta da Edwin Outwater e Michael Tilson Thomas) hanno nuovamente registrato un live, mescolando anche stavolta pezzi che hanno fatto la storia della musica che amiamo e canzoni più recenti. No, purtroppo neppure stavolta è stato coronato il sogno di molti di veder incluse in lista Fade to Black e Welcome Home (Sanitarium).

Rimpianti a parte, quando si analizza un prodotto del genere, ovviamente, non si parla della grandezza del gruppo, non si discutono le sue scelte artistiche dal Black Album in poi, ma bisogna valutare la bontà del lavoro fatto mescolando heavy/thrash metal e musica sinfonica; al tempo stesso, essendoci già un illustre predecessore, dobbiamo domandarci se questo nuovo live, intitolato con poca fantasia S&M², regga il confronto con quello di vent'anni fa. Cerchiamo di fornire una risposta convincente a tali interrogativi vedendo più nel dettaglio cosa ci offrono i Symphallica.
Come sempre, l'apertura delle danze è affidata a The Ecstasy of Gold di Ennio Morricone e, come sempre, ascoltare tali note è un'emozione immensa, specie ora che il Maestro ci ha lasciati. A seguire, come vent'anni fa, la magistrale The Call of Ktulu, che non ha certo bisogno di presentazioni e che fa ancora la sua porca figura con l'eccellente accompagnamento orchestrale; del resto, la versione di S&M vinse addirittura un Grammy! A seguire ci viene offerta For Whom the Bell Tolls, da sempre pezzo forte dei live della band (chi non ha mai urlato a squarciagola Take a look to the sky just before you die/It's the last time you will! non sa cosa si perde). Anche in questo caso l'arrangiamento di due decadi or sono viene riproposto pedissequamente e, del resto, si tratta della scelta migliore: l'accompagnamento orchestrale nella prima parte, a far da contraltare ai riff di Hetfield ed Hammett, era perfetto allora e lo resta tutt'oggi, con il frontman autore di una buona prova al microfono, pur con tutti i limiti odierni. La prima novità si ha con The Day That Never Comes, uno dei pezzi migliori di Death Magnetic (a dispetto delle somiglianze con Fade to Black e One): trattandosi di un brano lungo e di ampio respiro, l'orchestra ha gioco abbastanza facile nell'infilarsi fra le pieghe della canzone e riempirle, conferendo loro rinnovato spessore; chi non ama la canzone difficilmente se ne lascerà conquistare, viceversa i fan potranno beneficiare di un buon connubio metal/sinfonia. The Memory Remains, che venti anni fa divenne celebre per il video live, nel quale un distinto signore in giacca e cravatta si godeva Hetfield e soci, è un di quei pezzi che non puoi fare a meno di canticchiare, pur magari detestandola a morte: ti si infila in testa e non se ne va più, anche se, con tutto il rispetto, siamo grati che a cantare il celebre “lalala” sia il pubblico e non Marianne Faithfull. Giunti a questo punto, la band inanella tre estratti dall'ultimo Hardwired... to Self-Destruct nel giro di cinque pezzi, con una scelta che lascia a dire il vero perplessi: Confusion, che già non è un granché di suo, non riesce ad acquisire maggior forza né dal vivo, né grazie all'orchestra, a causa di un arrangiamento un po' approssimativo; Moth into Flame, pezzo decisamente più convincente, fa miglior figura, ma ancora una volta l'orchestra si limita ad eseguire un compitino, alla “vorrei ma non posso”. Peccato, perché la sottovalutata No Leaf Clover mostra come si possa concepire una canzone che fonda l'anima orchestrale ed estrema della musica in maniera semplicemente perfetta; anche The Outlaw Torn trae nuova linfa vitale dall'accompagnamento con i musicisti guidati da mister Tilson, al punto che ci sentiamo di preferire questa versione a quella contenuta sul discussissimo Load. Qualcuno di voi dirà: non ci voleva molto... la prima parte dell'esibizione si chiude con Halo on Fire, che fra gli estratti da Hardwired è probabilmente quello baciato dalla miglior sorte nella fusione con la San Francisco Symphony, che torna ad unirsi letteralmente al gruppo, senza limitarsi ad accompagnarlo. Certo, sempre quel qualcuno di voi potrebbe chiedersi, legittimamente, perché non siano state scelte la title-track o, ancora meglio, Spit out the Bone.
Il secondo set si apre con un monologo interminabile di Lars, ma anche con due momenti inattesi: il primo vede l'esecuzione del secondo movimento della Suite Scita di Prokofiev, un pezzo noto per la sua impetuosità, qui ben reso dalla sola orchestra sinfonica; il secondo vede invece l'esecuzione, ad opera sia dell'orchestra che dei Metallica, del primo movimento del balletto Acciaio di Mosolov; con tutto il rispetto, in questo caso band ed orchestra sembrano andare in direzioni completamente opposte: insomma, non ci convince. La successiva canzone, The Unforgiven III, all'epoca dell'uscita di Death Magnetic fu tacciata di sacrilegio per aver osato “infangare” (di nuovo) il nome di uno dei pezzi più amati della band; a distanza di tanti anni, si rivela in realtà un pezzo discreto, ottimamente interpretato dal solo Hetfield e ben colorato dall'orchestra, che riesce a migliorarlo rispetto alla versione su disco, anche grazie all'assenza della fastidiosa produzione di Rick Rubin (qualcuno doveva dirlo). Arriva poi il turno di All Within My Hands, che i Four Horsemen ripropongono ormai frequentemente dal vivo, in quanto dà il nome alla loro fondazione benefica: l'attività è lodevole, la canzone sinceramente un po' meno, pure in questa versione squisitamente rifinita; in compenso, ora si entra nell'ultimo miglio ed i nostri tirano fuori i pezzi da novanta: prima ci viene proposta (Anesthesia) Pulling Teeth, il celebre assolo di basso registrato su Kill'em All da Cliff Burton, qui eseguito nientemeno che al contrabbasso, in una versione che strappa applausi sinceri. Wherever I May Roam, uno degli highlights del Black Album, vede rinnovata la sua potenza e bellezza grazie al connubio con gli orchestrali. One, che anche su S&M brillava di luce propria, si conferma come uno dei pezzi metal più belli ed intensi mai composti; ascoltandola, peraltro, si ha l'impressione che l'orchestra sia meno potente ed “invadente” rispetto a venti anni fa, ma ugualmente ben amalgamata. Per quanto riguarda Master of Puppets, consentitemi di raccontare un breve aneddoto personale: tanti anni fa, agli albori della mia frequentazione della rete e del mio ascolto di musica pesante, la versione contenuta su S&M fu il primo pezzo dei Metallica in assoluto che ascoltai; il problema fu che mi abituai talmente tanto a quel sound pomposo, che la prima volta in cui ascoltai la versione originale del disco non mi piacque! Detto ciò, Master è un altro classico, che in questo live vede peraltro una modifica della parte orchestrale, la quale accompagna molto abilmente il leggendario riff portante e si fonde con la meravigliosa sezione melodica centrale, pur non riuscendo a coprire alcuni errori di Hammett nell'assolo. Dopo siffatta esplosione di potenza, c'è tempo per la melodia di Nothing Else Matters, che costituisce un assist alla Totti per l'orchestra e, in conclusione, per Enter Sandman, una chiusura più che degna. Certo, non si può nascondere che l'assenza di Battery e Sad But True, alcuni dei momenti più alti del predecessore, faccia masticare amaro.

Alla fine di questa lunghissima (speriamo non tediosa) analisi, tiriamo le somme: questo S&M merita o no l'acquisto? La risposta non è così scontata: da un lato, i Metallica sanno ancora come regalare momenti di grande musica, al netto degli anni che passano, della voce non più straordinaria di James, delle ormai note imprecisioni di Lars, delle sbavature di Hammett e di una presenza di Trujillo da denuncia a Chi l'ha visto. Sentire Master of Puppets o One, anche per la decimillesima volta, è sempre una grande emozione e l'accostamento con l'orchestra, soprattutto nei classici, funziona a meraviglia.
Dall'altro, non è tutto oro quel che luccica: la mancanza dei due pezzi da novanta citati poc'anzi, se può esser spiegata con la volontà di non suonare una copia carbone del primo S&M, si fa però sentire se a rimpiazzarli sono Confusion ed All Within My Hands: sarà un'ovvietà, ma i pezzi più recenti non funzionano come quelli vecchi, né da soli, né con la San Francisco Symphony. Il rischio per nulla remoto, insomma, è che un ascoltatore possa innamorarsi delle versioni orchestrali di Master, Sandman e compagnia thrashante, ma preferisca rimetter su il caro vecchio S&M, con molti pezzi identici ed i Metallica più giovani di vent'anni, piuttosto che mettersi in tasca questo S&M². Ai posteri, come sempre, l'ardua sentenza.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
69.16 su 36 voti [ VOTA]
UpLoad
Domenica 11 Ottobre 2020, 18.58.13
43
Spettacolare. The memory Remains un inno! Alla faccia dei pemtametallari della coerenzah di sta ceppa di minchia!
ktoz
Mercoledì 30 Settembre 2020, 18.04.28
42
mah.. a mio giudizio album inutile... gia' con il primo tentavivo fecero cilecca . non trovo che i loro pezzi si sposino con l orchestra o perlomeno con quel tipo di arrangiamento che hanno provato. non ne vedo veramente ne lutilita', ne la vena artistica. solo un modo per fare cassa. Molto deludenti, sono stati una parte importante della mia vita da fan/ascoltatore e agli inizi anche di musicista. Ora all alba dei 46 anni, li trovo pacchiani, inutili senza contare Urlich che ormai è inabile a suonare. Non capisco perche' insistere. rischiano di rovinare i llroo glorioso e unico passato.
Brandon
Mercoledì 30 Settembre 2020, 15.25.07
41
Ci sono due modi di approcciare questo live. Confrontarlo con le uscite passate, tirare in ballo la "quadrilogia", sputtanare il Black Album, insultare Load e Reload, dimenticarsi (giustamente) di St. Anger ed infine mostrare una placida indifferenza verso le ultime uscite discografiche. Poi c'è il secondo modo: ascoltare il live valutandolo esclusivamente per quello che è. Io ho optato per la seconda strada e ho trovato un doppio album sinfonico suonato egregiamente, con band ed orchestra perfettamente integrati. Il più grande limite del live è anche il suo miglior pregio: l'orchestra. Mi piace il metal, mi piace la classica pura e per me sia il primo che il secondo S&M sono frai i migliori esempi di commistione fra i generi. E' ovvio che chi ama i suoni elettrici nudi e crudi, si terrà ben lontano da questo tipo di produzioni. Ma un conto è il parere soggettivo, rispettabilissimo, un altro è deprecare oggettivamente un disco di grande qualità.
Fruzio
Mercoledì 30 Settembre 2020, 14.25.12
40
Senza Black Album sarebbero underground.
d.r.i.
Mercoledì 30 Settembre 2020, 13.32.43
39
Fuffa
Gabriele
Mercoledì 30 Settembre 2020, 13.09.57
38
Vi piacerebbe essere vecchi come i Metallica a 60 anni.
Korgull
Lunedì 28 Settembre 2020, 17.44.50
37
Sinceramente sono in disaccordo con gli ultimi commenti....sei vecchio quando sei vecchio di testa, come sono loro. Gente come i Testament, stessa età circa, sono tutt'altro che ridicoli. Fanno dischi ormai perchė hanno fans che comprano tutto ciò che fanno a prescindere. Onore a loro perchė hanno creato un brand devastante, ma se parliamo di musica (siamo qui per questo no?) allora questa roba ė evitabile. Ciò che ha di bello quest'album lo ha solo perchė erano belle le canzoni originali
dariomet
Lunedì 28 Settembre 2020, 15.47.06
36
E sì Pink Christ, è quello che ho provato a spiegargli
Pink Christ
Lunedì 28 Settembre 2020, 15.41.40
35
Duke lo spirito anticonformista va bene quando hai 15-20 anni e vuoi spaccare il mondo. Adesso son cresciuti han famiglia e farebbero ridere se si mettessero a fare thrash old school anche perchè, diciamoci la verità, non sanno più suonare come una volta. E cmq se vogliamo son molto più anticonformisti loro che ogni volta fanno gli album senxza pensare a cosa penseranno i vecchi o i nuovi fan. Gli va di farlo e lo fanno. Lo fanno solo per i soldi? Può essere (anche se album come lùlù non son per niente commerciali, anzi è veramente difficile da ascoltare) , ma cmq fanno quel cazzo che gli pare senza preoccuparsi troppo se i fan continuano a sparagli la stessa merda da 30 anni. Io il disco non lo comprerò perchè ormai compro solo album che vanno dal 98 in su per me, voglio solo capolavori perchè ho già gli scaffali pieni e una famiglia a cui badare, ma ho sentito qualcosa ed è un ascolto piacevole, molte canzoni rendono bene e fa piacere riascoltarle in una nuova versione. I metallica non hanno più 20 anni, non faranno mai più un master of puppets, ma son musicisti a cui piace suonare e sperimentare ed è quello che han sempre fatto e per questo gli ammiro tantissimo.
IO
Lunedì 28 Settembre 2020, 6.47.07
34
100 minimo. capolavoro assoluto!
Korgull
Domenica 27 Settembre 2020, 10.35.27
33
Hanno pubblicato una cosa impubblicabile, complimenti
Vitadathrasher
Sabato 26 Settembre 2020, 23.54.14
32
Per quelli come me, il solito album privo di qualunque magia e interesse. Un cazzeggio musicale incensato dalla nobile orchestra classica. Per i boccaloni onnivori, album trasversale che accontenta i fan che ingoiano ogni "merda d'artista" e quelli che divorano svariati generi musicali.
LUCIO 77
Sabato 26 Settembre 2020, 22.38.02
31
Io neanche ho ascoltato questo Lavoro però mi è capitato di sentire Tuesday's gone dal vivo con Pepper Keenan e compagnia bella.. Dicono ancora la loro... Poi chiaro che i Metallica di 35 anni fa non ci sono più..
Max1
Sabato 26 Settembre 2020, 18.19.52
30
Non ho ascoltato nulla e penso che non lo farò, men che meno prenderlo visto che la scaletta non mi entusiasma e la maggior parte dei commenti parla chiaro. Peccato, perché il l primo S&M invece mi piace molto. Come qualcuno ha fatto notare, in America il Business viene prima di tutto e a tutti i costi e quindi non è che mi stupisca molto di tutte ste operazioni per fare soldi, se hanno successo, meglio per loro! Quello che non trovo corretto invece è prendere spunto da questa operazione di marketing per (continuare a) denigrare il gruppo che, età, acciacchi e problemini vari in ogni caso live spacca ancora e un loro concerto vale j soldi spesi. Che poi non facciano più album più o meno trash memorabili..d accordo..ma si potrebbe discutere.
L'ImBONItore
Sabato 26 Settembre 2020, 12.37.30
29
Ho riascoltato Ride the Lightning e Master of puppets, eeeee ancora non riesco a credeghe che siano le stesse peghsone degli ultimi 25 anni. Ma eghano davvero loro ? Sono diventati Fashion Metal. Cheeeeeee peccato !
Diego75
Sabato 26 Settembre 2020, 4.45.55
28
E' proprio vero che agli americani puoi vendere anche la cosa più inutile del mondo....basta pubblicizarla bene e loro ci ricascano come al solito!....i metallica?...dopo Load...potevano tranquillamente abbassare la saracinesca della bottega...gli va solo bene che sono americani e che si riciclano ancora alla soglia dei 60 anni per il pubblico americano medio...quello che dal rap ti passa ai metallica per poi finire con Lady Gaga....siamo alla frutta...sv!
duke
Venerdì 25 Settembre 2020, 22.27.50
27
...dariomet mi dispiace che non ti sei accorto che i metallica di oggi sono solo la copia sbiadita di quelli ....degli anni 80.....che raschiano il fondo del barile....basta vedere i cofanetti....i live sinfonici ... i costosissimi concerti.....e per te non battono cassa?....e poi li vedi uscire dai negozi di gucci.....dove e' finito lo spirito anticonformista di un tempo?
Angus71
Venerdì 25 Settembre 2020, 19.12.00
26
Voto 40 solo per l'amore che provai per questa band
VICTORY
Venerdì 25 Settembre 2020, 16.47.36
25
forse in 28 anni che ascolto metal difficilmente mi è capitato di ascoltare una schifezza di pari livello questo scempio. a partire dalla scaletta al limite del patetico, arrangiamenti senza senso e una produzione ridicola senza parlare di una prestazione di Hetfiel imbarazzante. Mi chiedo perche ste band oramai bollite si ostinino a fare robe tipo questa....cosa. Sicuro i soldi...ma la dignità=
Brandon
Giovedì 24 Settembre 2020, 14.41.43
24
Ascoltai per la prima volta i Metallica nel 2003, proprio con il primo S&M, subito dopo passai a St. Anger, inutile descrivervi la delusione. Quando poi ripercorsi la discografia a ritroso non potei fare a meno di pensare a quanto l'orchestra esaltasse la potenza e la scrittura dei Metallica ed in questo senso S&M2 è la loro definitiva consacrazione.
progster78
Giovedì 24 Settembre 2020, 9.31.42
23
Il primo mi e' piaciuto molto,questo meno.....ma Orion faceva schifo suonarla in chiave sinfonica???Boh!
dariomet
Mercoledì 23 Settembre 2020, 22.38.39
22
In ultimo mi sembra evidente che questo è un prodotto soprattutto per i fan,chi non li conosce non inizierà da questo disco e chi li detesta non cambierà idea per questo disco
dariomet
Mercoledì 23 Settembre 2020, 22.18.47
21
per rispondere a duke invece..i metallica hanno bisogno di soldi??e lulu ma pure hardwired ti sembrano album commerciali per far soldi?????
dariomet
Mercoledì 23 Settembre 2020, 22.16.10
20
che poi dire non azzeccano un album dal dopo black album è un opinione mica un dato di fatto
Barry
Mercoledì 23 Settembre 2020, 21.43.27
19
E' peggio del primo, infatti ha 10 punti in meno
Che voti in sto sito
Mercoledì 23 Settembre 2020, 21.36.40
18
S&M 1 che faceva cagare con un'orchestra di riempitivo senza un minimo di riarrangiamento..voto che gli avete dato 80. L'abominio di St.Anger voto 50..se lo faceva la band sconosciuta senza il monicker Metallica gli avreste dato 0 spaccato. S&M 2 scrivete che è peggio del primo..eppure si becca 70. I Metallica non azzeccano un disco dal dopo Black album c'è poco da fare al di là dei vostri voti ingiustificati.
duke
Mercoledì 23 Settembre 2020, 20.51.01
17
...band leggendaria....che da decenni scivola sempre piu' in basso.....tra scarsa ispirazione.....sfrenata voglia di soldi....una delusione enorme....difficile da digerire....
HIRAX
Mercoledì 23 Settembre 2020, 20.10.05
16
L'unica nota positiva è che i figli e le figlie dei membri dell'orchestra potranno dire: papà mio ha suonato con i Metallica!
HIRAX
Mercoledì 23 Settembre 2020, 20.07.03
15
Non lo voglio nemmeno ascoltare! Mi è bastato il primo che comprai all'epoca e che ho ascoltato pochissimo. Sta roba per me è inutile! Meglio il metallo puro anche se arrugginito!
Pikko
Mercoledì 23 Settembre 2020, 17.59.46
14
Scusate la punteggiatura, ma ero convinto che si vedesse l’andare a capo inviando i messaggi. Spero sia comprensibile comunque ciò che ho scritto.
Pikko
Mercoledì 23 Settembre 2020, 17.57.11
13
Boh, io ho provato tanta noia. Anche un leggero senso di pena nel vedere James così gonfio e invecchiato, ma sappiamo cosa sarebbe successo dopo pochi mesi. Detto questo le note positive: Produzione mostruosa The day that never comes (meglio dell’originale) Anesthesia Negative: Tutto il resto! Stesse canzoni e arrangiamenti di SM1, stessa opener strumentale...ci voleva tanto a fare Orion o ,scelta ancora più coraggiosa,To Live Is To Die?... brani come fade to black, sanitarium o creeping death ignorati come 20 anni fa. Di canzoni di Hardwired non se ne salva una con l’orchestra. Nemmeno un inedito. Nel 99 ne fecero 2. Le versioni acustiche proposte sono noiosissime. Per me bocciato!
Enrisixx
Mercoledì 23 Settembre 2020, 15.53.11
12
Non sanno più cosa fare x me inutile
L'ImBONItore
Mercoledì 23 Settembre 2020, 13.31.47
11
Ma peghche' fanno queste cose ? Peghche' queste pacchianerie ? Io eeee non sono un inossidabile del trash, ma sentire classisci del scenere riletti in chiave sinfonica...Insomma..... E' come se i Fear Factory eseguisseereo in chiave Neomelodica napoletana i loro classici ! Sentighe un Nino D'Angelo che canta Self Bias Resistor o Scapegoat sarebbe agghiasciante ! Questo eee' per rendere l'idea di tali pacchianerie. L'unica cosa che mi piasce, eeeee' l'omaggio della copertina alle opere destrutturate di Fernandez Arman !
Pippa pig
Mercoledì 23 Settembre 2020, 13.25.05
10
In 3 parole: una cacata allucinante.
Radamanthis
Mercoledì 23 Settembre 2020, 13.02.31
9
Grande album, l'unica pecca é, a mio avviso, il fatto di aver ripetuto canzoni di s&m del 2000...era meglio fare tutte tracce che non erano presenti in quel doppio disco.
David D.
Mercoledì 23 Settembre 2020, 11.24.34
8
Ho letto parecchie critiche a questo live. A me personalmente piace molto, è vero che James canta abbastanza sottono, ma l'età è quella che è. I pezzi si adatanno molto bene all'orchestra, come Moth Into Flame, One, Master Of Puppets, For Whom The Bell Tolls. Infinitamente migliore del primo S&M. 82.
Barry
Mercoledì 23 Settembre 2020, 8.42.30
7
@Ulver: porca miseria hai ragione, ho sublimato il sogno di vederla in setlist @Indigo: anche a me Bob sta molto simpatico e lo ritengo un ottimo musicista, a maggior ragione mi spiace che nei Metallica sembri un pesce fuor d'acqua @Micologo: Mi spiace, non era mia intenzione
Ulver79
Mercoledì 23 Settembre 2020, 8.14.06
6
Io ero presente al concerto e un'altra cosa che si notava tantissimo era la fatica di Hetfield... era davvero cotto! Oltre a questo, c'è stata una pausa di ben mezz'ora tra la prima e la seconda parte del concerto che ha avuto lo sfortunato effetto di raffreddare gli animi. Considerato che poi sono ripartiti con i movimenti di Prokofiev e Mosolov, quando hanno ricominciato con il "metallo" vero eravamo tutti mezzi addormentati. Inoltre, l'acustica del Chase Center è buona solo ai "piani bassi". Sulle gradinate in alto il suono arrivava spesso distorto. Una grande emozione il poter vivere in presenza un tributo a un concerto che segnò la mia gioventù, ma c'era troppo odore di bollito. Ah: Fade to Black non era presente nemmeno nel primo S&M.
Gianluca
Mercoledì 23 Settembre 2020, 8.12.09
5
Potevano suonare pezzi non contenuti nel precedente per rendere questo sm2 piu originale.
Micologo
Mercoledì 23 Settembre 2020, 7.15.32
4
"tanti anni fa, agli albori della mia frequentazione della rete e del mio ascolto di musica pesante, la versione contenuta su S&M fu il primo pezzo dei Metallica in assoluto che ascoltai; il problema fu che mi abituai talmente tanto a quel sound pomposo, che la prima volta in cui ascoltai la versione originale del disco non mi piacque!". Quanto me so' sentito vecchio!
Shock
Mercoledì 23 Settembre 2020, 3.30.43
3
Una delle poche volte in cui ho votato: 40 e sono di manica larga, e non aggiungo altro per non fare tiro al piccione...
Indigo
Mercoledì 23 Settembre 2020, 0.00.27
2
Niente da dire sulla disamina però mi spiace davvero per Robert Trujillo, qui simpaticamente invitato a chi l'ha visto... Io amando il crossover so quanto sia un grandissimo bassista funk, basta sentire gli infectious Grooves e quanto fatto nei Suicidal Tendencies. Con i Metallica è brutto dirlo ma c'entra poco, certo per lui è ancora oggi un sogno essere in una delle band più leggendarie di sempre però è come se il suo estro fosse limitato dal dover suonare "solo" thrash. Ultima cosa: quindi bisognerà aspettare S&M 3 per sentire Sanitarium? Spero non altri vent'anni
dariomet
Martedì 22 Settembre 2020, 22.25.09
1
Ma si ..concordo con recensione e voto..come detto il punto più alto del live è pulling teeth con tanto di contrabbasso
INFORMAZIONI
2020
Blackened Recordings
Metal/Classica
Tracklist
1. The Ecstasy of Gold
2. The Call of Ktulu
3. For Whom the Bell Tolls
4. The Day That Never Comes
5. The Memory Remains
6. Confusion
7. Moth Into Flame
8. The Outlaw Torn
9. No Leaf Clover
10. Halo on Fire
11. Intro to Scythian Suite
12. Scythian Suite, Opus 20 II: The Enemy God And The Dance Of The Dark Spirit
13. Intro to The Iron Foundry
14. The Iron Foundry, Opus 19
15. The Unforgiven III
16. All Within My Hands
17. (Anesthesia) - Pulling Teeth
18. Wherever I May Roam
19. One
20. Master of Puppets
21. Nothing Else Matters
22. Enter Sandman
Line Up
James Hetfield (Voce, Chitarra)
Kirk Hammett (Chitarra)
Robert Trujillo (Basso)
Lars Ulrich (Batteria)

Musicisti Ospiti
San Francisco Symphony (Orchestra)
 
RECENSIONI
58
65
s.v.
65
55
80
s.v.
50
70
95
79
93
100
97
100
94
ARTICOLI
23/10/2019
Articolo
METALLICA
S&M²
13/05/2019
Live Report
METALLICA + GHOST + BOKASSA - MILANO SUMMER FESTIVAL 2019
Ippodromo SNAI San Siro, Milano, 08/05/2019
15/02/2018
Live Report
METALLICA + KVELERTAK
Pala Alpitour, Torino, 10/02/2018
02/11/2013
Articolo
METALLICA
Metallica 3D - Through the Never, 29-30/10/2013
27/05/2012
Live Report
METALLICA + MACHINE HEAD + GOJIRA
Stadio Friuli, Udine, 13/05/2012
09/07/2011
Live Report
THE BIG 4 - METALLICA - SLAYER - MEGADETH - ANTHRAX
Arena Fiera, Rho (MI), 06/07/2011
04/06/2011
Articolo
METALLICA
Passato e futuro di una leggenda in cerca di se stessa
07/04/2010
Articolo
METALLICA
Kirk Hammett - La biografia
03/04/2010
Articolo
METALLICA
Lars Ulrich - La biografia
15/03/2010
Articolo
METALLICA
James Hetfield - La biografia, parte 2
08/03/2010
Articolo
METALLICA
James Hetfield - La biografia, parte 1
01/03/2010
Articolo
METALLICA
Robert Trujillo - La biografia
10/02/2010
Articolo
METALLICA
Cliff Burton - Indimenticabile
01/02/2010
Articolo
METALLICA
Monografia, #2: Il successo mondiale
11/01/2010
Articolo
METALLICA
Monografia, #1 - Alla ricerca di un sogno
30/06/2009
Live Report
METALLICA + LAMB OF GOD + MASTODON
Palalottomatica, Roma, 24/06/2009
04/07/2004
Live Report
METALLICA + SLIPKNOT + LOSTPROPHETS
Stadio Euganeo, Padova, 29/06/2004
15/11/2003
Live Report
METALLICA + GODSMACK
Palamalaguti, Bologna, 11/12/2003
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]