Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Neal Morse
Sola Gratia
Demo

Sun Eater
Light Devoured
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/10/20
YES
The Royal Affair Tour - Live From Las Vegas

30/10/20
BLACK STONE CHERRY
The Human Condition

30/10/20
STORMBRINGER
Stealer of Souls

30/10/20
ENGST
Schone Neue Welt

30/10/20
NUCLEAR POWER TRIO
A Clear and Present Rager

30/10/20
WILDNESS
Ultimate Demise

30/10/20
THE FLOWER KINGS
Islands

30/10/20
LIKE MOTHS TO FLAMES
No Eternity in Gold

30/10/20
URIAH HEEP
Fifty Years in Rock

30/10/20
THEM
Return to Hemmersmoor

CONCERTI

24/10/20
NERO DI MARTE + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

24/10/20
OTTONE PESANTE
SECRET SHOW - GENOVA

24/10/20
VIRTUAL SYMMETRY
CINEMA PLAZA - MENDRISIO (CH)

25/10/20
DEATH THE SUNDAY FEST
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

31/10/20
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN + VICOLO INFERNO
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

Katavasia - Magnus Venator
25/09/2020
( 379 letture )
Nome che non sarà sfuggito ai più incalliti ascoltatori di black metal, quello dei Katavasia è un monicker che molti farebbero bene a segnarsi. Nati nel 2014 dalle menti di membri che militano in Hail Spirit Noir, Kawir e Varathron tra i vari, i greci hanno esordito nel 2015 con Sacrilegious Testament, album che metteva subito in chiaro quali fossero le intenzioni del gruppo. Dopo cinque anni e con alle spalle un EP pubblicato nel 2017, i cinque si affidano alla Floga Records per la pubblicazione del nuovo Magnus Venator.

Chi si fosse perso il debutto deve sapere che i musicisti propongono un black metal di scuola greca privo di qualsivoglia innovazione o soluzione che se ne discosti. Quando parliamo di “black metal greco” ci riferiamo a quell'approccio unico, e purtroppo poco diffuso, nato con i primi capolavori di Rotting Christ e Varathron. Citiamo questi due gruppi perché è proprio con loro che i Katavasia condividono elementi in comune, e non solo sonori; alla voce e alla chitarra abbiamo infatti Necroabyssious e Achilleas C., rispettivamente cantante e chitarrista dei Varathron. Fatte queste premesse, è ormai chiara la linea che segue Magnus Venator; i greci vanno a riempire quel vuoto lasciato dai gruppi citati, andando a riprendere quella meravigliosa costruzione del brano basata interamente su riff riconoscibili, con melodie ben precise e con dei richiami folk evocativi dati dall'utilizzo di strumenti particolari. La doppietta iniziale composta da Daughters of Darkness e The Tyrant è emblematica e ci getta subito nel vivo del disco; possiamo da subito apprezzare il lavoro delle chitarre, che si muovono continuamente tra tempi medi ad altri più sostenuti senza mai staccarsi dall'approccio che caratterizza(va) dischi di questo tipo. Stesso discorso lo si può fare per la voci: come da tradizione si distaccano dagli scream più tipici e canonici, trasformandosi invece in qualcosa di più sentito se vogliamo, andando così a rendere determinati passaggi ancora più efficaci. Basti pensare ai momenti in cui i nostri esplodono in cori che lasciano il segno e sembrano pensati per avere un impatto ancora più forte dal vivo; parliamo di canzoni come Blood on My Crown o Hordes of Oblivion, coinvolgenti e, specialmente per quanto riguarda la seconda, resa ancora più teatrale. Merita poi di essere menzionata la conclusiva Babylon (Sammu-Rawat), traccia di quasi otto minuti in cui lo spirito più genuino e puro del black ellenico esplode completamente attraverso l'ottimo lavoro di composizione e a dei richiami ai Kawir; un brano che conferma e se vogliamo ribadisce la qualità presente sul debutto e che rispetto a questo segna un piccolo avanti.

Piccolo perché pur trattandosi di un disco molto valido e, un po' paradossalmente, ad oggi unico, il fatto che sia così devoto ai gruppi e agli album citati, potrebbe farlo apparire come un grande omaggio. Bisogna quindi approcciarsi a Magnus Venator accettando dei limiti stilistici che però non inficiano più di tanto la qualità complessiva e che nel suo piccolo, assieme a gruppi come i neonati Yoth Iria, i misconosciuti Ithaqua e in parte i Macabre Omen (tutti greci), mantiene vivo uno stile purtroppo dimenticato.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
80 su 1 voti [ VOTA]
Witchcult
Lunedì 28 Settembre 2020, 1.06.39
3
Tre uscite per i Katavasia (compreso il 7 pollici) tre centri, imperdibili.
D00M
Sabato 26 Settembre 2020, 15.46.33
2
Ottimo ritorno dei Katavasia, un pelo sotto l'esordio, ma decisamente su alti livelli.
VICTORY
Sabato 26 Settembre 2020, 13.28.41
1
ennesimo capolavoro di metallo ellenico
INFORMAZIONI
2020
Floga Records
Black
Tracklist
1. Daughters of Darkness
2. The Tyrant
3. Blood Be My Crown
4. Chthonic Oracle
5. Saturnalia Magnus Cult
6. Triumphant Fate
7. Sinistral Covenant
8. Hordes of Oblivion
9. Babylon (Sammu-Rawat)
Line Up
Stefan Necroabyssious (Voce)
Dimitris K. (Chitarra)
Achilleas C. (Chitarra, Basso)
Astrous (Chitarra)
Foivos (Batteria)

Musicisti ospiti:
George Emmanuel (Assolo sulla traccia 8)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]