Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Armored Saint
Punching the Sky
Demo

Lazy Legs
Moth Mother
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/10/20
THEM
Return to Hemmersmoor

30/10/20
STORMBRINGER
Stealer of Souls

30/10/20
ENGST
Schone Neue Welt

30/10/20
THE FLOWER KINGS
Islands

30/10/20
YAWNING MAN
Live at Giant Rock

30/10/20
URIAH HEEP
Fifty Years in Rock

30/10/20
LIKE MOTHS TO FLAMES
No Eternity in Gold

30/10/20
SVARTSYN
Requiem

30/10/20
VISIONS OF ATLANTIS
A Symphonic Journey To Remember

30/10/20
DAME SILU DE MORDOMOIRE
A World of Shadows

CONCERTI

30/10/20
ULVEDHARR + GUESTS
DRUSO - RANICA (BG)

30/10/20
OTTONE PESANTE
INK CLUB - BERGAMO

30/10/20
HELLUCINATION + NEBULAE
TRAFFIC CLUB - ROMA

31/10/20
DEATHLESS LEGACY + DAMNATION GALLERY
CRAZY BULL CAFE' - GENOVA

31/10/20
OTTONE PESANTE
IL CASTELLO - PARMA

31/10/20
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN + VICOLO INFERNO
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

02/11/20
SCOTT STAPP
NEW AGE CLUB - RONCADE (TV)

03/11/20
FIT FOR A KING + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

04/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
HALL - PADOVA

05/11/20
W.A.S.P. (CANCELLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Raven - Metal City
08/10/2020
( 949 letture )
Davvero pochi i gruppi così importanti per lo sviluppo dell’heavy metal e così poco considerati rispetto al loro valore come i Raven. Portatori sani del virus originale del thrash metal con l’altletico Rock Until You Drop, uno snodo fondamentale per la nascita di certi suoni e di un determinato modo di intendere la musica inserendovi una forte dose di sana follia in ambito heavy, i fratelli Gallagher (oggi affiancati dal batterista Mike Heller), sono degni di essere classificati in ogni galleria metallica che si rispetti. Attraverso una carriera che ha vissuto molti "alti", ma anche alcuni "bassi", i Raven hanno affrontato lo scorrere dei decenni invecchiando come tutti, ma non perdendo né attitudine, né voglia di estrinsecarla in maniera estremamente fisica. L’iniezione di energia portata dal nuovo drummer sembra aver fatto bene al gruppo, che si ripresenta ancora pieno di energia e di quella pazzia che lo ha sempre contraddistinto. Metal City ce li restituisce quindi in piena forma e non disposti a cedere di un millimetro.

Le dieci canzoni che compongono la scaletta hanno infatti il potere di riportare con la mente all’inizio degli anni ’80, quando l’album d’esordio richiamato nel primo paragrafo e Wiped Out arrivarono sulla scena, dandogli un’autentica sferzata. Conservando però freschezza e credibilità anche nel 2020. Con qualche tocco di quel Rock’n’Roll che costituisce la base portante della formazione personale dei Gallagher miscelato con l’irruenza dell’heavy metal (Top Of The Mountain, Not So Easy) e quella voglia di correre come forsennati e di sentire fisicamente le canzoni che sono il marchio di fabbrica della band ormai rilocata negli Stati Uniti (The Power, Human Race, Cybertron, Motorheadin’, Break), ma non solo. Il cambio di marcia all’interno di Human Race, per esempio, introduce uno sprazzo di anni ’70 in un brano che si collega così a pezzi storici come Rock Until You Drop o Tyrant Of The Airways. Il duo Metal City/Battlescarred - la prima è dedicata a Newcastle upon Tyne, loro città natale - è tanto anthemico quanto concepito per avere qualcosa da cantare insieme al pubblico durante i concerti (proprio per questo non si tratta dei momenti migliori del disco sul piano della composizione pura), sperando di poterlo fare al più presto. La conclusiva When Worlds Collide chiude bene in maniera darkeggiante e rocciosa. Buona la produzione affidata in quel di Nashville a Michael Wagner, in grado di comunicare le peculiarità della band senza soffocarne la voglia di sudare e farsi qualche birra in compagnia mentre ci si "sfonda" di musica e divertente la fumettistica copertina in cui i Nostri appaiono in guisa da improbabili supereroi. O forse più da irriducibili teppisti della musica. Una veste che probabilmente calza meglio loro.

Non è certo dai Raven che è lecito attendersi rivoluzioni musicali copernicane, ma rilevare come nonostante gli anni che passano e le primavere che si accumulano sulle spalle dei due Gallagher, la loro voglia di fare musica, divertirsi divertendo, scrivere canzoni fresche e genuine capaci di scatenare il pubblico non tramonti mai, è dato rassicurante. Rinvigoriti dall’ingresso del dinamico Heller in luogo di Joe Hasselvander, fermato da problemi di salute e anche se parlando di fumetti “dinamico” sarebbe definizione più adatta al duo dei fratelli inglesi, i Raven confermano con Metal City di poter stare sulla scena in maniera più che degna e anzi, mostrano di poter ancora dare punti a parecchi.
Rispetto.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
66.11 su 9 voti [ VOTA]
Diego75
Domenica 18 Ottobre 2020, 19.42.53
8
Cosa vuoi aspettarti dai raven?....sempre un buon disco di ottimo H/M...fatto bene...senza ma...ne perche'....un 78 se lo meritano!
HIRAX
Sabato 17 Ottobre 2020, 23.23.03
7
Più l'ascolto e più mi piace. Sti vecchietti se so’ superati! Gran disco regà!
dariomet
Lunedì 12 Ottobre 2020, 16.31.43
6
La parola esatta per descrivere questo disco è bomba
ZAGOR
Sabato 10 Ottobre 2020, 13.36.00
5
da raveniano di lunga data.....questo nuovo metal city mi ha sorpreso,in primis perche' ha tutti gli ingredienti dei Raven, poi e tra i dischi o cd che dir si voglia piu' tirati.....forse e' il piu' tirato! non tradisce le attese e i fratelli gallagher sono in ottima forma!il batterista che temevo al disotto dei precedenti risulta azzeccato e' una fucina di passaggidi batteria che rendono i brani gustosi.....forse oserei dire il lavoro migliore degli ultimi gia' buoni anni ,non siamo al livello di bollitura dei comunque sempre amati Anvil!!!....per finire ho apprezzato il prodotto sotto forma di fumetto marvel.....il libretto del cd e' divertente,dai Raven non ci aspettiamo virtuosismi improbabili o pionerismi musicali....bensi sangue e sudore! grandi!
Aceshigh
Sabato 10 Ottobre 2020, 11.53.51
4
Niente di speciale, più o meno quello che mi aspettavo, qualitativamente in linea con le ultime produzioni. Carino, piacevole per chi apprezza l’energia pazzoide dei Gallagher, qui forse incrementata dalla bella prestazione del nuovo entrato Mike Heller, batterista che mi sembra ricordare in ambiti ben più estremi (e si sente... i blast beats in un disco dei Raven mi mancavano). Voto 68
HIRAX
Venerdì 9 Ottobre 2020, 18.34.46
3
Grandi Raven! Non concordo con il primo commento. Disco per me ispiratissimo! La carica dei Gallagher è più forte che mai! Forse solo la titletrack è quella che mi piace meno. Voto 85!
David D.
Venerdì 9 Ottobre 2020, 11.38.18
2
Disco carino, niente di eccezionale, ma si lascia ascoltare. Dai Raven non mi aspettavo altro, sinceramente. 70 pieno.
inflames69
Giovedì 8 Ottobre 2020, 23.10.06
1
A parte human race disco abbastanza monotono.
INFORMAZIONI
2020
Steamhammer/SPV
Heavy
Tracklist
1. The Power
2. Top of the Mountain
3. Human Race
4. Metal City
5. Battlescarred
6. Cybertron
7. Motorheadin’
8. Not So Easy
9. Break
10. When Worlds Collide
Line Up
John Gallagher (Voce, basso)
Mark Gallagher (Chitarre)
Mike Heller (Batteria)
 
RECENSIONI
77
79
75
67
40
85
89
88
88
ARTICOLI
10/10/2018
Live Report
SAXON + FM + RAVEN
Live Music Club, Trezzo sull’Adda (MI), 05/10/2018
20/05/2017
Live Report
KISS + RAVENEYE
Pala Alpitour, Torino, 15/05/2017
27/07/2016
Live Report
IRON MAIDEN + THE RAVEN AGE
Lisbona/Assago (MI), 11-22/07/2016
16/06/2015
Live Report
MASTODON + THE RAVEN AGE
Estragon, Bologna - 10/06/15
02/04/2015
Intervista
RAVEN
Sempre oltre i limiti
27/04/2010
Intervista
RAVEN
Ancora atletici, ancora metallici
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]