Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Todd La Torre
Rejoice in the Suffering
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

12/03/21
CONAN
Live at Freak Valley

12/03/21
GARY HUGHES
Waterside

12/03/21
HEART HEALER
The Metal Opera By Magnus Karlsson

12/03/21
SECRET SPHERE
Lifeblood

12/03/21
THE CROWN
Royal Destroyer

12/03/21
TURBULENCE
Frontal

12/03/21
SUNSTORM
Afterlife

12/03/21
ENFORCED
Kill Grid

12/03/21
MARIANAS REST
Fata Morgana

12/03/21
STORTREGN
Impermanence

CONCERTI

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/03/21
RECKLESS LOVE + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Leviathan (SWE) - Förmörkelse
17/10/2020
( 610 letture )
Far Beyond the Light era uno dei tanti album black metal dei primi anni 2000 che costruì una piccola nicchia di appassionati dediti ad una variante del genere proveniente dalla Svezia che forniva un po’ di respiro dalla scandalosa quantità di cloni di Dissection e Sacramentum che aggiravano in quel paese in seguito all’esplosione della scena black/death melodica. Roger Markström fu uno dei batteristi degli storici Armagedda, suonando con loro nel loro album di debutto, ma nel contempo aveva anche un side project chiamato Leviathan (da non confondere con l’omonimo gruppo statunitense di Jef Whitehead e una dozzina di altri gruppi con lo stesso nome).

Per quanto fosse musicalmente un proseguimento del suo vecchio gruppo, Far Beyond the Light ottenne attirò l’interesse dei fanatici anche grazie ad una tiratura di stampa limitata (sia in CD che in vinile) e un’estetica che da sempre incuriosisce gli ascoltatori del genere. Di certo, l’etichetta con cui venne dato alle stampe, la Selbstmord Services (che condivideva contratti con altri molossi come Ondskapt, Shining e Forgotten Tomb), fece una promozione più a parole e fama che in atto pratico. Rimasto fermo per quasi diciotto anni, il progetto ritorna in attività con Förmörkelse, il secondo album discografico. Dopo un piccolo intro, Avgrundens Återsken inizia le danze con ritmi in sestine, doppie linee di chitarra a base di power-chord e fraseggi armonici accompagnando il tutto con una produzione che favorisce le frequenze medie, risultando molto chiara e anche “leggera”. I ritmi marziali vengono usati in gran parte delle tracce dell’album, a volte sfruttando tracce di chitarra acustica come in Svart eFörbannelsen, mentre Verklighetens Väv include anche arpeggi che ricordano un po’ Mourning Beloveth. Dopo un altro intro di tre minuti, Melankolins Ävja prosegue con incedere vicino al doom di proposte come Empyrium, Babylons Sand segue un approccio più convenzionale, mentre Pestens Sigill è un’altra outro malinconica con una chitarra in clean e un basso.

Abbastanza vario e musicale da essere considerato positivamente, Förmörkelse non è comunque un ritorno in pompa magna, il che potrebbe confermare come il progetto Leviathan continuerà a rimanere un nome di nicchia conosciuto perlopiù da chi ha già apprezzato i lavori degli Armagedda. Va anche detto che anche il ritorno degli stessi Armagedda, Svindeldjup ättestup, era un disco poco più che sufficiente, segno forse che i musicisti di entrambi i progetti hanno già mostrato il loro meglio almeno un decennio fa. Se siete quindi in cerca di novità, difficilmente verrete pienamente soddisfatti.



VOTO RECENSORE
74
VOTO LETTORI
65 su 8 voti [ VOTA]
Moro
Giovedì 24 Dicembre 2020, 18.34.08
2
Per me è il disco dell'anno assieme ai Paysage d'Hiver. Album molto vario che tira fuori il meglio dei primi Watain e Ondksapt ma mantiene un'aura monumentale e decadente unica.
Bloob
Sabato 17 Ottobre 2020, 19.40.17
1
Molto bello il loro primo album, ascolterò anche questo.
INFORMAZIONI
2020
Bile Noire
Black
Tracklist
1. XVII
2. Avgrundens Återsken
3. Förmörkelse
4. Svart
5. Förbannelsen
6. Verklighetens Väv
7. En Tidlös Illvilja
8. Melankolins Ävja
9. Babylons Sand
10. Pestens Sigill
Line Up
Roger "Phycon" Markstrom (Tutti gli strumenti)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]