Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

The Flower Kings
Islands
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/11/20
WRECK-DEFY
Powers That Be

27/11/20
TOBLAKAI
Puritans Hand

27/11/20
ARRAYAN PATH
The Marble Gates to Apeiron

27/11/20
SOMBRIA
Chirographon Dei

27/11/20
ANTHENORA
Mirrors and Screens

27/11/20
FURIOUS TRAUMA
Decade at War

27/11/20
TERRAVORE
Vortex of Perishment

27/11/20
ULTIMATIUM
Virtuality

27/11/20
JADED HEART
Stand Your Ground

27/11/20
FULL HOUSE BREW CREW
Bare Knuckle

CONCERTI

26/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

27/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

Portal - Swarth
24/10/2020
( 332 letture )
Diventati loro stessi degli esseri cosmici e indescrivibili come Outre' nel 2007, i Portal continueranno a manifestarsi e a far tremare il cosmo anche due anni dopo con l'uscita di Swarth, disco molto importante per la carriera degli australiani perché permetterà loro di farsi notare ancora di più e diventare definitivamente uno dei gruppi più iconici del metal estremo.

Ciò che sorprende è che fin dalle prime note, ma sarebbe meglio dire dai primi colpi del disco, la sensazione di sapere cosa e chi si sta ascoltando è fortissima. Ecco, a distanza di dieci anni è l'ennesima conferma di come i quattro siano riusciti a creare qualcosa di unico e personale sotto ogni aspetto. Cosa cambia però rispetto al precedente? Non tantissimo a dire il vero, ma non è così semplice; potremmo parlare di un generale “perfezionamento”, nel senso che i punti cardine della proposta vengono qui maggiormente rafforzati e in qualche modo portati all'estremo. Prendiamo Swarth come un proseguimento di Outre' e noteremo che i brani si fanno ancora più complessi rendendo il disco più ostico del solito. Con il passare del tempo è proprio questa la sensazione, cioè che rispetto a tutte le uscite del gruppo, sia proprio questo il lavoro più ostico e di difficile comprensione. Le chitarre che caratterizzano i lavori del gruppo sono perfettamente in linea con quanto sentito in precedenza, ma qui sembrano quasi voler cercare di entrare in territori noise andando a distruggere ulteriormente l'idea più classica di riff. Un esempio ci è dato da Larvae, considerabile ormai come il biglietto da visita del gruppo, ma ancora di più dai brani centrali del disco: The Swayy, Writhen e Omenknow. Questi tre brani, oltre a rappresentare tutto quello che sono i Portal, danno dimostrazione di cosa effettivamente sappiano fare; i riff sono in continuo movimento, pieni di rapidi legati, armonici, accordi dissonanti, ogni tanto si fermano per lasciar spazio a dei rallentamenti che entrano quasi in contrasto con quanto sentito poco prima. E se c'è una cosa che i quattro sanno fare bene, è quella di manipolare il tempo; viene difficile comprendere se i nostri stiano effettivamente andando veloce o meno, perché non sempre i riff serrati vanno di pari passo ai blast beat, e in generale al lavoro fuori di testa di Ignis Fatuus (una concezione del tempo tutta sua), ma questa impressione è enfatizzata proprio dai momenti in cui i nostri rallentano in modo pachidermico come nella penultima Werships, che nella sezione finale crea quello che potrebbe essere il suono dell'abisso. Bisogna poi dire che il gruppo non sarebbe lo stesso senza questo tipo di produzione, semplicemente perfetta e studiata apposta per loro, con le tonalità basse che vanno a riempire un'atmosfera dominata inevitabilmente, oltre che dalle chitarre, dalla voce di The Curator, anch'essa eccezionale e che, per lavori così, non potremmo immaginare diversa.

Quello che dieci anni fa era visto come un album inascoltabile, molto probabilmente continuerà ad essere visto come tale da chi proprio non riesce ad entrare in sintonia con una proposta simile. I Portal sono così, hanno la loro idea di musica estrema e a differenza di quanto si possa pensare, gli album successivi non saranno mai uguali tra loro, fattore importante e che mostra quanto lavoro ci sia dietro una proposta caotica ma non improvvisata. Un disco importante non solo per gli australiani, ma anche per tutti quei gruppi che da qui in poi prenderanno i Portal come punto di riferimento e per la musica estrema in generale, che a questo punto non potrà non considerare il gruppo come uno dei più importanti degli ultimi anni.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
69.5 su 2 voti [ VOTA]
Tyst
Sabato 24 Ottobre 2020, 13.25.19
1
Mi sono avvicinato da poco alla proposta dei Portal, un mesetto circa. Prima ero tra coloro che li consideravano inascoltabili. Per un limite mio, ovviamente, un'incompatibilità con la loro musica. Swarth mi ha fatto ricredere, mi ha aperto gli occhi sulla perversa, abissale, morbosa grandiosità della band, che nelle ultime settimane è diventata uno dei miei ascolti fissi giornalieri
INFORMAZIONI
2009
Invictus Productions
Death / Black
Tracklist
1. Swarth
2. Larvae
3. Illoomorpheme
4. The Swayy
5. Writhen
6. Omenknow
7. Werships
8. Marityme
Line Up
The Curator (Voce)
Aphotic Mote (Chitarra)
Horror Illogium (Chitarra, Basso)
Ignis Fatuus (Batteria)
 
RECENSIONI
78
83
85
80
ARTICOLI
10/06/2015
Live Report
PORTAL + IMPETUOUS RITUAL + CHAOS ECHOES + BLASPHEMOUS NOISE TORMENT
Titty Twister, Parma, 04/06/15
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]