Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dark Tranquillity
Moment
Demo

Veritas
Threads of Fatality
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

30/11/20
VEIL OF SECRETS
Dead Poetry

30/11/20
COLOSSUS OF DESTINY
Last Call

30/11/20
GOLGATA
Tempel

04/12/20
GONE IS GONE
If Everything Happens for a Reason… Then Nothing Really Matters at All

04/12/20
SIX FOOT SIX
End of All

04/12/20
AD INFINITUM
Chapter I: Revisited

04/12/20
TAU CROSS
Messengers Of Deception

04/12/20
NIGHTRAGE
Demo 2000

04/12/20
FOREIGN
The Symphony of the Wandering Jew Part II

04/12/20
SERPENTS OATH
Nihil

CONCERTI

28/11/20
RHAPSODY OF FIRE (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/11/20
BELPHEGOR + GUESTS
BLACK WINTER FEST - MILANO

29/11/20
ORPHANED LAND
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

29/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

30/11/20
MARDUK (RIMANDATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

01/12/20
ORPHANED LAND
LEGEND CLUB - MILANO

02/12/20
ORPHANED LAND
TRAFFIC CLUB - ROMA

03/12/20
ROSS THE BOSS + GUESTS (CANCELLATO!)
LEGEND CLUB - MILANO

03/12/20
NAPALM DEATH
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

04/12/20
NAPALM DEATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

Hexx - Entangled in Sin
26/10/2020
( 397 letture )
Parabola per alcuni versi classica, quella degli Hexx. O almeno, comune a tante band partite in un preciso momento storico e con determinate caratteristiche musicali. Venuti fuori dal calderone metallico di San Francisco al principio degli anni Ottanta al fianco dei nomi più illustri e su Shrapnel Records, si sono segnalati per uscite di area U.S. Power magari non trascendentali, ma certamente affidabili e godibili. Muovendo nel tempo verso un approccio più pesante (Morbid Reality del ’91), per poi scomparire insieme a centinaia di altri colleghi a metà degli anni Novanta. Nel 2017 l’improvviso ritorno con Wrath of the Reaper, lavoro che riporta ai primi passi del gruppo e adesso un nuovo album intitolato Entangled In Sin.

Se il disco di tre anni fa aveva avuto il merito di restituirci una band caparbia e convinta di ciò che faceva, pur senza raggiungere livelli eccelsi, Entangled in Sin li mostra leggermente più in palla, ma sempre calati nella loro dimensione di gruppo dal rendimento regolare, ma che non sarà mai in grado di sfornare capolavori. Il CD in analisi è il solito, ruvido e fiero album made in Hexx, basato sull’amore per un certo tipo di metal e sulla voce di Eddy Vega. Questa suona decisamente anni 80 e probabilmente potrebbe essere addirittura sgradita alle orecchie di molti per il suo tono stridulo che ne dimostra la provenienza da un preciso contesto storico, ma risulterà invece familiare a chi in quegli anni ha le proprie radici musicali. Ascoltata l’intera scaletta a colpire è il fatto che nonostante non rimanga quasi nessuno della formazione degli inizi, gli Hexx siano sempre loro; nel bene e nel male. I pezzi più aggressivi come Watching Me Burn, Entangled in Sin o Vultures Gather Round sono quindi il pane quotidiano di questi ragazzi dato anche il timbro vocale di cui sopra, poco adatto a interpretazioni di un certo tipo. A causa dell’approccio "raw" che è tipico della loro cifra stilistica, i cinque sono invece meno efficaci quando si industriano sui tempi medi. Niente raffinatezze in sede di composizione e registrazione, ma riff diretti e non molto elaborati, voce di genere e album poco fumoso come gli Hexx devono e possono fare. Prendere o lasciare. Comprese le ri-registrazioni di Night of Pain e Terror, presenti nel disco di debutto e qui proposte come bonustrack nella versione CD dell’opera.

Con il solo Dan Watson a risultare superstite dagli anni iniziali del gruppo e anche stavolta con un cambio nella line up, visto che Don Wood è il nuovo bassista (a margine: Bill Peterson, quello originale, è morto nel 2019), gli Hexx si confermano validi ed appassionati attori del metal circus. Scelta una produzione coerente con la loro storia e posta maggiore attenzione all’esecuzione dei pezzi, in cui si ravvisa la ricerca di una maggior precisione, la band si mostra semplicemente fedele a se stessa. Al di là dei nomi che la tengono in vita. Album compatto, ma anche privo di canzoni che si rendano memorabili, Entangled in Sin risulterà soddisfacente per chi ha seguito la band fin dall’inizio e ama l’U.S. Power di Metal Church & C., ma non sposta niente sul panorama internazionale.
Come sempre.



VOTO RECENSORE
68
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
Shock
Lunedì 2 Novembre 2020, 15.11.44
3
Ma sì, se esce un disco inutile di un gruppo vecchio va bene, se esce un grande disco di un gruppo nuovo è inutile. Bene, continuate a ragionare così (comunque il nuovo disco degli Hittman, per restare in tema di gruppi vecchi, e' stupendo e infinitamente meglio di questo).
Diego75
Lunedì 2 Novembre 2020, 12.03.13
2
Buon disco di una band storica...per questioni anagrafiche...buone canzoni...in stile us metal anni 80 con una registrazione simile anni 80..non male!...per gli amanti del genere!...comunque sia sempre meglio delle revival bands in circolazione al gg d'oggi..voto 70
HIRAX
Mercoledì 28 Ottobre 2020, 0.45.51
1
Disco niente male, onesto power metal made in Usa suonato molto molto bene, Onestamente darei un voto più alto.
INFORMAZIONI
2020
High Roller Records
Power
Tracklist
1. Watching Me Burn
2. Entangled in Sin
3. Vultures Gather Round
4. Beautiful Lies
5. Power Mad
6. Internal Enemy
7. Strive the Grave
8. Touch of the Creature
9. Wise to the Ways World
10. Over But the Bleeding
11. Signal 30 I-5 (CD Bonustrack)
12. Night of Pain (CD Bonustrack)
13. Terror (CD Bonustrack)
Line Up
Eddy Vega (Voce)
Dan Watson (Chitarre)
Bob Wright (Chitarre)
Don Wood (Basso)
John Shafer (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]