Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Wardruna
Kvitravn
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/01/21
YOTH IRIA
As the Flame WIthers

29/01/21
WOWOD
Yarost I Proshchenie

29/01/21
EXIMPERITUS
ahrartu

29/01/21
WEREWOLVES
What a Time to be Alive

29/01/21
BLACK & DAMNED
Heavenly Creatures

29/01/21
TRIBULATION
Where the Gloom Becomes Sound

29/01/21
TRAGEDIAN
Seven Dimensions

29/01/21
SOULS OF DIOTIMA
Janas

29/01/21
ANNISOKAY
Aurora

29/01/21
ACCEPT
Too Mean To Die

CONCERTI

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Paralysis - Mob Justice
04/11/2020
( 244 letture )
Provenienti dal New Jersey e con all'attivo un album e diversi EP, i Paralysis si presentano con un logo che utilizza caratteri alla Slayer "prima maniera" e una forte carica di rabbia riversata in questi solchi di crossover prettamente volto al thrash.

Capitanati da Jon Plemenik, chitarrista dalla ruvida ugola, e con il "VIP" Ron Iglesias come solista (dal 2018 cantante dei redivivi Toxik) il quartetto vanta anche una sezione ritmica molto valida, per cui le premesse per un ottimo lavoro ci sono tutte; purtroppo la musica non come la matematica e non sempre 2+2 fa 4. Mettiamo subito le cose in chiaro: Mob Justice non un disastro totale n tantomeno un brutto album, per ha delle pecche che ne inficiano la valutazione. Innanzitutto il capitolo voce: se non ci sono dubbi sull'aggressivit del timbro di Plemenik la poca duttilit del medesimo ne rende ridondante il timbro (Master Manipulator) assottigliandone il range e quindi l'efficacia sui pezzi; inoltre la scelta di un certo riverbero pu in qualche modo risultare fastidiosa nella mezz'ora di durata del disco. Gli altri problemi che qualche ascoltatore pu avere con il medesimo riguardano un paio di scelte stilistiche in particolare: la prima riguarda gli assoli, sempre brevi -verrebbe quasi da dire "accennati" con l'unica eccezione di Yet I Stay- come dimostrano chiaramente Nihilist e Vessel of Behavior, dando l'impressione di essere stati appiccicati l a caso, mentre invece i risultati alla voce riff sono senz'altro pi calzanti e in definitiva assai efficaci, mentre in secondo luogo i ragazzi sembrano voler mettere troppa carne al fuoco spiazzandoci con continui cambi di tempo e/o rallentamenti che a onor del vero talvolta appaiono un po' forzati: su tutti va menzionato il finale di Oblivious in cui, appunto, l'effetto slow sembra un po' troppo slegato e poco azzeccato. Chiaro che il crossover preveda anche questo, ma nel caso specifico sembra semplicemente che l'esito avrebbe potuto essere migliore specie nel drumming, anche se in linea di massima Sam Mogollon si dimostra un valido batterista, e specie quando i Nostri pestano di pi -Tombstone, Cut Short- la cosa risulta evidente. Il basso di Patrick Harte una delle note liete del disco: la produzione lo evidenzia in modo particolare e pezzi come Onward to Slaughter e soprattutto la gi citata Oblivious ne traggono beneficio.

In generale Mob Justice sembra calare leggermente nella seconda met dopo un buon inizio, ma forse sono i piccoli problemi di cui detto che lo fanno scivolare via via: i brani tendono ad assomigliarsi tra loro e l'ascolto ne risente. Tra alti e bassi i Paralysis svolgono il compito in maniera tutto sommato apprezzabile, ma certamente con qualche aggiustamento nella stesura delle tracce Mob Justice avrebbe potuto regalare ancor pi soddisfazioni.



VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
72 su 2 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2020
Autoprodotto
Thrash
Tracklist
1. Mob Justice
2. Master Manipulator
3. Oblivious
4. Tombstone
5. Onward to Slaughter
6. Nihilist
7. Cut Short
8. Yet I Stay
9. Vessel of Behavior
10. Had Enough
Line Up
Jon Plemenik (Voce, Chitarra)
Ron Iglesias (Chitarra)
Patrick Harte (Basso)
Sam Mogollon (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]