Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Asphyx
Necroceros
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/01/21
YOTH IRIA
As the Flame WIthers

29/01/21
STEVEN WILSON
The Future Bites

29/01/21
THE STRADDLERZ
The Straddlerz

29/01/21
WOWOD
Yarost I Proshchenie

29/01/21
ANCIENT VVISDOM
A Godlike Inferno

29/01/21
WEREWOLVES
What a Time to be Alive

29/01/21
TRAGEDIAN
Seven Dimensions

29/01/21
NIGHTFALL
Athenian Echoes (Reissue)

29/01/21
WILSON
Thank You, Good Night. Live

29/01/21
CRYSTAL VIPER
The Cult

CONCERTI

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Corey Taylor - CMFT
15/11/2020
( 878 letture )
Il noto cantante e polistrumentista statunitense Corey Todd Taylor, frontman degli Slipknot e degli Stone Sour, esordisce in versione solista, lo scorso 2 ottobre, con CMFT, un album caratterizzato principalmente da numerose influenze: esso infatti passa dal grunge all’hard rock, fino allo stoner rock, al blues ed al nu metal, così come ampiamente affermato dallo stesso Taylor nelle interviste che hanno anticipato questa uscita.
L'ultima cosa che ci aspettavamo dal debutto da solista di Corey Taylor era un disco di questo tipo. CMFT (un acronimo per "Corey Mother Fucking Taylor") nasce da un periodo particolarmente complicato per il cantante: l'anno scorso era in tour con gli Slipknot dopo l'uscita del loro sesto album We Are Not Your Kind, per di più è stato sottoposto a diversi interventi chirurgici: da poco è caduto da 5 piedi d’altezza, atterrando in modo disastroso sul collo, è stato obbligato ad operarsi su entrambe le ginocchia e ha scoperto di avere una grave rottura vicino alla colonna vertebrale. Da non dimenticare poi il difficile divorzio dalla sua seconda moglie Stephanie Luby nel 2017.
All'inizio della pandemia, Taylor si è recato agli Hideaway Studios di Las Vegas e ha deciso di abbandonare davanti alla porta tutto questo bagaglio di tristi e difficili eventi unendosi con i suoi amici, i chitarristi Christian Martucci (della band Stone Sour) e Zach Throne, il batterista Dustin Robert e il bassista Jason Christopher per la realizzazione di questo progetto.
Il prodotto creato non ha niente a che fare con gli Slipknot o con gli Stone Sour, dunque non è sicuramente un album per i fan di questi gruppi musicali, ma può essere considerato come un disco per i fan di Corey Taylor.

CMFT inizia con la traccia HWY 666, nella quale il cantante riesce a superare i suoi demoni e ha modo di recuperare alcuni suoi versi scritti quando aveva sedici anni. Successivamente vi è Black Eyes Blue, con cui Corey si avvicina, anche se di poco, al pop. Samantha’s Gone, Meine Lux e Halfway Down possono essere definiti come tre canzoni totalmente hard rock. In questo disco, Corey Taylor non ha solo preso la decisione di creare un prodotto tutto solo, trattando diversi generi, ma si è anche ispirato ai sound delle più importanti band al mondo. Ad esempio in Samantha’s Gone è possibile percepire alcune sonorità tipiche dei Guns n’ Roses oppure potrebbe essere identificata come una versione moderna di Dead Ringer for Love di Meat Loaf, in Meine Lux, invece, si può ascoltare il sound tipico dei Motörhead ed in Halfway Down quello degli AC/DC, in modo particolare nell’ultima parte della canzone con alcuni riff pavoneggianti. All’interno del disco sono presenti anche le ballad, come Silverfish , in cui Corey Taylor, con la sua particolare voce, riesce comunque a non rovinare l’atmosfera. Quest’ultimo è ormai sobrio da dieci anni e ha sofferto di depressione per moltissimo tempo e proprio in questa traccia tenta di reprimere i suoi pensieri negativi. Egli, infatti, dichiara che No one's gonna save me when I die, con chitarre in stile Alice In Chains, aggiungendo poi: All you need to know is leave your worries far behind. Ovviamente questa non è la prima volta che Corey sia alle prese con i rimpianti, ma per la prima volta sembra che possa sconfiggerli definitivamente. Anche nell’intro di Culture Head si potrebbe vagamente pensare ai Rage Against the Machine , ma ovviamente non si tratta di plagio. In Everybody Dies On My Birthday, Taylor tratta l’argomento del testo in maniera piuttosto ironica, partendo proprio dal titolo. The Maria Fire e Home sono due tracce contraddistinte da generi assolutamente nuovi per il cantante. La prima è un discreto blues rock, mentre la seconda è una canzone interamente suonata al pianoforte, accompagnato dalla voce di Corey. Nel primo singolo CMFT Must Be Stopped , in collaborazione con Tech N9ne e Kid Bookie, Corey Todd Taylor vuole dimostrare che il metal abbia la necessità di tali featuring, tra artisti di punta della scena metal e tra gli artisti di punta della scena rap. Questa traccia ha quindi un sound rap metal, in cui Taylor regge discretamente il confronto con gli altri due rapper a livello di flow, con un ritornello piuttosto valido da aprire Wrestlemania al Ceasars Palace. L’ultima traccia, European Tour Bus Bathroom Song è decisamente molto influenzata dall’hardcore punk, caratterizzata soprattutto da un testo originale, in quanto vi sono poche parole ma pronunciate lettera per lettera Please do not put paper in toilet, please use the bin provided: una vera e propria barzelletta sull'urinare su un autobus in movimento.

Con CMFT Corey Taylor sicuramente vuole dichiarare di conoscere molto bene i vari generi musicali e di essere quindi in grado di andare avanti con la sua carriera anche senza il metal, o meglio senza suonare solamente il metal. Sicuramente questo album non può essere definito come un capolavoro, ma come dichiarato dallo stesso cantante è stato il più divertente, dopo il primo disco degli Slipknot. Un lavoro quindi variegato ed orecchiabile, nel quale Taylor dimostra di essere finalmente un uomo libero dalle sue tenebre e pronto a mettersi alla prova in nuovi ambienti musicali.



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
49 su 5 voti [ VOTA]
Indigo
Domenica 15 Novembre 2020, 17.32.20
7
Eh questa si che è una bella domanda ma temo stiamo andando OT (c'è anche chi dice che the magnificent seven dei clash è un proto rap rock ma andiamo avanti..). Sulla traccia cmft must be stopped aggiungo che il video è bellissimo con un sacco di ospiti del mondo rock e metal; in più la parte di tech n9ne con l'extrabeat è tanta roba davvero
Shock
Domenica 15 Novembre 2020, 17.06.54
6
In realtà Walk this way (già con un cantato simil rap in originale) con i Run DMC è del 1986, ma nello stesso anno usciva Licence to ill dei Beasty Boys, con Fight for your right che è già un rap/metal, quindi mentre poco dopo, inizio 1987 usciva I'm the man degli Anthrax, anche qui uno dei primi puri rap/metal. Quindi direi: chi è arrivato prima m?
Indigo
Domenica 15 Novembre 2020, 15.51.11
5
@Shock, più che accostarle nel senso che sono uguali io intendevo che, a mio giudizio eh nessuna oggettività, potrebbe configurarsi come un omaggio a quella che in generale è ritenuta la prima traccia rock/hard rock con strofe rap, aggiornata al 2020. Solo questo. Poi più che non essere nelle mie corde semplicemente non mi fa impazzire ma se l'avessi recensito io avrei dato un 70 circa, quindi non molto lontano dalla valutazione di Eliana, Ribadisco, non è male e anzi mooolto meglio di quell'encefalogramma piatto di Black Labyrinth di Jonathan Davis.
Shock
Domenica 15 Novembre 2020, 14.54.43
4
In questo disco Corey mette tutto se stesso, al di là di Knot e SS, e' il disco che più lo identifica, in tutti i suoi aspetti in tutto quello che gli piace. E così, come previsto, è un disco estremamente eterogeneo ma che funziona benissimo dall'inizio alla fine, dimostrando ancora una vita la bravura al microfono di Corey. Una piacevole sorpresa. @Indigo: probabilmente non è nelle tue corde come sound, per me non è per nulla mappazzone. Comunque non mi pare proprio di accostare CMFT must be stopped a Walk this way, due canzoni molto differenti.
Indigo
Domenica 15 Novembre 2020, 12.48.04
3
.... Come direbbe bruno barbieri è un po' un mappazzone. Non brutto ma forse troppo variegato e più che un album una mischia di tanti generi. CMFT must be' stopped quella che preferisco, ignorante ma divertente, una sorta di hard rock caciarone rappato che omaggia più che il suo passato nu metal la celebre walk this way di Aerosmith e Run DMC aggiornandola al 2020. Voto giusto
Altered
Domenica 15 Novembre 2020, 12.24.20
2
Disco molto diverso e variegato, di certo Corey, che ritengo tra i migliori vocalist in giro, non ha assolutamente badato alle esperienze con Slipknot e Stone Sour collezionando di fatto un album molto personale e figlio di molteplici influenze con la massima libertà espressiva e senza eccessive pretese. Personalmente l'ho trovato gradevolissimo, Black Eyes Blue su tutte è un gran pezzo.
Galilee
Domenica 15 Novembre 2020, 12.05.57
1
Interessante. Curioso di ascoltarlo.
INFORMAZIONI
2020
Roadrunner Records
Rock
Tracklist
1. HWY 666
2. Black Eyes Blue
3. Samantha's Gone
4. Meine Lux
5. Halfway Down
6. Silverfish
7. Kansas
8. Culture Head
9. Everybody Dies on My Birthday
10. The Maria Fire
11. Home
12. CMFT Must Be Stopped - featuring Tech N9ne & Kid Bookie
13. European Tour Bus Bathroom Song
Line Up
Corey Taylor (voce, chitarra, piano)
Christian Martucci (chitarra, voce)
Zach Throne (chitarra, voce)
Jason Christopher (basso, voce)
Dustin Robert (batteria, percussioni, voce)
Walter Bäcklin (tastiera, programmazioni)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]