Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Therion
Leviathan
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/01/21
CELLAR TWINS
Duality

29/01/21
SOULS OF DIOTIMA
Janas

29/01/21
POUNDER
Breaking the World

29/01/21
NIGHTFALL
Eons Aura (EP Reissue)

29/01/21
NIGHTFALL
Athenian Echoes (Reissue)

29/01/21
NIGHTFALL
Macabre Sunsets (Reissue)

29/01/21
NIGHTFALL
Parade Into Centuries (Reissue)

29/01/21
ANCIENT VVISDOM
A Godlike Inferno

29/01/21
TRIBULATION
Where the Gloom Becomes Sound

29/01/21
THE BODY
I’ve Seen All I Need To See

CONCERTI

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Girish and The Chronicles - Rock the Highway
30/11/2020
( 2800 letture )
Uno dei più bei dischi hard rock del 2020, se non degli ultimi anni, è stato composto, suonato e prodotto da una giovane band indiana: Girish & the Chronicles, GATC. Se qualcuno leggendo questa affermazione dovesse sentirsi sorpreso, se non scettico, posso dire senz’ombra di dubbio di aver provato le stesse perplessità, approcciandomi per la prima volta ai GATC. Mi chiedevo come potesse l’India dare i natali ad una band che suona un genere avulso dalla tradizione musicale della nazione d’origine. Indubbiamente il rock occidentale ha preso in prestito certe sonorità dall’India e dal Tibet, così come è indiscussa l’influenza della musica folk indiana sulla musica rock negli anni sessanta, la psichedelia stessa suonerebbe diversa senza l’apporto della strumentazione tradizionale dell’India e del Nepal. In ambito metal negli anni ottanta e novanta band come M.A.I.D.S. e Rudra hanno posto le basi per la nascita di una fiorente scena alternativa benché undergound. E non dimentichiamo che Bollywood e le sue colonne sonore sospese tra musical e pop sono l’espressione di maggior successo internazionale della musica commerciale indiana. Ma l’hard rock? Qui entrano in scena i GATC, con la grinta e il ruggito di una tigre affamata.

La band muove i primi passi sulle scene indiane già nel 2009, mentre il padre fondatore, Girish Pradhan è addirittura attivo dal 2006 tra esibizioni live e partecipazioni a piccoli festival locali. Ma solo nel 2014 i GATC hanno finalmente l’occasione di registrare l’album di debutto. L’esordio discografico Back on Earth permette ai GATC di poter finalmente partecipare a tour più lunghi che toccano il Nepal e la Thailandia, ma il timido successo conseguito rimane confinato all’oriente. Altri lunghi anni passano e nel 2018 la band inizia la stesura di un primo inedito Rock the Highway, che grazie a youtube permette ai GATC di venir notati dal pubblico e dalle labels occidentali. La Lions Pride Music decide di pubblicare e distribuire nel 2020 in Europa e in USA il nuovo album dal beneaugurante titolo di Rock the Highway (di fatto la canzone che li ha lanciati fuori dai confini natii), frutto di duri sacrifici ed una lunghissima gavetta. Ed è propria questa lunga gestazione in un ambiente culturale se non avverso, per lo meno indifferente, che permette ai GATC di sfogare l’energia repressa ed imbrigliarla in una prestazione, per lo meno in studio, esplosiva.

Rock the Highway, posta sapientemente in apertura, mette le carte ben in chiaro su cosa suonano i GATC: hard rock potente e cromato che prende a piene mani e rielabora dai classici del genere, periodo anni ottanta e primi novanta. Sicuramente un genere che annovera una concorrenza pazzesca tra vecchi leoni ancora in pista e giovani emuli agguerriti, ma i GATC possono contare su un binomio che li rende inattaccabili: capacità compositiva fuori dal comune e un tandem di fuoriclasse in formazione, Girish Pradhan e Suraz Sun. Girish Pradhan è il fondatore della band e il frontman. Le sue armi sono un timbro vocale che coniuga potenza ed estensione e una capacità camaleontica di adattare la voce alla tipologia della canzone riuscendo al contempo ad omaggiare i grandi vocalist del periodo di riferimento. Così in Everything Like Tonight, nell’inno Rock’n’roll is Here to Stay e Bad Sheperd si avvertono echi di Joe Elliott, Steve Lee e quel graffiare sporco di Sebastian Bach e Axl Rose. Nelle power ballad come The Distance Between e Wounded fanno capolino Terry Ilous degli XYZ e Steven Tyler degli Aerosmith rispettivamente. Nella seconda parte dell’album, più veloce e potente, in tre brani She’s Heavy Metal, The Rebel e Trapped Inside a Mirror, sembra di sentire all’opera quei cantanti che più di tutti sanno destreggiarsi in sonorità al confine tra rock e metal, Michael Sweet degli Stryper, Matijevic degli Steelheart e Dino Jelusic, (tanto per rimanere in Croazia). Il confronto parrebbe impietoso ma Girish non mostra cedimento alcuno e risponde colpo su colpo con il talento innato del top player e l’esperienza di un veterano.
E se per ogni Robert Plant serve un Jimmy Page all’altezza, Suraz Sun non è da meno del compagno. Ogni fraseggio, ogni assolo è sempre armoniosamente amalgamato alla struttura del brano. Wounded ne è un chiaro esempio, il brano scorre senza strappi o pause e la parte solistica non è mai fine a se stessa, ma sorregge ed integra il cantato. Nonostante i quasi sette minuti di durata (e il minutaggio dei brani supera spesso i cinque minuti) l’ascolto non ne mai appesantito. Più volte mi è capitato di pensare che Suraz Sun possa divenire la controparte orientale di Geroge Lynch, considerando la capacità di sfornare riffs ed assoli a 360 gradi degna di un diamante puro della sei corde. Riuscitissima anche la bonus track Walking the Line (scelta come singolo e video) dove i GATC si concedono un viaggio negli anni settanta con una soffusa ballad acustica che odora di Led Zeppelin e Badlands.

Rock the Highway è un piccolo capolavoro hard rock che rischia di finire dimenticato, o per lo meno di non avere la possibilità di uscire dal circolo ristretto degli appassionati di certe sonorità. Sarebbe l’ennesimo crimine perpetrato ai danni della Musica, quella con la M maiuscola. Una cosa è certa: in ambito hard rock ed AOR i GATC occuperanno il primo posto del mio personalissimo podio targato 2020, in attesa di vederli prima o poi calcare le scene internazionali da protagonisti.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
89.42 su 19 voti [ VOTA]
Acce
Sabato 5 Dicembre 2020, 23.10.23
42
questo e' un grande disco. Ha tutto ciò 'che cattura, finalmente l'attenzione : lo sto ascoltando e francamente, acchiappa. Subito mi sono venuti in mente i Motley True, poi i Millios Dorrars Baby... Oggi , 2020 , per giudicare un lavoro hard'n' heavy, la regola e' una sola : ti deve far muovere... Beh, loro ci stanno riuscendo, anche se non ( possono ) essere i nuovi Dei del rock and roll
Albifuz
Sabato 5 Dicembre 2020, 0.08.50
41
@Eskimo il video di Primal lo davano spesso su MTV, tieni presente che eravamo "sotto assedio" grunge... appena visto mi gasai ed ho ancora la cassetta del greatest... @Poma mi sembra che parliamo di generi diversi, difficile fare un confronto
Galilee
Venerdì 4 Dicembre 2020, 23.40.04
40
Decade of decadence non è un semplice GH. Chiude un epoca perché Vince Neil "lasciò" la band. Difatti ci sono brani come Angela, Primal Scream, Rock n roll junkie e forse qualcos'altro che non ricordo. Da avere per me.
Eskimo
Venerdì 4 Dicembre 2020, 21.33.09
39
@Tino...sisi entrambe Motley ma Primal non l'avevo mai senrita perchè non ascolto mai le greatest hits delle grandi band...a questo punto credo che dovrò starci più attento ...cmq questa band non è male, ha spunti davvero notevoli...dovrebbero provare a sviluppare un sound sulla loro personalità e cercare meno l'influenza dei grandi gruppi...il talento non manca
Eskimo
Venerdì 4 Dicembre 2020, 21.26.00
38
@Shock Kickstart la conosco benissimo, non scherziamo...ma Primal sinceramente no, non ascolto gli inediti delle greatest hits sinceramente, perchè penso che se sono lì vuol dire che sono solo buoni scarti di grandi album...cmq carina
Poma
Venerdì 4 Dicembre 2020, 19.27.46
37
I Greta van Zeep questi se li magnano a colazione!
Shock
Venerdì 4 Dicembre 2020, 16.22.58
36
@Albifuz: dare opinioni è assolutamente condivisibile, cercare continuamente di voler ragione un altro. Se per te le mie sono esagerazioni è solamente perché il disco io lo trovo favoloso e tu no; basta guardare la recensione dei Witchwood per vedere l'esatto opposto. Per me questo disco fosse uscito negli anni ottanta e con la giusta pubblicità avrebbe venduto milioni di dischi, oppure no chi lo sa': ci sono dischi di quei anni che sono assoluti capolavori ma sono misconosciuti, e ti potrei fare un elenco bello lungo. Oggi, inteso come negli ultimi anni, è lo stesso: sono usciti, ed escono, grandi dischi. Sono nell'epoca sbagliata? E quindi? La buona musica non ha tempo, un grande disco di hard rock lo è oggi come trent'anni fa, solo che allora era la moda oggi di nicchia. Ma per chi è appassionato veramente questo importa zero, ecco perché mi esalta con questo disco, perché è brillante nel suo essere retro'. Basta ascoltare l'ultimo album dei Cats in space: straordinario, eppure potrebbe essere uscito dagli anni ottanta se non settanta. Ma la musica non ha tempo, i capolavori del passato sono tali solo perché arrivati prima. Se il manager dei Guns all'epoca non ebbe il colpo di genio di usare Sweet child'o mine come singolo, oggi i Guns chi li conoscerebbe se non gli appassionati? E questo vale per tanti altri gruppi allora come oggi.
Galilee
Venerdì 4 Dicembre 2020, 10.58.35
35
Ho ascoltato 3 pezzi non di più. Di più va contro la mia filosofia. Comunque si, bravi. Tecnicamente ottimi. L'opening track è proprio godibile. Difetti? Una certa ingenuità di base che li fa cadere in certi clichè del genere e perdere personalità. Se questo disco venderà e col prossimo riusciranno ad accaparrarsi un produttore come si deve e possibilmente con basi rock n roll, non avranno problemi a superare questa cosa. Quando avrò i soldi lo farò mio.
angus71
Venerdì 4 Dicembre 2020, 10.29.31
34
bello! anzi, molto bello! devo riascoltarmelo bello perchè in alcune parti mi è sembrato un po' grezzo ma disco che merita. Bravi.
fasanez
Venerdì 4 Dicembre 2020, 10.00.49
33
@Black me out 20 Commento da stampare come post it e da mettere attaccato al monitor del pc e da leggere prima di commentare qualsiasi cosa, imho. P.S. chi oggi ha dai 60 ai 70 litiga allo stesso modo "nostro" sui proprio gruppi, da Elvis, ai Fab Four, ecc. Magari chi ne ha 25 oggi, tra vent'anni, litigherà sul growl o sugli Slipknot. Panta rei, generazioni... ma forse è bello proprio così. P.S.2 Il disco non l'ho ascoltato, ma alla luce dei commenti, lo farò
Galilee
Venerdì 4 Dicembre 2020, 9.51.45
32
Albi. I paragoni che fai secondo me hanno poco senso. Mi spiego È vero che i capolavori del passato sono spesso inarrivabili, ma è anche un fatto dovuto ai nostri ricordi ed emozioni. Non è che un rest in sleazy dei Crashdiet è meno bello di un cruel intention dei Nasty Idols solo perché è uscito nei 90. Certo se fai un disco 20 anni dopo dovrai per forza percorrere certe strade già battute, ma resta inevitabile. E comunque se si citano pezzi come girl girls girls o welcome to the jungle Anche le band del passato annaspano. Questo però non significa che non possa godermi un disco dei Badlands solo perché in giro ci sono quella decina di album inarrivabili. Mi sarei perso centinaia di piccoli capolavori.
Albifuz
Venerdì 4 Dicembre 2020, 8.35.37
31
tpr ha riassunto perfettamente ! Shock mi sembra che siamo qui per dare opinion, doverose soprattutto quando si leggono esagerazioni come le tue...
Shock
Venerdì 4 Dicembre 2020, 1.42.44
30
@Albifuz: non capisco quale sia il problema: non ti piace, o non lo trovi così eccezionale, benissimo, ascolta altro.
tpr
Venerdì 4 Dicembre 2020, 1.22.29
29
confermo che questo è un bel disco e il gruppo promette bene. Non trovo nulla di conflittuale con quello che dice albifuz : pezzi capolavoro non mi sembra ve ne siano. Ma ciò non è di ostacolo al giudizio ottimo su disco e band.
tpr
Venerdì 4 Dicembre 2020, 1.22.28
28
confermo che questo è un bel disco e il gruppo promette bene. Non trovo nulla di conflittuale con quello che dice albifuz : pezzi capolavoro non mi sembra ve ne siano. Ma ciò non è di ostacolo al giudizio ottimo su disco e band.
Albifuz
Venerdì 4 Dicembre 2020, 0.31.29
27
Vediamo se riesco a farmi capire..ricapitolando.. disco suonato da una band di livello internazionale, singer fantastico, super produzione, musica suonata di mestiere... ma mancano le grandi "song " !!! Ci sono alcuni pezzi buoni e altri discreti... le ballad ad esempio sono abbastanza anonime mentre per i pezzi tirati ho gia' detto sotto.. visto che ho tutti contro continuero' nell'ascolto in attesa dell' "effetto crescita" ma dubito... nel frattempo i capolavori rock metal degli ultimi 20 anni me li vado a pescare nelle "correnti" nord europee .. passo e chiudo.
Galilee
Giovedì 3 Dicembre 2020, 23.29.37
26
Allora, se una band ne copia di sana pianta un'altra, mi fa girare le scatole e non riesco ad ascoltarla. Se si rifà ad un genere del passato alla fine contano le canzoni e la produzione. Di lavori hard rock molto belli dopo gli anni 90 ne sono usciti meno ovviamente, ma ne sono usciti comunque un bel pò. E alcuni sono davvero eccellenti. L'hard rock vive anche di blues, country, rock n roll, southern glam, pop etc etc. Insomma non è proprio un genere chiuso. Se si sa scrivere un pezzo si può tranquillamente risultare vincenti senza per forza essere paragonati ai nostri miti del passato.
Galilee
Giovedì 3 Dicembre 2020, 23.20.59
25
Primal scream è fichissima e si trova su decade of decadence 81/91 . Ci sono anche altri inediti sulla raccolta.
Tino
Giovedì 3 Dicembre 2020, 22.51.52
24
Ma Primal Scream non è dei Motley? Kick era riferita a loro
Shock
Giovedì 3 Dicembre 2020, 22.28.33
23
Ma come si fa....Kickstart my Heart si trova su Dr. Feelgood🙄
Eskimo
Giovedì 3 Dicembre 2020, 20.52.48
22
@Tino...ma infatti...giuro di non averla mai sentita prima...ho cercato il titolo su spotify e con mio sommo stupore mi dava solo i Motley...si bella song, con un riff che mi ricorda Still of the night ma mai sentita prima...su che album si trova?...perche spotify me la da solo in un greatest hits
Shock
Giovedì 3 Dicembre 2020, 20.37.07
21
@Black Me Out: "aspettarsi un brano come quelli da te citati nel 2020 è praticamente impossibile, per una quantità tale di motivi che bisognerebbe - e varrebbe la pena - aprire un topic apposta nel forum" . Cose già dette e ridotte tante volte, magari fateci un articolo perché nel forum ci sono troppi pochi utenti.
Black Me Out
Giovedì 3 Dicembre 2020, 19.15.13
20
@albifuz Perdonami, ma personalmente credo che i presupposti del tuo ragionamento siano piuttosto "datati" e fuorvianti (per te come ascoltatore eh), perché aspettarsi un brano come quelli da te citati nel 2020 è praticamente impossibile, per una quantità tale di motivi che bisognerebbe - e varrebbe la pena - aprire un topic apposta nel forum. Questo è proprio un consiglio da amico e da ascoltatore, godi della musica contemporanea senza forzatamente dover mandare l'orecchio al passato, anche quando la musica in oggetto strizza l'occhio proprio a quel passato. Secondo me riuscirai ad apprezzare maggiormente la musica attuale e comprendere ancor meglio il valore di quella passata. Detto ciò l'album in oggetto l'ho gradito molto e capisco le reazioni entusiaste degli appassionati del genere. Io sono un po' lontano da queste sonorità attualmente, ma il disco deve dire che continua piacevolmente a crescere e non stanca nemmeno me.
Tino
Giovedì 3 Dicembre 2020, 19.13.24
19
Più che una Primal Scream una kickstart my Heart...
EvilRocker
Giovedì 3 Dicembre 2020, 19.05.52
18
Albifuz scusa ma trovami un gruppo che ha tirato fuori una Welcome to the jungle diciamo negli ultimi 15 anni. Forse è per questo che molti qui (me compreso) sono piuttosto entusiasti di questo lavoro, un disco che magari negli anni 80-90 sarebbe passato inosservato oggi è un mezzo capolavoro perché di buona musica così ce n'e veramente veramente poca, tutta roba urlata, growlata (passami il termine), batterie che coprono tutto, tutti uguali. Magari sarò io che non so cosa cercare ma se uno come me va su Spotify e cerca le ultime uscite metal c'è da mettersi le mani nei capelli.
Henry
Giovedì 3 Dicembre 2020, 18.54.41
17
Questo è album è indescrivibile! Finalmente un gruppo che promette bene, senza tanti artefatti. Speriamo passino di qua per qualche festival la prossima estate
Ivanov
Giovedì 3 Dicembre 2020, 15.24.05
16
Per quanto mi riguarda, non sentivo una band così fresca dagli anni novanta! Evidentemente non lo hai ascoltato ancora bene oppure non hai abbastanza competenza del genere.
albifuz
Giovedì 3 Dicembre 2020, 13.53.41
15
Adesso qualcuno vorrebbe "spacciarmelo" per capolavoro o adirittura di un album tra i migliori del genere da decenni !! ... siamo messi male ... premetto che lo sto ascoltando con piacere e la qualita' della band e' alta ma al di la' di "anthem" triti e ritriti e cori ottantiani inflazionati, non arrivano comunque al livello delle band storiche ... trovatemi una "18 and life", una "Sweet child O' mine" o una "Welcome to the jungle", una "Primal scream"... e' buona musica ma non canzoni capolavoro riconoscibili nel tempo.
Tyrant
Giovedì 3 Dicembre 2020, 11.42.44
14
Come gruppo proveniente dall'India vi consiglio i Bloodywood Non fanno proprio lo stesso genere, sono una sorta di Sepultura periodo Chaos/Roots con un tocco crossover
Monica
Giovedì 3 Dicembre 2020, 11.06.04
13
Disco suonato con gusto. Assoli meravigliosi e cantato da sturbo!
tpr
Mercoledì 2 Dicembre 2020, 23.18.26
12
che bel disco!
marko
Mercoledì 2 Dicembre 2020, 22.56.40
11
Fantastici questi indiani!!
Shock
Mercoledì 2 Dicembre 2020, 0.52.06
10
Sui gusti non discuto, ma se uno scrive "canzoni poco distinguibili l'una dall'altra", quando sono una diversa dall'altra, mi chiedo cosa abbia ascoltato...
Altered
Martedì 1 Dicembre 2020, 23.01.03
9
Disco assolutamente clamoroso e non aggiungo altro.
albifuz
Martedì 1 Dicembre 2020, 20.41.24
8
Disco interessante ma troppo tirato per i miei gusti e voce su toni sempre troppo alti. Belli i cori ed energia anni '80 ma canzoni poco distinguibili l'una dall'altra. Preferisco un hard rock piu' moderno e melodico.
McCallon
Martedì 1 Dicembre 2020, 19.06.26
7
Ecco! Pradhan è anche la voce dei Firstborne, il nuovo progetto di Chris Adler.
McCallon
Martedì 1 Dicembre 2020, 19.02.26
6
Io ho il problema opposto; sono abbastanza sicuro di averlo già sentito prima ma non so dove! In ogni caso sia la recensione, sia il commento entusiasta di Shock mi hanno incuriosito molto, recupererò il disco per un ascolto.
Michele "Axoras"
Martedì 1 Dicembre 2020, 18.08.44
5
Ma questo Girish Pradhan canta come un treno! Dove è stato fino ad ora? Perché non lo avevo mai sentito?
duke
Martedì 1 Dicembre 2020, 17.34.36
4
...curioso di ascoltare il disco….
Galilee
Martedì 1 Dicembre 2020, 12.14.36
3
Ho sentito solo il singolo e non mi è piaciuto. Proverò comunque a dargli un ascolto.
EvilRocker
Martedì 1 Dicembre 2020, 11.23.32
2
Gran bell'album veramente, sono le sonorità che mi piacciono anche se la opening non mi ha fatto impazzire. Old school ma che non annoia, ben trasportato nella modernità senza però farsi prendere troppo la mano con batterie o chitarre troppo aggressive. Ho già messo in playlist 5 canzoni e devo ancora riascoltarlo! Consiglio: ascoltatevi qualcosa dei Beasto Blanco, potreste trovare qualcosa di interessante!
Shock
Martedì 1 Dicembre 2020, 0.58.43
1
Non so se è stato il mio suggerimento, comunque grazie per la recensione che metterà almeno in bella mostra quello che è probabilmente il miglior disco hard rock degli ultimi vent'anni se non più. Prendete tutto quello che di meglio c'era negli anni ottanta e portatelo ai giorni nostri, ma con quella qualità, classe e personalità che in pochi riescono ad avere. Prendete Wounded: semplicemente la canzone che da anni i Guns non riescono a scrivere, di una drammaticità incredibile. E senza fare una descrizione per ogni brano, gli anthem, i pezzi più rock scatenati, quelli al confine col metal, ballate, qui tutto è portato ad una qualità superiore. E la voce di Girish, semplicemente straordinaria. Il disco che ho ascoltato di più quest'anno e nei prossimi anni Voto 95, un disco senza tempo
INFORMAZIONI
2020
Lions Pride Music
Hard Rock
Tracklist
1. Rock the Highway
2. Everything Like Tonight
3. Rock’n’Roll is Here to Stay
4. The Distance Between
5. The Sikkimese Dream (Rock’n’Roll Wonderland)
6. Bad Sheperd
7. She’s Heavy Metal
8. The Rebel
9. Trapped Inside a Mirror
10. Wounded
11. Tears of the Phoenix
12. Identity Crisis
13. Walking the Line (Bonus Track)
Line Up
Girish Pradhan: (Voce, Chitarra)
Suraz Sun: (Chitarra)
Yogesh Pradhan: (Basso)
Nagen Nags: (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]