Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Accept
Too Mean to Die
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/21
WARRIOR PATH
The Mad King

05/03/21
SOM
Awake

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
TERROR
Trapped in a World

05/03/21
SKOLD
Dies Irae

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

CONCERTI

27/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

Dream Theater - Distant Memories - Live In London
07/12/2020
( 2381 letture )
Il 2020 ha visto attivi i mai domi Dream Theater, impegnati prima con la conclusione del tour celebrativo dei vent’anni di Scenes From A Memory e di supporto a Distance Over Time e con la pubblicazione dell’album solista di Petrucci. Successivamente con l’uscita di Distant Memories, triplo album dal vivo registrato a Londra in occasione del suddetto tour e, infine, con la pubblicazione del simpatico medley natalizio The Holiday Spirit Carries On. Siamo certi che il quintetto farà nuovamente parlare di sé, non tanto per il disco dal vivo, bensì per l’ardita scelta di voler riproporre per intero Scenes From A Memory, cosa già accaduta anni fa con Scenes From New York, in un’operazione che, per quanto apprezzabile e pensata per i più appassionati della band, pone qualche dubbio sull’effettiva genuinità.

Partiamo dunque dagli aspetti negativi. In primo luogo è da segnalare la scelta del bilanciamento sonoro e in generale il missaggio finale dell’intero concerto. Il risultato complessivo presenta un impasto di suoni a tratti confuso, per lo più digitale, finto e asettico oltre che carico di effetti. Convince poco la resa delle tastiere, con un Rudess sacrificato in secondo piano e che tende a scomparire a tratti, specialmente nei passaggi più aggressivi e tirati. Anche Petrucci non è esente da critiche, tra suoni di chitarra plasticosi e un uso di riverberi in alcuni casi un po’ fastidioso e confusionaro. La risposta che mi sono dato per giustificare queste scelte è direttamente connessa alla seconda nota dolente nonché la più evidente: James LaBrie. Inutile girarci attorno, il cantante canadese fa fatica, non tanto quando esegue le proprie parti vocali sul CD 1, quanto nella seconda e più corposa parte della setlist, là dove deve proprio sfoderare un cantato decisamente impegnativo. È probabile dunque che i massicci effetti impiegati dagli altri strumenti siano stati una scelta obbligata per limitare i danni. Inoltre questo spiegherebbe anche il perché la voce del seppur volenteroso James sia a sua volta ricoperta di effetti, un po’ come accade nelle strofe finali di A Nightmare to Remember. Ciò detto la performance del vocalist, nonostante le difficoltà dovute al fattore età e ad altre problematiche ben note da tempo, cerca di destreggiarsi al meglio delle proprie possibilità, alternando momenti brillanti e davvero emozionanti (come su Through Her Eyes, One Last Time e The Spirit Carries On) ad altri decisamente meno riusciti (Fatal Tragedy risulta letteralmente storpiata, divenendo così un esempio di nomen omen). Bene invece la sezione ritmica, con il basso di Myung in evidenza dove serve e soprattutto Mangini, finalmente esaltato anche nei momenti più articolati là dove nei precedenti live lo si tendeva un po’ a sacrificare.

Riguardo alla scaletta proposta c’è davvero poco da dire. Il primo CD è incentrato principalmente sul meglio di Distance Over Time: vediamo così Barstool Warrior, Fall Into the Light e Pale Blue Dot confermare la propria bontà in sede live, col pubblico in visibilio che esaltatondosi canta le melodie portanti dei pezzi e arriva addirittura ad accompagnare gli assoli. Saranno anche brani più semplici e quadrati per gli standard ai cui i Dream Theater ci hanno abituati, però funzionano alla grande e li possiamo definire tranquillamente degli instant classic. Il piatto forte però è spalmato sugli altri due dischi, in cui viene celebrato il ventennale del capolavoro Scenes From a Memory. Nel complesso, tenendo conto dei difetti poc’anzi elencati, ci si può ritenere ampiamente soddisfatti. Dal punto di vista strettamente strumentale la performance è al solito impressionante per precisione e tiro ed è un piacere sentire le sempre più articolate evoluzioni strumentali che i Dream Theater sciorinano, trovando l’ipotetico apice nella difficilissima Dance of Eternity. Vorrei anche richiamare l’attenzione sull’assolo finale di batteria di Finally Free, con protagonista un Mangini scatenato che, coraggiosamente, si prende licenze poetiche, o meglio “batteristiche”, nello stravolgere le partiture del predecessore Portnoy per inserire qui e lì finezze tecniche di alto livello.

È difficile trarre un bilancio per prodotti come Distant Memories. Sicuramente dal lato prettamente musicale c’è ben poco da discutere poiché questa testimonianza riconferma, nonostante siano già passati vent’anni, la validità e la bellezza di un grande album come Scenes From a Memory. Non a torto viene infatti ancora oggi considerato come uno dei migliori lavori dei Dream Theater ed è altrettanto bello sentire il quintetto impegnarsi a fondo per rendere al meglio delle proprie possibilità in sede live, pur di accontentare i propri fan, nonostante i nostri dopo tutti questi anni non abbiano più nulla da dimostrare riguardo all’effettiva qualità e resa dei propri show dal vivo. Un prodotto per i fedelissimi, gli altri possono tranquillamente passare oltre.



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
77.44 su 9 voti [ VOTA]
Margio
Venerdì 18 Dicembre 2020, 15.20.15
11
Visti live proprio durante questo tour... musicalmente pazzeschi, ma Labrie dal vivo non riesce più a rendere sufficientemente, non dico di non essermi goduto il live per colpa sua... ma quasi.
Painkiller
Sabato 12 Dicembre 2020, 21.57.11
10
@papi: once in a LIVEtime ovviamente....score w live scenes from New York sono bellissimi. Ma anche live at Luna Park é bellissimo. Grand suono, gran video, gran bella scaletta, ed anche La Brie canta dignitosamente.
d.r.i.
Martedì 8 Dicembre 2020, 13.56.07
9
La Brie è imbarazzante da anni, su disco tutto “rinforzato”. I D.T. devono tutto alla parte strumentale sebbene non apprezzi molto Rudess e la dipartita di Portnoy si sente eccome. Questo sarà mio solo se lo trovo usato
Hellion
Martedì 8 Dicembre 2020, 13.11.38
8
La Brie è ormai imbarazzante.
duke
Lunedì 7 Dicembre 2020, 21.29.57
7
...non c'e' dubbio che i dischi live recenti sono piu' rifatti della parietti…ma questo live mi piace…..io ho comprato il formato cd + dvd….e posso dire che non e' male….non sara' esente da difetti….ma va bene cosi'…..
paolo
Lunedì 7 Dicembre 2020, 20.56.32
6
A me non sembra male il suono, l'esecuzione come scontato è impeccabile. Solo mi chiedo come faccia Labrie a continuare a cantare e fare certe figure quando evidentemente la voce non c'è più. Lo trovo un limite molto importante per un gruppo che altrimenti sarebbe ancora di altissimo livello. Peccato!
HeroOfSand_14
Lunedì 7 Dicembre 2020, 17.09.36
5
Dai video estratti da questo live direi che non è sicuramente un must have, anzi. Scenes Live From New York avrà una qualità video peggiore, ma a livello di audio (pur tornando indietro di 20 anni) trovo sia sicuramente più godibile di questo sound un pò finto. I DT ormai li tengo buoni per vederli live se proprio, per provare delle emozioni che su disco non provo da un pezzo. Sennò a guardare live come questo mi metto a censire dettagliatamente tutti gli errori e le imperfezioni di LaBrie, e non avrebbe senso. Certo è che Scenes rimane un capolavoro assoluto e le canzoni funzionano anche con tutti i problemi di voce/sound ecc. Ah, e io sono un "pro-assolo di Mangini su Finally Free": per me lo esegue con coerenza e gran gusto, senza parlare della tecnica sopraffina. Sono un fan di Portnoy ma le cose bisogna dirle tutte
JC
Lunedì 7 Dicembre 2020, 13.15.24
4
Per appassionati, giusto il s. v. Nessuna novità particolare. Tanta professionalità, strumentale perfetto. Non credo di comprarlo perché non ho tempo di guardarlo, altrimenti lo avrei preso volentieri.
Papi
Lunedì 7 Dicembre 2020, 13.02.44
3
Lasciando da parte per un attimo i panni del recensore, mi associo a Micologo e aggiungo anche Live in Oncetime, che trovo molto importante perchè uscito in un periodo delicato per la band e che vede il sottovaluto Sherinian. Rimangono comunque tra i miei preferiti nonostante tutto...
Micologo
Lunedì 7 Dicembre 2020, 11.32.06
2
Comprato per ragioni sentimentali (li seguo dal '94), ma sinceramente mi pare un'uscita davvero superflua...se c'è ancora qualcuno che non ha mai visto un loro live consiglio Score, Scenes from a memory del 2000 e ovviamente Live in Tokyo del '92. Altrimenti, se non siete scemi come il sottoscritto, non lo comprate
Diego75
Lunedì 7 Dicembre 2020, 11.23.10
1
Sinceramente ...li ho sempre considerati grandi musicisti...ma non sono mai riuscito ad arrivare in fondo ad un loro disco...ne tanto meno ho mai investito soldi sui loro dischi...forse perche' li avevo visti dal vivo nel lontano al monster of rock di Torino...e mi avevano particolarmente "smaronato"....tra canzoni lunghissime e assoli di chitarra dal vivo Infiniti...forse anche perche' prima mi ero gustato i prima fear al loro primo cd...e poi gli overkill ....e per finire i deep purple...i dream sono ottimi musicisti....ma sono una chiavica da sopportare dal vivo...sicuramente questo cd non fa per me.
INFORMAZIONI
2020
Inside Out Music
Prog Metal
Tracklist
Disc 1
1. Untethered Angel
2. A Nightmare to Remember
3. Fall Into The Light
4. Barstool Warrior
5. In the Presence of Enemies - Part 1
6. Pale Blue Dot

Disc 2
1. Scenes Live Intro
2. Scene One: Regression
3. Scene Two I: Overture 1928
4. Scene Two II: Strange Déja Vu
5. Scene Three I: Through My Words
6. Scene Three II: Fatal Tragedy
7. Scene Four: Beyond This Life
8. Scene Five: Through Her Eyes

Disc 3
1. Scene Six: Home
2. Scene Seven I: The Dance Of Eternety
3. Scene Seven II: One Last Time
4. Scene Eight: The Spirit Carries On
5. Scene Nine: Finally Free
6. At Wit’s End
7. Paralyzed
Line Up
James Labrie (Voce)
John Petrucci (Chitarra)
Jordan Rudess (Tastiere)
John Myung (Basso)
Mike Mangini (Batteria)
 
RECENSIONI
74
77
70
65
70
65
71
93
s.v.
82
70
83
99
72
88
97
99
88
ARTICOLI
18/02/2020
Live Report
DREAM THEATER
Mediolanum Forum, Assago (MI) 12/02/2020
16/07/2019
Live Report
DREAM THEATER
Teatro Antico, Taormina (ME), 10/07/2019
12/05/2017
Live Report
DREAM THEATER
Images, Words & Beyond. Auditorium Agnelli, Torino, 7/5/2017
26/01/2014
Live Report
DREAM THEATER
Along for the Ride Tour, OBIHall (ex Saschall), Firenze 21/01/2014
26/02/2012
Live Report
DREAM THEATER + PERIPHERY
Mediolanum Forum, Assago (MI), 21/02/2012
10/07/2011
Live Report
DREAM THEATER + GAMMA RAY + ANATHEMA
Ippodromo Delle Capannelle, Roma, 04/07/2011
09/05/2011
Articolo
DREAM THEATER
Da Mike a Mike: critica alla telenovela
15/09/2010
Articolo
DREAM THEATER
Un Teatro di Sogni infranti da Mike?
14/11/2009
Intervista
DREAM THEATER
La band ieri, oggi e domani
03/11/2009
Live Report
DREAM THEATER + OPETH + BIGELF + UNEXPECT
Zoppas Arena, Conegliano Veneto (TV), 30/10/2009
08/11/2007
Intervista
DREAM THEATER
Parla Mike Portnoy
03/11/2007
Live Report
DREAM THEATER + SYMPHONY X
Palalottomatica, Roma, 26/10/2007
08/11/2005
Live Report
DREAM THEATER
Palamalaguti, Bologna, 30/10/2005
22/02/2005
Articolo
DREAM THEATER
La biografia
05/03/2004
Live Report
DREAM THEATER
Palamalaguti, Bologna, 06/02/2004
05/04/2003
Articolo
DREAM THEATER
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]