Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rikard Sjöblom`s Gungfly
Alone Together
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/01/21
WARDRUNA
Kvitravn

22/01/21
W.E.T.
Retransmission

22/01/21
JASON BIELER AND THE BARON VON BIELSKI ORCHESTRA
Songs for the Apocalypse

22/01/21
ELLENDE
Triebe

22/01/21
PHANTOM ELITE
Titanium

22/01/21
EKTOMORF
Reborn

22/01/21
ASPHYX
Necroceros

22/01/21
WIG WAM
Never Say Die

22/01/21
CONVICTION
Conviction

22/01/21
STEVE HACKETT
Under A Mediterranean Sky

CONCERTI

20/01/21
SHADOW OF INTENT + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

Devo - Duty Now for the Future
21/12/2020
( 335 letture )
A nemmeno un anno di distanza dall’osannato primo disco Q: Are We Not Men? A: We Are Devo la band dell’Ohio pubblica Duty Now for the Future. Pur essendo collegato all’esordio dalle tematiche trattate (la de-evoluzione della società americana) e dal sound (il post-punk), l’album se ne distacca orientandosi fortemente verso il futuro, come è possibile constatare sin dal titolo. Un avvenire rappresentato dagli anni 80, nel quale i Devo saltano a piè pari attraverso l’uso copioso di tastiere e sintetizzatori ed una produzione, quella di Ken Scott, che tende a risaltarli. I musicisti, abili nel non surclassarsi, evitano solismi eccessivi, risaltando così le prove canore sui generis e la compattezza di un sound tendente al synth-pop, il quale per certi versi anticipa Freedom of Choice. I fattori che incarnano al meglio la natura del gruppo, ovverosia la sottile ironia (talvolta a sfondo sessuale), la bizzarria e la follia, sono centrali. Testi ed esecuzioni demenziali come S.I.B. (Swelling Itching Brain) e Pink Pussycat sono esaltanti, ma colpiscono anche alcune frasi piantate qua e là per sensibilizzare l’ascoltatore, come l’attacco di Wiggly World:

They say the fittest shall survive
Yet the unfit may live
(Dicono che il più adatto sopravviverà
Eppure i non idonei possono vivere)
...

oppure la denuncia sociale della spettacolare Blockhead, dove l’uomo comune è praticamente definito uno stupido.
Data la visione futuristica del prodotto, a svettare è la componente elettronica, tangibile in tutto l’album e riscontrabile a partire dalla strumentale Timing X e sulla successiva Wiggly World, entrambe piuttosto effettate. Segue tale connotazione pure la rapida Strange Pursuit, la quale garantisce un ritornello seminale piuttosto piacevole. La piena vena creativa dei Devo emerge sulle succitate Blockhead e S.I.B. (Swelling Itching Brain): le cupe basi new wave sperimentano e sostengono la prova canora simultaneamente pazza e lucida di Mark Mothersbaugh. Il secondo episodio in particolare risulta allucinante, affascinante e chiude il lato A nel migliore dei modi. Sarcasticamente il B-side si apre in maniera “regale” ricollegandosi all’intro Devo Corporate Anthem. Le frasi enunciate dal vocione di Gerald Casale su Triumh of the Will avviano una serie di tracks scherzose e pungenti capitanate dalla disturbata Pink Pussycat: una specie di botta e risposta fra un “gatto” ed il coro, che ripete a più riprese il titolo del brano. Intrigante anche la cover di Secret Agent Man, canzone originariamente scritta da P.F. Sloan e Steve Barri per fare da colonna sonora alla spy series britannica “Danger Man” e portata al successo nel 1966 da Johnny Rivers. La combo Smart Patrol/Mr. DNA cerca di riproporre la formula vincente di Gut Feeling/(Slap Your Mammy) presente sull’LP d’esordio, pur non raggiungendone la qualità. In ogni caso possiede un lungo ed apprezzabile assolo di chitarra, più unico che raro considerata la natura del platter. Da citare infine il singolo dalla produzione retro The Day My Baby Gave Me a Surprize, una sorta di new wave per famiglie che ribadisce l’intenzione della band di proporre qualcosa di nuovo.

La continua volontà di uscire dai propri confini è un elemento fondante della storia dei Devo. La de-evolution così ampiamente trattata, si pone in netto contrasto alla continua evoluzione del quintetto in termini di sound. Duty Now for the Future è una sorta di rito di passaggio dallo straordinario esordio post-punk alle nuove tendenze ottantiane, le quali apporteranno la presenza massiccia di elementi elettronici. L’album in questione riesce a mantenere un certo equilibrio fra i due mondi e quando riesce a commistionarli nella stessa track, raggiunge i momenti migliori. Se da un lato le composizioni non raggiungono la qualità del primo lavoro (alcuni brani presenti sull’album in questione vennero scartati per Q: Are We Not Men? A: We Are Devo), dall’altro permane una certa perplessità riguardo la produzione, fin troppo carica in alcuni frangenti. Una maggiore focalizzazione sugli strumenti a corde a discapito delle tastiere avrebbe giovato nel porre l’attenzione sulle singole abilità del musicista. Enfatizzare l’individualità piuttosto che sovrastarla, come avvenne nelle sapienti mani di Brian Eno, il quale tolse piuttosto che mettere.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
66.33 su 3 voti [ VOTA]
Voivod
Martedì 22 Dicembre 2020, 12.34.42
2
Fantastico come il precedente e il successivo!
Warrior63
Lunedì 21 Dicembre 2020, 17.32.03
1
I primi tre album sono da avere senza se e senza ma...
INFORMAZIONI
1979
Warner Bros
Post Punk
Tracklist
1. Devo Corporate Anthem
2. Clockout
3. Timing X
4. Wiggly World
5. Blockhead
6. Strange Pursuit
7. S.I.B. (Swelling Itching Brain)
8. Triumph of the Will
9. The Day My Baby Gave Me a Surprize
10. Pink Pussycat
11. Secret Agent Man
12. Smart Patrol/Mr. DNA
13. Red Eye
Line Up
Mark Mothersbaugh (Voce, chitarra, tastiere, cori);
Bob Mothersbaugh (Voce, chitarra, cori);
Gerald Casale (Voce, tastiere, basso, cori);
Bob Casale (Chitarra, tastiere, cori)
Alan Myers (Batteria)
 
RECENSIONI
93
ARTICOLI
08/03/2018
Live Report
KORPIKLAANI + ARKONA + HEIDEVOLK + TROLLFEST
Magazzini Generali, Milano, 05/03/2018
18/06/2012
Intervista
HEIDEVOLK
Musica, storia e… Grappa!
01/09/2011
Intervista
HEIDEVOLK
Insegnanti e financial controller al servizio del metallo
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]