Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rikard Sjöblom`s Gungfly
Alone Together
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/01/21
WARDRUNA
Kvitravn

22/01/21
W.E.T.
Retransmission

22/01/21
JASON BIELER AND THE BARON VON BIELSKI ORCHESTRA
Songs for the Apocalypse

22/01/21
ELLENDE
Triebe

22/01/21
PHANTOM ELITE
Titanium

22/01/21
EKTOMORF
Reborn

22/01/21
ASPHYX
Necroceros

22/01/21
WIG WAM
Never Say Die

22/01/21
CONVICTION
Conviction

22/01/21
STEVE HACKETT
Under A Mediterranean Sky

CONCERTI

20/01/21
SHADOW OF INTENT + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

06/02/21
MAGNUM + GUEST TBA (CANCELLATA)
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

11/02/21
VENOM INC. + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

12/02/21
VENOM INC. + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

13/02/21
VENOM INC. + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/02/21
IMONOLITH + TBA
BARRIO'S CAFE - MILANO

18/02/21
IMONOLITH + LOGICAL TERROR
MK LIVE - CARPI (MO)

19/02/21
THE DEAD DAISIES
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

20/02/21
ANCIENT + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

21/02/21
TURMION KATILOT
LEGEND CLUB - MILANO

Valravn (FIN) - Prey
12/01/2021
( 387 letture )
La foto promozionale dei Valravn mostra i quattro membri incappucciati e ricoperti da passamontagna scuri, scene che abbiamo già visto varie volte in passato con svariati gruppi e che ormai appartiene a sempre più gruppi estremi. Alcuni membri del gruppo hanno all’attivo altri progetti diversi progetti: Aleksi Olkkola è batterista degli Altar of Betelgeuze, mentre Julius Kantoluoto, noto anche come Alarik è chitarrista degli Sclerosis, di cui non si hanno più notizie dopo il loro debutto. Di primo impatto, vista la mole di uscite da parte della scena black metal finlandese nell’ultima decade, ci si potrebbe aspettare qualcosa di intenso anche dal loro disco di debutto, Prey.

Le note di chitarra acustica che introducono la traccia d’apertura Awaken sicuramente non mostrano appropriatamente il loro stile, ma di sicuro sono un indicatore di una produzione estremamente low-fidelity, con tanto di rumore bianco di sottofondo che simula la riproduzione di un vinile: aspettative che vengono confermate principalmente nei suoni di chitarra con il pezzo successivo, Throne of Bloood, in cui ritroviamo una variazione più veloce e tendente al metal classico delle armonie melmose in tremolo dei Darkspace. Si susseguono una serie di brani che vanno dall’andamento marciante a incalzanti cavalcate (Void, The Raven), e altre con ritmiche più incessanti e melodie epiche (Evoke the Fire). Ad eccezione di tre intro di chitarra acustica, tra cui uno inserito prima di Illustratum e un altro alla fine del disco, le tracce iniziano senza tanti fronzoli e scorrono con la loro dose di blast-beat, tremolo potenti e un approccio alla materia piuttosto emozionale prima di ogni cosa. Da applausi Enchained, che sciorina riff melodici che potrebbero stare bene anche in un ipotetico disco dei Woods of Desolation. Nota di merito anche per la produzione ad opera di Jakke Viitala, noto per essere stato membro degli ormai sciolti Crimfll, istintiva ma tutt’altro che approssimativa.
Un disco prevalentemente semplice, prodotto professionalmente senza disdegnare quel minimo di sporcizia che ha dato tanta fama al black metal degli anni passati.

Anche se gran parte del materiale suona abbastanza standardizzato e risente molto dell’influenza di artisti come Dissection, di alcuni gruppi della scena cascadian black e degli ultimi dischi dei Gorgoroth, Prey è un disco snello, piacevole da ascoltare e a tratti molto riuscito. Personalità e capacità di distinguersi non sono ancora i punti forti dei Valravn, ma questo non ci impedisce di apprezzare la loro proposta, sperando che nel frattempo possano andare a ringiovanire la scena black finlandese.



VOTO RECENSORE
74
VOTO LETTORI
36 su 12 voti [ VOTA]
VICTORY
Venerdì 15 Gennaio 2021, 23.25.38
1
E' ormai da due mesi che ho nel mio lettore questo disco ma ho difficolta a inquadrarlo. Se dovessi passare a una valutazione meramente numerica sarebbe 70 secco. non di piu, non di meno. ben suonato, ben prodotto, ma pur sempre underground .
INFORMAZIONI
2020
Primitive Reaction
Black
Tracklist
1. Awaken
2. Throne of Blood
3. Void
4. Conjuration
5. Evoke the Fire
6. Illustratum
7. Enchained
8. Treachery
9. The Raven
10. Outro
Line Up
Alarik (Voce, Chitarra)
B. Carey (Chitarra)
H. Partinen (Basso)
A. Olkkola (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]