Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Epica
Omega
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
KEN HENSLEY
My Book of Answers

05/03/21
NIGHTFALL
At Night We Prey

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

05/03/21
EXANIMIS
Marionnettiste

05/03/21
REAPER (SWE)
The Atonality of Flesh

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

CONCERTI

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/03/21
RECKLESS LOVE + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Sollust - (In)Versus
16/01/2021
( 374 letture )
La fine del 2020 ha visto il ritorno in pista per i Sollust che, dopo otto anni di silenzio dal debutto The Last Bird Son, hanno finalmente pubblicato tredici trecce inedite facenti parte del loro secondo capitolo discografico (In)Versus. Descrivere la loro musica non è immediato: i portoghesi si presentano come progressive metal, ma non nella concezione classica del termine incentrata sul virtuosismo, gli arrangiamenti barocchi e i cambi di tempo e atmosfera, quanto piuttosto nell’idea di mescolare generi differenti e anche molto distanti tra loro. Nel caso dei Sollust, la musica è un pastiche composto da death metal, aperture più melodiche gothic alla Paradise Lost e, infine, suggestioni d’ispirazione alternative rock che scomodano talvolta l’ingombrante retaggio dei primi Tool.

Sulla carta l’idea è interessante, ma sfortunatamente nel caso dei Sollust alla bontà delle intenzioni non è corrispondono i fatti, o meglio, le canzoni. Pur non essendo un fallimento totale, (In)Versus non è esente da vistosi difetti che inficiano la resa complessiva. Pollice verso soprattutto per quanto riguarda il growl, poco profondo, monocorde e tecnicamente da rivedere perché davvero debole e a tratti un po’ immaturo. Le linee vocali più aggressive scorrono via senza colpo ferire, lasciando l’amaro in bocca perché si sarebbe potuto fare meglio con un pizzico di cattiveria ed un’impostazione tecnica migliore. Tutti i brani presenti in questo disco soffrono vistosamente del growl, capace di vanificare le intuizioni del riffing nei passaggi più ficcanti e riusciti. Anche la produzione non è esente da critiche: le chitarre mancano di spessore poiché in secondo piano e distorte con un suono sgranato che non rende giustizia alle seppur buone parti del riffing. Inoltre è impossibile ignorare la batteria dalla grancassa triggerata e fintissima al limite del fastidioso. Pollice alzato invece per quanto riguarda il cantato pulito che, al contrario della controparte in growl si rivela quantomeno piacevole e azzeccato nel contesto, anche se inequivocabilmente ispirato da Nick Holmes e in misura decisamente minore da Maynard Keenan: prendendo d’esempio la sezione centrale di Blame Yourself attorno al minuto 2:20, si noterà l’assonanza palese con il cantante di Lateralus. Sul versante tecnico e strumentale (In)Versus si regge bene sulle proprie gambe e presenta furbescamente le idee migliori nella prima metà del disco, diciamo fino a Exolvuntur, per poi collassare di botto. La seconda metà, eccezion fatta per la singola Messiah, è un misto di riempitivi a metà tra il clichè e il generico death/goth da discount (Dark Halo, Reflection) e altri brani che si trascinano agonizzanti per la noia generata, Winding Path e Amnesia su tutti. Si ha quasi la tentazione a pensare che i Sollust abbiano smarrito l’ispirazione nel corso della lavorazione al disco. Probabilmente con un paio di pezzi in meno ci troveremmo dinanzi a un lavoro per lo meno dignitoso.

È stato davvero difficile trovare qualcosa che funzionasse nella musica dei Sollust. Con i ripetuti ascolti cresce lo sconforto nel constatare come il disco via via peggiori appiattendosi in trovate sempre meno efficaci, rendendo specialmente la seconda metà di (In)Versus faticosa da digerire. Non mancano comunque degli aspetti timidamente interessanti e positivi che risollevano le quotazioni del lavoro, ma quanto offerto è decisamente troppo esiguo per giustificare otto anni di attesa o un prodotto al di sotto della sufficienza. Ai lusitani urge lavorare sodo e rimediare agli aspetti deleteri della propria musica affinchè non si ritrovino in futuro con nuovi dischi potenzialmente godibili, ma rovinati da evidenti pecche.



VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
57 su 1 voti [ VOTA]
Bob
Giovedì 18 Febbraio 2021, 10.44.44
5
Bene
Papi
Domenica 17 Gennaio 2021, 9.35.52
4
Probabilmente la fretta è stata una cattiva consigliera per i Contrarian. Si fossero presi più tempo sicuramente avrebbero ottenuto risultati ben diversi.
LUCIO 77
Sabato 16 Gennaio 2021, 19.21.07
3
Quello che non comprendo e chiedo: Prendo atto dei Sollust.. Occasione persa.. Ma i Contrarian: Album precedente che mi è piaciuto.. Successo quel che è successo ok.. Ma finita la Registrazione si sono ascoltati? Avessero composto una decina di Brani sulla falsariga di The Mega Metropolis con il Cantante precedente, a parer mio usciva un grande Album..
Papi
Sabato 16 Gennaio 2021, 18.52.57
2
A malincuore ho dovuto bocciarli perchè di fatto gli spunti interessanti non mancano. Sul cantato dei portoghesi, penso sia limitante un growl carente di tecnica ed espressività, specialmente in contesti come questi dove l'atmosfera, anche per quanto riguarda la voce, è tutto. Riguardo ai Contrarian purtroppo non sono rimasto convinto in generale e trovo che la voce abbia limitato la resa finale per via di scelte non proprio azzeccate.
LUCIO 77
Sabato 16 Gennaio 2021, 13.21.29
1
Ho visto che il Recensore di questo Album è lo stesso del lavoro dei Contrarian, e così ho voluto dargli un ascolto.. Anche alla luce del voto simile e dell'etichetta Prog/death.. A grandi linee son d'accordo con la Recensione.. Dissento pacificamente solo sulla Voce growl.. A mio parere il Gorgoglio sull'album degli Statunitensi è penalizzante per la resa finale.. Qua invece mi sembra un Cantato né più né meno come tanti.. Gli altri punti deboli che ha evidenziato, li ritengo più determinanti nel giudizio finale.. Peccato perché l'idea di partenza era intrigante..
INFORMAZIONI
2020
Autoprodotto
Prog Death
Tracklist
1. Divider
2. Inversus
3. Lost in Oblivion
4. Hostage of a Life
5. Beyond the Void
6. Creed in Life
7. Blame Yourself
8. Exolvuntur
9. Reflection
10. Dark Halo
11. Winding Path
12. Messiah
13. Amnesia
Line Up
Rui Pereira (Voce, Chitarra)
Rui “Ruka” Monteiro (Chitarra)
Miguel Lopes (Campionatore)
Amilcar “Mika” Arùjo (Basso)
Paulo “Axelandre” Queiròs (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]