Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Epica
Omega
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
WITHERFALL
Curse of Autumn

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
EXANIMIS
Marionnettiste

05/03/21
SOM
Awake

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

05/03/21
REAPER (SWE)
The Atonality of Flesh

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

05/03/21
WOLVENNEST
Temple

CONCERTI

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/03/21
RECKLESS LOVE + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Cats In Space - Atlantis
24/01/2021
( 986 letture )
In un giorno e una notte
La distruzione avvenne
Tornò nell'acqua
Sparì Atlantide (Franco Battiato, “Atlantide”)
.

I prolifici Cats in Space tornano con un concept dall’immaginario fantasy, ambientato nel continente sommerso di Atlantide. Siamo distanti diverse leghe da Day Trip to Narnia e purtroppo non solo perché ci troviamo sui fondali marini… musicalmente e qualitativamente infatti, se da un lato siamo ancora entusiasti per via della storia di Johnny Rocket, dall’altro bisogna riconoscere che Atlantis è (perdonate l’associazione), un mezzo buco nell’acqua. Le probabili motivazioni sono disparate e vengono a galla ponendoci alcuni retorici quesiti: forse sono state accelerate le fasi di lavorazione di un nuovo prodotto, data l’impossibilità di esibirsi dal vivo? Forse si percepisce fin troppo la volontà di voler realizzare una rock opera? Forse i continui riferimenti agli anni ‘70 sono fin troppo palesi ed artisti del calibro di The Who, Queen ed Elton John, hanno sicuramente raggiunto ben altri livelli artistici in quegli anni? O forse più banalmente le canzoni non sono all’altezza? I sì in risposta risultano freddi ma quantomai convinti. La sensazione è di trovarsi di fronte ad un buon collage di suoni, ma non ad un prodotto vero e proprio da assaporare in toto, perdipiù l’apporto pomposo dell’orchestra di Mike Moran non fa altro che accrescere tale caratteristica. Atlantis lascia quindi in testa tante domande e poche certezze, pur essendo riscontrabili quest’ultime nella capacità compositiva della band, nel creare trame incantevoli come poche altre nel panorama prog/power pop attuale. L’altra consapevolezza risiede nella prova del nuovo cantante Damien Edwards, vocalist dall’apertura invidiabile, il quale sembra trovarsi a proprio agio sulle esecuzioni “teatrali” del platter. Sta di fatto che le convinzioni finiscono qui. Se non altro si può aggiungere che le melodie migliori siano assaporabili sulla seconda parte dell’album e che l’unica track degna di nota (ma che nota!), sia la suite progressive Marionettes. Un brano pazzesco che, pur essendo fortemente citazionista come del resto la gran parte del prodotto, risulta maestoso, partendo in sordina col duo voce/piano per poi prendere corpo lentamente, esibendo una prova vocale stellare ed esplodendo sull’inciso carico di sintetizzatori e ricco di digressioni. Ad ogni modo nell’album non manca il fattore divertimento: dapprima in evidenza attraverso i richiami all’hard rock settantiano di Spaceship Superstar e Revolution, poi ridotto all’osso sull’arrangiamento AOR di Listen to the Radio ed infine irradiato sul saccheggio musicale messo in atto in Queen of the Neverland. I “gatti” si fanno apprezzare maggiormente su episodi leggeri come la “beatlesiana” Sunday Best e la track da spiaggia Magic Lovin’Feelin’; mentre quasi stancano le ballate I Fell Out of Love with Rock‘n’Roll e Can’t Wait for Tomorrow, peraltro entrambe riempite con inserti discutibili (i cori gospel, l’armonica a bocca… why Greg?). Sono abbastanza gradevoli le ultime due tracce: Seasons Change, con il suo tappeto sonoro “elettronico” costruito dal tastierista Andy Stewart ed il chorus ampiamente riuscito e, tutto sommato, anche la blanda title track. Essa è l’emblema del disco, infatti tenta di realizzare una rock opera attraverso i mezzi tecnici e lo spessore dei musicisti coinvolti, ma la musa ispiratrice pare non volersi far catturare dai Cats in Space.

Un semplice calo d’ispirazione quindi? Si potrebbe anche chiosarla così, poiché il gruppo ha tutte le carte in regola per farci estasiare tramite le proprie abilità. Sicuramente però non con un album di questo tipo! Atlantis li fa rimanere sulla cresta dell’onda, ma sinceramente, fra non molto, potrebbe fare la fine del continente sommerso protagonista della storia, venendo ricordato solamente per il tesoro nascosto Marionettes. D’altronde il titolo è anche premonitore: Atlantide è, secondo la leggenda, destinato agli abissi.



VOTO RECENSORE
63
VOTO LETTORI
76.13 su 37 voti [ VOTA]
Lizard
Lunedì 25 Gennaio 2021, 22.32.39
15
È facile nascondersi dietro uno schermo e insultare, l'unica tristezza è il destino da troll che ti sei voluto creare. Cambia pure cento nick e continua pure a diffamare tutti i giorni, non fa alcuna differenza, mi spiace solo per te. Federico scrive su Metallized da quasi cinque anni e non merita che chicchessia si permetta di dirgli che mette voti a caso per scatenare polemiche. Le polemiche ci sono sempre state sui voti e sempre ci saranno, perché chi si prende la responsabilità di una recensione si prende anche la responsabilità della propria posizione e ci mette la faccia. Nessuno è tenuto a condividere quello che scriviamo se non è d'accordo, ma deve rispettare la nostra opinione. Il resto è solo un venticello.
Lucio
Lunedì 25 Gennaio 2021, 21.59.31
14
Il recensore avrà fatto lo stesso... La mole di voti ad omologare quello in calce fa tristezza.
JC
Lunedì 25 Gennaio 2021, 21.12.01
13
Comprato a scatola chiusa dopo essere stato folgorato dal magnifico Daytrip to Narnia... non mi è piaciuto. Abbandonato al secondo ascolto.
...and justice for all
Lunedì 25 Gennaio 2021, 16.43.26
12
Dai, ragazzi, il fatto è ormai sotto gli occhi di tutti: Metallized ha ormai decisamente perso il passo dei siti e webzine concorrenti, che si rinnovano periodicamente, offrono contenuti aggiornati con costanza e regolarità; avete fatto caso che molti degli ex-recensori di Metallized siano emigrati verso altri lidi? Anche graficamente è rimasto indietro anni luce rispetto alla concorrenza, non attira più se non i pochi aficionados; l'unica cosa che è rimasta da fare per sopravvivere è recensire quante cose più distanti possibile, in modo da avere un minimo di "vita virtuale" anche verso lettori e fruitori di altri generi musicali (cosa che non so quanti numeri e visite porti effettivamente), oppure pubblicare una bella "recensione" dai dubbi contenuti in modo da scatenare dibattiti e flame vari, per ravvivare un po' il mortorio che si è venuto a creare... spiace scrivere queste parole, ma è così. Sembra un po' di vedere la stessa storia e fine che ha fatto Nokia sul mercato dei cellulari...
Rob Fleming
Lunedì 25 Gennaio 2021, 15.59.52
11
Ok, @Shock hai fatto tu l'altra recensione, adesso abbiamo i due punti di vista. Rispondo anche a @Carmine sebbene l'abbia già fatto @Marcello. Per come la vedo io se un album viene citato nelle classifiche di fine anno significa che la media di coloro che le compilano (all'interno della redazione di riferimento? di tutti i collaboratori?) è tale da giustificare la menzione d'onore. Se poi le compila solo una persona, allora, non dico più niente perché tutto il mio discorso non ha più senso. Ecco perché ho scritto la mia perplessità. Avere più punti di vista su un album è sempre importante ed un arricchimento. Non fosse stato citato nell'articolo riassuntivo del 2020 non avrei scritto nulla. Così mi ha stupito.
Marcello
Lunedì 25 Gennaio 2021, 14.05.44
10
Carmine, significa che è degno di nota. Tu non lo hai apprezzato ? Oppure sei un terzo redattore ?
Shock
Lunedì 25 Gennaio 2021, 14.03.29
9
Ah, il tutto col massimo rispetto per il recensore, se non gli piace il disco è una sua considerazione, idem per Alex sul quale farei però un altro discorso in altra sede.
Shock
Lunedì 25 Gennaio 2021, 14.01.27
8
Tralasciando certe parole, @Rob la cosa non mi stupisce più di tanto, ultimamente il sito....beh diciamo che.... non dico niente va'... Le mie impressioni sul disco: Il nuovo disco è STUPENDO!!! Apre le danze l'intro Dive!, in crescendo e poi parte Spaceship superstar: quel "Let's go" iniziale dice tutto, una bomba hard rock sempre in crescendo, cori fenomenali e assoli stupendi, che canzone!! Ero un po' scettico sul nuovo cantante, niente di più sbagliato: eccezionale, lo preferisco al precedente che è tutto dire. Revolution, altro pezzo hard rock, duro quanto basta, bellissimo. Sunday best, qui iniziano a sentirsi le influenze Queen, che si ritroveranno più volte nel disco per i cori e quei assoli di stampo May, assolutamente brillanti. Listen to the radio: che dire, un anthem assicurato, da mettere come singolo. I fell out of love with rock'n'roll, primo singolo, stupendo, brillante, ed emozionante. Marionettes: forse la mia preferita del disco, Queen dietro l'angolo, accelerazioni, stop, ripartenze, cori ed assoli meravigliosi, non ho più parole. Magic Lovin feelin, lo spettro dei Boston fa capolino dietro questa ennesima stupenda canzon. E poi fino alle conclusive Season change e Atlantis, altri due spettacolari brani!! Altra ottima considerazione: Non trovo parole per descrivere il mix fra melodia, chorus da cantare a squarciagola, solidi ritmiche hard rock ( "Revolution", "Queen Of The Neverland", "Dive!", "Spaceship Superstar"), vocals sublimi da parte del nuovo arrivato Damien Edwards, la cui incredibile estensione ha portato un’altra dimensione ai suoni unici del gruppo. Il pianoforte spesso detta le linee melodiche da solo o all'unisono con le chitarre e in ogni caso è l'apoteosi della bella musica, quella che ti cattura dopo la prima nota, le ballad sono poche ma entusiasmanti ( la stupenda" I Fell Out Of Love With RnR" e la titletrack, quasi un'opera rock ) e sono le ritmiche, il groove, i refrain che ti avvolgono piano piano fino a farti cantare ( " Listen To The Radio", "Magic Lovin Feeling") che rendono l'album qualcosa di speciale. L'esecuzione dei Nostri è poi sontuosa ed essenziale allo stesso tempo, d'altronde i membri hanno un curriculum di assoluto valore e la loro classe trasuda da ogni nota senza mai risultare ridondante o stucchevole. Come rendere splendenti delle già - ottime - melodie? Ovviamente con arrangiamenti ed orchestrazioni sontuose e mai inutilmente pompose, si senta a tale proposito la già citata titletrack...un vero bijoux.
Carmine
Lunedì 25 Gennaio 2021, 13.50.06
7
ma che sia comparsa nelle chart di fine anno non vuol dire che lo abbiano apprezzato tutti, come potete vedere già per due redattori è un No.
fasanez
Lunedì 25 Gennaio 2021, 10.53.00
6
Devo ancora ascoltarlo per bene, ma quello che ho sentito mi è decisamente piaciuto. La mancanza di Manzi, che adoro, si sente, ma il nuovo non è male, anche se inferiore imho. Credo comunque che il voto sia un po' bassino, da quel che ho sentito per ora.
MuHō
Lunedì 25 Gennaio 2021, 10.12.43
5
A me sembra che seppur inferiore al precedente il voto sia un po' troppo severo. Da 88 a 63 è un bel salto. Poi un album che contiene un brano come Marionettes per me non dovrebbe scendere sotto i 70 anche se il resto fossero scoregge. più che registrato in fretta mi sembra leggermente meno chiaro. La voce è più dietro rispetto al precedente e mi pare meno ariosa. Qualche melodia memorabile in meno, ma io un bel 75 glielo darei senza troppa fatica.
Rob Fleming
Lunedì 25 Gennaio 2021, 9.47.38
4
Ma guarda @Shock, a mio avviso non è nemmeno tanto questione di voti su altre riviste o siti. Quello che mi ha lasciato perplesso è che l'album è stato indicato tra le menzioni speciali del 2020 in ambito hard rock (non conosco il "dietro alle quinte", ma penso che siano scelte redazionali e non solo del singolo). E allora, forse questa era l'occasione di pubblicare due recensioni per un gruppo di nicchia, perché altrimenti avverto un po' contraddittorietà. Peraltro il recensore ha un modo di scrivere che apprezzo tantissimo sebbene sia in molte occasioni stringatissimo nei voti (rimando a quanto scritto per gli Outlaws). Il cd l'ho ordinato, ma non è ancora arrivato per cui mi accontento della Rete, ma l'ho ascoltato molto e tra molto citazionismo mi sembra propri bello.
Shock
Lunedì 25 Gennaio 2021, 9.35.01
3
Si, vabbè, un disco che ha preso minimo 8 su 10 ovunque, con una recensione così. Ma per favore....e non si tratta di fanboysmo...
Nathan
Lunedì 25 Gennaio 2021, 0.03.38
2
Alla frutta. La redazione
Black Me Out
Domenica 24 Gennaio 2021, 22.14.51
1
Che batosta questo disco dopo il meraviglioso Day Trip To Narnia... La recensione dice tutto e la condivido completamente; personalmente la mancanza di Paul Manzi si è fatta sentire molto e il tiro del disco precedente (ma anche di quello prima ancora) sembra essere scomparso a favore di tanti mid-tempo e ballate. Infine il "saccheggio" perpetrato ai danni dei grandi c'è sempre stato nel songwriting dei CIS, ma qui in effetti è proprio tanto manifesto e poco brillante. Un gran peccato.
INFORMAZIONI
2020
Harmony Factory Records
AOR
Tracklist
1. Dive!
2. Spaceship Superstar
3. Revolution
4. Sunday Best
5. Listen To the Radio
6. I Fell Out of Love with Rock‘n’Roll
7. Marionettes
8. Queen of the Neverland
9. Magic Lovin’ Feelin’
10. Can’t Wait for Tomorrow
11. Seasons Change
12. Atlantis
Line Up
Damien Edwards (Voce, cori)
Greg Hart (Chitarre, cori, campane tubulari, moog)
Dean Howard (Chitarre)
Andy Stewart (Pianoforte, tastiere, sintetizzatori)
Jeff Brown (Basso, cori)
Steevi Bacon (Batteria, percussioni, timpani, armonica, whistles)
 
RECENSIONI
88
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]