Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Jethro Tull
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/04/21
GRAVEYARD OF SOULS
Infinity Equal Zero

16/04/21
HOLDING ABSENCE
The Greatest Mistake Of My Life

16/04/21
THE OFFSPRING
Let the Bad Times Roll

16/04/21
BLACK ORCHID EMPIRE
Live in the Studio (EP)

16/04/21
ICON OF SIN (BRA)
Icon of Sin

16/04/21
TEMPLE BALLS
Pyromide

16/04/21
DISORDER ASSEMBLY
Combustion Fossil

16/04/21
CANNIBAL CORPSE
Violence Unimagined

16/04/21
THE VINTAGE CARAVAN
Monuments

16/04/21
SPECTRAL WOUND
A Diabolic Thirst

CONCERTI

16/04/21
LOUDNESS + GREY ATTACK + THOLA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/04/21
AXEL RUDI PELL
DRUSO - RANICA (BG)

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

14/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Jethro Tull - Songs from the Wood
06/03/2021
( 759 letture )
Gli appassionati della iconica serie televisiva “I Simpson” sono ormai da anni abituati al fatto che le puntate si svilupperanno da un evento secondario e del tutto slegato rispetto alla storia che seguirà. Un espediente molto interessante e tutto sommato originale, che ci introduce a considerazioni più “alte”, riguardo appunto alla catena dei piccoli eventi che conducono ai punti nodali nello svolgimento della nostra vita e addirittura della Storia, che restano in realtà spesso nascosti e inconosciuti, mentre si pretende di far risalire tutto a uno schema razionale, a “grandi linee”. Parlando di un album enorme come Songs from the Wood, uno dei punti nodali della carriera di una band enorme come i Jethro Tull, ecco quindi che nella narrativa di genere si considera questo come il primo di un trittico di album nel quale il gruppo si spinge in maniera diretta verso lidi folk rock, abbandonando in parte la lunga sequenza di concept album di stampo propriamente progressive che da Aqualung in poi aveva caratterizzato la produzione degli inglesi. Come se, appunto, l’ispirazione fosse un qualcosa di pianificabile a tavolino, un qualcosa che può essere direzionata dal nulla. Un giorno di addormenti progster, il giorno dopo ti svegli folkster. Chi compone e suona sa che le cose non sono mai così facili e immediate. Diremo quindi che gli eventi secondari che porteranno a Songs from the Wood e quindi agli altri due album sono molteplici: anzitutto, la collaborazione di Anderson e di altri membri dei Jethro Tull ai dischi di artisti che saranno propriamente definiti folk, come gli Steeleye Span e i Fairport Convention, oltre all’amore mai sopito per i classici Bert Jansch e Roy Harper, che per forza di cose influiranno sulle concezioni musicali di un compositore sensibile come Anderson. In seconda battuta, diremo che anche la piega musicale presa dalla band era probabilmente arrivata a una sua naturale conclusione, con album che da tempo non ricevevano più un plauso unanime, mentre sia War Child che Too Old to Rock’n’Roll, Too Young to Die erano invece andati incontro a diverse critiche e a un successo di pubblico inferiore ai precedenti; in terzo luogo, arriverà il gradito regalo da parte del manager Jo Lustig del libro “Folklore, Miti e leggende della Bretagna”, che influenzerà moltissimo Anderson; infine, dopo il doloroso divorzio che aveva segnato la scrittura di Minstrel in the Gallery, lo stesso Anderson trovò la forza di sposarsi nuovamente e comprare una grande magione nella campagna, nella quale si trasferirà e passerà diversi mesi in ritiro, contemplando la natura inglese e riflettendo. Un insieme di fatti che porteranno quindi a una piccola quanto significativa rivoluzione nella scrittura del musicista, tanto dal punto di vista musicale, quanto da quello lirico.

Quando il ritiro finì, Anderson richiamò a sé la band, chiudendosi in studio per circa un mese. L’arrivo in pianta stabile di un nuovo tastierista/pianista, nella persona di David Palmer, fu una novità importante e il background classico del nuovo entrato piacerà molto al band leader che, forse per compensare un po’ la propria proverbiale tirannia, aumentata dalla decisione di occuparsi direttamente della produzione, lasciò proprio a Palmer largo spazio nella composizione degli arrangiamenti dei brani. Spazio che anche Martin Barre troverà il modo di occupare, andando a rivestire un ruolo importante nelle composizioni di Songs From the Wood. Parlando di “folk rock” negli anni settanta, si potrebbe immaginare che il nuovo album fosse costituito da ballate e canzoni di protesta, alla Woking Class Hero. Niente di più sbagliato, in effetti: Songs From the Wood, il cui titolo intero è With Kitchen Prose, Gutter Rhymes and Divers – Songs From the Wood, già dalla copertina, vuole invece portare l’ascoltatore in un arcaico tributo alla tradizione medievale inglese, con tanto di flauti, Glockenspiel, strumenti acustici, organetti medievali, mandolini, armonie vocali dal sapore antico, miti e leggende del folklore campestre, tra elfi, fate e spiriti, l’Uomo Verde e i riti pagani antichi. Soprattutto, è un disco di ispirazione folk, ma assolutamente uno degli album più propriamente definibili come prog dell’intero catalogo dei Jethro Tull e questo lo si percepisce fin da subito: seppure i brani siano più diretti e tutti forniti di refrain identificabili e marcati, gli arrangiamenti sono molto complessi, ricchissimi di variazioni e con un utilizzo continuo di una moltitudine di strumenti. Lo spazio “concesso” da Anderson agli altri musicisti si risolve spesso in fughe e continui interventi che donano colore e atmosfera alle composizioni, come fossero un gioco di specchi che cambiano la prospettiva o porticine che si aprono su piccole stanze segrete, l’una dietro l’altra, lungo il percorso. E’ così che uno degli album più coerenti del gruppo, possiede al suo interno brani che passeranno alla storia come la fiabesca Jack-in-the-Green, nella quale Anderson suona tutto da solo e lo spettacolare singolo The Whistler, quanto di più vicino a un brano “commerciale”, eppure macchina a incastro perfetta e irresistibile nel suo refrain cantabile, accompagnato da passaggi strumentali di altissimo spessore, nei quali convivono tempi antichi e tastiere moderne, chitarre acustiche e whistles, oltre al perfetto basso di John Glascock, protagonista ancora non celebrato di tutto l’album. Vero capolavoro di equilibrio, oggi come allora, difficile non ritrovarsi a danzare. Ancora, la natalizia Ring Out Solstice Bells, dolcissima e sognante, sottolineata da campane e tastiere e la veemente Hunting Girl, uno dei classici dal vivo della band, trainata dal tiratissimo giro di Martin Barre e John Glascock, sul quale Barriemore Barlow tira fuori un accompagnamento “da caccia” che sembra rubato al Cozy Powell dei Rainbow, con un arrangiamento che non cessa di rivelare sorprese. Al tempo stesso, troviamo veri e propri capolavori di folk prog, come la opener e titletrack, la splendida Cup of Wonder o la meravigliosa Velvet Green, uno dei punti massimi della scrittura di Ian Anderson, con una lunga fuga centrale di strumenti acustici, tra flauti, mandolino, naqqara e tamburelli, che ci trascina lontanissimo nel tempo e nello spazio, lasciandoci una malinconia dolcissima per ciò che è stato e più sarà; ancora, la lunga e complessa Pibroch (Cap in Hand), nella quale Barre prova con la distorsione della propria chitarra a simulare il suono delle cornamuse e il gruppo regala un nuovo break strumentale centrale di pura astrazione temporale, tour de force per il flauto di Anderson e proscenio per le tastiere di Palmer e per il grandioso lavoro della ritmica. Chiude l’ennesima perla di questo disco, Fire at Midnight, nuovo trionfo strumentale e di arrangiamento: una conclusione dolce e notturna, riuscitissima, che ancora una volta ci trasporta in altri tempi, con un arrangiamento apparentemente semplice e che nasconde in soli due minuti e mezzo una ricchezza che in mano a compositori meno abili sarebbe risultata un guazzabuglio. Nella ristampa del 2003, che univa Songs From the Wood al successivo Heavy Horses, trovano posto anche due bonus track, Beltane, pezzo in studio che ben si amalgama agli altri, seppure con suoni più moderni, che viene valorizzato dallo spettacolare lavoro di Martin Barre e della sezione ritmica e la versione dal vivo di Velvet Green, sempre piacevole, ma non indispensabile.

Considerando che ci troviamo nel 1977, ovverosia nell’anno che viene normalmente identificato come quello dell’esplosione del punk, potrebbe sorprendere che un disco così particolare, radicato nella tradizione inglese e nell’atmosfera medievale, incontrasse i favori della critica, che ne tributò la grandezza fin da subito in maniera uniforme e quelli del pubblico, con vendite che certificarono l’apprezzamento per tracce che rimarranno iconiche. In effetti, potrebbe sembrare anche strano che una copertina come quella prescelta potesse piacere, con Anderson vestito alla medievale, intento a pregare mentre prepara il proprio pranzo sul fuoco, nel bosco, dopo una felice caccia, con tanto di selvaggina e cane al proprio fianco. Eppure, i Jethro Tull sono sempre stati un gruppo fuori dal tempo e forse questa loro splendida caratteristica riuscì comunque a fare breccia anche in quell’anno così particolare. Siamo insomma al cospetto di una vera e propria pietra miliare nella carriera di una delle più importanti band di tutti i tempi, un disco che suona antico e moderno al tempo stesso e che forse oggi può risultare un po’ naive, ma che cela al suo interno una sequenza ininterrotta di capolavori, snocciolati con una naturalezza che appartiene solo ai Maestri e che farà scuola per tanti, compresi i Blackmore’s Night dell’amico Ritchie. Una felice congiuntura di eventi apparentemente secondari, che permetterà ai Jethro Tull di risollevare la propria carriera, dando vita ad una nuova trilogia, fino a quello che sarà l’evento traumatico dal quale tutto cambierà, con la morte di John Glascock e lo sfaldamento della line up a fine decennio. Ma questa, come si suol dire, è un’altra storia.



VOTO RECENSORE
90
VOTO LETTORI
85.33 su 18 voti [ VOTA]
Lizard
Venerdì 12 Marzo 2021, 23.45.18
14
Se tutto va bene, almeno Heavy Horses ti viene voglia anzi, facciamo così... se proprio questo non ti fa orrore, prova col live Bursting Out che come dice Fabio è una bomba.
No Fun
Venerdì 12 Marzo 2021, 23.00.14
13
Ok lo ascolto. Ma gli altri due del trittico no!
Lizard
Venerdì 12 Marzo 2021, 22.25.04
12
@No Fun: se non sono riuscito con la recensione a incuriosirti, allora provo direttamente a dirtelo: ascoltalo ti autorizzo a infamarmi, nel caso
No Fun
Venerdì 12 Marzo 2021, 21.30.25
11
Io mi sono fermato a Thick as a Brick con l'ascolto. Dischi come questo qui mi fanno paura, vedo la line up con duecento strumenti e non mi viene voglia di ascoltarlo. Quelli che ho ascoltato mi piacciono tutti ma le mie preferenze vanno indubbiamente al primo, This Was, che è blues rauco e stralunato, molto diverso dai successivi, con alcune nenie malefiche che non ti escono più dalla testa. Aspetto la recensione!
Master
Giovedì 11 Marzo 2021, 22.40.05
10
Anche per me i Jethro degli anni '70 hanno scritto solo capolavori. Questo non è per me al livello di Thick as a brick, A passion play e Minstrel in the gallery, ma viene subito dopo. Molto coinvolgenti l'intermezzo di Pibroch e stupenda Velvet green. Voto 90.
progster78
Martedì 9 Marzo 2021, 16.56.00
9
Bellissimo disco...Title track,Jack In The Green e Hunting Girl ottimi pezzi. Ma io sono di parte, amo tutto quello che hanno sfornato. Certo non a livello di altri capolavori ma questo si merita un bel 85! Barre strepitoso!
Mariner
Martedì 9 Marzo 2021, 9.15.51
8
Un altro buon album dei JT, Hunting Girl è fantastica, voto 85
Fabio Rasta
Lunedì 8 Marzo 2021, 16.02.55
7
Non mi piace tutto quello che hanno fatto i JETHRO TULL, molti lavori sono troppo ambiziosi x me, il che non mi ha invogliato ad ascoltare tutta la loro sterminata discografia; ma questo è bello e divertente, oltre che suonato alla grande. Ben vengano le svolte Folkloristiche a questi livelli. Una evoluzione Andersoniana di roba tipo i primi CLANNAD, DANDO SHAFT, AMAZING BLONDEL, PENTANGLE, AUDIENCE ... , con l'aggiunta del talento, della personalità e del tipico ambiguo umorismo del funambolico IAN ANDERSON, di una produzione impeccabile, e di una Band affiatata e coi controcazzi. Questa formazione è la stessa che darà alle stampe lo stupendo doppio live Bursting Out del '78. /// Ottima recensione. Come sempre!
Voivod
Lunedì 8 Marzo 2021, 13.44.59
6
Non sono mai riuscito a farmi piacere più di tanto i Jethro Tull, ma questo resta il mio preferito!
Le Marquis de Fremont
Lunedì 8 Marzo 2021, 13.35.22
5
Ho notato che non ho commentato molto le varie recensioni dei Jethro Tull. In effetti non si può ripetere "capolavoro, capolavoro, capolavoro" ogni volta. Diventerebbe noioso. Ma del resto, non so che altro termine usare per questi dischi. Come ho citato in un'altro post, metto A, Under Wraps e Nightcap, anche se ho sentito poco Catfish Rising, Roots to Branches e J-Tull Dot Com, come eccezioni di album che non sì possono definire altro che capolavori. Qui, come citato nella bella recensione, in pieno periodo punk, tra chiassi e musicisti incapaci di suonare, Jan Anderson ti tira fuori questo e poi Heavy Horses, per far capire che l'Inghilterra non era solo Londra e le orribili worktown delle Midlands ma anche il bellissimo British countryside (che all'epoca frequentavo molto, avendo noi proprietà nel Lake District e in Scozia) e lo mette in musica. Inutile sottolineare la bravura dei musicisti, tutti pluristrumentisti (i punk spesso non ne sapevano suonare uno!) e l'originalità e varietà nei brani. Mi ripeto e sono noioso: un capolavoro! Jusqu'à la prochaine fois.
Aceshigh
Domenica 7 Marzo 2021, 18.54.13
4
Album veramente bellissimo. Meno elettricità, più folk (anche se l’elemento folk c’era da sempre), sempre tanto prog, si sente soprattutto una band convinta al 100% della direzione intrapresa, il che si riflette direttamente sul songwriting, mediamente di livello veramente alto. Alcuni pezzi (i miei preferiti stanno sul lato A) veramente stratosferici. Meglio di Aqualung e Thick As a Brick magari no, ma sicuramente è uno degli album dei Jethro Tull da non perdere. Voto 85
Luci Di Ferro
Domenica 7 Marzo 2021, 12.51.58
3
Capolavoro assoluto dei Jethro Tull di molto superiore ai più famosi ''Aqualung'' – ''Thick as a Brick''. Jethro Tull - Songs from the Wood = Voto:95/100. P.S. Saverio spero che tu un giorno possa riscoprire e recensire quel capolavoro di ''The Broadsword and the Beast''.
Zess
Sabato 6 Marzo 2021, 18.28.35
2
Capolavorissimo. Forse il mio preferito dei Jethro.
Nyarlathotep
Sabato 6 Marzo 2021, 14.28.41
1
Un album sempreverde, meraviglioso. Bella recensione!
INFORMAZIONI
1977
Chrysalis Records
Prog Rock
Tracklist
1. Songs From the Wood
2. Jack-in-the-Green
3. Cup of Wonder
4. Hunting Girl
5. Ring Out, Solstice Bell
6. Velvet Green
7. The Whistler
8. Pibroch (Cap in Hand)
9. Fire at Midnight
10. Beltane (Bonus track, ristampa del 2003)
11. Velvet Green (Live Bonus track, ristampa del 2003)
Line Up
Ian Anderson (Voce, Flauto, Chitarra acustica, Mandolino, Cembali, Piffero, tutti gli strumenti su traccia 2)
Martin Barre (Chitarra elettrica, liuto)
John Evan (Piano, Organo, Sintetizzatori)
David Palmer (Piano, Organetto, Sintetizzatori)
John Glascock (Basso, Cori)
Barriemore Barlow (Batteria, Percussioni, Marimba, Glockenspiel, Campane, Naqqara, Tamburello)
 
RECENSIONI
85
90
82
89
90
95
93
79
93
ARTICOLI
10/09/2018
Articolo
JETHRO TULL
1968-1978, The Golden Years
24/07/2010
Live Report
JETHRO TULL
Teatro Romano, Ostia Antica, 14/07/2010
19/05/2010
Live Report
JETHRO TULL
Il flauto è rock
28/07/2009
Live Report
JETHRO TULL
Il flauto magico
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]