Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Eyehategod
A History of Nomadic Behavior
Demo

Sunnata
Burning in Heaven, Melting on Earth
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/04/21
ABIGORUM
Vergessene Stille

14/04/21
GRAVEYARD OF SOULS
Infinity Equal Zero

16/04/21
HOLDING ABSENCE
The Greatest Mistake Of My Life

16/04/21
ENDSEEKER
Mount Carcass

16/04/21
ICON OF SIN (BRA)
Icon of Sin

16/04/21
TEMPLE BALLS
Pyromide

16/04/21
SPECTRAL WOUND
A Diabolic Thirst

16/04/21
CANNIBAL CORPSE
Violence Unimagined

16/04/21
THE VINTAGE CARAVAN
Monuments

16/04/21
BLACK ORCHID EMPIRE
Live in the Studio (EP)

CONCERTI

16/04/21
LOUDNESS + GREY ATTACK + THOLA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/04/21
AXEL RUDI PELL
DRUSO - RANICA (BG)

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

14/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Austrian Death Machine - Total Brutal
27/03/2021
( 552 letture )
Ed Repka in cabina grafica e si inizia subito con il piede giusto. Un po’ come svegliarsi la mattina sentendo il profumo del caffè, le sue copertine sono sempre un toccasana per ogni metalhead che si rispetti. Un trademark ispirato e saldamente ancorato negli anni ’80, decennio di gemme metalliche e copertine indimenticabili. La tematica, prettamente thrash e distruttiva, ci informa che siamo al cospetto di una versione esagerata del leggendario Arnold Schwarzenegger. Ispiratore diretto della creatura Austrian Death Machine, ideata e cucita su misura per l’ex Mister Olimpia in persona: i brani (ben 17, se calcoliamo intro e parentesi narrate) sono un omaggio alle pellicole del grande Arnie, a partire da Terminator, Terminator 2: Il Giorno del Giudizio e Predator, fino ad arrivare a Kindergarten Cop, Total Recall, Eraser: L’Eliminatore, e The Running Man. Ce n’è per tutti i gusti, davvero, a partire dalla succosa lista di special-guest e chitarre affilate. Un meltin-pot di stili differenti vanno ad arricchire l’(endo)scheletro del platter senza scalfirne la poderosa prestanza metallica. Di cosa parliamo? Semplice e cristallino: bonario e sfacciato thrash metal, tinto di groove e modernità, interamente scritto e quasi interamente suonato dal bravo Tim Lambesis, discusso e istrionico front-man dei As I Lay Dying.

La materia è strettamente legata alla tradizione, con quel pizzico di –core proveniente dalla band madre, ma pur sempre filtrato attraverso lo spettrogramma estremo e ignorante. Bando alle ciance, qui non troverete cori facili, epiche digressioni strumentali o parentesi riflessive. Parodia e risate si alternano alla violenza tout-court delle tracce sparate ai mille all’ora, che si beffano dei sentimenti per prenderci a calci nel didietro, senza rimorsi. Una breve e divertente presentazione di Arnold in Hello California ci fa pensare al peggio, ed ecco che con somma brutalità esplode la ritmata e devastante Get to the Choppa, tra snelli riff speed/thrash e rallentamenti spacca-collo. Il ritornello ci fa roteare lo strumento di aria ed entusiasmo, mentre gli assoli affilati conferiscono un tocco classico davvero azzeccato. In ogni brano abbiamo ospiti illustri provenienti dalla scena estrema (principalmente death e metal-core), tra cui il produttore dei Death Angel e abile poli-strumentista Jason Suecof, il fondatore e chitarrista dei Killswitch Engage, Adam Dutkiewicz; la tecnicissima coppia d’asce dei Daath, costituita da Eyal Levi ed Emil Werstler, nonché i compagni d’arme Nick Hipa e Josh Gilbert, rispettivamente chitarra solista e basso/voce degli As I Lay Dying.
Per il progetto di distruzione austriaca, il buon Lambesis ha pensato davvero in grande, sciorinando una semplicità di fondo disarmante e una buona perizia strumentale per quanto riguarda le ritmiche, il basso e anche le parti di batteria. Gli ADM nascono quasi come una one-man band e diventano qualcosa di più in poco tempo, grazie agli input esterni, gli aiuti e gli ospiti di rilievo. Ad affiancare il lungo crinito front-man troviamo anche il chitarrista GP Gericke e il batterista Mike Catalano, con l’aggiunta di alcune percussioni distruttive.
L’album-tributo, il primo di una trilogia fresca e divertente, si snoda attraverso i proiettili infuocati di brani che non mostrano pietà: la divertente e brevilinea Rubber Baby Buggy Bumpers (chi ha parlato di Last Action Hero?!), tripudio crossover-thrash, si sposa con la bellissima e variegata I Am a Cybernetic Organism, Living Tissue Over Metal Endoskeleton, che nel ritornello semi-pulito richiama la freddezza di Terminator in tutta la sua epica sci-fi. L’azione non cala mai e si esalta durante le brevi soste parlate, giocate a mo’ di sit-com con battute improbabili, freddure ed effetti sonori da B-movie. I fan di Schwarzenegger, del thrash e degli As I Lay Dying hanno di che gioire con questo breve, intenso e sconquassante piccolo-grande album. Total Brutal, dal Titolo esilarante, gioca con humor grezzo e riff spietati e riesce nell’intento di farci smuovere anche durante questa interminabile pandemia globale. Torniamo indietro al 2008, ma è come fossimo sospesi in un limbo temporale che contempla il 1985 e il 1990 al suo interno: siamo sballati e sobbalziamo da una parte all’altra del vortice sonoro divertendoci a più non posso. Indossando un paio di bermuda sgualciti e una maglietta scolorita del “Clash of the Titans”, ci auto-rincorriamo nel soggiorno a ritmo di Come With Me If You Want to Live e You Have Just Been Erased, dotate di velocità extra, contro-cori, batteria schiaccia-tutto, voce al vetriolo e assoli sbrodolanti. Il buon Sal LoCoco, leader degli Sworn Enemy, presta le sue corde vocali per la rigida e possente If It Bleeds, We Can Kill It, dedicata a Predator e dotata di un refrain immediato e di una tensione ritmica non indifferente. Non mancano alcune ripetizioni, davvero inevitabili in questo contesto, ma non possiamo far altro che ridere e gioire di cotanta rabbia Hollywoodiana, portata all’esasperazione dai divertenti siparietti di Why? e All the Songs Sound the Same, dove Arnold si lamenta della somiglianza tra tutti i riff presenti nell’album, dimostrando una sana e ben accolta auto-ironia. Tra accelerazioni speed, rallentamenti groove e alcuni breakdown efficaci e trainanti, ci troviamo tra le mani 38 minuti di heavy metal sì umoristico, ma suonato magistralmente.
Total Brutal, composto e registrato nel giro di poche settimane, dimostra che un prodotto sincero, fatto per passione, può anche diventare un piccolo culto senza per forza avere un supporto massivo o una promozione esasperata alle spalle. La trilogia dedicata all’iconico attore europeo non avrà probabilmente altri seguiti, ma questo primissimo step nel mondo della distruzione totale è brillante e godereccio.

Aria mattutina al profumo di zolfo e sangue, proiettili volanti e brandelli di carne: un maelstrom di follia abrasiva e velocità supersonica, tritato insieme alla vena brutale del metal moderno. In estrema sintesi: un piccolo gioiellino che sposa cinema e musica in modo irriverente. Mosh On!



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
71 su 9 voti [ VOTA]
jeffwaters
Venerdì 2 Aprile 2021, 8.34.03
5
Ragazzi dite quello che volete ma questo progetto di lambesis mi è sempre piaciuto un tot. Get to the choppa, i am a cybernetic e come with me sono dei mini capolavori. Grandi terminator boys
JC
Lunedì 29 Marzo 2021, 12.01.01
4
Band veramente divertente!
Antonino
Domenica 28 Marzo 2021, 18.27.00
3
Il trittico total, double e triple brutal è qualcosa di ignorantemente fantastico, spero che zio tim si dedichi ancora a questo proggetto in futuro
Sha
Domenica 28 Marzo 2021, 4.23.33
2
Non so se lo ascolterò mai, ma la copertina è bizzarramente encomiabile, se adori Arnold.. e come cazzo fai non adorare Arnold??
gianmarco
Sabato 27 Marzo 2021, 11.34.33
1
li preferisco adirittura agli AS I LAY DYING .
INFORMAZIONI
2008
Metal Blade
Thrash
Tracklist
1. “Hello California” (Intro)
2. Get to the Choppa
3. Rubber Baby Buggy Bumpers
4. “All of the Songs Sound the Same” (Intro)
5. I Am a Cybernetic Organism, Living Tissue Over (Metal) Endoskeleton
6. Come With Me if You Want to Live
7. “What is Like to Be a Singer at Band Practice” (Intro)
8. Who is Your Daddy, and What Does He Do?
9. You Have Just Been Erased
10. ”Broo-Tall Song Idea” (Intro)
11. Here is Sub-Zero, Now Plain Zero
12. ”So Far, So Good, Let’s Talk About it!” (Intro)
13. Screw You, Benny
14. “Why?” (Intro)
15. If It Bleeds, We Can Kill It
16. It’s Not a Tumor
17. Not So Hidden Track
Line Up
Tim Lambesis (Voce, Chitarra, Basso, Tastiera, Batteria)
Chad Ackerman (Voce)
GP Gericke (Chitarra)
Mike Catalano (Batteria)

Musicisti ospiti
Sal LoCoco (Voce)
Josh Gilbert (Voce)
Jason Suecof (Chitarra)
Mark Macdonald (Chitarra)
Adam Dutkiewicz (Chitarra)
Nick Hipa (Chitarra)
Eyal Levi (Chitarra)
Emil Werstler (Chitarra)
Jerad Buckwalter (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]