Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Helloween
United Alive in Madrid
Demo

Freakings
Rise of Violence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/10/19
MAESKYYRN
Interlude

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

17/10/19
BREAK ME DOWN
The Pond

17/10/19
SHRINE OF INSANABILIS
Vast Vortex Litanies

18/10/19
SECRET CHAPTER
Chapter One

18/10/19
INFECTED RAIN
Endorphin

18/10/19
PSYCHOPUNCH
Greetings from Suckerville

18/10/19
DEEZ NUTS
You Got Me Fucked Up

18/10/19
HOLY SERPENT
Endless

18/10/19
UNAUSSPRECHLICHEN KULTEN
Teufelsbücher

CONCERTI

16/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Magazzini Generali - Milano

16/10/19
SLEEP
TPO - BOLOGNA

16/10/19
A PALE HORSE NAMED DEATH
LEGEND CLUB - MILANO

17/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
Teatro della Concordia - Torino

17/10/19
THUNDERMOTHER
LEGEND CLUB - MILANO

18/10/19
BLACK FLAG - ANNULLATO
ORION - ROMA

18/10/19
PINO SCOTTO
STAMMITCH TAVERN - CHIETI

18/10/19
TIDES FROM NEBULA + GUESTS
HT FACTORY - SEREGNO (MB)

18/10/19
STAGE OF REALITY + NEW DISORDER + WHITE THUNDER
TRAFFIC LIVE - ROMA

18/10/19
SHORES OF NULL + SEDNA
BIKE BAR CINETICO - CERVIA (RA)

Opeth - Damnation
( 15760 letture )
Ecco la parte mancante di Deliverance: finalmente ho tra le mie mani il fratello siamese dello splendido album uscito a novembre. Damnation arriva alle porte della Primavera, mentre alcuni mesi sono passati dalla mitologica calata in Italia degli Opeth, e forse proprio il timido calore della primavera e i colori tenui di questa stagione sono l’habitat ideale per far crescere dentro di se questo piccolo gioiello. Damnation è esattamente quello di cui si vociferava fin da quest’inverno, un album quasi totalmente acustico e comunque con chitarre elettriche “pulite”; un disco che non si rivela ai primi ascolti ma timidamente -quasi come una persona- si lascia scoprire col tempo, nelle sue immense sfaccettature.

Fin dall’apertura affidata alla grandiosa Windowpane si respira un atmosfera delicata e raffinata che è il tratto distintivo di tutta l’opera; nello specifico questo brano si fonda su un atmosfera “notturna”, in cui ogni riflessione sembra concessa. In my time of need (il ritornello è da lacrime agli occhi per soavità e bellezza) e la maestosamente bella Death whispered from a lullaby (con testo scritto da Steven Wilson) appaiono invece come squarci aperti sul passato: la serenità, che sembra trasparire dalle dolci note delle chitarre acustiche, si trasforma con lo svilupparsi dei brani sempre più in rassegnazione. In questi tre brani già emerge l’anima guida di questo disco: non i Pink Floyd come semplicisticamente detto da molti, ai quali basta una chitarra acustica e una voce flebile e sussurrata per tirare in ballo il gruppo inglese, bensì i King Crimson, quelli oscuri e disperati di Fallen Angel e Starless. Da sottolineare come l’influenza dei Porcupine Tree, seppur presente, non lo è in maniera così pesante come un po’ tutti pronosticavano. Ma come al solito, la musica di Akerfeldt & C. è un calderone inesauribile di stili ed emozioni; così Closure si apre con un ficcante riff acustico di matrice folk- zeppeliniana, per poi richiamare i King Crimson ad un abbraccio con i Porcupine Tree e chiudere in un finale oriental-tribale assolutamente cosmico... non ho parole! Sembrerebbe difficile mantenersi a tali livelli espressivi, ma gli Opeth ci riescono con Hope Leaves dove accanto ad atmosfere tipiche dei Porcupine Tree si sommano solari aperture jazz-rock che si cibano però di un sole che non riscalda; segue To rid the disease: oscura, triste, ma sempre squarciata da lampi musicali a base di mellotron che sembrano provenire da luoghi a noi sconosciuti (chi sta pensando a Morningrise?). Il disco si va a chiudere con lo strumentale Ending Credits, soave e psichedelico, e con Weakness, più che un brano un outro che sembra il lamento di un animo senza pace. Come al solito superlativa la performance vocale di Mike (alla sua prima esperienza all-clean vocals) ed il lavoro chitarristico svolto in coppia con Peter; tuttavia stavolta, come non mai, sugli scudi il duo ritmico Mendez-Lopez, che taglia e cuce di fino un tessuto jazzato superbo.

Su Damnation si è già detto di tutto: ognuno ha trovato la sua faccia della medaglia, la sua morale di fronte a questi 40 minuti di musica. Quello che posso dirvi è che questo disco dovrete prima ascoltarlo e solo poi decidere se farlo vostro: sarà come scegliere una persona tra 1000 altre. Vi dovrà colpire, ma lo farà solo conoscendo quella persona approfonditamente.
Certo, è incredibile come un viaggio cominciato dal Death progressivo di Orchid sia arrivato al prog-jazz acustico di questo CD, e mi chiedo a questo punto quale sarà la prossima tappa di questa avventura musicale unica e stupenda. Un'ultima cosa; ad un concerto chiesi a Mike il perché di un disco così breve a fronte delle durate “monstre” degli altri dischi targati Opeth. Lui mi rispose che ascoltandolo l’avrei capito: no Mike, non l’ho capito: quando la musica è così genuinamente bella e soave, i dischi dovrebbero durare un’eternità.



VOTO RECENSORE
89
VOTO LETTORI
85.01 su 239 voti [ VOTA]
Dany71
Mercoledì 21 Giugno 2017, 13.46.39
22
Giorni fa leggendo i commenti dell'ultimo interessante & noiso (testi - musica) al tempo stesso disco di R.Waters si parlava a più riprese di "classe sopraffina". Bene, io il termine classe sopraffina lo spenderei meglio per un lavoro come questo. Io qui ne sento tanta, assieme ad un talento che definire fuori dal comune è ancora poco. In questo disco di metal non c'è traccia, ma chi se ne frega! A me mette malinconia/tristezza ogni volta che lo ascolto. E chi ha detto che felici è ok e tristi non va bene?
Havismat
Mercoledì 24 Maggio 2017, 17.35.19
21
Di una classe sopraffina.
Darth Brosius
Domenica 25 Dicembre 2016, 2.00.27
20
Damnation / Deliverance merged https://www.youtube.com/playlist?list=PLO4Y-trOPAEoorw5uzegShD4X5FB-N5DD
Rob Fleming
Lunedì 1 Febbraio 2016, 17.13.31
19
L'album che più preferisco degli Opeth: acustico, pulito, sbalorditivo. Lo adoro al punto che non so nemmeno quale canzone citare piuttosto di un'altra. Forse giusto In my time of need. Non perché sia la più bella, ma perché mi ha sempre fatto pensare ad un brano scritto da George Harrison perso in un incubo. 90
The Reaper
Venerdì 30 Ottobre 2015, 23.01.34
18
Lo mettiamo lassù assieme a Wish You Were Here ed a Ziggy Stardust. Musica eterea cangiante eppure persistente, lirica, immaginifica portatrice della tristezza delle cose buone del passato.... bravissimi Opeth. Che lezione!
BlackSoul
Sabato 28 Marzo 2015, 7.21.07
17
Windowpane è semplicemente perfetta, all'album affibio un 98 solo per la presenza di Weakness che mi piace sì ma è in minima parte inferiore al resto. Poi senti l'opener...
Awake
Sabato 3 Maggio 2014, 21.31.34
16
Uno degli album più raffinati della storia della musica...
opeth72
Venerdì 10 Maggio 2013, 15.31.19
15
C’ è una ferita che sanguina sempre C’ è una strada che sto sempre percorrendo E so che non ritornerai mai in questo posto..... HTEPO
Doom
Domenica 28 Agosto 2011, 0.28.57
14
dal mio punto di vista il capolavoro lirico ,musicale e di produzione degli opeth quello che hanno tirato fuori negli ultimi anni va bene ed è sempre sopra la media ma questo per me resta il più bello
Malleus
Lunedì 15 Agosto 2011, 0.32.48
13
per me il loro miglior album, windowpane è qualcosa di incredibile
Dany.In.Chains
Giovedì 21 Luglio 2011, 18.17.11
12
Conosco bene solamente quest'album degli Opeth... non essendo un'amante del growl e del death perciò non penso che andrò mai ad approfondire ma quest'album per me rimarrà sempre nella mia speciale top5 della vita! Un'emozione nuova ogni volta che lo si mette su... voto 100 per me! Hope Leaves il mio pezzo preferito... Mi chiedo poi come fanno a fare recensione cosi: http://www.ondarock.it/recensioni/2003_opeth.htm Rimango senza parole e date un paio d'anni di galera a quel recensore!
six
Sabato 9 Aprile 2011, 21.39.44
11
Anche se non i sono mai piaciuti i gruppi death metal e la voce growl ho sempre avuto un debole per gli opeth,durante i lenti i loro pezzi sono completamente dolci pinkfloydiani ,quando poi ho sentito questo DAMNATION sono rimasto veramente stupefatto
Sasso
Giovedì 18 Febbraio 2010, 21.20.20
10
Canzoni come Windowpane, In My Time of Need, Hope Leaves e To Rid the Disease regalano sempre forti emozioni, ascolto dopo ascolti. 95 per il mio gruppo preferito.
Paul the boss
Mercoledì 4 Novembre 2009, 15.21.30
9
Mi è piaciuto molto ed è stata una bella scelta fare un'album interamente progressive perchè le atmosfere che ricreano gli opeth nelle parti più calme sono ineguagliabili
Jimi The Gosth
Giovedì 13 Agosto 2009, 17.29.31
8
•Io. Rappresenta il substrato cosciente, ovvero ciò di cui si ha consapevolezza. L'Io ha la funzione di intermediario tra Es, Super-Io e la realtà esterna; •Es. è la parte inconscia, la quale raccoglie e mantiene un enorme numero di informazioni che vengono rimosse dalla prima infanzia sino alla morte. L'Es è anche il serbatoio delle pulsioni sia sessuali che aggressive; •Super-Io. è il "censore" della mente umana. È razionale e contiene tutte le norme morali; si oppone aspramente ai contenuti dell'Es che sono al contrario irrazionali e istintuali Freud avrebbe così commentato questi dua ATTI scatenanti le profonde sensazioni dell'impercettibile pensiero umano.Delivarance e Damnation. Fusione delle parti. Scatenanti lucubre note delle ES, dolci ed eterne nel proprio essere. Un capolavoro. From Ricky Bass Gitar. Jimi TG
Christian
Domenica 8 Febbraio 2009, 20.46.01
7
Veramente eccezionali, mai un errore o una caduta di stile, una tra le migliori band metal in assoluto. P.S. Vedo che George R.R. Martin continua a fare proseliti...
Valar morghulis
Domenica 5 Ottobre 2008, 22.54.16
6
Li conosco da pochissimo... non sono mai stato un amante di questo genere... ma quando ho sentito hope leaves... signori, questo è un signor gruppo, e il loro stile, così stranamente melodico ma che cela un'oscurità incredibile, mi ha catturato subito. Sfido chiunque a parlare male dei loro lavori!! Di fronte a certe melodie, c'è solo da stare zitti ed ascoltare
Valar morghulis
Domenica 5 Ottobre 2008, 22.53.13
5
Li conosco da pochissimo... non sono mai stato un amante di questo genere... ma quando ho sentito hope leaves... signori, questo è un signor gruppo, e il loro stile, così stranamente melodico ma che cela un'oscurità incredibile, mi ha catturato subito. Sfido chiunque a parlare male dei loro lavori!! Di fronte a certe melodie, c'è solo da stare zitti ed ascoltare
zakka
Venerdì 26 Settembre 2008, 19.05.17
4
bello per avere uno stile così morbido
taipan
Giovedì 25 Settembre 2008, 22.14.54
3
che dire per non ripetersi?Classe a iosa, IN MY TIME OF NEED puoi ascoltarla in eterno e ti regalerà sempre quella triste gioia che tu cerchi negli Opeth.
six
Martedì 14 Novembre 2006, 14.44.41
2
E' stato il primo LP degli opeth che ho sentito ,sapevo che facevano death metal che è un genere che non mi piace per niente,specie dopo aver sentito qualcosa dei dimmu borgir,ma che un gruppo death sappia creare un LP cosi' bello e melodico questo proprio non me lo aspettavo,in seguito ho comprato orchid ,morningrease e still life e comunque non è completamente death,si altrnano pezzi pesanti a pezzi veramenti belli e melodici da 100 e lode
opeth85
Giovedì 16 Settembre 2004, 14.52.40
1
beh che dire un inchino al mio gruppo preferito! non c'e storia i geni del death-prog svedese ma forse anche i geni e basta.
INFORMAZIONI
2003
Music For Nations
Rock
Tracklist
1. Windowpane
2. In My Time of Need
3. Death Whispered a Lullaby
4. Closure
5. Hope Leaves
6. To Rid the Disease
7. Ending Credits
8. Weakness
Line Up
Mikael Åkerfeldt: vocals, guitars
Peter Lindgren: guitars
Martin Mendez: bass
Martin Lopez: drums

Guest Musician:
Steven Wilson: keyboards, piano, mellotron, backing vocals
 
RECENSIONI
78
65
74
60
90
91
90
89
s.v.
95
93
92
90
85
ARTICOLI
12/10/2018
Live Report
MESSA + DOPETHRONE
C.S.O. Pedro, Padova - 5/10/2018
08/11/2014
Live Report
OPETH + ALCEST
Alcatraz, Milano, 03/11/14
29/11/2011
Live Report
OPETH + PAIN OF SALVATION
Alcatraz, Milano, 24/11/2011
03/11/2009
Live Report
DREAM THEATER + OPETH + BIGELF + UNEXPECT
Zoppas Arena, Conegliano Veneto (TV), 30/10/2009
20/12/2006
Live Report
OPETH
New Age, Roncade (TV), 18/12/2006
25/12/2005
Live Report
OPETH
Rolling Stone, Milano, 13/12/2005
18/12/2005
Intervista
OPETH
Parla Martin Mendez
08/03/2004
Live Report
OPETH
Motion, Zingonia (BG), 02/10/2003
26/02/2003
Live Report
OPETH
Transilvania Live, Milano, 17/02/2003
20/02/2003
Live Report
OPETH
New Age, Roncade (TV), 18/02/2003
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]