Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Trivium
In the Court of the Dragon
Demo

Slowpoke
Slowpoke
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/10/21
LIVLOS
And Then There Were None

22/10/21
OSUKARU
Starbound

22/10/21
DREAM THEATER
A View from the Top of the World

22/10/21
KOLOSSUS
K

22/10/21
DRACONICON
Dark Side of Magic

22/10/21
CRADLE OF FILTH
Existence is Futile

22/10/21
NECROFIER
Prophecies of Eternal Darkness

22/10/21
SIXX A.M.
Hits

22/10/21
RED TO GREY
Balance of Power

22/10/21
MASSACRE
Resurgence

CONCERTI

22/10/21
FULCI + HELSLAVE
DEFRAG - ROMA

22/10/21
WIEGEDOOD + PORTRAYAL OF GUILT
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/10/21
ANGEL MARTYR + HUMAN DECAY + SINISTER GHOST + COTARD SYNDROME
VEGAS - VIAREGGIO (LU)

23/10/21
HYPERION (ITA) + GENGIS KHAN
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

23/10/21
FULCI + CRAWLING CHAOS
CIRCOLO DEV - BOLOGNA

24/10/21
TOTAL RECALL + FULCI + RISE ABOVE DEAD
LEGEND CLUB - MILANO

29/10/21
LABYRINTH
DRUSO - RANICA (BG)

04/11/21
MICHAEL SCHENKER GROUP
AUDIODROME LIVE CLUB - MONCALIERI (TO)

05/11/21
DISTRUZIONE + NEID + NECROFILI
TRAFFIC LIVE - ROMA

06/11/21
SKANNERS + ARTHEMIS + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

Teramaze - Sorella Minore
08/09/2021
( 1276 letture )
Dichiaratamente il sequel dell’album del 2015 Her Halo, Sorella Minore è un disco dei Teramaze che si compone di sole quattro tracce. La prima è la portentosa titletrack, suite di venticinque minuti sulla quale si impernia l’intero album. Si tratta di un concept che narra le vicissitudini della sorella più giovane tra le due presentate in Her Halo, che viene rapita e che si vede precluso il mondo esterno, posta nelle mani di figure malvagie. I Teramaze riescono a rilasciare dischi a ritmi particolarmente serrati -dal 2019 almeno uno all’anno e non per la prima volta nella storia della band- senza che questo accada a discapito della qualità. La formazione ha subito nel corso del tempo svariati cambi con la permanenza sostanzialmente di Dean Wells nelle vesti di polistrumentista, il che può condurre a pensare che la band sia solo una propaggine di Wells.

Senza addentrarsi in dinamiche complesse come quelle relative all’essenza di un gruppo, si può affermare che, indipendentemente dallo statuto che hanno i vari musicisti, l’opera in sé non è mancante di unitarietà: c’è affinità tra i membri della band, e i cantanti ospiti nella prima traccia si inseriscono creando un piacevole e dinamico intreccio di voci che anima la storia raccontata. Il progressive metal dei Teramaze non insiste ostinatamente sul fronte virtuosismo o, meglio, tecnicismo: proprio essendo davanti ad una suite che esplora molti generi, arrivando anche a quelli più estremi nel terzo movimento, Possession, che vira sul technical death metal, non si può venire eccessivamente appesantiti. Il brano deve seguire un andamento non costante, che respiri in misura adeguata e che si mantenga vivace, senza stagnare in acque torbide che si risolvono in sè stesse. Sorella Minore riesce nell’intento, evitando di scadere nel banale anche quando si immette in una ballata. Chitarre e tastiere eseguono un ottimo lavoro dando prova della loro versatilità sia nelle parti di accompagnamento, sia in quelle soliste. Si controbilanciano spesso a livello di suono, essendo le chitarre molto crude mentre i synth più delicati o sommessi, stratificando così i generi che non si possono ridurre facilmente a denominazioni minime. Il ritornello costituisce un fil rouge salvifico, al quale ci si aggrappa con forza vista l’immediatezza della sua interiorizzazione:

She’s a stranger to the music from my window
Looking at the world from my eyes
Standing in the place that she calls Halo
Looking at the world from my eyes
,

Ritornello che viene rivisitato nel caso in cui venga cantato da personaggi diversi.
La sezione ritmica sostiene senza mai sopraffare né passare in sordina, partecipando anch’essa in modo diverso in base al genere coinvolto. Nel momento in cui il brano sembra essersi compiuto, qualche elemento (o, eventualmente, tutti) rompe l’equilibrio e imprime una direzione differente. Il vigore rimane abbastanza immutato dal principio, non essendoci dei veri e propri passaggi low-key -e ciò vale anche per le parti che prevedono esclusivamente un singolo strumento e la voce. La cascata derivante, carica di pathos ma non ridondante, è assolutamente apprezzabile.

Successivamente alla titletrack si presenta Stone, una ballata in cui compare anche la chitarra acustica. Brano sicuramente meno ambizioso del precedente, com’è giusto che sia, permette un riassestamento dopo l’ascolto di Sorella Minore. Spicca protagonista la voce di Dean Wells, che mantiene attiva l’attenzione nella linea vocale in diversi punti serpeggiante. Take your shot è più aggressiva e lo manifesta dall’incipit in cui la chitarra elettrica domina. Non ci sono grandi climax o momenti di particolare spannung in quanto lo svolgimento del pezzo è abbastanza deducibile dall’inizio. Chiaramente varia, ad esempio nel bridge, ma non in un modo così inedito da riservare delle sorprese. La potenza dei riff è certamente godibile e ben resa. A conclusione di Sorella Minore c’è Between These Shadows. Gli accenti suggeriscono che si tratti di un brano che nasce nel campo del progressive, ma si svolge al contempo semplicemente, ponendo come priorità il restituire un certo tipo di atmosfera. Complessivamente i Teramaze hanno composto un buon disco che si collega non forzatamente al vecchio lavoro Her Halo, dandone un più che dignitoso seguito, soprattutto con la prima traccia. È un album molto pulito, palesemente frutto di una grande esperienza maturata nel corso degli anni e dei vari gruppi in cui i membri hanno suonato. Ottimo lavoro.



VOTO RECENSORE
83
VOTO LETTORI
86.5 su 4 voti [ VOTA]
JC
Lunedì 27 Settembre 2021, 6.09.21
4
Volevo aggiungere che, ecco: questa é la musica che dovrebbero fare i Pain of Salvation per piacermi (fino in fondo).
VoivodianoQualsiasi
Mercoledì 15 Settembre 2021, 16.51.04
3
In questi mesi lo sto ascoltando a ripetizione, disco davvero meraviglioso. La prima traccia è semplicemente incredibile, 25 minuti che paiono 5 dal gran che è costruita bene... Melodie splendide, guitar work godurioso anche negli altri 3 brani. Forse troppo iperprodotto in alcuni momenti, forse troppo catchy in altri, ma di sicuro resta una delle uscite prog metal che più mi stanno entusiasmando in questo 2021
Buddy ProgMetal
Mercoledì 15 Settembre 2021, 16.18.17
2
Ottimo mini-cd, del resto il loro apice per me lo hanno raggiunto con Her Halo e con questo mini si sono rimessi sulla stessa carreggiata. Dopo il solo discreto Are We Soldiers, con I Wonder hanno cercato di avvicinarsi maggiormente a sonorità più catchy, soprattutto con powerballad sulla falsariga di Broken.
JC
Domenica 12 Settembre 2021, 20.17.59
1
Consiglio l'ascolto per tutti gli amanti del prog metal. Siamo su livelli altissimi.
INFORMAZIONI
2021
Autoprodotto
Prog Metal
Tracklist
1. Sorella Minore
2. Stone
3. Take Your Shot
4. Between These Shadows
Line Up
Dean Wells (Voce, Chitarra)
Chris Zoupa (Chitarra)
Andrew Cameron (Basso)
Nick Ross (Batteria)

Musicisti Ospiti:

Nathan Peachey (Voce nella traccia 1)
Silvio Massaro (Voce nella traccia 1)
Jennifer Borg (Voce nella traccia 1)
 
RECENSIONI
63
69
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]