Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Tony Martin
Thorns
Demo

Fear of Falling
Turning Point
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/01/22
THE FERRYMEN
One More River to Cross

21/01/22
HANGING GARDEN
Neither Moth Nor Rust (EP)

21/01/22
SONATA ARCTICA
Acoustic Adventures – Volume One

21/01/22
EDGE OF FOREVER
Seminole

21/01/22
ABYSSUS
Death Revival

21/01/22
BERIEDIR
AQVA

21/01/22
ASHES OF ARES
Emperors and Fools

21/01/22
DRUID LORD
Relics of the Dead

21/01/22
THROUGH THE NOISE
Tragedies (EP)

21/01/22
COMEBACK KID
Heavy Steps

CONCERTI

20/01/22
TORMENTOR + CULT OF FIRE (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

26/01/22
SWALLOW THE SUN + AVATARIUM (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/01/22
PRIMAL FEAR + BURNING WITCHES + SCARLET AURA
DRUSO - RANICA (BG)

28/01/22
DECAPITATED + BLACK TONGUE + HEART OF A COWARD + INFERI
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

02/02/22
ARCTURUS + IOTUNN
LEGEND CLUB - MILANO

05/02/22
SATANIC KOMMANDO FEST
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

06/02/22
GOJIRA + ALIEN WEAPONRY + EMPLOYED TO SERVE
ALCATRAZ - MILANO

09/02/22
SOEN
LARGO VENUE - ROMA

10/02/22
SOEN
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

11/02/22
TARJA + TEMPERANCE + SERPENTYNE
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Unleashed - No Sign of Life
13/11/2021
( 1045 letture )
Trentatré anni di vita e quattordici album in studio, una seconda giovinezza che continua a scalpitare nella sua esuberanza ed un marchio di fabbrica inciso nella roccia del Nord, ecco gli Unleashed riassunti in un brevissimo manuale di istruzioni. Fedeli alla propria personale strada, i quattro svedesi procedono con il loro storico death metal, qui marcato da influenze thrash e alcuni andamenti death’n’roll e ci donano undici nuove tracce racchiuse sotto il titolo di No Sign Of Life.

Anticipiamolo apertamente, Hedlund e soci non portano nessuna ventata di cambiamento o innovazione stilistica ma, forti di un trentennio di consolidata carriera si muovono su consolidate rotte di freddo death scandinavo, grezzo e bastardo al giusto punto, pescando da influenze stilistiche già esplorate in passato e riuscendo nell’ardito compito di sfornare nuovo materiale tanto interessante quanto frizzante e coinvolgente. Questo grazie alle capacità compositive della band ma anche ad una produzione che ne esalta la risultante, un suono abbastanza nudo e crudo, freddo, pompato ma non estremizzato, con una sezione ritmica ben presente e marcata a supporto di chitarre incisive e rocciose, ben definite nei soli tanto quanto chiare nel riffing ed infine, la storica voce del frontman Hedlund a riempire lo spettro sonoro con le sue linee ritmiche e l’inconfondibile tono. In No Sign Of Life convivono istinto e ragione, innanzitutto perché la band suona il proprio death lineare e coinvolgente da tempo ormai in modo istintivo e personale tanto quanto ragionato e calcolato, con riffing killer, assoli precisi e ritmiche molto curate. Convivono in questa tracklist brani di pura aggressività che colpiscono diretti come la opener The King Lost His Crown ed anche Where Can You Flee, quest’ultimo si rivela esser il pezzo più incisivo della prima metà del disco. Un susseguo di brani estremamente qualitativi si rivela esser la seconda parte dell’album, a ben cominciare dalla titletrack No Sign Of Life e dalla seguente The Highest Ideal, brani in cui il personale suono alla Unleashed emerge prepotente e caratteristico. Il fiore all’occhiello compositivo del disco sta però nel trio finale della tracklist, composto da Tyr Wields The Swords, It IS Finished e Here At The End Of The World, un trittico composto da rabbia musicale, riffing serrati, atmosfere soffocanti e al contempo taglienti, un vero e proprio concentrato di quanto di meglio i quattro vichinghi sappiano creare con la propria musica.

Calato il sipario sull’ascolto la domanda è: era lecito quindi aspettarsi qualcosa di nuovo con No Sign Of Life? No, la storia di più di trent’anni di carriera parla già da sé ed al fronte di ciò gli eterni ragazzi svedesi si divertono a far ciò che amano fare, nel modo in cui lo vogliono fare e riescono nell’intento di divertire ancora. Eppur sia, questo album è caratterizzato da ottime idee e piacevolissimi spunti musicali. I brani corrono via veloci e leggeri, colpiscono, divertono e invogliano successivi ascolti. L’impresa di accontentare tutta la platea risulta sempre difficoltosa ma gli Unleashed faranno sicuramente sintonizzare le antenne dei fans tanto di vecchia quanto di nuova generazione.



VOTO RECENSORE
77
VOTO LETTORI
75.85 su 7 voti [ VOTA]
David D.
Giovedì 2 Dicembre 2021, 17.39.55
3
Brutto forte, stereotipato e con vocals che sono più thrash che death, a tratti sembrano gli Onslaught. Grandissimo passo indietro, per quanto mi riguarda, rispetto a tutti i precedenti almeno fino a As Yggdrasil Trembles. Delusione dell'anno, 40.
Peterhead
Giovedì 2 Dicembre 2021, 16.29.16
2
Ascolto raramente il death/viking e non conoscevo questo gruppo. Questo album è "partito" casualmente su YouTube. Sono rimasto molto colpito e sono andato a recuperare dei vecchi lavori .... tipo...: Before The Creation Of Time . Che botta !!! Gli Unleashed saranno il mio prossimo acquisto .
Aceshigh
Venerdì 19 Novembre 2021, 22.56.04
1
Mi è piaciuto più dei due album precedenti, che avevo trovato un po’ mosci. Hanno sempre avuto un loro stile peculiare e lo hanno più o meno sempre mantenuto nei decenni, in casi come il loro la differenza tra un lavoro e l’altro la fa la qualità dei pezzi. Quando c’è l’album scorre bene, come in questo caso. Sicuramente ci sono anche dei pezzi meno efficaci, che abbassano un po’ la media, ma nel complesso questa volta ho gradito. Voto 75
INFORMAZIONI
2021
Napalm Records
Death
Tracklist
1. The King Lost His Crown
2. The Shepherd Has Left The Flock
3. Where Can You Flee
4. YouAre The Warrior
5. No Sign Of Life
6. The Highest Ideal
7. Midgard Warriors For Life
8. Did You Struggle With God
9. Tyr Wields The Swords
10. It Is Finished
11. Here At The End Of The World
Line Up
Johnny Hedlund (Voce, Basso)
Tomas Olsson (Chitarra)
Fredrick Folkare (Chitarra)
Anders Schultz (Batteria)
 
RECENSIONI
55
75
85
70
60
75
90
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]