Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Tony Martin
Thorns
Demo

Apocryphal
Tales of Galilea
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/01/22
THE FERRYMEN
One More River to Cross

21/01/22
PLANESWALKER
Tales of Magic

21/01/22
THROUGH THE NOISE
Tragedies (EP)

21/01/22
THEODOR BASTARD
Vetvi (Ristampa)

21/01/22
SPITFIRE (HEL)
Denial to Fall

21/01/22
ABYSSUS
Death Revival

21/01/22
BERIEDIR
AQVA

21/01/22
ASHES OF ARES
Emperors and Fools

21/01/22
PLANESWALKER
Tales of Magic

21/01/22
KANDIA
Quaternary

CONCERTI

20/01/22
TORMENTOR + CULT OF FIRE (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

26/01/22
SWALLOW THE SUN + AVATARIUM (POSTICIPATO)
LEGEND CLUB - MILANO

28/01/22
PRIMAL FEAR + BURNING WITCHES + SCARLET AURA
DRUSO - RANICA (BG)

28/01/22
DECAPITATED + BLACK TONGUE + HEART OF A COWARD + INFERI
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

02/02/22
ARCTURUS + IOTUNN
LEGEND CLUB - MILANO

05/02/22
SATANIC KOMMANDO FEST
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

06/02/22
GOJIRA + ALIEN WEAPONRY + EMPLOYED TO SERVE
ALCATRAZ - MILANO

09/02/22
SOEN
LARGO VENUE - ROMA

10/02/22
SOEN
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

11/02/22
TARJA + TEMPERANCE + SERPENTYNE
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

Archgoat - Worship the Eternal Darkness
26/11/2021
( 797 letture )
Lord Angelslayer e Ritual Butcher hanno fondato gli Archgoat nel 1988, e per cinque anni hanno vissuto nelle ombre di un oscuro underground quasi sconosciuto pubblicando solo due EP ed uno split con i Beherit. Si sciolgono nel 1993 ma per volere dell’esasperata passione per la musica, i fratelli Puolakanaho fanno risorgere in pieno fuoco, una nuova e degenerata araba fenice destinata a non contaminarsi mai ma a diventare una nuova leggenda; infatti, nel 2004 la band ritorna nel nostro regno oscuro per diffondere verbi violenti e satanismo puro. Da Whore of Bethlehem in poi la band è in continua ascesa, sempre fedeli alle loro radici black/death ma ogni uscita ha qualche sbavatura e sfumatura che lo contraddistingue; l’impronta Archgoat è quasi unica nel suo stile. Un processo continuo di piccolissime innovazioni li portano a The Luciferian Crown dove gli assoli di chitarra e una buona produzione fanno una grossa e spiccata differenza. A tre anni di distanza e sempre per la Debemur Morti Productions ecco il nuovo e violento Worship The Eternal Darkness, accompagnato sempre da una veste nordica, fredda ed old schhol.

I creatori di questo black/death marcio e violento dalla forte attitudine thrash ritornano regalandoci quel particolare ordine compositivo di natura impertinente e malvagio a cui siamo abituati. Worship The Eternal Darkness è il degno successore di The Luciferian Crown, un album corposo, ben strutturato e ricco di nuove idee; il disco, dopo un’intro che annuncia la vera direzione blasfema di tutto il lavoro tramite l’incontro sessuale/bestiale tra il demonio ed un’ansimante donna, apre le porte ad un nuovo e lussurioso girone infernale, che non punta solo sulla velocità e la prepotenza. Ci sono delle parti e dei passaggi lenti e marziali quasi sinistri ed infausti, le atmosfere sono come sempre strettamente esoteriche, anticristiane e con richiami di campane e note di un doom oscuro che donano ad alcuni pezzi un’aria funerea. Elementi che troviamo in modo particolare su All Christians Ends, Empyrean Armageddon e Burial of Creation, canzoni dotate di una ritualità marcata ed un andante ritmico molto pressante. Furiosa e spedita è Heavens Ablaze con un incalzante batteria lineare e precisa ma rozza e cattiva. Stesso discorso per Black Womb Gnosis ed Extremis Nazarene, rapide, con chitarre esplosive accompagnate dalla solita voce bestiale, e Rats Prey God, che si apre con il Pater Noster seguito da riff crudi e nudi accompagnati da cambi di tempo repentini e ben scanditi. Blessed in the Light of Lucifer è anch’essa scandita da grossi blast beat e piccole ma prorompenti variazioni, mentre la titletrack in pieno stile black/death è diretta come tutte le altre canzoni di stampo marcio ed old school. Privo come sempre di forte progressività, questo disco è comunque brutale; primitivo è il senso del suono e delle semplici strutture delle melodie e delle canzoni che emotivamente riescono sempre a scaturire e suscitare forti emozioni, grazie anche ai riff oscuri e malevoli, alla voce evocativa e alla nervosa batteria. La crudezza che da sempre contraddistingue gli Archgoat evidenzia la loro forte predisposizione a risaltare nell’underground; spietati e selvaggi ma allo stesso tempo ritualistici, non hanno mai piegato le loro corde ad un suono più innovativo e si rimane anche qui in quarantuno minuti selvaggi di estrema follia satanica.

La tendenza degli Archgoat alla blasfemia è onnipresente, le porte sono sempre spalancate a nuovi scenari sporchi, erotici ed occulti. La band ha le proprie regole specifiche, rimarcano luoghi infernali, adorano Lucifero inneggiandolo e conclamandolo ogni volta con la loro musica fredda e mirata con una strumentazione sempre ben affilata e tagliente, perché sì, anche stavolta la band ha squartato il sacro codice del black metal annerendolo di un putrido death disegnandoci sopra opere di eterna afflizione mantenendo sempre una certa gloria.

«Come ti chiami?»
«Mi chiamo Legione, perché siamo in molti»



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
73 su 3 voti [ VOTA]
Rivalry
Mercoledì 1 Dicembre 2021, 18.38.30
5
classico copia incolla.
lisablack
Mercoledì 1 Dicembre 2021, 16.38.49
4
Post 2..Solito standard, vai sul sicuro, blasfemo e marcio 🤘una goduria😁
Passantediprofessione
Martedì 30 Novembre 2021, 19.47.25
3
Capolavoro. Non deludono mai. Cattivo dall'inizio alla fine.
Lord Vonatar
Sabato 27 Novembre 2021, 20.35.00
2
Un'uscita che attendevo da parecchio, domani me lo sparo a tutta cassa \m/ @Lisa: solito standard mi auguro. giusto?
lisablack
Venerdì 26 Novembre 2021, 13.03.50
1
Finalmente.. 🤘. Spettacolo x me, non volevo altro😁. 80
INFORMAZIONI
2021
Debemur Morti Productions
Death / Black
Tracklist
1. Intro
2. Heavens Ablaze
3. Black Womb Gnosis
4. All Christianity Ends
5. In Extremis Nazarene
6. Rats Pray God
7. Empyrean Armageddon
8. Blessed in the Light of Lucifer
9. Worship the Eternal Darkness
10. Burial of Creation
Line Up
Lord Angelslayer (Voce, Basso)
Ritual Butcherer (Chitarre)
Goat Aggressor (Batteria)

Musicisti ospiti:
Korpus Abortuum (Voce addizionale, Synth)
Werwolf (Voce addizionale)
VnΩM (Synth)
 
RECENSIONI
75
45
60
84
ARTICOLI
12/12/2017
Live Report
GOATVOMIT FEST: IMPIETY + ARCHGOAT
Traffic Club, Roma, 01-08/12/2017
02/02/2015
Live Report
INQUISITION + ARCHGOAT
Circolo Colony, Brescia, 26/01/2015
16/08/2014
Live Report
VENOM + ARCHGOAT + GUEST
The Jungle, Cascina di Pisa (PI), 09/08/2014
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]