IN EVIDENZA
Album

Rammstein
Zeit
Demo

Baptiste Brun
Origin
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/05/22
TROLLFEST
Flamingo Overlord

27/05/22
MICHAEL SCHENKER GROUP
Universal

27/05/22
CREMATORY
Inglorious Darkness

27/05/22
SIMON MCBRIDE
The Fighter

27/05/22
DESERT NEAR THE END
The Dawning of the Son

27/05/22
MARK TREMONTI
Tremonti Sings Sinatra

27/05/22
SISYPHEAN
Colours of Faith

27/05/22
BLACK VOID
Antithesis

27/05/22
MOURNFUL CONGREGATION
The Exuviae Of Gods Part I (EP)

27/05/22
DEF LEPPARD
Diamond Star Halos

CONCERTI

27/05/22
GAEREA + GUESTS
CS BOCCIODROMO - VICENZA

27/05/22
MESSA
TRAFFIC - ROMA

28/05/22
MESSA
LIZARD - CASERTA

28/05/22
FLESHGOD APOCALYPSE + GUESTS
URBAN - PERUGIA

01/06/22
MIDNIGHT + NIGHT DEMON
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

02/06/22
BARDOMAGNO
DRUSO - RANICA (BG)

03/06/22
BARDOMAGNO
ASTON CROWN FESTIVAL - MONTALTO DI CASTRO (VT)

04/06/22
BARDOMAGNO
FESTA MEDIEVALE BRISIGHELLA - BRISIGHELLA (RA)

04/06/22
ORION SUMMER FEST pt. 1
AREA EXP - CEREA (VR)

05/06/22
SOLOMACELLO FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

Apocryphal - Tales of Galilea
10/01/2022
( 780 letture )
I veronesi Apocryphal ritornano dopo quasi quattro anni di silenzio con una raccolta di narrazioni bibliche apocrife (di fantasia della band), tutte legate da un filo comune: la Galilea, raccontata e suonata attraverso un black puro e provocatorio. Tales of Galilea un nuovo capitolo, unevoluzione complessa ma ben chiara e definita; la linea di confine tra black e death qui sottile ed evidenti solo le parti melodiche che scandiscono momenti ritualistici ed atmosferici. Un disco curato, veloce ma allo stesso tempo dal sound innovativo, istanti melodici importanti alternati a crescenti riff e da composizioni semplici e di forte impatto.

Il clima che si respira in questo secondo full length ben diverso dal precedente, una nube di biblica oppressione soffoca un songwriting ottimo contornato da una perfetta batteria ed uno scream crudo e spirituale che generano in composizioni complete e di massima ricercatezza. Le formule strumentali e compositive di queste nove tracce sono classiche ma non monocromatiche; lopener We Raise The Sword Of Uriah dichiara nellimmediato il punto di forza e colonna portante del disco: il perfetto lavoro di chitarre che sin da subito mostra le molteplici soluzioni e le mille sfaccettature dellalbum, un groove volutamente crudo e vecchia scuola che ritroviamo anche in Trust No God, con uno scream quasi sofferente e arpeggi ai limiti del macabro marciume. Con Weak and Miserables e Into the S.E.A. (Supreme Evil Ascetism) invece, il registro cambia leggermente: due brani che mettono in mostra la bravura e la tecnica dei musicisti, un basso ammaliante e magnetico e riff incalzanti dai toni classici. Blood Calls la traccia di massima perfezione del disco, un drumming in perfetta simbiosi con la chitarra che danno vita ad un ritmo decisamente forte, mentre Fire Rain invece una vera e propria furia black a tutti gli effetti. Oltre a queste sei tracce sopracitate troviamo tre intermezzi, Tales I, Tales II e Tales III, posti esattamente ogni due canzoni che non sono altro che momenti superlativi ed a tratti vagamente epici di compiuta abilit strumentale della band.

Tales of Galilea pregno di atmosfere violente, un lavoro che abbraccia vecchi stilemi e nuovi tecnicismi che spesso deviano in situazioni strumentali melodiche e in forti emozioni oscure date da un black primordiale sgretolato ogni tanto da attimi di pura follia death e da mille cambi vocali infernali. Un disco di introspettiva religiosit personale con un determinato potenziale e sicuramente ben riuscito, con uno stile preciso che combina melodie e cattiveria sonora in grado di suscitare senza ombra di dubbio una tagliente spiritualit oscura.

We just not believe this learned tales



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
80 su 1 voti [ VOTA]
LUCIO 77
Venerd 21 Gennaio 2022, 21.44.52
2
Mi piaciuto molto questo Album.. Sinceramente all'inizio il Cantato mi sembrava un po' troppo basilare per le Composizioni, poi per l'ho metabolizzato.. Bravi!
Fabio
Sabato 15 Gennaio 2022, 14.39.10
1
Bellsima recensione, grazie!
INFORMAZIONI
2022
Autoprodotto
Black
Tracklist
1. We Raise the Sword of Uriah
2. Trust No God
3. Tales I
4. Weak and Miserables
5. Into the S.E.A. (Supreme Evil Ascetism)
6. Tales II
7. Blood Calls
8. Fire Rain
9. Tales III
Line Up
Gianmarco Bassi (Voce, Basso)
Fabio Poltronieri (Chitarra)
Diego Gini (Batteria)
 
RECENSIONI
75
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]