Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Living Colour
Shade
Demo

In Vain (SPA)
IV
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/12/17
HAMKA
Multiversal

15/12/17
AVENGED SEVENFOLD
The Stage - deluxe edition

15/12/17
DIRGE
Alma | Baltica

15/12/17
AERODYNE
Breaking Free

15/12/17
DE LA MUERTE
Venganza

15/12/17
DSEASE
Rotten Dreams

15/12/17
ASKING ALEXANDRIA
Asking Alexandria

15/12/17
MATERDEA
A Rose for Egeria - Deluxe Edition

15/12/17
MISTHERIA
Gemini

15/12/17
NEIGE MORTE
Trinnt

CONCERTI

14/12/17
GENUS ORDINIS DEI + GIGANTOMACHIA
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/17
MOLLY HATCHET
BLOOM - MEZZAGO (MB)

15/12/17
SPEED STROKE + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

15/12/17
ELVENKING + ANCESTRAL
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

15/12/17
IFMT WINTER FEST (day 1)
CENTRO GIOVANILE CA VAINA - IMOLA

15/12/17
DEFLORE + DISUMANA RES
ALVARADO STREET - ROMA

16/12/17
JOHN DALLAS + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

16/12/17
CADAVERIA + GUESTS
CRASH - POZZUOLI (NA)

16/12/17
ELVENKING
OFFICINE SONORE - VERCELLI

16/12/17
MICHAEL ANGELO BATIO & BLACK HORNETS
REVOLVER - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Ayreon - 01011001
( 8114 letture )
Allora… Pink Floyd sicuramente, poi direi Yes, Thin Lizzy, Queen, Deep Purple, Led Zeppelin, Abba(!), Jethro Tull, gli arrangiamenti orchestrali degli anni '70, le ritmiche Goth tipiche di questi anni, insomma…. di nuovo certamente non c’è niente, e allora? Un disco brutto o almeno “perdibile”? No, non esattamente, perché se è vero che tutte le soluzioni adottate in 01 non possono rappresentare un novità dall’altro è anche vero che queste sono rielaborate in maniera così professionale, così ben fatta, (anche grazie ad una line-up stre-pi-to-sa), che non posso fare a meno di ascoltare questo doppio almeno una volta al giorno da un mese esatto a questa parte.

Cominciando l’analisi di 01, (per chi non avesse letto l’intervista il titolo completo -01011001- si riferisce al codice binario ASCII che corrisponde alla lettera “Y”) non si può prescindere dall’analisi del concept, portandoci nei meandri delle menti dei Forever, del loro struggimento per la loro condizione fintamente privilegiata che li ha portati alle soglie della vita eterna, ma rinunciando alle emozioni, il travaglio dell’anima ricordando ciò che si è perso (evidentemente un barlume di emozione è rimasto comunque latente e percepibile) e la scelta di trovare un nuovo piano dell’esistenza sfruttando un pianeta su cui trasferire il loro DNA per forgiare la mente di una nuova razza che possa fargli rivivere, almeno parzialmente, la pienezza dei tempi perduti.

A questo proposito mi piace sottolineare che, nonostante l’idea non sia particolarmente originale in sé e sia già stata sfruttata in modi simili o almeno contigui da numerosi scrittori di Fantasy e/o Fantascienza, per apprezzare compiutamente 01 vi consiglio caldamente di seguire lo svolgersi della storia tenendo il booklet in mano e seguendo con attenzione i testi, ciò perché analizzandoli salta all’occhio un certo lavoro in questo senso sia tenendo conto della necessità di legare la parola alla musica, sia guardando ai testi dal punto di vista squisitamente letterario, con l’uso della lingua inglese non stucchevole, scorrevole, non inutilmente complicato, quasi sempre effettivamente musicale, (cosa spesso solo conseguente alla facilità di ottenimento delle rime mediante l’uso delle tronche tipiche delle lingue di ceppo Sassone, e non per un effettivo lavoro di ricerca in tal senso), e con l’utilizzo anche di qualche vocabolo un po’ più ricercato della media (quenchless – zest – dismay – sable, ed alcuni altri) che si fondono in maniera veramente eccellente con la musica, conferendo un profondo aspetto “visuale” a 01, anche mediante l’uso di una contenuta, ma efficace effettistica elettronica, particolarmente riuscita nel rendere l’idea del mondo liquido e del risorgere dall’acqua.

Detto questo va anche aggiunto che 01 è inciso magnificamente, con un perfetto equilibrio tra gli strumenti sia acustici che elettrici e con la giusta esaltazione delle parti vocali, l’unico appunto in questo senso posso forse rivolgerlo verso la resa dinamica dei piatti (un mio vecchio pallino) non perché sia brutta in sé, ma perché queste tendenza moderna di rendere i loro suoni in maniera compressa, appiattita sulla ritmica, mentre al mio orecchio un colpo sul crash deve staccare imperiosamente, rabbiosamente sul resto, a me proprio non piace, ma è un mio gusto personale; per tutto il resto, come detto, è proprio un bel lavoro anche in questo senso.

A questo punto sarebbe forse ora di spendere due parole sulla musica, 01 è diviso in due parti, Y e Earth, abbastanza diverse tra loro, più aggressiva e corale la prima, con più spunti acustici la seconda, ed è aperto da Age of Shadow, ritmiche Goth e chorus di grandissima presa, anche se non originalissimi (ma di questo mi sono già occupato in apertura) e con una armonizzazione vocale femminile da manuale nella parte finale, e che i birrai possano proclamare un giorno di sciopero se le parti di synth non sono mutuate dai Pink Floyd dei 70’s; poi Comatose, dove cominciamo ad apprezzare la miglior prestazione vocale dell’album, quella di Lande, che si staglia su una batteria di vocalist di altissimo livello e si prende contatto con la voglia, la necessità di qualcosa di diverso dalla psuedo-vita attuale dei Forever e chiusa da un bel solo di violino, per poi passare alla efficace Liquid Eternity, che poi introduce ad una spiazzante Connect the Dots che potrebbe sembrare avulsa dal contesto di 01, ma basta leggere il testo per capire perché è lì e perché è concepita in questo modo. Quasi insopportabilmente struggente Beneath the Waves se la ascoltate leggendo il testo e che poi diventa irresistibilmente trascinante nel chorus Kursh/Jansen/Van Giersbergen.

La decisione è presa con Newborn Race, introdotta dal mandolino dell’episodio che ho raccontato nell’intervista con Arjen, descrive i preparativi per mandare su un nuovo pianeta il DNA della razza, solo il personaggio di Lande manifesta dei dubbi: “Do we have the rigth to create life?”, e la voce di Jorn è talmente identica a quella di Phil Lynott che io possa sviluppare una allergia contemporanea al malto ed al luppolo se non è voluto, e non è tutto, circa l’inaspettato finale che lo sciopero dei birrai possa essere allungato ad una settimana se non ricorda certe cose di Ryuichi Sakamoto assieme a David Sylvian se non è voluto anche questo. Epica cavalcata il chorus di Ride the Comet, per poi chiudere il primo CD con la delicata e romantica Web of Lies.

Il secondo CD è da un lato più classicamente HR e dall’altro più acustico, con un più massiccio uso di strumenti quali il flauto, chitarre, violini, ed un uso più mirato delle tastiere, in questa seconda parte vi invito anche a scoprire un passaggio di flauto che sembra suonato da Ian Anderson con i suoi Jethro Tull, e che la birra possa essere dichiarata fuorilegge su tutto il territorio nazionale costringendomi a diventare un distillatore clandestino se non è così; tra presa di possesso della terra da parte di una nuova razza (noi) evoluzione forzata che sfugge al controllo, sensitivi, e presa d’atto che l’esperimento è fallito per troppa voglia di strafare, per ever forzato l’evoluzione naturale della razza, si giunge all’amaro finale nucleare in 2085, contenuta nella suite The Sixth Extinction, per giungere al vero epilogo in To the Planet of Red ed al gran finale di Complete the Circle, sempre facenti parte della stessa suite.

Cosa aggiungere? Voglio ancora ricordare le grandi prove vocali di tutti, con Lande una spanna sopra, ma con notevoli prove di Simons (la bella e la bestia nel raffronto tra loro in una piccola chiacchierata con Arjen a margine dell’intervista), Jansen, Gildenlow -ma non voglio far torto a nessuno- grandi strumentisti guest, ed un voto finale che non raggiunge la parte più alta del ranking solo perché indubbiamente di nuovo c’è ben poco, ma credetemi, vale proprio la pena di averlo.



VOTO RECENSORE
81
VOTO LETTORI
70.44 su 76 voti [ VOTA]
Jappy
Giovedì 22 Giugno 2017, 21.27.16
24
Se avete amato "Y" , non può mancare nella vostra discografia il meraviglioso prequel "the Source" in pratica ho letteralmente consumato questo due album.
Dawnofmisery
Martedì 14 Aprile 2015, 23.26.35
23
CAPOLAVOROOOOOO
01011001
Martedì 26 Novembre 2013, 14.03.30
22
è il miglior disco che sia mai uscito dal progetto di Arjen voto 99
Claudio
Venerdì 4 Ottobre 2013, 13.49.39
21
Dai è un capolavoro!!! Che dubbi ci sono???
richi
Mercoledì 25 Settembre 2013, 14.03.51
20
album di una bellezza devastante, Lande e Gildenlöw da brividi, probabilmente Ayreon al suo apice creativo......
Fabio
Giovedì 12 Settembre 2013, 16.15.26
19
Bel disco l'unico diffetto che ha sono le parti vocali troppo ripetitive
Radamanthis
Sabato 9 Febbraio 2013, 16.00.27
18
Bellissimo ma gli preferisco The universal migrator pt. 2
Raven
Venerdì 31 Dicembre 2010, 11.05.23
17
Si, gli incroci vocali sono strepitosi.
Sangi
Venerdì 31 Dicembre 2010, 5.37.13
16
Dio santo. Un album inciso dalle mani di Dio. Lo sto ascoltando in loop, ormai sono fermamente convinto che sia effettivamente la storia dell'universo e che nel 2084 moriremo tutti. Ok che c'è davvero ben poco di nuovo nell'album, ma, dio santo, è epocale, una specie di manuale su come suonare prog da dare ai vari signori DT e cazzi vari, specialmente gli incroci vocali e i cori lo rendono epico. Dio, lo amo.
fat
Martedì 9 Giugno 2009, 13.32.06
15
è un capolavoro della musica
fat
Martedì 9 Giugno 2009, 13.31.57
14
è un capolavoro della musica
Renaz
Venerdì 25 Gennaio 2008, 17.20.43
13
Non lo metto in dubbio Francè
Raven
Venerdì 25 Gennaio 2008, 14.13.39
12
Il fatto è, come credevo di avere evidenziato in sede di recensione, che non è possibile valutarlo senza relazionarlo con i testi, provate a mettervi lì col booklet davanti e se masticate un pò di inglese vedrete che modificherete un pò il vostro punto di vista. poi, ovvio, liberi di giudicarlo una ciofeca, ci mancherebbe
Thomas
Giovedì 24 Gennaio 2008, 22.51.15
11
Ammetto sia "pesante" ma è dichiaratamente pesante. E' come leggere un classico russo e pensare che non sia "pesante" . Una volta che l'hai finito scopri però che era un capolavoro... dipende da come ci si approccia. Ovvio che questo non sarà un capolavoro della musica però è un lavoro ben fatto e credo valga la pena dirlo e forse vale la pena esplorarlo per bene, testi inclusi .
Renaz
Giovedì 24 Gennaio 2008, 22.34.39
10
Ma io parlavo della musica...mai detto nulla dei testi!
Yossarian
Giovedì 24 Gennaio 2008, 17.50.59
9
Si hai ragione, ma se nn mi piace nn mi piace, x quanto riguarda i testi nn vuol dire niente, conosco gente ke reputa la Commedia di Dante, una c....a, quindi, cmq massimo rispetto x l artista!
Thomas
Giovedì 24 Gennaio 2008, 16.45.44
8
Mi sembra veramente svilente parlare di riff stiracchiati in un album di 2 cd in cui viene raccontata una storia. Qualcuno ha letto i testi? Dai è un bel lavoro, ci sono bravi cantanti, ottimi musicisti e le idee che son venute fuori non sono niente male
Raven
Giovedì 24 Gennaio 2008, 8.04.56
7
L'ho detto,di nuovo non c'è assolutamente nulla, è solo che la rielaborazione è, a mio parere, talmente ben fatta, che non posso fare a meno di ascoltarlo, anche lo "stirare" certe parti credo vada valutato in relazione al booklet. ci torno sopra per segnalare unalongevità contenuta se dovesse accadere, ma in tempi di innovazioni NU, io preferisco di gran lunga questo.
Rob
Mercoledì 23 Gennaio 2008, 20.36.16
6
Questo è vero, non è molto diretto... Però una volta che ci fai l'orecchio ti prende, almeno con me è stato così!
Yossarian
Mercoledì 23 Gennaio 2008, 19.24.10
5
Mi associo!
Renaz
Mercoledì 23 Gennaio 2008, 19.08.05
4
Non mi ha entusiasmato...soprattutto il disco 1... ogni volta un singolo riff viene stiracchiato per 6 minuti... un pò troppo pesante
Yossarian
Mercoledì 23 Gennaio 2008, 17.53.54
3
Boh....nn saprei, mah!!!
Rob
Mercoledì 23 Gennaio 2008, 14.57.45
2
Veramente bellissimo, come la recensione del resto.... e che possano implodere tutte le fabbriche di birra del mondo se non è vero!
Thomas
Mercoledì 23 Gennaio 2008, 13.37.55
1
Bellissimo
INFORMAZIONI
2008
Inside Out/Audioglobe
Prog Metal
Tracklist
CD 1 "Y"
1. Age Of Shadows
2. Comatose
3. Liquid Eternity
4. Connect The Dots
5. Beneath The Waves
6. Newborn Race
7. Ride The Comet
8. Web Of Lies

CD 2 "Earth"
1. The Fifth Extinction
2. Waking Dreams
3. The Truth Is In Here
4. Unnatural Selection
5. River Of Time
6. E=Mc2
7. The Sixth Extinction
Line Up
Arjen Anthony Lucassen - chitarra, basso, mandolino, tastiere, synth, Hammond
Ed Warby - batteria e percussioni

Guests:
Tomas Bodin - synth solo su Waking Dreams
Michael Romeo - guitar solo su E=Mc2
Joost Van Der Broek - synth solo e piano su The Sixth Extinction
Ben Mathot - violino
David Faber - violoncello
Jeroen Goossens - fiati
Lori Linstruth - guitar solo su Newborn Race
Derek Sherinian - synth solo su The Fifth Extinction

Singers:
Forever
Jorn Lande
Magali Luyten (Beautiful Sin)
Bob Catley (Magnum)
Tom Englund (Evergrey)
Steve Lee (Gotthard)
Daniel Gildenlow (Pain Of Salvation)
Hansi Kursch (Blind Guardian)
Floor Jansen (After Forever)
Anneke Van Giersbergen (Agua De Annique)
Jonas Reske (Katatonia)

Men
Arjen Anthony Lucassen
Simone Simons (Epica)
Phideaux Xavier
Liselot Hegt (Dial)
Wudstik
Ty Tabor (King’s X)
Marjan Welman (Elister)


 
RECENSIONI
s.v.
70
81
93
90
88
89
82
ARTICOLI
03/01/2008
Intervista
AYREON
Parla Lucassen
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]