Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Accept
Too Mean to Die
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/02/21
STEVE LUKATHER
I Found the Sun Again

26/02/21
INFERNALIZER
The Ugly Truth

26/02/21
MOS GENERATOR
The Lanter (EP)

26/02/21
RICHARD BARBIERI
Under A Spell

26/02/21
WALK THE WALK
Walk the Walk

26/02/21
MELVINS
Working with God

26/02/21
SISTER
Vengeance Ignited

26/02/21
TIMELOST
Gushing Interest

26/02/21
AMON ACID
Paradigm Shift

26/02/21
JOURS PALES
Eclosion

CONCERTI

26/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

27/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

28/02/21
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

Enemy Of The Sun - Shadows
( 2519 letture )
Spesso e volentieri alcuni musicisti si addentrano nei meandri bui della sperimentazione con l’intenzione di rifuggire i cliché e la banalità. In alcuni casi tale scelta risulta positiva e porta realmente a qualcosa di innovativo e pregiato, in altri casi tale scelta se estremizzata si riduce ad un’erronea accozzaglia di sound: gli Enemy of the Sun, mi duole dirlo, appartengono a quest’ultima categoria. Malgrado vedano fra le proprie fila niente meno che Waldemar Sorychta (già chitarrista di Rotting Christ e Grip inc e alla produzione di Therion, Lacuna Coil ,Tiamat, Moonspell e chi più ne ha più ne metta ) il loro album di debutto ‘Shadows’ sembra superare eccessivamente i confini sperimentali, giungendo ad accostare generi che, in una mescolanza mal gestita, nulla hanno a che fare l’uno con l’altro.

Il lavoro spazia in maniera confusa dal thrash metal/hardcore al death al prog, con una base evidentemente ispirata al nu-metal alla System of a down, tutto sommato generi che i 4 tedeschi saprebbero affrontare bene singolarmente, senza però impostare al meglio la loro coesistenza. Ne risulta un lavoro alquanto disordinato, sostanzialmente povero sul piano della tecnica, mentre ogni eventuale buona idea si perde nella confusione e nell’anarchia di suoni. Oltretutto il sound generale dell’album è penalizzato da una registrazione piuttosto modesta. Ciò che più lascia disorientati è il divario qualitativo fra le parti estreme e le parti più soft: le prime infatti nella loro aggressività thrash/core sono degne dell’ascolto del più schizzinoso extreme metaller (vedi la opener ‘Emptiness’), mentre le seconde sono davvero scarse, praticamente una copia scadente dei sovracitati SOAD.

Se le linee vocali sono grintose e radicali dal versante estremo, con un semi-growl/screaming decisamente moshcore, sono invece povere ed eccessivamente cantilenanti per ciò che riguarda il cantato pulito, per altro simile a quello di Serj Tankian e Daron Malakian, ma molto meno ragguardevole (vedi ‘Feel the beating’ o ‘Clearly surreal’).
L’influenza dei SOAD, come si evince in quasi tutte le tracce, fa da padrona anche nelle chitarre arabeggianti, acide e dissonanti, benchè spesso queste si lascino andare a trapanate black metal (‘Brain sucking machine’), e nella batteria cadenzata e ovattata, matrice di cambi di tempo quasi prog; una track come ‘Lost in time’ invece riconduce alle sonorità goth-thrash dei Nevermore.
Perlomeno l’album si chiude con un ultimo pezzo energico e incalzante, la bonus track ’Enemigo del sol’, probabilmente considerabile l’episodio più valido di Shadows, pur non rimanendo nella storia del metal per incredibile bellezza o particolarità.

In conclusione, il debutto ‘creativo’ degli Enemy Of the Sun voleva forse essere un elemento esemplare di genialità, ma a me sembra solo sregolatezza. Speriamo nel prossimo album.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
23.68 su 19 voti [ VOTA]
LAMBRUSCORE
Domenica 16 Settembre 2012, 11.58.18
2
Ma sì dai, hanno avuto un contratto perchè ci suona il nipotino dell'allenatore della Roma.....
Andrea
Giovedì 31 Gennaio 2008, 11.37.39
1
li ho visti con i paradise lost. noiosi, già sentiti (tante volte), qualche stonatura, poca presenza scenica. se non avessero quel nome lì in formazione sarebbero il classico gruppo del pub sotto casa.
INFORMAZIONI
2007
The End Records
Alternative Thrash
Tracklist
1. emptiness
2. burning bridges
3. lives based on conflicts
4. clearly surreal
5. carousel
6. twenty three feet
7. feel the beating
8. satisfied by ego purposes
9. brain sucking machine
10. weak
11. liar
12. lost in time
13. enemigo del sol (bonus track)
Line Up
Waldemar Sorychta – guitar
Jules Näveri – vocals
Daniel Zeman – drums
Alla Fedynitch – bass

Guest: Rainmund Gitsels – all strings
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]