Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

07/12/19
CARONTE
Wolves of Thelema

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
NIGHTBEARER
Tales of Sorcery and Death

13/12/19
HORRIFIED
Sentinel

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
IN OBSCURITY REVEALED
Glorious Impurity

13/12/19
MOSAIC
Secret Ambrosian Fire

13/12/19
EREGION
Age Of Heroes

CONCERTI

07/12/19
AGENT STEEL + CRISALIDE + INNERLOAD
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

07/12/19
NAZARETH
LEGEND CLUB - MILANO

07/12/19
KADINJA + GUESTS
LA TENDA - MODENA

07/12/19
SCALA MERCALLI
BANDIT BIKERS PUB - PARMA

07/12/19
JUGGERNAUT + SUDOKU KILLER
NUOVO CINEMA PALAZZO - ROMA

07/12/19
ESSENZA + GUESTS
GALTOR CAFFE' - MORROVALLE (MC)

07/12/19
ANTIDEMON + GUESTS
CASTELLO INCANTATO - SCIACCA (AG)

07/12/19
WRETCHED CONCEPTION FEST
STELLA NERA - MODENA

07/12/19
JUMPSCARE + ASPHALTATOR
EQUINOX PUB - VEROLI (FR)

07/12/19
NATIONAL SUICIDE + GUESTS
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

Avantasia - The Scarecrow
( 9783 letture )
Alla fine è arrivato. Dopo diverse smentite da parte del mastermind Tobias Sammet, il terzo capitolo di Avantasia è venuto al mondo. Sono sicuro che Lo Spaventapasseri farà breccia nel cuore di molti, moltissimi metallari.

Che Tobias Sammet fosse un grande artista lo si sapeva, i due precedenti capitoli e tutta la produzione degli Edguy sono un dato di fatto, possono piacere o meno ma, anche il più ostinato dei detrattori non potrà che riconoscere la qualità di quanto inciso dal cervellone di Fulda. Ok, i più “cattivi” obietteranno che con un “cast” del genere sarebbe davvero impossibile fallire. Su questo si può discutere, probabilmente sarei io stesso a darvi ragione. Anche io saprei scrivere (forse) una canzone per gente del calibro di Jorn Lande e Michael Kiske, non oso scomodare leggende viventi (chi ha detto Mr.Vincent Furnier?). Con questi mezzi di trasmissione il risultato è sicuro, anche se il contenuto non è di primissima qualità. Cosa, che avviene, in piccole dosi, anche su The Scarecrow ma, questo fattore, proprio grazie all’immensa bravura degli interpreti, viene tralasciato o, quanto meno messo in secondo piano.
È il senso stesso della Metal Opera. Se così non fosse, Sammet avrebbe potuto pubblicare questo platter con gli Edguy, visto e considerato che “viaggia”, più o meno, sulla stessa rotta di Rocket Ride, un power molto orientato verso l’hard rock.

Entriamo nel dettaglio.
Toccano a Roy Khan le prime parole del disco. In realtà, dalla voce norvegese dei Kamelot mi sarei aspettato qualcosa in più, una volta valutate le altre performances. Poco importa comunque, perché Twisted Mind resta uno degli episodi migliori del disco. Sascha Paeth fa partire il riff che sorregge l’intera canzone, che vede duettare il norvegese con un grande Sammet anche dietro al microfono. Mezzo tempo pefetto. L’opener è trascinante e matura, anche perché in possesso di un refrain da “effetto-calamita”.

Il diabolico Tobias ha fatto le cose in grande, mette al secondo posto l’episodio migliore del disco. La title track è semplicemente divina. Un capolavoro, non trovo altre parole per definirla. Discendente diretta di The Seven Angels, presente sul precedente capitolo di Avantasia, meno intricata e con meno cambi di tempo ma con un piglio più maturo. Nulla è lasciato al caso, una macchina perfetta. Se non ti rendi conto del tempo che passa su una canzone che dura undici minuti, allora vuol dire che stai ascoltando roba buona. Se poi hai un certo Jorn Lande in squadra, allora non puoi che vincere. Jorn fa il bello e il cattivo tempo su questa canzone, in ugual modo favoloso su I Don’t Believe In Your Love. Oggi è il cantante più richiesto sulla piazza, il migliore. Lo dico pensando anche all’ultimo Ayreon.

Sentire Michael Kiske cantare su Shelter From The Rain è una vera e propria tortura. Tutti sappiamo com’è andata la sua vicenda, quello che mi sento di dirgli è che c’è sempre tempo per cambiare idea, torna indietro, io sarò qui ad aspettarti. In merito alla canzone, si può dire che una tipica sfuriata power in stile Edguy, costruita dal doppio pedale di Eric Singer, manco a dirlo autore di una prova ispirata e priva di sbavature.

Attenzione, adesso arriva il primo di quello che gli anglosassoni definiscono hook. Carry Me Over, più di un semplice uncino, mi ricorda una di quelle enormi reti che si usano per la mattanza dei tonni, meglio conosciuta come “tonnara”. Canzoncina simpatica ed orecchiabile, troppo radiofonica, ho detto tutto. Anzi, siccome ho voglia di rompervi le scatole, guardatevi questo stucchevole video. Si preannuncia una strage di teenagers.



What Kind Of Love segna l’ingresso trionfale in scena della divina Amanda Somerville sentire per credere, data la caratura della fanciulla, direi anche vedere per credere. Song atmosferica e celestiale, molto cinematografica, sarebbe un’ottima conclusione per tanti colossal hollywoodiani.

Another Angel Down, già presente sull’EP Lost In Space pt.I, oltre ad essere una buonissima canzone, obbliga a comprare il CD per il meraviglioso trio Sammet/Kiske/Lande. Se volete un esempio di bel canto, eccovi serviti.

L’unica cosa che ancora non ho del tutto metabolizzato di questo album, è proprio The Toy Master, episodio caratterizzato dalla presenza di Alice Cooper. La canzone non è brutta, intendiamoci, però sento troppa distanza tra la voce di Tobias e quella di Alice, mi sembra una forzatura. Da rivedere.

Si ritorna su territori power-oriented con Devil In The Belfry. Infatti, il risultato è ancora una volta buono, nulla che faccia gridare al miracolo in ogni caso. Cry Just A Little è troppo melensa per i miei gusti, sfacciatamente sdolcinata e manieristica. Per fortuna, c’è ancora tempo per un altro scampolo di grande power, I Don’t Believe In Your Love sarà manna dal cielo per le vostre orecchie. Da segnalare alla fine del pezzo un Lande da lacrime. Chiude il lavoro la già nota Lost In Space. Altro hook lanciato da Sammet nel vasto mare dei metallari quattordicenni.



The Scarecrow non apporta elementi di novità significativi nel metal odierno. Allo stesso tempo però, si tratta di un disco prodotto, registrato, suonato e, soprattutto cantato in maniera egregia, tutti fattori per cui vale la pena spendere i vostri soldi, non può passare inosservato alle vostre orecchie.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
62.91 su 69 voti [ VOTA]
HeroOfSand_14
Sabato 16 Febbraio 2019, 15.57.26
15
Strano vedere solo 14 commenti per uno dei top album degli Avantasia. Forse l'unico brano skippabile è Carry me Over, ma il resto sta su livelli buoni, alti ed altissimi, come il trittico iniziale, What Kind Of Love e Cry Just a Little, per me una delle loro migliori ballad. I Don't believe in Your Love è la degna chiusura di un disco più rockettare dei due masterpiece precedenti, ma che qualità di songwriting! Anche una canzone pseudo pop come Lost In Space, scritta al volo, fa bene il suo dovere. Anche strumentalmente qui ci sono cose da rimarcare, soprattutto il sound tosto e potente. Ah, e l'intepretazione di Tobi e Amanda in What Kind Of Love...da musical, bravissimi
Steelminded
Mercoledì 4 Novembre 2015, 11.17.34
14
sì grazie Nedioca, un vecchio commento un po' sciocco da parte mia
Nedioca
Martedì 3 Novembre 2015, 23.22.03
13
@Steelminded gli avantasia usano moltissimi cantanti già noti al pubblico. Sono presenti elementi sinfonici ed in generale si parla di concept album con trama e personaggi.
Steelminded
Domenica 10 Febbraio 2013, 20.34.09
12
Posto che a me piacciono abbastanza entrambi qualcuno saprebbe spiegarmi in che cosa gli Avantasia si distinguono dagli Edguy? Grazie.
xXx
Sabato 10 Novembre 2012, 18.23.53
11
Bello davvero anche questo però la svolta degli Edguy s'è fatta sentire anche qui e quindi lo reputo inferiore alle 2 metal opera! Avrei dato più spazio a Kiske e Hansen al microfono e un pò meno a Lande che ha davvero troppi momenti.
Radamanthis
Domenica 19 Agosto 2012, 14.50.56
10
Bello, molto bello anche se nettamente inferiore alla coppia The metal opera. Lande arricchisce l'opera così come Kahn ma mi aspettavo qualcosa di più anche a livello di special vocal guests. Voto 85
Sigfried
Lunedì 6 Luglio 2009, 22.42.15
9
Il disco é bello nn c'é ke dire anke ma sarà perché sono un amante del power più puro é un pò troppo orientato sull'hard rock .......come gli Edguy del resto (quelli di ora ovviamente nn quelli vekki ke erano tutta un'altra cosa)
Atheist
Mercoledì 20 Agosto 2008, 14.57.46
8
Ottima rece, gran bel disco...una delle poche uscite power a farmi alzare le orecchie
LoC
Venerdì 9 Maggio 2008, 12.58.38
7
Trovo questo album assulatamente fantastico. Grande la voce degli Edguy, e ottima la coesione tra questi grandi artisti. Finalmente buona musica dopo un 2007 un pò deludente, o no? Riguardo a The Toy Master, che reputo uno dei migliori pezzi del disco, devo dire che non mi scandalizzo davanti al misto Cooper/Sammet, anzi...
Luke 25
Lunedì 25 Febbraio 2008, 18.30.37
6
Bell'album!
Poss
Martedì 12 Febbraio 2008, 18.44.14
5
Per me è il mioglior artista del movimento (???) power!!!! Immenso TOBY!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ci vediamo a Brescia!
Rob
Giovedì 31 Gennaio 2008, 20.52.35
4
Ciao Black Lotus, è un pò quello che ho cercato di dire io, date a Tobi quel che è di Tobi!
black Lotus
Giovedì 31 Gennaio 2008, 20.03.51
3
tutto ciò è dato è ricevuto.. ecco qua un altro loro capolavoro. è vero non tutte le canzoni lascian un segno come è accaduto nella metal oper ma, lo ametto.. ogni canzone è una nuova emozione.. unica e divina quanto rara. Lode e Gloria a Tobias Sommet
Rob
Martedì 29 Gennaio 2008, 17.31.13
2
Errata Corrige... infatti non c'è...
smaz
Martedì 29 Gennaio 2008, 17.03.44
1
Non mi risulta che in Another Angel Down ci sia Kiske.
INFORMAZIONI
2008
Nuclear Blast
Power
Tracklist
01. Twisted Mind
02. The Scarecrow
03. Shelter From The Rain
04. Carry Me Over
05. What Kind of Love
06. Another Angel Down
07. The Toy Master
08. Devil In The Belfry
09. Cry Just A Little
10. I Don't Believe In Your Love
11. Lost In Space
Line Up
Tobias Sammet – Vocals and Bass
Sascha Paeth – Guitars
Eric Singer – Drums

Guests
Roy Khan – Vocals
Jorn Lande – Vocals
Michael Kiske – Vocals
Bob Catley – Vocals
Amanda Somerville – Vocals
Alice Cooper – Vocals
Oliver Hartmann – Vocals
Henjo Richter – Guitar
Kai Hansen – Guitar
Rudolf Schenker – Guitar

www.avantasia.net
 
RECENSIONI
82
80
58
75
74
83
ARTICOLI
06/04/2019
Live Report
AVANTASIA
Alcatraz, Milano (MI), 31/03/2019
26/03/2016
Live Report
AVANTASIA
Alcatraz, Milano (MI), 22/03/2016
10/01/2016
Intervista
AVANTASIA
Luci fantasma
21/04/2013
Live Report
AVANTASIA
Alcatraz, Milano, 16/04/2013
22/03/2013
Intervista
AVANTASIA
Viaggiare con la musica
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]