Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Enforcer
Live By Fire II
Demo

The Hirsch Effekt
Gregær
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/04/21
ABIGORUM
Vergessene Stille

14/04/21
GRAVEYARD OF SOULS
Infinity Equal Zero

16/04/21
ICON OF SIN (BRA)
Icon of Sin

16/04/21
TEMPLE BALLS
Pyromide

16/04/21
CANNIBAL CORPSE
Violence Unimagined

16/04/21
THE OFFSPRING
Let the Bad Times Roll

16/04/21
DISORDER ASSEMBLY
Combustion Fossil

16/04/21
MONARCH
Future Shock

16/04/21
ENDSEEKER
Mount Carcass

16/04/21
SPECTRAL WOUND
A Diabolic Thirst

CONCERTI

16/04/21
LOUDNESS + GREY ATTACK + THOLA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/04/21
AXEL RUDI PELL
DRUSO - RANICA (BG)

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

14/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Evergrey - Recreation Day
( 6620 letture )
Mi ha lasciato alquanto deluso questo quarto album degli svedesi Evergrey… I Nostri propongono fin dall’inizio un progressive metal dalle forti tinte oscure/dark, in particolare nelle liriche ma anche la musica ne risente abbastanza.
Il problema è proprio questo, cioè gli Evergrey in questo loro ultimo lavoro hanno perso parte di quell’oscurità i cui brani trasudavano fino al precedente disco, trasformando questo lavoro in un insieme di composizioni piatte e prive di spinta emozionale. Probabilmente la mia affermazione è un po’ pesante dal momento che mi trovo a parlare da fan in quanto ascolto gli Evergrey sin dall’inizio, anche perché Recreation Day non è assolutamente un pessimo lavoro, anzi tutt’altro, ma considerando ciò che questi svedesi avevano prodotto in passato, a parer mio era lecito aspettarsi di più.
Anche la particolare e bellissima voce di Tom Englund ha perso in parte quella carica di sofferenza con cui travolgeva l’ascoltatore, optando per un cantato più aggressivo che lo avvicina al singer dei Symphony X. La preparazione tecnica dei musicisti è fuori discussione, ma anche per quanto riguarda la musica, gli Evergrey hanno spostato troppo l’asse verso sonorità progressive a scapito, come dicevo prima, di passaggi più lenti e oscuri.
Un tentativo viene fatto con I’m Sorry che per certi versi vorrebbe ripetere quella che fu State of Paralysis del precedente album, uscendo però sconfitta dal confronto.
Per il resto è difficile criticare un lavoro di tale portata, per quanto concerne appunto la preparazione tecnica dei nostri, la registrazione ultra professionale e i testi per niente banali e ricercatissimi (che trattano in questo caso il tema della morte).
Sicuramente questo album degli Evergrey verrà apprezzato da tutti coloro che adorano il metal progressivo, cosa di cui non sono tanto sicuro per chi li conosce meglio. Da parte mia mi auguro solo che gli Evergrey non siano stati anche loro colpiti dalla sindrome del “Teatro del Sogno”, altrimenti bisognerà dire addio ad un gruppo che, insieme ai Pain of Salvation, aveva tentano di intraprendere una via personale al prog metal.



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
46.85 su 57 voti [ VOTA]
d.r.i.
Venerdì 26 Febbraio 2021, 13.24.39
11
Lo sto ascoltando ora, spacca esattamente come 18 anni fa. Nulla da dire gran disco!
roviston
Domenica 3 Dicembre 2017, 11.08.13
10
Forse un tantino al di sotto del precedente "In search of truth" ma comunque valido,non sono d'accordo nel definirlo un passo falso.Merita come minimo un 75,anche il recensore stesso dichiara di essere stato un pò pesante nel giudizio.Non capisco perchè,accorgendosi dell'errore,non abbia riscritto la recensione..........
Textures
Sabato 24 Settembre 2016, 7.44.55
9
Questo è uno dei lavori più belli degli Evergrey. A quando un'altra recensione?
Raven
Mercoledì 6 Aprile 2016, 9.37.12
8
ragazi, è una recensione del 2003, agli albori della webzine. Questo è uno dei tipici scritti che giustifica la presenza della rubrica L'Archivio della 'Zine. e dei rifacimenti
Tatore
Mercoledì 6 Aprile 2016, 9.28.55
7
Primo album che ascolto di questo gruppo, e sono d'accordo col recensore solo riguardo il fatto che piacerà sicuramente a chi piace il prog metal...eccomi! So che è difficile essere davvero obiettivi, ma dichiarare di essere di parte quando si recensisce un album credo non sia il massimo. Lo si vede anche dai commenti sotto il mio. Con rispetto, Tato
Textures
Sabato 27 Febbraio 2016, 18.18.35
6
Capolavoro!
Mauroe20
Domenica 5 Aprile 2015, 14.47.49
5
Recensore ma quale disco hai ascoltato.Disco ottimo
Diego
Giovedì 19 Giugno 2014, 9.33.00
4
Album da 80, suonato impeccabilmente dalla miglior loro lineup.
9Fede9
Sabato 24 Maggio 2014, 12.20.18
3
Non male, ma rispetto al precedente un evidente calo. Voto 70
d.r.i.
Sabato 7 Settembre 2013, 20.31.26
2
Ho tutto di questo gruppo e sono in TOTALE disaccordo, voto 95! Solo the great deceiver spazza molti dischi di prog di altri gruppi, per non parlare del resto...
Giacomo Froio
Martedì 29 Marzo 2011, 19.01.57
1
guarda non posso che essere d'accordo con te sulla recensione, dopo aver ascoltato in search of truth, recreation day spiazza un pò, perchè il dark è quasi praticamente sparito. Ma non me la sento di affermare che sia un passo falso, anzi io penso sia un passo più che giusto ! E' giusto sperimentare vari generi, non fossilizzarsi e omologarsi solo su uno ! Gli evergrey sono una delle poche band che lo fà, rischiando si, ma riuscendo sempre bene ! Il loro capolavoro dark è già stato fatto, perchè riproporre delle copie ? secondo me la scelta di cambiare genere ogni album è la cosa più saggia che una band possa fare ! ovviamente i miei sono solo pareri personali !
INFORMAZIONI
2003
Inside Out
Prog Metal
Tracklist
01. The Great Deceiver
02. End of Your Days
03. As I Lie Here Bleeding
04. Recreation Day
05. Visions
06. I'm Sorry
07. Blinded
08. Fragments
09. Madness Caught Another Victim
10. Your Darkest Hour
11. Unforgivable
12. Trilogy of the Damned*
* Bonus track, limited edition
Line Up
Tom S. Englund - vocals, guitars
Henrik Danhage - guitars
Michael Håkansson - bass
Rikard Zander - keyboards
Patrick Carlsson - drums
 
RECENSIONI
81
67
78
70
80
75
88
82
s.v.
s.v.
s.v.
74
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]