Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dream Theater
A View From the Top of the World
Demo

Slowpoke
Slowpoke
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/10/21
DEATH SS
Ten

29/10/21
ARCHSPIRE
Bleed the Future

29/10/21
HAXKAPELL
Eldhymner

29/10/21
DOEDSVANGR
Serpents Ov Old

29/10/21
A SECRET REVEALED
When the Day Yearns for Light

29/10/21
MOTORHEAD
Everything Louder Forever - The Very Best Of

29/10/21
GHOST BATH
Self Loather

29/10/21
MICHAEL SCHINKELS ETERNAL FLAME
Gravitation

29/10/21
JOE BONAMASSA
Time Clocks

29/10/21
LUCIFER
Lucifer IV

CONCERTI

29/10/21
LABYRINTH
DRUSO - RANICA (BG)

04/11/21
MICHAEL SCHENKER GROUP
AUDIODROME LIVE CLUB - MONCALIERI (TO)

05/11/21
DISTRUZIONE + NEID + NECROFILI
TRAFFIC LIVE - ROMA

06/11/21
SKANNERS + ARTHEMIS + GUESTS
THE FACTORY - S. MARTINO BUON ALBERGO (VR)

06/11/21
THE BLACK CROWES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

06/11/21
DISTRUZIONE + SOUTH OF NO NORTH
LIZARD CLUB - CASERTA

06/11/21
HATEFUL + GRUMO + MEMBRANCE
CIRCOLO DEV - BOLOGNA

12/11/21
INCANTATION + ABIGAIL WILLIAMS + VALE OF PNATH
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

12/11/21
MARDUK + VALKYRJA + DOODSWENS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

13/11/21
INCANTATION + ABIGAIL WILLIAMS + VALE OF PNATH
TRAFFIC CLUB - ROMA

Balletto di Bronzo - Ys
( 7913 letture )
Dopo aver affrontato argomenti musicali teoricamente estranei a questo spazio, ma che hanno ottenuto un certo riscontro da parte dei nostri lettori, torniamo ora ad occuparci di un argomento più “canonico” per il nostro settore Classici, quello del prog italiano (che comunque, a voler essere pignoli, dovrebbe anch’esso essere estraneo a questo spazio, e che invece è stato anch’esso accettato subito), e lo facciamo parlandovi di uno dei gruppi fondamentali, quel Balletto di Bronzo -il cui nome deriva da un dipinto di Wadsworth- che risulta tra le pietre miliari dell’intera scena europea.

Nonostante la storia del Balletto di Bronzo cominci già alla fine dei sessanta con esperienze pienamente Beat (Sirio 2222 e 45 giri precedenti), è solo con l’entrata del tastierista cantante ex Città Frontale, il diciottenne Gianni Leone (poi Leo Nero) nella formazione che il gruppo acquista quella dimensione prog sperimentale che lo renderà famoso. Il prodotto dell’alchimia tra ciò che restava della formazione originale ed il nuovo arrivato produssero il capolavoro Ys, ispirato ad una leggenda celtica che narra la storia dell’ultimo uomo sulla terra (magari Io sono Leggenda non è poi così originale, e nemmeno il libro da cui è tratto) che una voce costringe a vagare cercando altri scampati alla nera sorte dell’umanità per raccontare loro la verità appresa dalla voce, ma essendo l’ultimo uomo, la vana ricerca di un suo simile lo porterà alla morte, e nemmeno nelle sue braccia egli riuscirà a raccontare ciò che deve; ecco a questo proposito il testo di Introduzione, incipit del disco oscillante tra dolcezza e rock psichedelico aperta dalla voce inquietante di Gianni per poi lasciarsi andare a fughe isteriche:

La voce narrò
all'ultimo che
sul mondo restò
la vera realtà.
E poi comandò
di andare tra i suoi
a dire la verita'
e il gioco inizio'.

Quella voce premeva nel petto
col dolore di cose capite
forse era in tempo a dirlo anche agli altri
forse era in tempo a dirlo anche agli altri.

Cos'è la vita vita di un uomo che ha pianto
come guardare un cielo sereno
come fissare i tuoi occhi nel sole
come afferrare una mano protesa.

E la voce premeva nel petto
col dolore di cose vissute
doveva andare presto, doveva andare presto.

La poesia di un giorno di vento
l'ultima foglia di un albero morto
il primo giorno di sole d'aprile
un corpo caldo una mano vicina.


Sintesi di altissimo livello tra le atmosfere classiche e le improvvise sfuriate delle tastiere di Leo, vero fulcro musicale del disco, Ys può lasciare interdetti al primo ascolto, proprio in virtù delle dissonanze e dell’anarchia intellettuale del compositore, tecniche spesso usate in modo “esclusivo” e supponente, altre volte talmente frenetiche da essere al limite della cacofonia ed anche oltre.

Primo Incontro regala un po’ di spazio alla chitarra elettrica dell’ottimo Lino Ajello (ex Volti di Pietra), buono il lavoro al basso di Vito Mannari e alla batteria di Stinga; più tecno-oriented Secondo Incontro, mentre Terzo Incontro restituisce partiture scomode e fraseggi efficaci di Hammond e Moog. A chiudere un disco classificabile molto a spanne come via di mezzo tra un’opera dark ed il prog à la ELP Epilogo, un riassunto di tutto il meglio ed il peggio della band, cacofonia, elettricità che annerisce i padiglioni auricolari, psichedelia, molti passaggi scomodi da seguire e che mettono a disagio, chiusura affidata alle voci; ed è forse la parte vocale il punto debole dell’album, in quanto Leo Nero è un tastierista geniale, ma un cantante non sempre in grado di supportare le sue idee, ed a questo proposito è curioso sottolineare che in quel disco cantò una corista che si chiamava Giusy Romeo, meglio nota qualche anno dopo come Giuni Russo (qualche sorpresa il prog la riserva sempre), cantante dai mezzi vocali mostruosi prematuramente scomparsa nel 2004; probabilmente se la personalità di Leo/Gianni avesse fatto un passo indietro e Giuni fosse stata utilizzata come prima voce oggi avremmo un capolavoro assoluto e la band difficilmente si sarebbe sciolta poco dopo la pubblicazione di Ys, per altro assolutamente ignorato dal pubblico; i due inoltre assieme al batterista Stinga parteciparono all’album di Celentano I Mali del Secolo .

Parte intellettuale e cerebrale del prog Italiano il Balletto di Bronzo sicuramente rappresentò la parte più musicalmente “impegnata” del prog, e per questo pagò dazio, ma la sua sgraziata stranezza compositiva è sopravvissuta al tempo, e l’attività di Leo, poi solista e personaggio d’avanguardia attivo negli USA ed in tutta Europa, ovunque ci fossero delle avanguardie musicali all’opera, prosegue tutt’oggi con uno zoccolo duro di seguaci che continua ad apprezzarlo.
Curiosità: alcuni membri del gruppo si sono via via trasferiti in Svezia, dove hanno dato vita ad uno studio di registrazione, (L’Hulman) che ha visto passare, tra gli altri, anche gli Europe.

Da ultimo può essere interessante rileggere il resto dei testi che, nella loro apparente semplicità, sono invece abbastanza interessanti e non troppo lunghi, anche perché sul disco gli istrionismi musicali delle tastiere tendono spesso a soffocarli.


Primo Incontro
Lui andò oltre i monti e più in là
senza mai voltarsi a guardare
lungo è il cammino da fare
ma doveva andare, ancora andare.

Un uomo è là con la faccia all'ingiù
e già l'edera abbraccia il suo corpo
nero è tutto il sangue che ha
su ferite di orecchie strappate.

La voce lo costrinse a gridare
tutto ciò che moriva dentro sé
quel che gridò il vento porò con sé
non avrebbe più sentito niente.


Secondo Incontro
Vedrà, vedrà
anche se non sa sentire
un cielo chiaro
cosa gli può dire.

Un viso di vecchio
già vicino alla morte
la fede non c'era
adesso è già forte.
Lo sguardo di un uomo
che non ha paura
cos'è, se gli manca
la voce sicura.

Ha visto la notte
il giorno finire
e donne nel buio
già pronte a tradire
le mani protese
i volti più assenti
morire i più buoni
gioire i potenti.


Terzo Incontro
Ma non rimane a pensare tra seé
doveva cercare qualcosa che c'è
e non fu notte e giorno non fu
e l'orizzonte rimase laggiù.

Non si arrese
non si arrese mai
non si chiese
uomo dove vai.

E quel che vide fu un altro uomo
con quelle braccia stese in croce
senza sentire la sua voce
gli andò vicino e gli parlò.

Ma in quegli occhi senza luce
pungenti spine erano inflitte
sentì già sue quelle ferite
e poi la luce non fu più.


Epilogo
Con le braccia distese
la sua strada nel buio cercò
con le dita una forma incontrò.
Solo il freddo
della morte
potè sentire
tra le sue mani
la sua parola vera
salì dal petto ancora.

Ma la sua bocca
stanca ed immobile restò
quel grido lo schiacciò
fin dentro lo straziò
ed il buio intorno a sé
poi fu dentro di lui
e buio fu.




VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
73.90 su 65 voti [ VOTA]
Area
Venerdì 1 Giugno 2018, 14.53.04
30
L'ho riascoltato in questi giorni dopo parecchio tempo e anche se avevo già commentato un anno fa... beh... questo disco per me é sempre geniale! Mi piace ancora come la prima volta. Pur preferendo Sirio 2222 lo considero sempre un capolavoro, che però per capire appieno bisogna già avere le orecchie allenate con altre cose tipo gli Emerson, Lake e Palmer (con loro qui la differenza era solo la chitarra quasi) Ho appreso di un aneddoto che forse già sapevo ma di cui non ricordavo, cioé che Leone si aggiunse alla line up originale del primo album poco dopo la pubblicazione del disco, line up a 5 che putroppo si dissolse per svariati motivi.... ecco a pensare che quella Line Up avrebbe potuto pubblicare un disco mi fa pensare a quanto sarebbe potuto essere diverso YS, forse ancora meglio o forse no chissà... sicuramente diverso.
Raven
Giovedì 23 Marzo 2017, 15.12.37
29
Area, se sei interessato al progressive italiano, oltre alle recensioni ancora da scoprire, troverai nel nostro DB anche vari articoli
Area
Giovedì 23 Marzo 2017, 14.45.37
28
A me personalmente piace di più il precedentre Sirio 2222 che era molto Psichedelico e Bluesy, ma in questo caso senza l'Hammond. Mi piaceva anche di più la voce di Cecioni. Questo disco é molto bello ed é considerato un classico come il primo disco, però é meno facile da ascoltare, più "Tastieristico" e in certi punti un po caotico. Comunque da avere.
Rob Fleming
Sabato 16 Gennaio 2016, 18.46.11
27
Bellissimo!
raven
Giovedì 26 Marzo 2015, 7.30.22
26
Credo più un arredatore di scena al lavoro per fare atmosfera. Simili poster erano diffusissimi all'epoca, ma spesso usati a sproposito. Poster e Magliette dei Maiden, ad esempio, ricorrono in vari film anni 80, magari accanto a roba assolutamente incongruente. Servivano a comunicare la sensazione di adolescenza inquieta.
Zess
Giovedì 26 Marzo 2015, 4.44.49
25
Capolavoro e originalità irripetibile, forse il miglior disco prog italiano di sempre. L'unica pecca sono le parti vocali, ma quelle erano il punto debole di molti nomi dell'epoca.
Ronnie
Giovedì 26 Marzo 2015, 1.46.25
24
Una curiosità Raven:il poster del primo album del Balletto appare nel film"I 2 maggiolini più matti del mondo"degli indimenticabili Franco e Ciccio,in una scena nella cameretta della figlia di uno dei due comici siculi.Segno,forse,che qualche promozione si tentò di farla nei confronti della band.Cattiva sorte forse..
raven
Mercoledì 25 Marzo 2015, 22.53.57
23
I gioielli del prog italiano da riscoprire sono innumerevoli. Molti li trovi già in data base, anche in forma di articoli, ma ovviamente ne mancano ancora tantissimi.
Ronnie
Mercoledì 25 Marzo 2015, 22.40.11
22
Grandi!Io personalmente adoro la voce di Ricky Belloni della Nuova Idea."Clown"era un altro piccolo gioiello.Spero di vederlo recensito qui un giorno!Ancora complimenti Raven.
raven
Mercoledì 25 Marzo 2015, 21.30.35
21
Dei cervello si è riparlato recentemente quando è circolato il nome di rustici come sostituto di mussida nella pfm. In futuro potremmo parlarne, ma non so quando.
Ronnie
Mercoledì 25 Marzo 2015, 21.14.46
20
Disco stupendo e gran bella recensione!Spero ripescherete un'altra misconosciuta prog band napoletana di nome Cervello..Rilasciarono un disco,"Melos",davvero valido!!Complimenti ancora per dare giusto spazio a quanto di buono questa nazione ha donato al rock.
Galilee
Venerdì 7 Novembre 2014, 11.21.59
19
Conosco solo questo disco dei Balletto. Comunque si, anch'io preferisco nettamente altro.
Steelminded
Venerdì 7 Novembre 2014, 11.00.59
18
Ma Gals secondo me pure c'era di meglio dal punto di vista prog, tanto che - ed è quello che dicevo a Raven - secondo me il vero apice loro per me è Sirio 2222, che prog non è quanto un rock acido/psicho con influenze beat. Quell'album è secondo me davvero grande, con pezzi diretti e freschissimi!
Galilee
Venerdì 7 Novembre 2014, 10.40.49
17
Il voto non è affatto basso secondo me,anzi, e la recensione è ottima. Il disco è di qualità, ma c'era decisamente di meglio ai tempi, soprattutto vocalmente parlando.
Steelminded
Venerdì 7 Novembre 2014, 10.08.28
16
Grazie, per me Sirio 2222 è un gran bel fottuto rock/psicho anni 70 di grande impatto e forza emotiva (con influenze beat vero). Contento che anche te piaccia.
Raven
Venerdì 7 Novembre 2014, 9.25.54
15
No, affatto. Lo ritengo un po' diverso, semmai. Circa la mancanza del disco, non è che semplicemente ci si può alzare, scrivere la prima recensione che si decide di fare e pubblicarla. Quando si raggiunge una determinata dimensione di webzine le cose diventano un po' più complicate, tuttavia è uno di quei lavori che prima o poi arriverà
Steelminded
Giovedì 6 Novembre 2014, 23.22.19
14
Raven ma sirio lo ritieni un lavoro minore??? Da come ne parli ("esperienza pienamente beat", "solo con il successivo corso diventeranno famosi") e dall'assenza della rece sembrerebbe di sì. Forse mi sbaglio, ma mi piacerebbe sentire il tuo parere, perché a me Sirio 2222 piace tantissimo e l'ho ritenuto sempre un passo avanti rispetto a YS (che admittedly forse dovrei rispolverare...). Evviva!
mimmo
Martedì 10 Aprile 2012, 2.30.31
13
grande recensione, voto troppo basso!!!!!! quello dei lettori non parliamone.
Kriegsphilosophie
Mercoledì 13 Luglio 2011, 23.09.56
12
Che album, troppo bello! Secondo incontro è FISSA nella mia mente, così come Meditazione del precedente album. Grandissimi!
Raven
Lunedì 28 Luglio 2008, 18.29.50
11
Gli Area sono già nel nostro data base, gli altri ancora no, ma in seguito.....
pincheloco
Lunedì 28 Luglio 2008, 18.08.58
10
X Raven: aggiungi anche Trip, Aktuala e Biglietto per l'Inferno. C'erano anche gli Area ma secondo me troppo politicizzati.
davide
Domenica 16 Marzo 2008, 22.06.35
9
Album insuperabile, tremendamente vicino alle sonorità metal e con una vena di fondo che ricorda il black più grezzo. Veramente un trip !
Nikolas
Lunedì 10 Marzo 2008, 14.29.29
8
Bhe io tra i miei coetanei (classe '89), faccio fatica persino a trovare gente che conosca il banco, le orme, o la pfm -.-
.ilsegugio.
Sabato 8 Marzo 2008, 21.28.26
7
capolavoro
Raven
Sabato 8 Marzo 2008, 15.11.06
6
Mamma mia, e allora a citare Metamorfosi, Rovescio della Medaglia, Museo Rosenbach?
Peo
Sabato 8 Marzo 2008, 14.51.23
5
Non ho mai conosciuto nessuno che sapesse, seppur vagamente, i Balletto di Bronzo. Mi dicevano: "Balletto....cosa???" oppure "Prog italiano??? ma il prog non è quello dei Drim Ziater???" Pensavo di essere l'unico sfigato che li ascoltava. Ora non sono più l'unico sfigato ))
Sanvean
Giovedì 28 Febbraio 2008, 20.51.50
4
Io a quest'album do un 100 tondo tonso senza alcuna esitazione! Tra l'altro è uno degli album preferiti di Mikael Åkerfeldt, non so se mi spiego! Ma aldilà di quello è davvero un capolavoro! Ultima cosa: Il balletto l'ho visto dal vivo l'estate scorsa, sono in tre ora, ma spaccano ancora tremendamente!
raven
Giovedì 28 Febbraio 2008, 8.16.50
3
E me li prendo
Giasse
Mercoledì 27 Febbraio 2008, 23.09.30
2
Di prog non capisco nulla... ma i complimenti te li cucchi lo stesso...
Nikolas
Mercoledì 27 Febbraio 2008, 20.01.14
1
Recensione magnifica!! Uno degli album della mia triade personale del prog rock, con Zarathustra e Crac! Secondo incontro riesce ancora a farmi venire i brividi ad ogni ascolto! Questi sono album che meriterebbero una fama infitamente maggiore di quella che hanno.. Quando fai certe recensioni avvisami, che a vedere la copertina di Ys in Home mi stava venendo un infarto
INFORMAZIONI
1972
Polydor
Prog Rock
Tracklist
1. Introduzione
2. Primo Incontro
3. Secondo Incontro
4. Terzo Incontro
5. Epilogo
Line Up
Gianni Leone - tastiere, piano, effetti, voce, mellotron, celeste, spinetta, Moog.
Vito Manzari - basso.
Giancarlo Stringa - batteria, percussioni.
Lino Ajello - chitarra elettrica ritmica e solista, chitarra acustica.

 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]