Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Myrath
Shehili
Demo

Degraey
Reveries
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/05/19
VISIGOTH
Bells of Awakening (EP)

24/05/19
ULVEDHARR
World of Chaos

24/05/19
DESTRAGE
The Chose One

24/05/19
STORMLORD
Far

24/05/19
ODYSSEY
The Swarm

24/05/19
MARCO HIETALA
Mustan Sydämen Rovio

24/05/19
LEFUTRAY
Human Delusions

24/05/19
SOTO
Origami

24/05/19
REVEAL
Overlord

24/05/19
X-ROMANCE
Voices From The Past

CONCERTI

23/05/19
BLACK TUSK
LIGERA - MILANO

24/05/19
SHINING (SWE) + GUESTS
Pika Future Club, Verona

24/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 1)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

24/05/19
STORMLORD + GUESTS
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/05/19
NECRODEATH + GUESTS
JAILBREAK - ROMA

25/05/19
SHINING (SWE) + GUESTS
Alchemica Music Club, Bologna

25/05/19
SCUORN + GUESTS TBA
ZIGGY CLUB - TORINO

25/05/19
METAL FOR KIDS UNITED
CROSSROADS - ROMA

25/05/19
METAL QUEEN`S FESTIVAL (day 2)
IL PEOCIO - TROFARELLO (TO)

25/05/19
ELECTROCUTION + GUESTS
ROCK HEAT - AREZZO

Biomechanical - Cannibalised
( 3908 letture )
Viste le grosse difficoltà incontrate durante la lavorazione a questo album (tutti i membri hanno abbandonato la band, ad eccezione di John K, che a tempo di record ha ricostruito una line-up portando avanti il lavoro) era lecito aspettarsi un album di transizione, con le inevitabili conseguenze sulla qualità del prodotto.

Cannibalised invece sorprende tutti, o se preferite, non sorprende nessuno, continuando sui livelli degli album precedenti, proponendo un progressive thrash metal suonato ottimamente ed altrettanto ottimamente prodotto.

La formula della band non si differenzia dagli album precedenti: la musica dei Biomechanical è caotica, folle, inarrestabile; la camaleontica voce di John K spazia con massima agilità da scream che perforano i timpani, rivelando una notevole ispirazione al leggendario Rob Halford, ad una sorta di growl, anche se un po' addolcito, mostrando qualche minuscola imperfezione solo nel cantato pulito, peraltro ridotto al minimo.
La sezione ritmica è incredibilmente varia, il basso di Adrian Lambert (ex-Dragonforce) si lancia talvolta in raffinati virtuosismi mentre la batteria di Lodge si dimostra impeccabile e si destreggia con estrema disinvoltura tra i vari passaggi, sempre differenti.
Oltre a quanto già detto ed all'ottimo lavoro delle chitarre, che si lanciano in riff che dipendono notevolmente dalla migliore tradizione del “british heavy” ma molto più cattivi e violenti, e in pochi ma ottimi assoli, una grossa parte la giocano le suggestive orchestrazioni, che danno alle canzoni un effetto “cinematografico”, da colonna sonora, grande passione di John K.

Il risultato di questo inconcepibile ed incredibile calderone di sonorità così variegate ed apparente distanti tra di loro, con l'aggiunta di grandi orchestrazioni, insieme ad una tecnica invidiabile e ad una produzione che non presenta alcun punto debole è una musica ricca, mai banale o pacchiana, in grado di trascinare l'ascoltatore con la sua grandissima carica.

Ovviamente, rispetto ai lavori precedenti, viene ormai a mancare l'effetto sorpresa, ma il sound dei Biomechanical rimane assolutamente originale ed inimitabile, e Cannibalised è un album che non posso fare a meno di consigliarvi perché molto facilmente rimarrete affascinati dalla musica che propone e non potrete fare a meno di fare rientrare questa band fra i vostri ascolti quotidiani.



VOTO RECENSORE
81
VOTO LETTORI
48.74 su 31 voti [ VOTA]
Pink Christ
Giovedì 24 Marzo 2016, 15.40.26
5
Appena comprato e devo dire che è un album stupendo. Vario, ben suonato, ottima produzione. Grandissimo album, proverò ad ascoltare anche gli altri. Ad un certo punto pensavo ci fosse il vecchio Rob W le polemiche che non mancano mai...peace
AnalBag
Martedì 22 Marzo 2016, 9.47.02
4
Ho visto molti giudizi contrastanti per questo disco,per me è stupendo,mi piace addirittura più dei precedenti personalmente! Una tempesta musicale caotica ed esaltante!
tragedia675
Domenica 3 Gennaio 2016, 23.37.17
3
Lavoro incompreso dalla massa di headbangers troppo impegnati a perdere tempo appresso a Death Magnetic e stronzate varie.
Electric Warrior
Giovedì 4 Giugno 2009, 16.24.52
2
Molto bello,ma il loro capolavoro resta "The Empires of the Worlds"
master444
Venerdì 7 Marzo 2008, 23.10.07
1
secondo me questo lavoro spazza via quanto di buono hanno fatto in passato i londinesi/grechi...è solo caos e nn lo consiglio a nessuno...i precedenti due si...sono quasi dei capolavori...m,a questo è una tortura per i timpani umani
INFORMAZIONI
2008
Earache
Alternative Thrash
Tracklist
1. Fallen in Fear
2. The Unseen
3. Cannibalised
4. Breathing Silence
5. Predatory
6. Slow the Poison
7. Consumed
8. Reborn in Damnation
9. Through Hatred Arise
10. Violent Descent
Line Up
John K - Vocals & Keyboards
Gus Drax - Guitar
Chris Van Hayden - Guitar
Adrian Lambert - Bass
Jonno Lodge - Drums
 
RECENSIONI
85
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]