Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Testament
Titans of Creation
Demo

Conception
State Of Deception
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

10/04/20
FM
Synchronized

10/04/20
PRETTY MAIDS
Maid In Japan

10/04/20
CURSE UPON A PRAYER
Infidel

10/04/20
DENNIS DEYOUNG
26 East Vol. I

10/04/20
JOE SATRIANI
Shapeshifting

10/04/20
DOOL
Summerland

10/04/20
HER CHARIOT AWAITS
Her Chariot Awaits

10/04/20
CORDYCEPS
Betrayal

10/04/20
ACROSS THE SWARM
Projections

10/04/20
ONE DESIRE
Midnight Empire

CONCERTI

08/04/20
VAN DER GRAAF GENERATOR (POSTICIPATO)
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/04/20
VAN DER GRAAF GENERATOR (POSTICIPATO)
AUDITORIUM DI MILANO - MILANO

09/04/20
IMONOLITH (ANNULLATO)
BLAH BLAH - TORINO

09/04/20
WILLIAM DUVALL
FABRIK - CAGLIARI

10/04/20
WILLIAM DUVALL
SANTERIA TOSCANA 31 - MILANO

10/04/20
IMONOLITH (ANNULLATO)
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

11/04/20
IMONOLITH (ANNULLATO)
THE FACTORY - SAN MARTINO BUON ALBERGO (VR)

16/04/20
CULT OF FIRE + MALOKARPATAN
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

16/04/20
STORMTIDE + TBA
UFO CLUB - BERGAMO

17/04/20
NECRODEATH
SCUUM - PESCARA

Exciter - Thrash Speed Burn
( 3126 letture )
Heavy Metal Maniac, Violence & Force, Long Live the Loud; tre album fondamentali -specialmente i primi due- per capire la storia dello speed/thrash e per valutare l’importanza del combo canadese e l’influenza che ha avuto su parecchie band successivamente attive. In quegli anni -e prima di cominciare la parabola discendente con il discutibile Unveiling the Wicked, pieno di coretti per quattordicenni con pruriti di ribellione tipo "I… Hate… I Hate School Rules”- gli Exciter contendevano la palma di gruppo più true ai migliori esponenti del settore, e brani come Iron Dogs, Holocaust, Pounding Metal, Delivering to the Master sono ancora oggi tra quelli che ricordo con più piacere e che ritengo più qualificanti per quel periodo. Quei tempi sono adesso molto lontani, e se è apprezzabile che gente come John Ricci (un tipino classe '56, per la cronaca) continui a stare con coerenza in un giro che presumibilmente non garantisce guadagni particolari, come spesso accade quando si cerca di tenere viva una leggenda che ha già dato il meglio di sé, i risultati di questa nuova fatica, oltre a non tenere il passo con quelle ricordate nel preambolo, non colpisce nel segno anche considerandola come episodio a sé stante (cosa questa che rientra, o dovrebbe rientrare, nella normalità di una recensione oggettiva) presentando alcuni vizi di forma e di sostanza che impediscono di valutarlo come prova riuscita.

Per ciò che riguarda la forma non si può fare a meno di notare come la produzione sia decisamente scarsa, con suoni poco definiti ed incisivi un po’ su tutta la linea, ed anche supponendo che la cosa sia almeno in parte voluta al fine di rendere un suono crudo, essenziale e che ricordi l’immediatezza dei tempi andati, il risultato finale è troppo approssimativo per considerarlo positivamente, in special modo per ciò che attiene al basso, francamente talvolta ai limiti dell’udibile, ma anche il resto non è che si salvi; se invece si limita l’analisi alla sostanza, ossia ai pezzi contenuti in Thrash Speed Burn non si può fare a meno di rilevare che, a prescindere da un evidente ed apprezzabile tentativo di “non commercialità” che punta su brani senza compromessi, thrash/speed fino al midollo, veloci, aggressivi, senza fronzoli e senza cedimenti alle mode, a parte due o tre piacevoli intermezzi alla fine la noia prende il sopravvento, e quando termina Rot The Devil King a mancare è la voglia di risentire subito questo o quel pezzo, e men che mai tutto l’album, Thrash Speed Burn -il secondo pezzo della tracklist- è già troppo simile alla discreta opener Massacre Mountain, In mortal Fear non è affatto male, anche se la cosa migliore del lotto è probabilmente la meno tradizionalmente Exciteriana, ossia una insospettabilmente dark-oriented Crucifixion, ma è un po’ poco per salvare tutto il CD; Ricci è sempre lui, pesante come ci si aspetta, il cantato di Kenny Winter è adatto all’Exciter mood (anche se non sempre convince) e gli altri fanno il loro sporco mestiere, ma manca il guizzo, manca quel quid che ogni disco deve avere per colpire fino in fondo.

Personalmente sarei dell’idea che lo sviluppo della strada accennata in Crucifixion sia la cosa migliore da fare per gli Exciter, senza con ciò abbandonare o svilire la loro storia, ma se rimanendo nei canoni non si ha più nulla di veramente valido da dire allora esplorare strade un po’ diverse che possono arricchire il sound non è certo un delitto, bisogna vedere se il nocchiero Ricci avrà il coraggio, o semplicemente la lucidità per tracciare questa rotta; io intanto mi vado a riascoltare Heavy Metal Maniac.



VOTO RECENSORE
62
VOTO LETTORI
46.41 su 29 voti [ VOTA]
Hermann 60
Giovedì 14 Luglio 2016, 17.10.19
6
Bei tempi quelli che hai citato Raven, Non proprio un brutto disco ma paragonato a quelli da te citati....Per essere originale vado a mettermi sul piatto il vinile di Violence & Force
michir
Giovedì 12 Marzo 2015, 21.53.38
5
personale opinione: disco brutto brutto
Phil
Mercoledì 14 Maggio 2008, 9.33.17
4
Secondo me il voto è esageratamente basso.... Pur non essendo come violence & force è un buonissimo disco che tiene testa ai predecessori (the dark command,blood of tyrant). La produzione non sarà perfetta ma meglio di molti dischi che escono oggi con i suoni tutti i uguali.
raven
Lunedì 10 Marzo 2008, 17.17.51
3
Nota: Crucifixion è scritto male xchè word ha qualche difetto e non riuscivo a scriverlo con la X
raven
Lunedì 10 Marzo 2008, 17.13.34
2
Chiaramente questa è la mia opinione, tieni presente che altri la pensano in maniera molto diversa da me. Ascoltarlo da soli è sempre giusto quando si tiene ad un certo disco, ad ogni modo confermo il mio giudizio.
Nikolas
Lunedì 10 Marzo 2008, 16.45.49
1
Gli exciter sono stati fondamentali nella mia crescita in senso thrash/speed, e aspettavo questo album con ancora l'illusione di potermi trovare di fronte a un prodotto memorabile.. ma vista la tua recensione vedrò di abbandonare un po' di aspettative e di tornare, come te hai fatto, al buon vecchio Heavy Metal Maniac
INFORMAZIONI
2008
Massacre Records
Thrash
Tracklist
1. Massacre Mountain
2. Thrash Speed Burn
3. In Mortal Fear
4. Crucifixion
5. Demon's Gate
6. Hangman
7. Evil Omen
8. Betrayal
9. The Punisher
10. Rot The Devil King
Line Up
Kenny Winter - Vocals
John Ricci - Guitar
Rob "Clammy" Cohen - Bass
Rick Charron - Drums
 
RECENSIONI
62
78
77
80
91
89
ARTICOLI
18/03/2003
Articolo
EXCITER
La biografia
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]