IN EVIDENZA
Album

Angra
Cycles of Pain
Autoprodotti

Lions at the Gate
The Excuses We Cannot Make
CERCA
RICERCA RECENSIONI
PER GENERE
PER ANNO
PER FASCIA DI VOTO
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

06/12/23
GENUS ORDINIS DEI
The Beginning

07/12/23
SKALF
Vallis Decia - Le voci dei dispersi

07/12/23
HEALTH
Rat Wars

08/12/23
CHAMELION
Legends & Lores

08/12/23
BLUE OYSTER CULT
50th Anniversary Live - First Night

08/12/23
KRYPTOXIK MORTALITY
Interdimensional Calamitous Extirpation

08/12/23
FIFTH NOTE
Here We Are

08/12/23
PORCUPINE TREE
Closure/Continuation.Live

08/12/23
CASSIDY PARIS
New Sensation

08/12/23
PHOBOCOSM
Foreordained

CONCERTI

02/12/23
MESSA
TRAFFIC LIVE CLUB, VIA PRENESTINA 738 - ROMA

02/12/23
SCREAMIN DEMONS
MIDNIGHT PUB LIVE MATERA - MATERA

02/12/23
FOLKSTONE
VIPER THEATER - FIRENZE

02/12/23
CHRIS HOLMES + SISKA + HARSH
BLAH BLAH - TORINO

02/12/23
BLACK WINTER FEST (day 2)
SLAUGHTER CLUB VIA A.TAGLIABUE 4 - PADERNO DUGNANO (MI)

02/12/23
OBSCURA QALMA
KRACH CLUB, VIA MADONNA 3A - MONASTIER DI TREVISO (TV)

02/12/23
TAILOR\'S WAVE
CIRCUS ROCK CLUB, VIA DELLA TRECCIA 35/3 - FIRENZE

02/12/23
STRANGER VISION + VEXILLUM + ARCADIA
CENTRALE 66, VIA NICOL DELL\'ABATE 66 - MODENA

02/12/23
DIONISIUM + MOONLIT
CIRCOLO GAGARIN, VIA LUIGI GALVANI 2BIS - BUSTO ARSIZIO (VA)

02/12/23
DELIRIO AND THE PHANTOMS
CROSSDARKGATE HORROR FESTIVAL - MARINA DI CARRARA (MS)

Midnite City - In at the Deep End
15/09/2023
( 1025 letture )
I britannici Midnite City, arrivati al loro quarto album, sono in vita dal 2017. Nascono per volont di Rob Wylde, ex singer dei Tigertailz seconda versione (non quelli degli inizi per intenderci) con album stimati come il debutto Young and Crazy (1987) e Bezerk del 1990, ma con i glamster gallesi il nostro, ricoprendo diversi ruoli in formazione sin dal 2012, si dato parecchio da fare. Poi ha deciso di mettersi in proprio, fondando questo quintetto dedito allhard/glam ottantiano, con buoni risultati a dirla tutta, suonando parecchio in giro in Europa e a breve in Giappone. Mixata dal produttore vincitore del Grammy Award, Chris Laney (Europe-Crash Diet-Crazy Lixx), questa unopera che rappresenta al 100% il quintetto e lo testimoniano anche le parole del leader: Non capita spesso di poterci rilassare dopo che un album finito ed esserne soddisfatti al 100%. Ma in questo caso possiamo dire con tutto il cuore di s. Questo l'album per eccellenza della band e speriamo che vi piaccia tanto quanto noi ci siamo divertiti a realizzarlo per voi.

Copertina raffigurante un mondo sommerso, forse un po troppo scura, poi parte la musica, superando lintro si giunge subito alla stoccata in apertura di Ready to Go, dove compaiono corpose tastiere AOR. Wylde ha una voce perfetta per il genere e innesca sapientemente cori stentorei e profondi che colorano un buon ritornello, le chitarre un po nascoste escono fuori sul solo melodico, che si attaglia benissimo alla composizione: bella partenza! Someday molto Danger Danger nellapproccio, nelle melodie e nello sviluppo, anche nel solismo della guitar a dirla tutta, non per niente gli americani figurano nei gusti e nelle preferenze assolute del singer. La ballad seguente, Hardest Heart to Break, sputa ancora miasmi del quintetto americano del Queens, New York; spiccano gli arrangiamenti e i cori azzeccatissimi cos come le melodie incastrate perfettamente, con le key in evidenza. Good Time Music, come dice il titolo, scrittura a sette note scanzonata, solare e con gusto californiano, apparendo fresca e saltellante, con coralit molto Warrant-iane. All Fall Down strizza locchio a Bon Jovi e White Lion ma ha una sua valenza; Girls Gone Wild hard rock losangelino che pi eighties non si potrebbe con il fantasma di You Give Love a Bad Name che fa capolino (parecchio); Beginning of the End una semiballad che mostra tutta la bravura scrittoria ed esecutiva della band, insaporita da scansioni melodiche, assai apprezzabili e un solismo intimista. Raise the Dead rappresenta un manifesto hard anni 80: ritmiche serrate, sonorit inquietanti delle tastiere che diventano magniloquenti nel break, con i cori a condire il tutto e un intervento spumeggiante della sei corde. Bella botta pregevole, seguita dal pezzo pi lungo della release, It's Not Me It's You, ballatona che sprigiona effluvi dal sapore gotico, mischiati con coralit forti. Like There's No Tomorrow pone fine alla scaletta con un hard allegro, che ripropone caratterizzazioni in scia con la band di Bruno Ravel.

Rob Wylde un cantante e un performer di pedigree, che sa spingere, arrochire o pulire i toni ma sempre centratissimo nelle interpretazioni, chi lo accompagna sa il fatto suo musicalmente e anche il look quello degli anni splendenti. I Midnite City pubblicano un buon disco che impossibile slegare dagli anni ottanta, lo fanno con la loro personalit e visione moderna, anche se alcuni passaggi molto derivativi si potevano assottigliare; per il quintetto suona rotondo e va dritto allobiettivo di chi ancora oggi si diletta ad ascoltare questo genere musicale. 10 tracce tra aromi AOR, sapientemente mischiate con steccate hard, un coacervo piacevolissimo che si eleva sopra la media, con gusto, qualit e tanta nostalgia dei tempi in cui ogni uscita rischiava di sfondare le classifiche.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2023
Pride & Joy Music
Hard Rock
Tracklist
1. Outbreak
2. Ready to Go
3. Someday
4. Hardest Heart to Break
5. Good Time Music
6. All Fall Down
7. Girls Gone Wild
8. Beginning of the End
9. Raise the Dead
10. It's Not Me It's You
11. Like There's No Tomorrow
Line Up
Rob Wylde (Voce, chitarre)
Miles Meakin (Chitarra solista)
Shawn Charvette (Tastiere)
Josh Tabbie Williams (Basso)
Ryan Briggs (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]