Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Opeth
Garden Of The Titans (Opeth Live at Red Rocks Amphitheatre)
Demo

Vincenzo Marretta
Il Seme della Follia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/01/19
PAPA ROACH
Who Do You Trust?

18/01/19
RAVEN
Screaming Murder Death From Above: Live In Aalborg

18/01/19
LEMURIA
The Hysterical Hunt

18/01/19
LAHMIA
Resilience

18/01/19
ECTOVOID
Inner Death

18/01/19
DEFECAL OF GERBE
Mothershit

18/01/19
ASTROPHOBOS
Malice of Antiquity

18/01/19
CALICO JACK
Calico Jack

18/01/19
MUSMAHHU
Reign of the Odious

18/01/19
METAL INQUISITOR
Panopticon

CONCERTI

16/01/19
BEHEMOTH + AT THE GATES + WOLVES IN THE THRONE ROOM
ALCATRAZ - MILANO

18/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

18/01/19
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN
DRUSO - RANICA (BG)

19/01/19
DON BROCO
LEGEND CLUB - MILANO

19/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
LEGEND CLUB - MILANO

25/01/19
EMBRYO
HAPPY DAYS PUB - NAPOLI

25/01/19
TOTHEM + SOUND STORM + ELARMIR
JAILBREAK - ROMA

25/01/19
NODE + FIVE MINUTES HATE
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

25/01/19
ARCANA OPERA + CONSTRAINT
ARCI TOM - MANTOVA

26/01/19
EMBRYO + COEXISTENCE + DRANEKS ORDEN
FUCKSIA - ROMA

Power Quest - Master of Illusion
( 2892 letture )
Nuovo lavoro dei Power Quest, band a “maggioranza partecipativa” italiana – i 3/5 della line-up dagli Arthemis – dedita ad un power metal melodico accostabile almeno a tratti a quello degli Stratovarius e dei Dragonforce, (quest’ultima influenza è ovvia dato il passato del gruppo), che farà la gioia dei fans del genere e la dannazione di tutti gli altri.

“Master of Illusion” è un lavoro formalmente ineccepibile, a partire dalla cover ben disegnata e che rende già lo spirito del prodotto, per continuare con una produzione limpida, (“al netto” del solito discorso personale sul taglio delle chitarre che gradirei sempre un po’ più rasoiante e su quelle che io chiamo “le tastierine”, ma questo, lo sottolineo sempre, è un mio gusto e non un appunto), un lotto di pezzi costruiti con molta professionalità, eseguiti con perizia tecnica e con tutte le malizie che occorrono per confezionare un buon prodotto, dei gradevoli soli sia di tastiera che di chitarra, un vocalist che è assolutamente adatto il suono Power Quest, una serie di chorus molto catchy, ottimi arrangiamenti, insomma, c’è assolutamente tutto quello che serve tranne una cosa, l’originalità; si, lo so, è un discorso che riguarda il settore Power nel suo complesso e non certo questa singola uscita, ma certo, chi opera all’interno dei suoi confini dovrebbe cominciare a porsi il problema di quanto tempo ancora potranno essere sfruttati questi canoni prima che il settore imploda.

Le cose migliori di questo platter sono a mio avviso l’opener “Cemetery Gates” - che mette subito in luce sia la vocalità di Alessio Garavello sia il ruolo delle tastiere di Steve Williams investite di una responsabilità almeno paritaria rispetto alle chitarre - “Kings of Eternity” e la title-track, ma ripeto, potrebbe essere citata praticamente tutta la track-list, tanto ci troviamo davanti ad un disco omogeneo e lineare.

Per farla breve: un ascoltatore schiavo di questi suoni e di queste composizioni a tratti un po’ troppo mielose andrà a nozze con MOI, tutti gli altri….bè, probabilmente troveranno addirittura il disco quasi “sempliciotto”, volendo approfondire un po’ il discorso si potrebbe anche aggiungere che i Power Quest sono ormai noti da un po’, hanno una certa carriera alle spalle, (“Master of Illusion” è il loro quarto album), e possono quindi essere considerati ad un bivio, un nuovo disco con le caratteristiche che ho prima specificato può anche essere accettato e ben accolto – ripeto, almeno dagli appassionati del power – ma a questo punto occorrerà loro pianificare qualcosa di nuovo in prospettiva, dato che una totale assenza di novità per il futuro probabilmente li lascerebbe nel limbo delle centinaia di buone bands che sanno suonare, che sono bravi, che ci sanno fare, però assomigliano a….ricordano troppo i…. sembrano uguali a.....

Prodotto a mio avviso riservato ad una fascia di pubblico ben precisa e valutazione finale con un voto che dà un po’ un colpo al cerchio ed uno alla botte cercando la sintesi tra l’impatto che dovrebbe avere nel suo settore e quello che (non) dovrebbe avere sul resto del mercato.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
34.72 su 25 voti [ VOTA]
AL
Giovedì 5 Febbraio 2009, 9.59.54
4
domanda: ma vendono ancora gli album power metal?? pensavo che dopo l'overdose di metà anni novanta fossero rimasti solo Helloween e Gammaray ....
Raven
Giovedì 5 Febbraio 2009, 9.50.09
3
Curioso, pensavo che 25 anni di militanza attiva mi avessero dato le basi essenziali per poter giudicare con un minimo di criterioi. Mi inchino alla profondissima conoscenza di Zakka
Zakka
Giovedì 11 Settembre 2008, 15.53.24
2
sì deludente, lento e poco ispirato. il capolavoro stilistico della fusione dello speed power con l'AOR anni '80 di Magic never dies resta inarrivabile. La conoscenza del panorama power metal del recensore è vicina allo zero...
TheInvoker
Venerdì 1 Agosto 2008, 18.49.11
1
Per ora è la delusione dell'anno. Power Quest mosci come non mai.....2 canzoni molto carine non possono farmi cambiare idea sul giudizio globale.Voto:52
INFORMAZIONI
2008
Napalm Records
Power
Tracklist
Cemetery Gates
Human Machine
Civilised?
Kings Of Eternity
Master Of Illusion
The Vigil
Save The World
Hearts And Voices
I Don’t Believe In Friends Forever
Never Again
Line Up
Alessio Garavello - Voce, Chitarra ritmica
Steve Williams - Tastiere
Steve Scott - Basso
Andrea Martongelli - Chitarra, Cori
Francesco Tresca - Batteria
 
RECENSIONI
59
70
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]