Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Long Distance Calling
How Do We Want to Live?
Demo

Mordred
Volition
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/09/20
OSSUARY ANEX
Obscurantism Apogee

23/09/20
MYSTHICON
Silva-Oculis-Corvi

25/09/20
WHITE DOG
White Dog

25/09/20
LONEWOLF
Division Hades

25/09/20
VOUS AUTRES
Sel de Pierre

25/09/20
KATAKLYSM
Unconquered

25/09/20
MORTA SKULD
Suffer for Nothing

25/09/20
BLOODRED
The Raven/s Shadow

25/09/20
SAPIENCY
For Those Who Never Rest

25/09/20
ANNA VON HAUSSWOLFF
All Thoughts Fly

CONCERTI

23/09/20
STEVEN WILSON (ANNULLATO)
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

26/09/20
STAY STEEL FEST
SKULLS CLUB - SERRAVALLE (SAN MARINO)

27/09/20
VISIONS OF ATLANTIS + YE BANISHED PRIVATEERS + AD INFINITUM
LEGEND CLUB - MILANO

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
HOUR OF PENANCE + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

Warbringer - War Without End
( 4278 letture )
I Warbringer sono una band relativamente giovane, nata nel 2004, e giunta quest'anno al suo esordio. Le coordinate stilistiche del gruppo sono facilmente riconducibili all'ondata del più violento thrash metal di stampo teutonico.

Questo è sostanzialmente il punto di forza e anche il difetto maggiore dell'album: le tracce presenti sono cattive, grezze, veloci, vere e proprie mazzate thrash, con tutti gli stilemi del genere presenti. John Kevill al microfono è estremamente aggressivo, la sua voce afferra e scuote l'ascoltatore, la sezione ritmica è potente e veloce quanto basta per questo genere, e le chitarre hanno un suono dannatamente thrash, sia nei riff che negli assoli, eseguiti a velocità spaventose, grezzi e immediati.

Il problema è però che il sound che ne esce fuori è tanto, troppo derivativo. Non c'è la minima traccia di originalità nelle canzoni, le quali si potrebbero spacciare per pezzi dei Kreator e probabilmente molti non se ne accorgerebbero.
Non che questo renda meno piacevole l'ascolto del platter: le canzoni sono vere furie, generatrici di headbanging sfrenati, e tracce come Hell On Heart, Total War o Combat Shock invitano più volte all'ascolto, portatrici di una carica che non si esaurisce certo dopo pochi giri nel lettore. Inutile sarebbe un'analisi track by track o una più approfondita descrizione degli elementi utilizzati dalla band nel songwriting: per quello prendete una qualunque recensione di vecchi classici thrash, le differenze non sono poi molte.

Il valore dell'album, che sebbene non grandioso rimane comunque buono, viene però notevolmente sminuito da una produzione non eccelsa: la batteria è decisamente troppo alta, le chitarre sono a volte altissime e magari subito dopo scompaiono, la voce perde forse un'aggressività che sarebbe potuta essere addirittura maggiore di quella già dimostrata.

In sostanza questo War Without End è un disco abbastanza godibile, una buona carica di thrash metal di stampo old-school, parzialmente rovinato dalla produzione e che soffre di un troppo vistoso debito nei confronti dei grandi nomi che evidentemente hanno ispirato i Warbringer, che devono assolutamente cercare quel minimo di personalità che serve loro per compiere il grande passo.
Noi assidui ascoltatori di thrash non ci aspettiamo chissà quali rivoluzioni, ma di gruppi fotocopia, anche se di ottimo livello come loro, ne abbiamo già a sufficienza.



VOTO RECENSORE
67
VOTO LETTORI
52.79 su 39 voti [ VOTA]
Hermann 60
Giovedì 14 Luglio 2016, 17.15.20
6
Concordo al 100% con Lambruscore 80.Ma il meglio deve ancora arrivare
LAMBRUSCORE
Venerdì 24 Giugno 2016, 20.58.16
5
Gran disco, niente di originale ,ma impatto, potenza, cattiveria , qua c'è tanto di quello che voglio da un disco del genere, per me è tranquillamente da 80.
Drosokill
Giovedì 27 Settembre 2012, 10.10.34
4
In mezzo alla schifezza del momento, finalmente una band che sa cos'è il thrash. Non sono originali? Chi se ne frega. Non sono tecnicamente perfetti? Importa più l'energia che trasmettono, quella che ti fa venire voglia di spaccare tutto e gridare al mondo. Questi sono i WarBringer.
Hook in Mouth
Sabato 16 Aprile 2011, 14.45.08
3
non mi sembrano tanto simili ai Kreator. voglio dire se mi spacciassero una loro canzone per una dei kreator non ci cascherei mai, e credo che non ci cascherebbe nessuno. non perché non sono bravi, ma perché sono di gran lunga lontani al sound dei Kreator, a partire dalla voce che delle due assomiglia di più a quella dei Lich King. comunque sebbene fossi partito prevenuto, quest'album mi è piaciuto, soprattutto per gli assoli abbastanza creativi.
Electric Warrior
Sabato 6 Giugno 2009, 14.47.58
2
Forse sono un pò anonimi,forse un pò ripetitivi... ma secondo me sono uno dei pochi gruppi che sanno ancora cosa vuol dire Thrash Old School
Sergio Vinci
Giovedì 15 Maggio 2008, 21.51.51
1
Buon disco, hanno imparato bene cosa voglia dire la parola Thrash!
INFORMAZIONI
2008
Century Media
Thrash
Tracklist
1. Total War
2. Systematic Genocide
3. Dread Command
4. Hell On Earth
5. At The Crack Of Doom
6. Beneath The Waves
7. Instruments Of Torture
8. Shoot To Kill
9. Born Of The Ruins
10. Combat Shock
Line Up
John Laux - Guitar
John Kevill - Vocals
Ryan Bates - Drums
Andy Laux - Bass
Adam Carroll - Guitar
 
RECENSIONI
84
72
77
67
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]