Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Opeth
Garden Of The Titans (Opeth Live at Red Rocks Amphitheatre)
Demo

Vincenzo Marretta
Il Seme della Follia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/01/19
PAPA ROACH
Who Do You Trust?

18/01/19
LEMURIA
The Hysterical Hunt

18/01/19
LAHMIA
Resilience

18/01/19
DEFECAL OF GERBE
Mothershit

18/01/19
METAL INQUISITOR
Panopticon

18/01/19
ASTROPHOBOS
Malice of Antiquity

18/01/19
MUSMAHHU
Reign of the Odious

18/01/19
ECTOVOID
Inner Death

18/01/19
CALICO JACK
Calico Jack

18/01/19
RAVEN
Screaming Murder Death From Above: Live In Aalborg

CONCERTI

16/01/19
BEHEMOTH + AT THE GATES + WOLVES IN THE THRONE ROOM
ALCATRAZ - MILANO

18/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

18/01/19
CLAUDIO SIMONETTI`S GOBLIN
DRUSO - RANICA (BG)

19/01/19
DON BROCO
LEGEND CLUB - MILANO

19/01/19
TERRORIZER + SKELETAL REMAINS + DE PROFUNDIS + GUEST
LEGEND CLUB - MILANO

25/01/19
EMBRYO
HAPPY DAYS PUB - NAPOLI

25/01/19
TOTHEM + SOUND STORM + ELARMIR
JAILBREAK - ROMA

25/01/19
NODE + FIVE MINUTES HATE
MADHOUSE PUB - MORNAGO (VA)

25/01/19
ARCANA OPERA + CONSTRAINT
ARCI TOM - MANTOVA

26/01/19
EMBRYO + COEXISTENCE + DRANEKS ORDEN
FUCKSIA - ROMA

Blind Illusion - The Sane Asylum
( 3736 letture )
Quella dei Blind Illusion è una storia incredibilmente travagliata: nati nel 1978, attraversarono un enorme numero di cambi di line-up (quasi 20 persone hanno fatto parte della formazione in tempi diversi) e produssero 5 demo in otto anni, prima di riuscire, a dieci anni dalla loro formazione, a rilasciare il loro primo full-length, The Sane Asylum; in seguito, dopo un secondo disco mai dato alle stampe, la band si sciolse, rientrando così di diritto tra le band più talentuose, promettenti e sfortunate della storia del metal.

Ma perché tanto interesse attorno a questa band e al loro unico disco? Non solo perché The Sane Asylum è un capolavoro di Progressive Thrash Metal dal tasso tecnico elevatissimo, ma anche perché la formazione che registrò questo album aveva, rispettivamente al basso e alla chitarra, Les Claypool e Larry LaLonde, che in seguito allo scioglimento dei Blind Illusion si dedicheranno interamente ai Primus, con cui diventeranno famosi (benché LaLonde avesse già suonato nel famosissimo Seven Churches dei Possessed).

Come già detto, e come prevedibile con una simile line-up, l'album non ha nulla del thrash metal classico e diretto, ma si snoda attraverso strutture articolate e complesse, cambi di ritmo di chiara matrice prog e lunghe parti completamente strumentali.
I raffinati virtuosismi della sezione ritmica costituiscono la spina dorsale di tutti i pezzi: non è una aggressività estrema quella che la band ricerca nella stesura delle canzoni, ma una complessa miscela di velocità e tecnica, che raggiunge il suo apice in tracce come Vengeance Is Mine, Kamakazi e soprattutto Death Noise, le quali spiccano grazie all'elevata capacità dimostrata dal gruppo in fase di songwriting e ad un feeling che coinvolge l'ascoltatore trasportandolo attraverso gli assoli di gran classe, i numerosissimi virtuosismi di Claypool (davvero il protagonista di questo disco, impeccabile in ogni passaggio), e persino alcune decelerazioni che creano quell'atmosfera che in altre parti manca al lavoro, da taluni considerato troppo freddo.

La voce di Marc Biedermann è abbastanza anomala; il cantante americano non è dotato di particolare potenza o estensione vocale, ma modulando a dovere il suo timbro di voce è in grado di conferire al sound finale una componente più cupa che trova il suo migliore compimento in Smash The Crystal e Vicious Visions, in cui è la parte ritmica a dominare il tutto concedendo pochi spazi a tecnicismi.

Come già detto, se si vuole criticare questo disco ci si può attaccare solo al fatto che talvolta l'esibizione delle doti tecniche dei membri raggiunge una certa pesantezza che toglie al risultato finale l'immediatezza sonora che sarebbe lecito aspettarsi da un disco di thrash metal.
Oggi l'album è una rarità, è veramente difficile reperirlo da qualche parte, ma se lo trovaste il mio personale consiglio è di non farvelo assolutamente scappare, perché la spesa, anche se abbastanza elevata, sarà giustificata dalla soddisfazione di fare vostro uno storico album, fondamentale nella storia del movimento Technical/Progressive Thrash.



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
47.60 su 28 voti [ VOTA]
Aceshigh
Mercoledì 7 Marzo 2018, 23.25.04
11
Album più che tecnico direi... pazzoide !!! Ma d'altra parte con Les Claypool in formazione non poteva essere diversamente. Certo, nell'88 di roba buona in campo thrash ne è uscita tanta... difficile reggere il confronto per i Blind Illusion. Ad ogni modo chi odia la banalità di sicuro qui troverà pane per i suoi denti. "O famo strano!" . Voto 75
Shadowplay72
Sabato 2 Dicembre 2017, 17.56.00
10
Album stratosferico con i 2 primus larry lalonde e les claypool!
ElManjo
Giovedì 15 Dicembre 2016, 23.45.42
9
Come fa ad avere un voto lettori così basso??? Ok la registrazione non è il top ma ragazzi! Un 80 ci sta tutto!
Doomale
Venerdì 3 Giugno 2016, 20.01.30
8
Album fichissimo..l'ho conosciuto solo in seguir alla lettura dell'articolo bay area e dato la presenza di Lalonde e Les mi ha incuriosito non poco. Di sicuro non il classico Thrash..ma nemmeno il classico tecno thrash...lo stile di Les Claypool lo riconosci da 10 miglia. Buone sia le parti piu intricate che quelle piu aggressive.
quorthon993
Domenica 15 Dicembre 2013, 23.44.45
7
Scoperto solo oggi ma devo dire che lo trovo un capolavoro .L'unico difetto che posso trovagli è un pò la registrazione ..... comunque si riesce ad apprezzare lo stesso .Voto 85
The Nightcomer
Giovedì 28 Febbraio 2013, 0.25.46
6
Ricordo che all'epoca me lo procurai, una volta saputo che vi suonava LaLonde. Rimasi in parte spiazzato dalla proposta musicale un pò insolita per i canoni prevalentemente stereotipati del thrash (anche se non mancavano in circolazione bands particolari quali Mekong Delta, Voivod, Coroner, Celtic Frost, etc.), ma successivamente l'apprezzai. Peccato per la registrazione, ma ai tempi non c'era da stupirsi più di tanto. Non lo ritengo un capolavoro, ma un buon disco dotato di personalità sì.
Swan Lee
Mercoledì 27 Febbraio 2013, 23.51.40
5
Buon disco di Techno-Thrash, ma per quanto mi riguarda i Possessed erano spanne sopra, e poi, Lalonde e Claypool faranno moooolto di meglio nei pazzeschi Primus..
Nightbreaker
Giovedì 25 Agosto 2011, 15.43.29
4
Ho la FP. Carino, ma secondo me nulla di cosi essenziale. Potrei anche ricredermi però, visto che non lo ascolto da un po'.
fab
Mercoledì 3 Dicembre 2008, 0.18.20
3
l'ho trovato nell'89 o nel 90 in uno scaffale di vinili in offerta a 6.000 lire, non valeva neanch quelle...una noia mortale e regstrato coi piedi
Khaine
Mercoledì 11 Giugno 2008, 17.17.27
2
Orco! Devo assolutamente ascoltare questo disco... da come ne parli sembra una figata... e se la band ha fatto veramente tanta fatica ad arrivare a registrare questo full-lenght, significa solo una cosa: che sotto c'è tanta passione. Corro subito a cercare tra i mailorder...
Yossarian
Martedì 10 Giugno 2008, 17.54.23
1
Mah, nn saprei, l ho cercato x tanto tempo e poi una volta trovato, xquanto mi riguarda, è stato una delusione. Forse x la registrazione, o forse xkè il 1988 è stato un anno talmente pieno di capolavori ke nn posso fare a meno, magari sbagliando, di paragonare il platter in questione con le gemme di quell anno mirabilis!
INFORMAZIONI
1988
Combat Records
Thrash
Tracklist
1. The Sane Asylum
2. Blood Shower
3. Vengeance Is Mine
4. Death Noise
5. Kamakazi
6. Smash The Crystal
7. Vicious Visions
8. Metamorphosis of A Monster
Line Up
Mark Biedermann: Vocals, Guitar
Les Claypool: Bass
Larry Lalonde: Guitar
Mike Miner: Drums
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]