Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

15/08/20
PROSANCTUS INFERI
Hypnotic Blood Art

19/08/20
SILVER KNIFE
Unyielding / Unseeing

20/08/20
TIM BOWNESS
Late Night Laments

21/08/20
EXPANDER
Neuropunk Boostergang

21/08/20
VISION DIVINE
9 Degrees West to the Moon (ristampa)

21/08/20
BLUES PILLS
Holy Moly!

21/08/20
THE TANGENT
Auto Reconnaissance

21/08/20
UNLEASH THE ARCHERS
Abyss

21/08/20
VORACIOUS SCOURGE
In Death

21/08/20
REASONS BEHIND
Project - M.I.S.T.

CONCERTI

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

10/09/20
THE HOLLYWOOD VAMPIRES
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

11/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

12/09/20
DOMINE + AEHTER VOID + CHAOS FACTORY
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

12/09/20
ATHEIST + CADAVER + SVART CROWN + FROM HELL
TRAFFIC CLUB - ROMA

Dark Lunacy - Forget-Me-Not
( 4148 letture )
Si muove in bilico tra death e gothic metal la proposta degli italiani Dark Lunacy, anche se forse utilizzare il termine gothic può risultare un po’azzardato. Il sound del gruppo risulta molto aggressivo, nel classico stile death metal, ma a volte si sconfina anche in territori black.
Le parti malinconiche che addolciscono questo attacco sonoro, sono dovute in gran parte a violini o comunque a strumenti a corda la cui presenza è maggiormente in risalto rispetto al resto dell’orchestrazione, in quanto sono gli strumenti che interagiscono di più con la classica struttura death metal portata avanti dalla band.
Non è certo l’innovazione a farla da padrone tra i solchi di questo album eppure bisogna riconoscere ai Dark Lunacy il tentativo di voler lacerare i sentimenti di chi ascolta utilizzando parti malinconiche e drammatiche che si discostano per struttura da quello che oggi siamo abituati a sentire in certe produzioni di black metal sinfonico.
Sicuramente l’aspetto tecnico non si può discutere, in quanto ci troviamo di fronte una band molto preparata, e Forget-Me-Not è pure un progetto ambizioso se consideriamo la notevole durata sia dell’intero CD, quasi 70 minuti, sia quella media dei singoli pezzi.
Quindi un album complesso, ricercato ma nonostante tutto molto aggressivo e sicuramente non di facile assimilazione. Non indico nessuna traccia in particolare per due motivi: il primo perché secondo me il disco mantiene una certa linearità per tutta la sua durata senza che alcun pezzo risalti rispetto agli altri; il secondo motivo perché la musica contenuta in questo CD gioca molto sulle emozioni che è in grado di suscitare, e quindi ognuno avrà le proprie preferenze.
Un dubbio però mi rimane: considerando l’aggressività sonora che viene sprigionata da Forget-Me-Not, i Dark Lunacy riusciranno a far breccia nel cuore dei più malinconici tra quelli che si avvicineranno alla loro musica?



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
67.96 su 110 voti [ VOTA]
Stagger Lee
Venerdì 3 Novembre 2017, 22.59.38
6
Dai raga, questa riscrivetela per favore!!
Lizard
Venerdì 30 Dicembre 2016, 11.10.56
5
Ne ho lette di peggiori. Risale al 2008 minimo visti i commenti e sicuramente non è più in linea con i nostri standard attuali. È nel mirino.
Ciccio
Venerdì 30 Dicembre 2016, 10.50.25
4
Qualcuno mi potrebbe cortesemente spiegare perché questo disco è stato valutato come "Senza Voto"? A parte il fatto che questa è una delle recensioni più insulse che abbia mai letto in vita mia, anzi forse la più insulsa dopo quella a Haven dei Dark Tranquillity.
Zak
Giovedì 20 Settembre 2012, 19.11.21
3
Nessuno discute la bravura dei musicisti ma di album così, nella seconda metà degli anni 90, ne suono usciti a valanghe dalla svezia dopo che tutto iniziò con gli at the gate ed i dark tranquillity. Il succesivo è praticamente un plagio a questi due gruppi appena citati
AL
Martedì 17 Marzo 2009, 14.08.13
2
album meno bello di Devoid comunque di ottimo livello.
Bruno
Mercoledì 5 Marzo 2008, 3.59.13
1
band dalle ottime potenzialità... però non mi convince molto il cantato, penso che sia impostato su un tono troppo "acido" e monocorde che mal si fonde con la musica.. per il resto credo che dovrebbero "osare" un pò di più e rendere alcune parti meno "prolisse"..
INFORMAZIONI
2003
Self Record
Death
Tracklist
1.The Dirge
2.Lunacyrcus
3.Fragile Caress
4.Through the Non-Time
5.Defaced
6.Serenity
7.My Dying Pathway
8.Fiamm
9.Lacryma
10.Die to Reborn
11.Forget-Me-Not
 
RECENSIONI
84
80
s.v.
90
ARTICOLI
11/12/2014
Live Report
DARK LUNACY + NERVE + SOMAN
C.S.O.A. Zapata - Genova, 06/12/2014
20/06/2014
Intervista
DARK LUNACY
Giorni di Vittoria
22/04/2014
Live Report
DARK LUNACY + BLACK THERAPY + BLACK MOTEL SIX + OBLYVION
Traffic Club Roma, 19/04/2013
15/12/2013
Intervista
DARK LUNACY
Nemo propheta in patria
21/03/2011
Live Report
DARK LUNACY + LAHMIA
Init Club, Roma, 18/03/2011
12/03/2004
Live Report
DARK TRANQUILLITY + DARK LUNACY
Motion, Zingonia, 28/11/2003
08/01/2003
Intervista
DARK LUNACY
Parla Enomys
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]