Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

CONCERTI

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS ----> ANNULLATO!
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

24/11/17
SHAMELESS + TUFF
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

Folkstone - Folkstone
( 5850 letture )
In genere non partecipo e quando me lo si chiede tergiverso, accampo scuse, storco il naso. L’introversione che fa da insolito contorno alla mia recente attività giornaliera ha ultimamente raggiunto un livello tale da sconsigliarmi l’adesione a qualsivoglia svago non codificato; questa volta la situazione è però molto differente: mi ha invitato una collega stimata, i padroni di casa sono gente davvero particolare, l’ambientazione è di quelle “longobarde” per sul serio e, come se tutto ciò non fosse sufficiente, l’evento non è paragonabile ad una semplice celebrazione del solstizio estivo: per l’occasione i Folkstone organizzano un vero baccanale pagano che, mai e poi mai, intendo disertare volontariamente.
La strada è pure breve e non impervia; l’appuntamento è difatti nella nostrana “orobia” (che peraltro padroneggio molto bene), zona dove una tale ritualità appare quantomeno consentita.
Ed allora, sistemati baracca e burattini, si parte.

L’atmosfera ricreata con questo primo, omonimo Folkstone è di quelle leggendarie: dame, danze, storie antiche, costumi popolari; non vi è alcun dubbio sull’ispirazione folkloristica della proposta che trova i suoi fondamenti stilistici in quegli abbinamenti nordico-medioevaleggianti portati a compimento da band germaniche quali In Extremo, Subway To Sally (degli esordi), Saltatio Mortis e Tanzwut (queste ultime con elementi elettronici piuttosto marcati che invece non compaiono). Alla struttura base del tipico gruppo metal si sovrappone infatti una sezione “acustica” costituita da strumenti tratti dalla tradizione con il compito di realizzare la vera e propria melodia caratterizzante l’opera: cornamusa (“baghet” nella sua declinazione bergamasca), bombarde, arpa, flauto e percussioni classiche si muovono sul sottofondo fornito dalla “materia metallica” in modo da ricreare sonorità legate ai tempi che furono; alla citata porzione elettrica, in cui l’ottimo drumming di Fore si affianca alla chitarra distorta ed al basso, la funzione di restituire una buona dose di velocità e pesantezza che allarga i confini della proposta verso la corrente epic-metal più consueta: in tal modo è assicurata la benevolenza di un maggiore pubblico (ottimo dunque il posizionamento sul mercato) senza peraltro incorrere in fenomeni elitari e difficilmente imitabili alla Corvus Corax, combo che ritengo semplicemente fantastico ma d’altro canto inarrivabile. La funzione accessoria, fondamentalmente ritmica, di tale sezione risulta evidente anche considerate le numerose date live in cui essa viene esautorata dal proprio compito.

Il concept musicale è completato dalla narrazione cantata, corale nei momenti topici, che rende espliciti quei tematismi fantasticheggianti già definiti con l’utilizzo combinato della strumentistica; la voce di Lore è chiara ma molto “impostata” e spesso in difficoltà nei toni limite della sua estensione su cui gli tocca intervenire con trattenute un po’ troppo “di petto”. Talvolta le lyrics fanno sorridere per il loro anacronismo, anche se inserite nello specifico contesto risultano adatte e pure coinvolgenti grazie all’emozionante e continua dichiarazione di attaccamento alla “terra” ed alla “natura” (qui intese in senso lato), profetizzate in luogo dei moderni deismi a cui io stesso non voglio certamente aderire (l’avevate forse già capito?): era tuttavia dai tempi degli studi letterari superiori che non sentivo le parole “brigante”, “pulzella”, “scorribanda”, “bordone”, ecc…
Davvero simpatici!

Spesso la mission dichiarata di tale corrente Folk è quella di riproporre arie originali in chiave moderna e personalizzata: in realtà, dalla lettura del libretto incluso nella bellissima confezione digipack commercializzata, si evince che Lore e compagni, salvo gli sporadici episodi di Avanti (autore anonimo) e Igni Gena (tributo ai Schelmish), hanno il patrocinio di tutti i brani dell’album, cosa che non può far altro che avvalorare il prodotto ed elevare la caratura della creatività della band bergamasca. Un encomio personale per il doppio trischele ben visibile sul logo in copertina.
Riguardo invece alla preparazione tecnica di “musicisti” e “musici” (compresa la differenza?) non posso far altro che convenire: tutti bravi e capaci!

La celebrazione si avvia, dopo un delicato Intro medioevaleggiante, in un caciaroso, allegro fracasso guidato principalmente dalle cornamuse, nei brani incalzanti, e dall’arpa, in quelli più tranquilli: dalla bella e cattiva Folkstone alla strumentale e marziale Avanti, i commensali scaldano le budella prima del vero e proprio tripudio. Briganti di Montagna è forse l’episodio più metallico di questa prima metà di disco, mentre Rocce Nere, stupenda per il testo, è al contrario meno coinvolgente a livello melodico, sporcata più che altro da un ritornello non particolarmente avvincente (peccato perché la parte finale con il flauto a cesellare la linea primaria sui bitonali taglienti della chitarra è, presa singolarmente, una delle migliori porzioni del disco).
Come in tutte le feste che si rispettino, ognuno dà il meglio di se in corrispondenza di una certa ebbrezza ed allorché sia stato superato l’imbarazzo iniziale; ecco dunque che nella seconda parte di Folkstone, una volta metabolizzato il nettare sonoro fornito dagli ospiti, si sciorinano i pezzi forti della collezione. In Taberna è direttissima, semplice e mediamente veloce; in Oltre il Tempo si da' molta importanza all’arpa, ora più enfatizzata rispetto alla onnipresente cornamusa, mentre in Con Passo Pesante si torna al costrutto tipico abbellito da un drumming “di gamba” molto efficace: personalmente è la traccia che preferisco delle 12 presenti in tutto Folkstone.
Lo Stendardo e Alza il Corno chiudono degnamente i 47 minuti complessivi (intramezzate dalla già citata Igni Gena), prima che l’Outro riprenda il leitmotiv dell’iniziale Folkstone.

Al termine dell’incontro con i Folkstone ed i loro bagordi mi sento ubriaco, sbalordito e soprattutto felice. Questo primo full-lenght sa cancellare le fatiche della vita quotidiana conferendo freschezza e vitalità; mi ha inoltre lasciato la voglia di rispolverare parte del mio passato di tedesca memoria, rammentandomi pure che in Italia c’è finalmente chi sa fare Folk nordico di classe e qualità.
Vedete, miei cari… meritare un ascolto è roba da poco, da tutti; rinvigorire la voglia di confrontarsi con un intero genere, nella mente di un inguaribile disilluso (anche musicalmente) è invece un’impresa che merita ben più della semplice sufficienza.
E poi siamo solo ad un debutto…
Ne dispongo l’ascolto a chiunque di sano intendere!
Cercatelo per mari (?) e per monti (ecco)!



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
69.35 su 91 voti [ VOTA]
IRON799
Sabato 23 Gennaio 2016, 17.15.53
24
Sono passati anni ma difficile dimenticare il primo ascolto di questa bomba. Dopo averli ascoltati in acustico (non sono un estimatore del genere) rimasi stordito dalla potenza della versione "power" del gruppo ( una vera fortuna averli apprezzati nella prima formazione originale). Per me un album da 90!
J.Painkiller
Domenica 10 Novembre 2013, 19.45.26
23
*_* madonna li adoro a parte perché sono italiani, e poi mi rappresentano troppo si merita un bel 80 e poi dicono che la musica italiana fà schifo ma per favore .-.
Togno89
Martedì 23 Aprile 2013, 18.49.38
22
non voglio sentì seghe!! come si dice dalle mie parti! 99 è il vosto giusto
il vichingo
Martedì 27 Marzo 2012, 18.07.19
21
Folkstone, scorribanda sarà! Folkstone, la via per l'eternità! Folkstone, scorribanda sarà! Folkstone, dalle Orobie scrutiamo il mar! Che grande band ragazzi. Inferiore (ma di poco) a Damnati ad Metalla ma comunque uno stupendo album Folk. I Folkstone sono una grande realtà, il fatto che siano italiani mi riempie di gioia. Alza anche tu il corno!
Theo
Venerdì 2 Marzo 2012, 21.38.39
20
Trovati tutti e tre grazie per tutti quelli che mi hanno aiutato nelle altre recensioni dei Folkstone
Theo
Lunedì 2 Gennaio 2012, 22.24.10
19
Ragazzi è un anno che cerco i loro album e non li ha nessuno!!! T_T vi prego se qualcuno mi sa dire un posto dove sa dove lo posso trovare mi aiuti, VI PREGO XD
Francesco
Mercoledì 13 Luglio 2011, 23.53.08
18
Bello, bello, bello. Solo questo si può dire. L'unico difetto di questo album è forse l'eccessiva semplicità, soprattutto delle parti di chitarra, ma ha talmente tanti pregi (tra cui la voce di Lore, è veramente bravo) che questo piccolo difetto si può perdonare, in fondo è solo un esordio.
Andy
Giovedì 26 Agosto 2010, 19.03.28
17
Ho avuto modo di ascoltarli solo recentemente...in crescita nel secondo album,ma in entrambe i casi niente di che!L'idea è buona,andrebbe sviluppata meglio..voto 55.
Khaine
Domenica 2 Agosto 2009, 14.01.13
16
Mitico Mattia! Ma sei quello che penso io? In tal caso, sappi che io sono quello che pensi tu ci siam visti ieri
Mattia
Domenica 2 Agosto 2009, 13.09.34
15
stupendi i folkstone....li adoro poi ferro è simpatico. un album stupendo non vedo l'ora che esca il prossimo nel 2010. mattia
Michele
Lunedì 8 Giugno 2009, 22.22.19
14
Ecco un gruppo che sa come si suona del buon Folk Metal! E i testi sono anche in Italiano! E no,questo disco non se lo deve far sfuggire nessuno! Se lo trovate(impresa ardua) acquistatelo subito,vedrete che non ve me pentirete!
AL
Martedì 26 Maggio 2009, 16.23.53
13
l'album stupendo quanto i loro concerti... delle vere e proprie serate tra bardi... e sono veramente preparati! complimenti!! ci vediamo al prossimo concerto!
Simone
Martedì 26 Maggio 2009, 14.32.18
12
Grandissimo disco! Lo ascolto da 2 giorni senza sosta! 90
Banshee
Sabato 6 Settembre 2008, 14.24.03
11
Bellissima recensione, complimenti! E bellissimo il CD.. infatti ho votato 92. Allora.. non vedo l'ora di vedere questi briganti in azione stasera!
Giasse
Sabato 6 Settembre 2008, 13.37.44
10
a due mesi dalla recensoione ammetto di esere stato un po' stretto... un 80 ci sta davvero tutto!
Luke25
Venerdì 25 Luglio 2008, 0.01.16
9
Ho potuto finalmente ascoltarlo, veramente bello. Mi fa piacere che i tetsi siano in italiano. Voto 85
Haskell
Venerdì 11 Luglio 2008, 18.02.13
8
G O O D !!!
Barbarossa
Venerdì 4 Luglio 2008, 17.32.52
7
grande... ma non credo dia l'esatta misura !
mimi
Martedì 1 Luglio 2008, 19.06.45
6
Signori, ho ascoltato il cd, bellissimo, musica coinvolgente e...finalmente un gruppo che non si crea problemi e fa testi in italiano, 5 punti in più proprio per questo. 80 dunque.
Richard
Martedì 1 Luglio 2008, 17.35.20
5
Giasse, Spooky, Raven vi ho mai detto che siete dei signori ???
Richard
Martedì 1 Luglio 2008, 17.34.41
4
Giasse, Spooky, Raven vi ho mai detto che siete dei signori ???
sp00ky
Lunedì 30 Giugno 2008, 20.08.27
3
Concordo con Raven... Bella recensione e bello anche l'album!!
Giasse
Lunedì 30 Giugno 2008, 18.34.57
2
Sei un signore...
Raven
Lunedì 30 Giugno 2008, 16.56.26
1
Giasse, ti ho mai detto quanto mi piace come scrivi?
INFORMAZIONI
2008
Fuel Records
Folk Metal
Tracklist
1. Intro
2. Folkstone
3. Briganti Di Montagna
4. Rocce Nere
5. Avanti
6. In Taberna
7. Oltre Il Tempo
8. Con Passo Pesante
9. Lo Stendardo
10. Igni Gena
11. Alza Il Corno
12. Outro
Line Up
Lore (Voce, Cornamusa, Bombarda e Flauto)

Ghera (Chitarra, Cori)
Roby (Cornamusa, Bombarda, Cori)
Bechy (Arpa, Cori)
Teo (Cornamusa, Bombarda, Cori)
Ferro (Basso, Cori)
Andrea (Percussioni, Cori)
Fore (Batteria)
 
RECENSIONI
78
75
s.v.
79
75
ARTICOLI
08/11/2017
Live Report
FOLKSTONE
Live Club, Trezzo sull'Adda (MI), 04/11/2017
08/07/2015
Live Report
FOLKSTONE
AstiMusica, Asti, 03/07/2015
30/11/2014
Intervista
FOLKSTONE
Parla Lorenzo
27/11/2014
Live Report
FOLKSTONE
Area Exp, Cerea (VR), 22/11/2014
05/06/2013
Live Report
FOLKSTONE
Porko Rock, Piombino Dese (PD), 31/05/2013
08/11/2012
Live Report
FOLKSTONE
Palacover, Villafranca (VR), 03/11/2012
21/04/2012
Intervista
FOLKSTONE
Il sottile confine tra il folk ed il metal
03/04/2012
Live Report
FOLKSTONE + LOU QUINSE
Teatro Le Serre, Grugliasco (TO), 24/03/2012
27/09/2011
Intervista
FOLKSTONE
Follia tra alpi, birre e cornamuse
12/04/2011
Live Report
ELVENKING + FOLKSTONE + BURNING BLACK
People Club, 09/04/2011, Vicenza
22/03/2011
Live Report
FOLKSTONE + MATER DEA
Live Club, Trezzo Sull'Adda (MI), 18/03/2011
24/11/2010
Live Report
FOLKSTONE + NOUMENO
Blackout, Roma, 20/11/2010
10/03/2010
Live Report
FOLKSTONE + LOU QUINSE + HERJAN
Condannati al Metallo
08/02/2010
Articolo
FOLKSTONE
Lo Studio Report: Damnati Ad Metalla
13/11/2009
Live Report
FOLKSTONE + DEATH ARMY + FUROR GALLICO
Il concerto di Halloween
06/10/2009
Live Report
TMF ON THE ROAD: FINNTROLL + FOLKSTONE
Morte, Folklore e Metallo!
12/08/2009
Intervista
FOLKSTONE
Parlano Roby e Andrea
12/08/2008
Live Report
FOLKSTONE
La Fiesta Pagana con i Mago de Oz
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]