Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Todd La Torre
Rejoice in the Suffering
Demo

Profanity (GER)
Fragments Of Solace
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

05/03/21
NIGHTFALL
At Night We Prey

05/03/21
TAAKE / HELHEIM
Henholdsvis

05/03/21
MORK
Katredalen

05/03/21
ACID MAMMOTH
Caravan

05/03/21
SOM
Awake

05/03/21
BRAND OF SACRIFICE
Lifeblood

05/03/21
LINISTIT
Evil Arises

05/03/21
DREAMSHADE
A Pale Blue Dot

05/03/21
REAPER (SWE)
The Atonality of Flesh

05/03/21
WOLVENNEST
Temple

CONCERTI

13/03/21
MICHALE GRAVES + NIM VIND
LEGEND CLUB - MILANO

14/03/21
MARK LANEGAN BAND
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

18/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
DEMODE CLUB - MODUGNO (BA)

19/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

20/03/21
MAYHEM + MORTIIS + GUESTS TBA (POSTICIPATO!)
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

23/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ORION - ROMA

23/03/21
SWANS + NORMAN WESTBERG
ALCATRAZ - MILANO

24/03/21
THE SISTERS OF MERCY
ALCATRAZ - MILANO

25/03/21
TYGERS OF PAN TANG + GUEST TBA
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/03/21
RECKLESS LOVE + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Alghazanth - Wreath Of Thevetat
( 3066 letture )
Quinto lavoro sulla lunga distanza per questo combo finnico, che è attivo oramai da quasi quindici anni, seppur non abbia mai oltrepassato i confini che separano una realtà di nicchia da una più affermata e stimata. Loro di sicuro continuano ad appartenere alla prima categoria, e posso dire che in questo caso i motivi sono anche plausibili. Nell’arco della loro discografia si può riscontrare un miglioramento progressivo e costante, soprattutto a livello tecnico, ma allo stesso tempo non si riesce a scorgere elementi che possano elevare questa band da uno status di sufficienti mestieranti a gruppo che ha realmente qualcosa da dire in un ambito già inflazionato da “cloni dei cloni” come è il black metal.

In ogni caso questo “Wreath of Thevetat” potrà entrare nelle grazie di molti sostenitori di certo black metal vecchia scuola venato di sfumature sinfoniche, guarnito con grandi porzioni di melodia e dove le tastiere si ritagliano un ruolo mai invadente ma comunque utile a riempire a dovere un sound che ha nell’impatto il suo punto di forza.

La prima song, “Moving Mountains” sembra essere presa dai Dimmu Borgir di metà carriera, se non fosse per una velocità molto sostenuta che ci ricorda certo Swedish-BM mescolato con piccole porzioni del classico riffing “made in Finland”. La voce è rabbiosa e piuttosto chiara a livello di registrazione, molto tesa nel suo screaming non originalissimo ma comunque adatto al genere proposto. Decisamente migliore a mio avviso la successiva “The Kings to Come”, che si apre in un mid tempo molto evocativo lasciando poi spazio a cambi di tempo e di atmosfera, con riff a tratti malinconici e toccanti, soprattutto in alcuni intermezzi di chitarra arpeggiata e un lavoro di arrangiamento costante e di buon gusto.
Si avvertono echi di Taake in “Phosphorescent”, seppur non preponderanti nella struttura fatta di symphonic-black metal dei Nostri, ma di tanto in tanto emerge una vena vagamente epica che mi ha riportato in mente la band norvegese, come anche in “Rain Of Stars” altro episodio che evidenzia sfumature pagan che affiorano comunque in tutto il lavoro.

Alla fine appare chiara una cosa: gli Alghazanth sembrano aver voluto mettere in musica un piccolo compendio di quello che è stato il black metal degli anni Novanta, mantenendo alta la componente melodica e raggruppando sotto un unico tetto varie correnti e sotto-correnti del genere in questione.

A mio avviso il risultato non è disprezzabile, ma pecca davvero di personalità, e si ha la sensazione che la band stia coverizzando se stessa, o meglio, stia scimmiottando, attingendo un po’ a destra e un po’ a manca, da quelle che sono state le loro principali influenze. Il tutto viene fatto con cognizione di causa e indubbie qualità esecutive, ma la domanda che mi sono posto alla fine dell’ascolto di questo cd è stata: abbiamo bisogno di bands del genere, quando basta voltarsi di poco e trovarne molte altre decisamente migliori e con qualcosa di realmente accattivante da trasmettere all’ascoltatore? E ancora: alla fine della fiera, quale è l’intento degli Alghazanth nell’attuale panorama black metal?
Forse si accontentano solo di svolgere il loro sufficiente compitino con calligrafia ordinata e senza sbavature, ma questo, almeno a me, non basta.
Sufficienza politica.




VOTO RECENSORE
60
VOTO LETTORI
72.62 su 66 voti [ VOTA]
Puah
Sabato 23 Gennaio 2021, 3.45.38
12
Mettere 60 ad un disco bellissimo come questo vuol dire non capire proprio un cazzo di musica. Buonanotte.
ALGHAZANTH
Domenica 15 Marzo 2020, 7.59.03
11
60??? "Ma mi faccia il piacere!" (cit.) Ma forse è un refuso, il recensore voleva scrivere 90. Symphonic Black Metal ad altissimi livelli, ascoltare per credere.
Ferro
Martedì 21 Agosto 2018, 13.23.21
10
Disco atmospheric black bellissimo, per me vale un 85 , come il successivo vinum intus. Bravi! Vae victis
Odin
Giovedì 3 Novembre 2016, 2.38.03
9
Disco fantastico, mi sa che la competenza e l'obiettività qui non sono di casa! Massimo dei voti.
d.r.i.
Mercoledì 26 Ottobre 2016, 12.46.59
8
Sinteticamente 80!
M_X
Mercoledì 26 Ottobre 2016, 12.12.50
7
Voto Recensore 60 (??) Voto Lettori 38,96 (???) Questo disco è un capolavoro assoluto del proprio genere dall'inizio alla fine, prodotto, suonato e cantato divinamente bene, ma che mi tocca leggere!! Meglio chiudere sta pagina ed ascoltare.
Kai Shiden
Sabato 10 Settembre 2016, 13.00.05
6
Sinceramente non colgo il confine tra le influenze e le scopiazzature, mi sembra un ottimo disco, freddo ed emozionale. Direi che almeno un 7,5 lo meriti tutto.
giusep80
Giovedì 15 Dicembre 2011, 14.48.01
5
...lo trovo anonimo...un 6 tirato...
mesturo
Sabato 5 Novembre 2011, 14.15.26
4
ma come 60......album bellissimo...certo che se chi lo recensisce ha come riferimento nel genere i marduk o simili .......il voto non può essere inferiore a 85...che palle ste recensioni
Ghostsoul
Venerdì 28 Ottobre 2011, 22.00.23
3
Voto troppo basso per un buon lavoro 75
Blackster
Mercoledì 9 Febbraio 2011, 14.42.17
2
Per me questo è un disco da 90...
GioMasteR
Mercoledì 9 Febbraio 2011, 12.22.14
1
Non è un signor disco ma nemmeno da sufficienza così stringata secondo me..Nonostante non mi piaccia la fascia della mediocrità tra 65 e 75 mi sa che il valore vero di questo disco si piazza esattamente lì in mezzo. Non brillano per originalità (almeno non quanto i catamenia) anche perchè si notano diversi richiami nei brano, però il lavoro è decisamente piacevole e scorre bene, la produzione sonora è decisamente all'altezza e ci sono delle buone idee. Concordo sul ruolo della band ma è anche vero che tutti i componenti seguono almeno un'altra band, quindi forse per questo motivo non abbiamo l'eccellenza desiderata.
INFORMAZIONI
2008
Woodcut Records
Black
Tracklist
1. Moving Mountains
2. The Kings to Come
3. The Phosphorescent
4. On Blackening Soil
5. Rain of Stars
6. Twice-Born
7. Future Made Flesh
8. As Nothing Consumes Everything
Line Up
Goat Tormentor - vocals & bass
Grimort - guitars
Thasmorg - guitars
Ekholm - synth
Gorath Moonthorn - drums
 
RECENSIONI
57
69
60
ARTICOLI
10/03/2011
Intervista
ALGHAZANTH
Il cammino lungo il sentiero oscuro
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]