Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Sons Of Apollo
MMXX
Demo

Ira Green
7
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

31/01/20
LORDI
Killection

31/01/20
CANIS DIRUS
Independence to the Beast

31/01/20
NATTVERD
Styggdom

31/01/20
GARY MOORE
Live In London

31/01/20
MOON REVERIE
Moon Reverie

31/01/20
RAVENWORD
Transcendence

31/01/20
SERIOUS BLACK
Suite 226

31/01/20
HOUNDS
Warrior of Sun

31/01/20
SECRET ALLIANCE
Solar Warden

31/01/20
MONOLITHE
Okta Khora

CONCERTI

28/01/20
IMMINENCE + GUESTS
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

28/01/20
SABATON + APOCALYPTICA + AMARANTHE
ALCATRAZ - MILANO

31/01/20
NOVERIA + METHODICA
TRAFFIC CLUB - ROMA

01/02/20
METAL PUNK FEST
CSO PEDRO - PADOVA

01/02/20
INCITE
DEDOLOR MUSIC HEADQUARTER - ROVELLASCA (CO)

01/02/20
EXTREMA
CRAZY BULL - GENOVA

01/02/20
CORAM LETHE
1001 - COLLE VAL D'ELSA (SI)

01/02/20
HIDEOUS DIVINITY + GUESTS
EKIDNA - CARPI (MO)

02/02/20
GLORYHAMMER + NEKROGOBLIKON + WIND ROSE
ALCATRAZ - MILANO

06/02/20
THE DARKNESS + DZ DEATHRAYS
ALCATRAZ - MILANO

Runemagick - Darkness Death Doom
( 3051 letture )
"Darkness Death Doom" il titolo, il risultato? Ma che scoperta, uno sporco e grezzo death metal dalle vaghe tinte doomeggianti per gli oramai anzianotti Runemagick di Nicklas "Terror" Rudolfsson , mente che sta dietro anche agli ottimi The Funeral Orchestra (funeral doom) ed ai Bells Of Doom (classic doom in stile Candlemass).
Dopo un trascorso con la potente Century Media i Runemagick sono recentemente passati alla label norvegese Aftermath e in coincidenza di questo passaggio c'è stato il già anticipato sviluppo della componente doom del loro sound, prima incentrato su un death classico privo di originalità e grandi spunti.
Purtroppo non è tutto oro quel che luccica: in DDD non troviamo malinconici soli di violino in stile My Dying Bride o languide e sofferenti vocals alla Cavanagh ma solo sparuti rallentamenti all'andatura prettamente death delle canzoni che non impreziosiscono certo il tessuto musicale, anzi, ottengono il risultato opposto, quello di rendere il cd il più soporifero possibile.
Insomma, l'ennesimo platter contraddittorio per il gruppo di Rudolfsson, un gruppo che non è mai riuscito ad emergere nonostante la loro longevità, un gruppo che preferisce svolgere il proprio compitino invece di sperimentare nuove soluzioni.
Sulla scia del "compitino da svolgere in maniera discreta" si sviluppa naturalmente anche quest'ultimo lavoro: troviamo le oramai stereotipate intro e outro, testi banalissimi e altre amenità, come l' "oscura" e "spaventosa" copertina ma troviamo anche delle buone canzoni death (i Runemagick sono un gruppo death, non ci sono biografie o rallentamenti a tavolino che tengano...) prima su tutte "Eyes Of Kali" ed una produzione adattissima al suono dei Runemagick. Insomma, sborsare 18-20 carte faticosamente risparmiate o no? Qui è il problema...se impazzite per il death metal ma dopo 30 secondi di "God of Emptyness" dei Morbid Angel cadete in preda al sonno allora lasciate perdere DDD e fiondatevi su Heretic, il nuovo degli immortali statunitensi; se cercate un grezzissimo death/doom e avete amato alla follia seminali gruppi come Dusk o Winter potreste trovare nei Runemagick una discreta alternativa.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
22.5 su 38 voti [ VOTA]
Enrico
Lunedì 30 Agosto 2010, 12.07.21
1
Mah.. di sicuro non è un disco originale però è prodotto benissimo la voce del cantante mi piace un sacco..... insomma 55 mi sembra un tantinello basso come voto
INFORMAZIONI
2003
Aftermath
Death
Tracklist
1-Intro
2-Ancient Incantations
3-Eyes Of Kali
4-The Venom
5-Darken Thy Flesh
6-Doomed
7-Eternal Dark
8-DDD
9-Winter
10-Outro
 
RECENSIONI
55
55
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]