IN EVIDENZA
Album

Cannibal Corpse
A Skeletal Domain
Demo

Steve Foglia
Steve in Wonderland
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/10/14
STATUS QUO
Aquostic (Stripped Bare)

21/10/14
I.N.C.
Black Hearse Serenade

21/10/14
AEVUM
Impressions - Il Palcoscenico Della Mente

21/10/14
IN THE COMPANY OF SERPENTS
Merging In Light

21/10/14
DIAMANTE
Ad Vitam Reditus

21/10/14
PULVIS ET UMBRA
Implosion Of Pain

21/10/14
SLIPKNOT
.5: The Grey Chapter

21/10/14
BUSH
Man On The Run

21/10/14
AMARANTHE
Massive Addictive

23/10/14
THE QUIREBOYS
This Is Rock N Roll II

CONCERTI

21/10/14
MR. BIG
LIVE CLUB - TREZZO SULL`ADDA (MI)

22/10/14
RAW IN SECT + WINE GUARDIAN + SILENTRIP
BARRIO`S CAFÉ - MILANO

24/10/14
ATTILA
LIVE FORUM - ASSAGO (MI)

24/10/14
DEATHSTARS + THE DEAD AND LIVING
VIDIA CLUB - CESENA (FC)

24/10/14
AEVUM + MISTEYES
AUDIODROME - MONCALIERI (TO)

24/10/14
VALLEY OF THE SUN
ALTROQUANDO - ZERO BRANCO (TV)

25/10/14
FORGOTTEN TOMB + SIMULACRO + AD VITAM
CUEVAROCK LIVE - QUARTICCIU (CA)

25/10/14
DEATHSTARS
ROCK `N` ROLL ARENA - ROMAGNANO SESIA (NO)

25/10/14
SIXTY MILES AHEAD
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

25/10/14
VALLEY OF THE SUN
LATTERIA - BRESCIA

Moonspell - The Antidote
( 3347 letture )
Poche storie: che i Moonspell siano una band matura già si sapeva. I portoghesi già allora hanno abituato da tempo ad ascoltare il loro sound diabolico con Irreligious, ad apprezzare il loro lato più maligno ed oscuro con Darkness and Hope, .ma quanti realmente aspettavano un album come questo?
Non diciamo cazzate, non usufruiamo dell'ormai abusata frase dell' "a me piacevano nel vecchio stile", non sminuiamo un capolavoro con la "c" maiuscola.

The Antidote. Questo è il titolo dell'album in questione, questa è la loro "cura"che guida i Moonspell dritti in un luogo cupo e tenebroso, un luogo dove soltanto l'ascoltatore può arrivare, dove solamente la voce dalla doppia faccia di Fernando Ribeiro può fungere da appiglio. Un album, come dice la band, circondato da un non so che di ultraterreno, un qualcosa che se percepito dall'ascoltatore, stordisce sin dal primo ascolto e trasporta piano piano nel dannato mondo chiamato Moonspell.

Undici tracce che si legano alla perfezione tra di loro, senza lasciare respiro fin dall’opener In and Above Men, dove la voce di Ribeiro si presenta growleggiante come non mai, un drumming forsennato, ma allo stesso tempo preciso ad un livello quasi chirurgico, gli elementi rimanenti spingono sull'acceleratore per tutta la durata della song; compatta, veloce e immediata, forse fin troppo immagazzinabile per essere un lavoro marchiato Moonspell.
E che dire della successiva From Lowering Skies? La band non si distacca dalla potenza che rimane però avvolta da quel suono leggero, velato e misterioso, degno di un migliore gothic sound, e sforna un altra track di degno spessore acustico.
Si passa a Everything Invaded, brano estrapolato per il singolo -e relativo videoclip- della band. A mio parere non la migliore tra le canzoni che presenta questo (capo)lavoro, ma pur sempre coinvolgente, dove la voce pulita lasciano spazio per ogni ritornello al growl più potente e distruttivo del frontman.
Si arriva alla tribaleggiante The Southern Deathstyle, canzone che sembra aprire, dopo le prime tracks, un nuovo capitolo nell'album, dare una netta svolta al cammino già percorso lasciando in secondo piano la potenza martellante e calare in tutta la sua maestosità quel sound velato e cupo presente fin dall'inizio.
Ecco così arrivare a ripetizione la tormentata title track e la stupenda Capricorn At Her Feet: coinvolgente e imponente qui come non mai la prova vocale, davvero da pelle d'oca.
Il cammino melodico a questo punto sembra rendere omogenee tutte le rimanenti composizioni, dando vita ad una danza macabra che sembra non finire mai. Un sound che se analizzato in questa parte "track by track" andrebbe a sminuire la magia creata dal micidiale combo portoghese.

L'unica pecca dell'album è che una volta arrivati alla fine, non lascerà spazio a nessuna decisione se non di premere nuovamente il tasto play ed immergersi da capo in questo dannato, misterioso ed intrigante mondo parallelo chiamato Moonspell.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
73.68 su 122 voti [ VOTA]
Macca
Mercoledì 8 Gennaio 2014, 11.09.55
4
Comprato recentemente e nonostante sia oscuro come pochi altri file via che è un piacere. Un 78 se lo merita
Gasta
Mercoledì 14 Marzo 2012, 20.22.59
3
85 anche per me. "Voto lettori" a dir poco ridicolo.
Uno qualsiasi
Martedì 16 Dicembre 2008, 22.50.19
2
Il disco dei Moonspell definitivo! Molto probabilmente rimarrà ineguagliato, almeno per me. Stracapolavoronissimo!!!
Thorfinn00vob
Mercoledì 6 Febbraio 2008, 16.12.37
1
Ottimo album che offre pezzi molto interessanti..melodia e pesantezza, pesantezza e melodia..oscura....l'album inizia in modo devastante con" in and above man "e la prima volta che l'ho ascoltata ho pensato che è uno dei ezzi più pesanti e devastanti fatti nella loro carriera..poi parechie chicche tra le quali ora mi salta x la testa "capricorn at her feet"...ci sono solo un paio di pezzi che non mi convincono molto ma ora non ricordo i titoli....in ogni caso ottimo album
INFORMAZIONI
2003
Century Media
Gothic
Tracklist
1. In And Above Men
2. From Lowering Skies
3. Everything Invaded
4. The Southern Deathstyle
5. Antidote
6. Capricorn At Her Feet
7. Lunar Still
8. A Walk On The Darkside
9. Crystal Gazing
10. As We Eternally Sleep On It
Line Up
Fernando Ribeiro: voce
Morning Blade: chitarra
Pedro Paixao: chitarra, tastiera
Miguel Gaspar: batteria
 
RECENSIONI
80
79
78
77
74
85
92
90
ARTICOLI
18/11/2012
Live Report
MOONSPELL + PAIN + SWALLOW THE SUN + LAKE OF TEARS + SCAR OF THE SUN
Estragon, Bologna, 15/11/2012
16/04/07
Live Report
MOONSPELL + DARK SIDE
Rainbow, Milano, 26/03/207
28/04/2006
Intervista
MOONSPELL
Parla la band
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]