Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/12/19
ETERNAL SILENCE
Renegades

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
NIGHTBEARER
Tales of Sorcery and Death

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
GLI ATROCI
Metal Pussy

13/12/19
STONE SOUR
Hello, You Bastards

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

13/12/19
DEEP AS OCEAN
Crossing Parallels

CONCERTI

11/12/19
MUNICIPAL WASTE + TOXIC HOLOCAUST + ENFORCER + SKELETAL REMAINS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/12/19
LAST IN LINE + ROUGENOIRE
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

12/12/19
SKINDRED + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

12/12/19
MARILLION
AUDITORIUM DELLA CONCILIAZIONE - ROMA

12/12/19
MONKEY3 + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

13/12/19
MARILLION
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

13/12/19
GWAR + VOIVOD + CHILDRAIN (ANNULLATO!)
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

13/12/19
SCALA MERCALLI
BUFFALO GRILL - CIVITANOVA MARCHE (MC)

13/12/19
GLI ATROCI
ALCHEMICA MUCIS CLUB - BOLOGNA

13/12/19
NATIONAL SUICIDE + TERBIOCIDE
UFO ROCK PUB - MOZZO (BG)

Sieges Even - Playgrounds
( 3103 letture )
I Sieges Even sono una progressive rock/metal band nata agli inizi degli anni 80 a Monaco, in Germania. Sebbene sconosciuti al grande pubblico, questi musicisti godono di enorme stima da parte degli addetti ai lavori e degli appassionati del prog, e dopo sette splendidi album alle spalle, non si fatica a capirne il motivo. Il disco che mi accingo a recensire è un live contenente alcune canzoni tratte dagli album Paramount, The Art Of Navigating By The Stars ed A Sense Of Change ed è stato registrato durante il Paramount European Tour 2007: solitamente non vedo di buon occhio questo genere di uscite, ma quando si tratta di gruppi che non hanno mai avuto il successo che meritano e che è difficile (se non impossibile) veder suonare dal vivo in Italia, la mia opinione cambia drasticamente perché considero il live-cd come un’occasione unica di gustarsi un concerto che altrimenti potremmo solo immaginare. Ad ogni modo: non farò un’analisi track-by-track, quella credo sia più idonea per i dischi in studio: cercherò di soffermarmi sugli aspetti più importanti e caratterizzanti dei live.

Dunque, venendo alla musica: la scaletta è composta si sui brani più “rock-oriented” della band, ma anche su quelli più rappresentativi del loro approccio al prog (in particolare tenendo a mente gli ultimi due dischi), quindi in buona sostanza si può dire che l’album descriva con precisione chi siano i Sieges Even oggi. La qualità della registrazione è molto buona, e le canzoni sono suonate benissimo e senza presentare radicali differenze dalle loro controparti originali (se non piccole variazioni sul tema e a parte l’ultima traccia, The Weight, condita di una conclusione giustamente adattata alla situazione live). Per come la vedo io, questo disco è un’ottima occasione per chi non conosce la band, e ne è incuriosito, di farsi un’idea generale delle capacità di questi ragazzi: al di là delle indiscutibili conoscenze tecniche in ambito musicale, da questi brani trapela tutta l’inventiva che ha da sempre costituito il marchio di fabbrica dei Sieges Even. Brani come When Alpha And Omega Collide e The Weight dimostrano inequivocabilmente la bravura dei musicisti, e le urla di sottofondo fanno percepire il grado di coinvolgimento dell’audience. E la scelta dei brani è perfetta: tutto fila liscio come l’olio, sembra quasi che questo sia un disco a sé, tanto lineare è la sequenza dei brani e tanto precisa la loro esecuzione (non si trova un errore neanche a cercarlo). Arno Menses, voce del gruppo, fa sempre una bella figura, a parte qualche lievissimo e quasi impercettibile calo qua e là, che comunque non è nulla di grave; Oliver Holzwarth suona molto bene in tutti i punti, anche se ad esser onesti non ho gradito la sua scelta di non stoppare il basso nel riff trainante di The Weight, come invece succede nel disco: trovo che questa scelta vada a deteriorare l’effetto “granitico” che il riff dovrebbe avere; ma anche in questo caso, si tratta di una quisquilia. Suo fratello Alex dimostra una grande sicurezza dietro le pelli: la dinamica è sempre perfetta, in certi punti direi anche che il suono della batteria è complessivamente migliore su questo live che sul cd registrato in studio (i tom suonano rotondi e profondi e i piatti son sempre cristallini). Pazzesco anche il lavoro del chitarrista Markus Steffen: mai un errore che sia uno, mai una sbavatura, mai neanche una nota fuori tempo; decisamente un ottimo chitarrista, in perfetta linea con il livello tecnico medio della band.

Cos’altro posso dire? Correte immediatamente su www.siegeseven.com e ascoltatevi la preview di questo meraviglioso live-cd; e già che ci siete, date un’ascoltata anche agli altri dischi: non ve ne pentirete.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
32.66 su 24 voti [ VOTA]
ayreon
Giovedì 3 Gennaio 2013, 16.56.41
5
capoLIVEoro
Khaine
Mercoledì 20 Ottobre 2010, 23.59.01
4
Lo ascolto ancora con molto piacere... si, spettacolo
Absynthe6886
Mercoledì 20 Ottobre 2010, 23.30.22
3
Una sola parola: SPETTACOLO!!! Che gran peccato che si siano sciolti... Damn!
Khaine
Lunedì 21 Luglio 2008, 18.09.56
2
Beh lui è eccellente come batterista, il fatto è che nei Rhapsody of Fire si limita a fare quattro cazzate... però è senza dubbio bravissimo
Sanvean
Lunedì 21 Luglio 2008, 17.25.59
1
E pensare che qualcuno si ostina a dire che i Rhapsody Of Fire non hanno un batterista come si deve! Grandi Sieges, grande Alex!
INFORMAZIONI
2008
InsideOut Records/SPV
Prog Metal
Tracklist
01 When Alpha And Omega Collide
02 Tidal
03 Unbreakable
04 The Walking Hours
05 Iconic
06 These Empty Places
07 Duende
08 Paramount
09 The Lonely Views Of Condors
10 The Weight
Line Up
Arno Menses: Voce
Markus Steffen: Chitarra
Oliver Holzwarth: Basso
Alex Holzwarth: Batteria
 
RECENSIONI
80
90
84
84
81
75
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]