Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Rome in Monochrome
Away from Light
Demo

Arch Echo
Arch Echo
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

23/04/18
NO FUN AT ALL
Grit

23/04/18
SHRINE OF THE SERPENT
Entropic Disillusion

26/04/18
AETRANOK
Kingdoms Of The Black Sepulcher

27/04/18
TOTALSELFHATRED
Solitude

27/04/18
SPITEFUEL
Dreamworld Collapse

27/04/18
DRAKKAR
Cold Winters Night

27/04/18
BLOOD TSUNAMI
Grave Condition

27/04/18
FACING THE ORACLE
Haunted One

27/04/18
MIDAS FALL
Evaporate

27/04/18
FOREIGNER
Foreigner With The 21st Century Symphony Orchestra & Chorus

CONCERTI

21/04/18
ROGER WATERS
UNIPOL ARENA - BOLOGNA

21/04/18
KRASHAH + PROLIFERHATE + IN-DIGNITY
POP EX-LAVANDERIE RAMONE - TORINO

21/04/18
EXUMER
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

21/04/18
ACCIAIO ITALIANO FESTIVAL
ARCI TOM - MANTOVA

21/04/18
UNDERGROUNDS UNDERSTARS (DAY 2)
GRIND HOUSE CLUB - PADOVA

21/04/18
OLIVER/DAWSON SAXON + GUESTS
CLUBHOUSE - FOGGIA

21/04/18
TRICK OR TREAT
TRAFFIC CLUB - ROMA

21/04/18
SINPHOBIA + GUESTS
COMUNITA GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

21/04/18
LOVE MACHINE + SCALA MERCALLI + SKELETOON
DAGDA - RETORBIDO (PV)

21/04/18
LACHESIS
LEGENDS PUB - BRIVIO (LC)

Daedalus - Promo Cd 2003
( 3830 letture )
Altro gruppo dalle notevoli qualità questi Daedalus da Genova fautori di un prog metal molto melodico incentrato più che sull’intricato intreccio tecnico/strumentale, sulla forma canzone con una spiccata propensione armonica e limpide linee melodiche. Nonostante la componente prog sia tangibile, a volte la proposta dei nostri può essere paragonata ad un certo heavy metal d’elite alla Kamelot, anche grazie alle pulite linee vocali del singer.
Il brano che da inizio al cd è, per la verità, un po’troppo “morbido” pur facendo capire che ci troviamo di fronte un gruppo consapevole delle proprie capacità tecnico/artistiche. I restanti quattro brani più outtro, seguono tutti la stessa componente prog melodica la cui seconda traccia “Masquerade” lascia già intendere.
La successiva e strumentale “ Rem 8” ci presenta la sezione ritmica in evidenza, dal momento che non diventa solo struttura portante del brano ma anche protagonista in più frangenti.
Gli intrecci musicali hanno il merito di non annoiare in quanto le songs non sono mai prolisse.
“New 64” pur essendo il brano più corto dell’intero lavoro, rappresenta al meglio la componente prog del gruppo, con il chitarrista in gran spolvero nel finale. Si passa a “Raining”, secondo me il miglior pezzo del cd che, anche se abbastanza melodico, possiede ottime linee vocali trascinanti e ben costruite.
Nella speranza che i Daedalus ottengano ciò che ogni musicista spera, ovvero un contratto che sarebbe anche meritato, consiglio il presente demo a tutti coloro che dal prog si aspettano qualcosa di diverso dalla solito polpettone iper cerebrale alla Dream Theater.

Contatti:
www.geocities.com/progdaedalus



VOTO RECENSORE
s.v.
VOTO LETTORI
54.97 su 68 voti [ VOTA]
The Sentinel
Lunedì 18 Agosto 2014, 3.12.28
2
Ottimo gruppo da sempre i D cmq, ho il debutto (ma ho sentito un po' anche quelli dopo) da quando uscì o poco dopo, il full dopo questo insomma e che contiene anche tutti questi pezzi se non ricordo male, lo presi quando vennero per un concerto in Toscana in un locale dalle parti di Pisa, si parla di una decina d'anni fa. E' un disco più dipendente dallo stile DT di quelli successivi, ma cmq anche abbastanza personale e già maturo, buoni anche i suoni tranne giusto la chitarra un po' troppo zanzarosetta e poco potente ma perché mi dissero ebbero dei problemi, degli inconvenienti non previsti durante le registrazioni. Cmq appunto, le influenze DT in tutti i primi pezzi della carriera erano evidentissime, non identici certo, ma c'erano eccome, quindi strano tu giudichi in un modo loro e in tutt'altro i DT, gruppo che questa band adorava direi e credo apprezzi ancora molto.
The Sentinel
Lunedì 18 Agosto 2014, 3.08.38
1
"Iper cerebrali" i DT? Solito polpettone? Beh, dipende forse dal cervello che ognuno ha, il capire certe cose o meno e apprezzarle, per me i DT di cerebrale e realmente difficile all'ascolto (non c'entra che sia assurdo quello che loro suonano di solito, la bravura è proprio renderlo facile, immediato quasi, orecchiabile e non parlo solo delle linee vocali ma anche delle parti strumentali, pure quelle più tecniche) non hanno mai avuto nulla di nulla per fortuna, non amando nemmeno io di solito quello che reputo e percepisco come tale e che per me l'hard rock e il metal non dovrebbe mai essere.
INFORMAZIONI
2003
Autoprodotto
Prog Metal
Tracklist
1.Time
2.Masquerade
3.Rem 8
4.New 64
5.Raining
6.Darkness
Line Up
n.d.
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]