Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/09/20
SECOND TO SUN
Leviathan

30/09/20
ALEX MELE
Alien Doppelganger

01/10/20
THE ERKONAUTS
I Want It to End

02/10/20
ION OF CHIOS
_reHUManize_

02/10/20
GOREPHILIA
In the Eye of Nothing

02/10/20
NACHTBLUT
Vanitas

02/10/20
SIX FEET UNDER
Nightmares of the Decomposed

02/10/20
ANAAL NATHRAKH
Endarkenment

02/10/20
SCHWARZER ENGEL
Kreuziget Mich

02/10/20
ISENGARD
Varjevndögn

CONCERTI

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
MORTADO
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

09/10/20
BULLO FEST
LEGEND CLUB - MILANO

10/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) + AFRAID OF DESTINY (ANNULLATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/10/20
TWILIGHT FORCE + GUESTS (RINVIATO)
LEGEND CLUB - MILANO

Psychotic Waltz - Bleeding
( 8176 letture )
Correva l'anno 1996 e leggevo Metal Hammer, come molti miei imberbi coetanei vestiti di nero. Ricordo bene che all'epoca per me il Metal era sinonimo di Dream Theater e che le frasi del giorno variavano da Petrucci è un dio a Metropolis è la canzone più bella mai scritta (sorridete, sorridete pure). A quel tempo, sfogliavo pigramente Metal Hammer alla ricerca di band che potessero rivaleggiare degnamente con i Dream Theater nell'arena del mio lettore cd, ma sempre invano. Non si possono battere gli dei.
Ormai prossimo a desistere dalla ricerca, per puro caso mi imbattei in una recensione dai toni stratosferici, la recensione di una band in grado di mangiare in testa ai Dream Theater (cito testualmente). Psychotic Waltz. Prog metal. Voto: 6/6. Migliori dei Dream Theater? Lo compro!

Immensa la delusione all'arrivo del pacco. Non trovai nessuna nuova Metropolis da 15 minuti, nessun assolo di chitarra strabordante shredding e sweep picking, nessun vocalizzo ai limiti dell'umano. Avevo a che fare con qualcosa di completamente diverso. Qualcosa di dannatamente nuovo. Trovai canzoni compatte, della durata massima di 4 minuti ciascuna, completamente prive di orpelli. Trovai melodie malate, avulse dallo stile della NWOBHM che i Dream Theater cercavano disperatamente di seguire in quegli anni (per loro stessa ammissione). Trovai un prodotto che non voleva stupire a tutti i costi, ma che voleva comunicare.
Io, giovane imberbe vestito di nero, non ero ancora pronto a digerire una simile serietà. Di sicuro non con il 15/8 dei Dream che ancora mi ronzava nelle orecchie, no di certo.

Dovettero passare degli anni perchè il disco rispuntasse fuori dalla polvere della mia cameretta. Nel frattempo, una giovane e potentissima band di Seattle si era imposta sul mercato. Forti del loro (pseudo) debutto The Politics Of Ecstasy, guarda caso datato 1996, cominciarono a mietere vittime ovunque, sfornando killer album del calibro di Dreaming Neon Black (1999) e Dead Heart in a Dead World (2000).
E solo allora realizzai. Cominciarono a riaffiorare ricordi di melodie dimenticate, di una certa attitudine teatrale, di una grande voglia di mandare messaggi e sensazioni rinunciando all'apparenza.
Riascoltai gli Psychotic Waltz e li confrontai con i Nevermore. Compresi di aver sbagliato tutto. Realizzai di aver accantonato una band che all'epoca aveva già scritto la musica del futuro. In forma grezza, certo, soltanto un abbozzo dello stile che avrebbe fatto la fortuna della band di Seattle, ma pur sempre in maniera compiuta e sicura.

Ci sono gruppi musicali che nascono sfortunati. Gli Psychotic Waltz sono uno di questi. Il fatto stesso che la band si sia formata in seguito alla morte del padre del chitarrista, ha il sentore del presagio. Se ci aggiungiamo poi la paralisi alle gambe di Brian McAlpin, che gli ha sempre creato ovvi problemi logistici durante l'attività live, il quadro si fa più nitido. L'ultimo mortale macigno sulla testa degli Psychotic Waltz, è stato giacere all'ombra di band più fortunate ma meno innovative di loro. Alla fine del tour del 1997, sciolsero il gruppo. Non ebbero nemmeno il tempo di confrontarsi col sentiero che avevano già preparato molti anni prima.
Sono qui per celebrare una grande band, ma soprattutto per non dimenticarla mai più.

We're bleeding.



VOTO RECENSORE
93
VOTO LETTORI
67.71 su 46 voti [ VOTA]
Luka 2112
Giovedì 13 Febbraio 2020, 23.33.47
15
Band e album davvero sorprendentei, sono d’ accordo sul fatto che qui ci sia tutto tranne lo sfoggio tecnico/strumentale superfluo e fine se stesso.Pero’ a parte l’improbabile ( a mio parere) confronto con i nevermore, in sede di recensione qualche dettaglio in più sui brani contenuti in questo ottimo album ci stava.
beppe73
Mercoledì 5 Agosto 2015, 13.45.42
14
Molti gruppi ed artisti , vengono ricordati si in quanto seminali , potenti , stilosi , ecc. , ma si dimentica spesso , che la chiave del successo in qualsiasi campo artistico , e' essere al posto giusto nel momento giusto , soprattutto nel periodo storico culturale giusto . Il gruppo in questione a prescindere dalle sfortune personali di alcuni componenti della band , e' uscito con i primi 3 masterpiece 10 anni prima del dovuto, tutto questo non toglie la magnificenza nonché la bravura di questo gruppo da anni forgiato a fuoco nella mia mente con melodie ed una musicalità sconosciuta a più blasonati gruppi .
Renaz
Giovedì 2 Aprile 2015, 7.40.58
13
@entropy: sì, forse i toni di MH era un tantino più pesanti
entropy
Giovedì 2 Aprile 2015, 0.13.31
12
Anche io comprai questo album spinto dalla recensione di metal hammer ( Stefano pera forse il recensore) e anche io ricordo la frase da te citata ( ma forse era un tantinello più volgare). Anche io rimasi stranito al primo ascolto , perché non era certo il disco prof che mi aspettavo! Però ne rimasi al contempo rapito, melodie semplici e allo stesso stranianti... Ancora oggi un paio di ascolti l anno glieli do! Meraviglioso
Master
Sabato 28 Febbraio 2015, 21.04.25
11
Recensione splendida e album molto interessante; anche se forse l'album e il gruppo nel complesso hanno un target non ampissimo, perché spesso chi ama il prog cerca anche sfoggio tecnico e lunghe sezioni strumentali. Sono in attesa del nuovo lavoro di questi signori, che è in composizione da tempo...chissà, magari entro la fine dell'anno lo pubblicano! P.s.: forse manca "Freedom?" nella tracklist, oppure era una B.T.?
PsychoLizard
Venerdì 4 Ottobre 2013, 17.25.50
10
Scommettiamo che il voto scandaloso dei lettori è dovuto al fatto che il povero recensore ha "osato" nominare invano il nome dei DT? Vabbè, battute a parte. disco stupendo di un gruppo decisamente importante per il prog metal , da conoscere assolutamente per gli appassionati. 4 grandi dischi, esordio col botto. Ma se devo sceglierne uno è il secondo, non tanto per bellezza poiché il primo e forse neanche questo hanno nulla da invidiare, ma perché lo ritengo quello più importante.
Dave
Venerdì 4 Ottobre 2013, 17.04.30
9
Beh il dischetto in questione l'ho acquistato anche io ai tempi. Il disco era davvero buono, la cover era azzeccata, ma troppo tosto all'ascolto, anche per chi masticava di DT, Cynic & co. Bello ma troppo tecnico e freddo. Ma lo rispolvererò
Renaz
Mercoledì 26 Settembre 2012, 10.14.55
8
@Mickelozzo: i punti in comune con i Nevermore, come spiegavo nella recensione, sono la forte attitudine teatrale del cantante, ed il modo di costruire le scale melodiche dei pezzi.
Mickelozzo
Mercoledì 26 Settembre 2012, 9.49.24
7
Dopo aver letto questa rece, mesi fa, mi son deciso a riscoprire questo gruppo. Dico solo che adesso ho tutti (4) i loro album originali! Voto 93 ci sta tutto. ... pero`, grazie a mio fratello, quando ancora stavo con i miei avevo in casa anche diversi album dei Nevermore (The Politics Of Ecstasy, The Obsidian Conspiracy, Dead Heart In A dead World, Dreaming Neon Black) e saro` ottuso ma, sinceramente, che c'entrano??? Piuttosto ci vedrei somiglianze con gli Spiral Architect.
Jason
Domenica 19 Agosto 2012, 14.17.48
6
Eh già...bella recensione,mi riporta indietro a quegli anni un po oscuri del metal soffocato e impoverito dall'overdose di grunge in cui quest'album mi folgorò letteralmente!grandi e sfortunatissimi
OrtOrzO
Sabato 23 Aprile 2011, 13.17.23
5
Io li ho visti ( e ascoltati) per la prima volta al Viper di Firenze, dove aprivano per Nevermore e Symphony x, e devo dire che mi hanno davvero colpito. Ottima Band!!!
Renaz
Venerdì 12 Novembre 2010, 18.36.17
4
Addirittura!
Zarathustra
Venerdì 12 Novembre 2010, 18.08.23
3
Che poi a me questa recensione piace più della band stessa.
Renaz
Venerdì 12 Novembre 2010, 18.04.38
2
Ci puoi contare
giovanni
Venerdì 12 Novembre 2010, 16.14.35
1
Sette marzo, Milano, Alcatraz. Ci vediamo là.
INFORMAZIONI
1996
Bullet Proof/Music For Nations
Prog Metal
Tracklist
01 - Faded
02 - Locust
03 - Morbid
04 - Bleeding
05 - Need
06 - Drift
07 - Northern Lights
08 - Sleep
09 - My Grave
10 - Skeleton
Line Up
Phil Cuttino - Bass
Dan Rock - Guitars
Norm Leggio - Drums
Brian McAlpin - Guitars
Buddy Lackey - Vocals
 
RECENSIONI
93
75
90
100
ARTICOLI
08/03/2011
Live Report
SYMPHONY X + NEVERMORE + PSYCHOTIC WALTZ + MERCENARY
Viper Club, Firenze, 05/03/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]