Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
BONEHUNTER
Children of the Atom

28/09/18
WOLFHEART
Constellation of the Black Light

28/09/18
ELEIM
Freak

28/09/18
EVILON
Leviathan

28/09/18
RUNNING WILD
Pieces Of Eight - The Singles, Live and Rare 1984 – 1994"

28/09/18
NAZARETH
Loud & Proud! The Box Set

28/09/18
LIVEKILL
Turned To Grey

28/09/18
RIVERSIDE
Wasteland

CONCERTI

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

29/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
BLOOM - MEZZAGO (MI)

29/09/18
EDU FALASCHI + ACID TREE + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

29/09/18
TORCHIA
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

29/09/18
NWOIBM FEST
GARAGESOUND - BARI

29/09/18
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

Horn - Naturkraft
( 2814 letture )
Ecco un altro gruppo che potrei liquidare in poche righe e con non troppo lusinghiere parole, ma il mio “dovere professionale” e il mio senso di responsabilità mi portano, per forza di cose, a cercare di analizzare l’opera in questione cercando di sviscerarne per bene i contenuti in modo che ognuno possa valutare con il proprio istinto e “fiuto musicale” e trarne poi le adeguate conclusioni.

Andiamo quindi con ordine. Gli Horn sono una one-man band tedesca formata dal tuttofare Nerrath (Niklas Thiele) e che ha già all’attivo tre album, tenendo conto anche di questo “Naturkraft”, e si presentano con un Black Metal cadenzato, velatamente depressivo e forzatamente “solenne”, che si snoda su territori musicali e lirici vicini a certo Pagan Metal.

Il mio problema è davvero grosso riguardo questo album, e la farò davvero molto breve: non riesco a trovare NESSUN elemento che si salvi in questo prodotto.
Nerrath pare non avere la minima concezione di cosa voglia dire scrivere delle canzoni degne di tale nome, non è capace di tirare fuori mezzo riff che possa essere considerato almeno sufficiente, non riesce a suscitare nessun tipo di emozione nell’ascoltatore, insistendo su un songwriting banale e una esecuzione strumentale che, soprattutto a livello di drumming, fa davvero pena, e non conto nemmeno più le imprecisioni e gli errori sparsi qua e là nel disco. Mi chiedo se certi musicisti abbiano un minimo di autocritica e buon senso, ma ascoltando questo album penso proprio che queste “doti”, che poi doti non dovrebbero essere ma solo normalità, siano cosa assolutamente non scontata.
L’unico barlume di speranza l’ho avuto con la quarta traccia, ovvero “Space Above Capacity”, dove un discreto assalto in puro stile Black Metal sembrava promettere bene ad inizio song, ma ecco arrivare inesorabili, come la famosa nuvola di Fantozzi (scusate l’azzardato paragone cinematografico), i soliti riff incolori, inutili, in poche parole insulsi, a rovinare una song che di certo non avrebbe cambiato la vita a nessuno, ma che sarebbe servita come ipotetico “goal della bandiera”.

Ma ancora non è finita, bisogna definitivamente cadere nell’apatia e sconforto più profondi, ed ecco che arriva la strumentale “Akustikeinschub” a darci il colpo di grazia, traccia fintemente “sentita e accorata” che pare una canzone da menestrello, ma che in realtà si dimostra come ciliegina su una torta nata male e finita carbonizzata.
Risultato globale quindi pessimo con conseguente volo nel cestino della pattumiera.

Ancora più esilaranti della musica in sé sono dei paragoni che ho letto in giro per la rete, che scomodano nomi del calibro di Burzum e Storm per descrivere la proposta di questi Horn. La definizione poi, data dalla casa discografica, di “Grim Melancholic Forest Metal” mi ha letteralmente buttato in un misto di sconforto, ilarità e rassegnazione. Rassegnazione soprattutto nel constatare che gente di questa risma abbia alle spalle una casa discografica e una buona distribuzione-promozione, e tante band capaci sono ferme “al palo” e ignorate alla grande.

Concludendo e riassumendo quello che finora ho espresso, qualora non si fosse capito, dico di evitare questo album come la peste e fare in modo che sempre meno prodotti infimi di questo genere infestino la nostra musica preferita.

Da boicottare, senza mezzi termini.




VOTO RECENSORE
40
VOTO LETTORI
27.26 su 23 voti [ VOTA]
TZ
Lunedì 29 Aprile 2013, 13.46.44
3
Una recensione ingiusta per questo capolavoro! Nerrath è un ottimo artista e compositore.
Curtis
Martedì 28 Aprile 2009, 10.08.34
2
Beh, non sarà un capolavoro, ma non è sicuramente da buttare! Per gli amanti del genere pagano, quale grezzo ed evocativo, è di certo un lavoro interessante! Il giudizio che dai a quest' album è poco professionale... se non ti piace il genere, non fare la recensione!
legion666
Domenica 12 Aprile 2009, 10.48.52
1
non capisco il perchè di una recensione così negativa...ho comprato per caso questo cd durante le vacanze di passaggio a Desda e penso di non aver mai sentito un album di quelli in cui la produzione non è il punto di forza , così appagante...consigliatissimo a chi ama i paesaggi desolanti..
INFORMAZIONI
2008
Black Blood Records
Black
Tracklist
1. So kalt wie nie zuvor
2. Deute die Zeichen stehen auf Sturm
3. Marsjerende
4. Space Above Capacity
5. Akustikeinschub
6. Landscapes on Hold II
7. Mit Macht der Welt zu widerstehen
8. Naturkraft
Line Up
Nerrath (Niklas Thiele) - Vocals, Guitars, Bass, Drums, all Arrangements
 
RECENSIONI
ARTICOLI
12/05/2015
Live Report
HORNA + FIDES INVERSA + TORTORUM + KULT
Cerbero (ex-Theatre), Rozzano (MI) 06/05/2015
11/04/2010
Live Report
TAAKE + HORNA
Girone infernale
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]