Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/05/20
SINISTER DOWNFALL
A Dark Shining Light

25/05/20
TILL DIE
Ruthless

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

29/05/20
BEHEMOTH
A Forest (EP)

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

29/05/20
CENTINEX
Death In Pieces

29/05/20
PALAYE ROYALE
The Bastards

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Anguish Force - III Invincible Imperium Italicus
( 3958 letture )
All’inizio dell’ascolto sono rimasto perplesso, poi ho cominciato ad andare avanti per sentire delle anteprime di un paio di minuti di ogni brano di questo CD, infine l’ho ascoltato ripetutamente per intero; a questo punto ho realizzato che la mia prima impressione era errata: questo disco non è confuso, è proprio caotico.
Andiamo con ordine: gli Anguish Force godono di una ottima fama costruita in buona parte nella loro zona d’origine -quella Bolzano che ha dato i natali ai gloriosi Skanners- e giungono a questo concept forti ormai di una certa esperienza, o almeno, dovrebbero giungervi.
Puntando tutto su una apprezzabile filosofia di “fedeli alla linea”, citazione dei CCCP, gli Anguish Force sono restati mentalmente ancorati agli anni ottanta ed allo speed/thrash d’epoca, cosa che non rappresenta di per sé stessa un difetto in quanto in altre occasioni ho ripetutamente ben recensito gruppi che fanno musica demodé; ci sono tuttavia alcune cose che rovinano irrimediabilmente quello che poteva essere almeno un dignitoso prodotto di genere.

Intanto alcune cose contenute in III – Invicible Imperium Italicum potevano essere eliminate -cito a titolo di esempio l’inutile intro- ma oltre a ciò quello che risalta immediatamente fin dal primo ascolto è la tendenza del singer a dare l’impressione di essere costantemente in difficoltà arrivando talvolta al limite della stonatura. I soli sono abbondanti, ma il più delle volte si riducono ad una serie di note sparate a caso e senza avere un’idea precisa di dove si vuole andare a parare –ad esempio in Into the Arena of Blood- ma quello che lascia veramente senza parole è la produzione: caotica ed approssimativa, spinge a pensare che sia addirittura un fatto voluto, tanto sono macroscopici i cori che si sovrappongono senza poter essere seguiti con chiarezza, con attacchi addirittura fuori tempo (The Silence after the War); batteria anch’essa sempre in difficoltà, ed in generale una produzione insufficiente, produce una confusione che avrebbe potuto essere eliminata o ridotta con una maggiore attenzione specialmente alle parti vocali.
Quello che di positivo riesce a farsi largo in questa approssimazione produttiva è una gran voglia di suonare, una grande potenza -tuttavia troppo grezza e male incanalata- una convinzione e genuinità che non intendo disconoscere, ed un miglioramento generale del songwriting nella seconda parte dell’album, a partire da Rome over England in poi, tuttavia senza mai raggiungere risultati eclatanti.

Tutto questo è veramente poco per salvare l’album: forse la voglia di strafare, di mettere in mostra le proprie qualità ha giocato loro un brutto scherzo, ma per il futuro il mio consiglio è di badare in primis a trovare il bilanciamento minimo necessario in sala d’incisione per trasmettere quello che hanno da dire agli ascoltatori per poi trovare il giusto equilibrio tra irruenza e necessità di “arrivare” in maniera chiara.



VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
36.78 su 32 voti [ VOTA]
Cordelia
Giovedì 11 Marzo 2010, 15.01.49
3
Produzione fin troppo all'antica che lascia a desiderare, voce non sempre precisa, cura dei dettagli un pò trascurata, ma le canzoni sono veramente valide. Dalla prima all'ultima.
Raven
Lunedì 1 Dicembre 2008, 8.15.41
2
La mia critica non è mossa infatti verso il genere proposto che rimane ancora nel mio cuore visto che ci sono cresciuto. E' che non mi sono parsi in grado di gestire le proprie idee in modo da essere tradotte in un Cd in maniera equilibrata, ma la nwobhm è sempre dentro di me.
yuri
Domenica 30 Novembre 2008, 0.14.03
1
salve io ho l'onore di conoscere la line-up al completo degli angush force... dic onore peche è la prima band che conosco eche so che la loro musica è fatta per trasmettere emozioe non solo per fare soldi.. e questo è un grande punto di vantaggio per una band..molti dicono : si ma cambiao troppo spesso il genere musicale.. passando dallo speed al trash e poi al progressive metal.. io dico e sono convinto che una band debba aver l'opportunita di evolversi.. e poi chi ha mai detto che non sia una caratteristica di quel gruppo.. per esempio i dmmu borgir sono passati dal black metal al symphonic black metal..o i cradle of filth dal symphonic al nu-metal ma non li disprezzo per come hanno agito.. si sono evoluti.. non hanno perso hanno vinto..
INFORMAZIONI
2008
MyGraveyard Productions
Power/Thrash
Tracklist
1. The Impact II
2. The Chalice Of Steel
3. Into The Arena Of Blood
4. The Silence Atfer The War
5. Fighting Warriors
6. Rome Over England
7. Ride The Brave
8. No Hostages
9. The Fight
10. Follow The Rainbow

Line Up
LGD - guitars
Johnny Thunder - vocals
Robousis - bass
Eppacher - drums
Tommaso Crisci - keys

Thomas Winkler - drums on tracks 1, 6, 7, 10
 
RECENSIONI
50
61
64
58
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]